La comunità italiana dell'universo Activision Blizzard dal 2010.
starcraft nascita regina delle lame
Scritto da Zarth, 28 Luglio 2019 17:00 4 minuti

Starcraft: L’ascesa Zerg e la nascita della Regina delle Lame

Benvenuto! So perché sei qui, l’ultima volta la situazione si era fatta parecchio piccante. Vuoi sapere come va avanti? Oggi lo scopriremo insieme, e ti anticipo che gli eventi di oggi saranno ancora più catastrofici.
[…]
Niente spoiler? Tranquillo, tanto adesso scoprirai tutto. Vedrai che ne rimarrai molto soddisfatto. Forse questa sarà la puntata più avvincente mai raccontata fino ad ora…andiamo a cominciare!


Questa storia comincia con una strana Crisalide su Tarsonis, il celebre pianeta terrestre protagonista di molte guerre avvenute nei capitoli precedenti. Mai nessuno aveva veduto una crisalide tanto grande, di colore verte e soprattutto viva. Sembrava quasi respirare: al suo interno vi era sicuramente qualcosa di molto grosso e prezioso, ma nessuno poteva averne la certezza.
E come ci era finita li? Chiaramente dal trambusto della guerra nessuno aveva rivolto l’ attenzione verso queste piccolezze, dunque sembrava come apparsa magicamente, quasi come se fosse un dono portato dalla fine dei conflitti. L’ipotesi più probabile era che fosse di origine Zerg perché esteticamente richiamava le loro fattezze organiche.
Nonostante i pericoli che poteva celare questo magnifico oggetto, molti visitatori  non si facevano scrupoli ad avvicinarsi spinti dalla curiosità. Ma questa fase stabile e pacifica non durò molto, perché alcuni Zerg atterrarono su Tarsonis prendendo subito in custodia la crisalide. Non si trattava di comuni Zerg, nessuno aveva mai visto creature così evolute e capaci di svolgere compiti tanto elaborati. L’Unica Mente aveva fatto dei passi avanti creando i Cerebrati, i suoi primi luogotenenti dotati di un cervello capace di ragionare ed imparare dai propri errori. Questi esseri potevano prendere decisioni proprie a differenza di tutte le altre creature Zerg, purché non andassero contro la volontà dell’entità che le aveva create, l’Unica Mente.

starcraft nascita regina delle lame

Il primo compito affidatogli era quello di prendersi cura di questa Crisalide per portarla in un posto sicuro, non poteva rimanere in quel luogo ormai desolato nelle mani dei pochi superstiti Terrestri. Sconfitti i curiosoni e caricato l’oggetto sulle navi, i Cerebrati salparono verso una nuova destinazione. Naturalmente si ritrovarono contro la stazione Protoss che orbitava su Tarsonis da diverso tempo, ma per fortuna con qualche piccolo accorgimento riuscirono ad oltrepassarla senza troppi danni.
Non ci misero molto a giungere su Char, un pianeta di origine vulcanica divenuto fortezza degli Zerg nel settore Kupluru, dove misero in sicurezza la Crisalide. È proprio in questo momento che le emanazioni psichiche di quest’ultima si fecero molto più intense, penetrando il vuoto cosmico e proiettandosi in direzioni ignote. Questi strani segnali attirarono sul pianeta numerosi manipoli Terrestri, tra cui lo squadrone Alpha ed i Randagi di Raynor. Dopo avere sconfitto il primo gruppo i tempi furono maturi e la Crisalide si schiuse. Ciò che ne uscì era a dir poco strabiliante. Si trattava di Sarah Kerrigan, l’agente terrestre catturato dagli Zerg di cui non si seppe più nulla.
Ma non era un Sarah “umana”. Il suo corpo era mutato così come il suo potere, legato indissolubilmente a quello dell’Unica Mente: ora era parte integrante dello sciame Zerg.
Il suo nuovo nome divenne quello di Regina delle Lame, una delle prime creature superiori perfino ai Cerebrati, il fiore all’occhiello di questa temibile specie che stava diventando sempre più potente e pericolosa.

starcraft nascita regina delle lame

Guidati da Kerrigan, gli Zerg non ci misero molto a catturare tutti i randagi di Raynor che si ritrovarono in inferiorità numerica. Sconvolto da tutti questi avvenimenti, Jim chiese a Sarah che ne sarebbe stato di lui e dei suoi uomini. Spinta da un atto di umanità e dalla precedente relazione avuta con il comandante, la Regina decise di lasciarli fuggire a patto che non si fossero più messi in mezzo alla strada Zerg.
Privo di alternative il povero Raynor decise di obbedire lasciando per sempre il pianeta. Avrebbe mai rivisto la sua ex amata? Lo scopriremo più avanti!

Il mirino ora si sposta verso il mondo Protoss, in particolare su Tassadar, alto templare che aveva avuto il compito di estirpare gli Zerg dai mondi terrestri anche a scapito di sterminare questi ultimi.
A sua meraviglia ebbe modo di scoprire che non era il solo che si era prefissato questa missone, incrociando la strada dei dimenticati Templari Oscuri, giunti su Char per combattere gli insettoidi. Gli Oscuri però erano in possesso di capacità superiori alla norma, grazie al loro potere psionico erano in grado di distruggere definitivamente i Cerebrati, creature che erano in grado di reincarnarsi a seguito di attacchi psionici convenzionali.
Ma non inoltriamoci con questa questione, che affronteremo nel prossimo episodio!


Non lo faccio per lasciarti sulle spine, ma perché ieri mi sono lasciato tutti quei boccali da lavare, e se non lo faccio rischio di non poter più servire i miei clienti! Mi raccomando torna domani che i Protoss stanno per combinarne una molto grossa.

Condividi articolo

Lascia un commento