La comunità italiana dell'universo Activision Blizzard dal 2010.
Algalon the Observer
Scritto da Carlo Prisco, 29 Giugno 2019 17:30 2 minuti

World of Warfraft: la leggenda di Algalon the Observer

“Ho visto mondi immersi nelle fiamme, i loro abitanti che svanivano senza versare nemmeno una lacrima: interi sistemi planetari nati e rasi al suolo nello stesso istante di un battito del cuore, eppure tutto il mio cuore era privo di emozione … di empatia.”

Nella “nuova puntata” dall’ormai consueta rubrica settimanale, vi parliamo di Algalon l’Osservatore, altro fantastico boss dell’universo di World of Warcraf,  incaricato dal Titano Pantheon di sorvegliare il pianeta di Azeroth .

Algalon era un boss che si trovava tra le mura del complesso di Ulduar, nell’estremo nord del continente di Northrend. La sua funzione era quella di monitorare Azeroth per scoprire eventuali segni di corruzione e, qualora li avesse trovati, avrebbe dovuto mettere fine a tutta la vita su Azeroth stessa. Aman’Thul (l’Alto Padre, il leader del Pantheon  dei Ttani) era consapevole che un giorno gli antichi dei avrebbero causato un disastro in grado di cancellare la vita su tutta Azeroth. Algalon, quindi, una volta eseguita l’analisi delle condizioni del pianeta avrebbe trasmesso uno dei due codici di risposta. Essi erano il codice Alfa, nel caso in cui non ci fossero tracce della corruzione, e il codice Omega, nel malaugurato caso in cui Azeroth fosse caduto preda della temibile minaccia. In tal caso il codice Omega avrebbe attivato la Fucina di Origine, purificando Azeroth di ogni forma di vita e quindi da ogni corruzione presente. Anche se il pianeta sarebbe stato devastato e reso senza vita, l’anima del mondo sarebbe risultata preservata.

Questo boss infatti era estremamente difficile da abbattere, in particolare perché bisognava liberare tutta la zona di Ulduar, trovare la chiavi e, una volta aperta la porta della stanza cosmica dove risiedeva, si aveva a disposizione solo un’ora di tempo per abbatterlo.

Ecco un altro video che considero una pietra miliare dei raid di World of Warcraft:

Quanti di voi hanno avuto la fortuna di uccidere questo temibile nemico?

Condividi articolo

Lascia un commento