La comunità italiana dell'universo Activision Blizzard dal 2010.
Overwatch eroi Genji
Scritto da Salvatore Cardone, 3 Giugno 2019 17:30 3 minuti

Overwatch: uno sguardo agli eroi – Genji

“La mia anima brucia ancora!”

Fratello di Hanzo Shimada, differisce completamente da lui per abilità, intenti e anche estetica. Lui è un ninja “vecchio stampo”, con tanto di shuriken, figlio secondogenito del capo del clan Shimada. Fu trovato in fin di vita da Overwatch e da Mercy. Ora cerca semplicemente la pace.

Biografia:

  • Nome: Genji
  • Cognome: Shimada
  • Età: 35
  • Professione: avventuriero
  • Affiliazione: clan Shimada (precedente), Overwatch (precedente)
  • Base operativa: monastero Shambali, Nepal

Figlio minore del capo del clan di un’importante famiglia di malviventi, Genji Shimada crebbe negli agi. Nonostante eccellesse nelle discipline ninja, era completamente disinteressato nei confronti degli affari illegali della famiglia. Passava infatti la maggior parte del tempo facendo il playboy. Questa sua inclinazione non era ben vista da molti membri del clan, ma il padre lo protesse sempre. Alla sua morte, il fratello, Hanzo, pretese che lui assumesse un ruolo più attivo negli affari della famiglia. Quando Genji rifiutò, con Hanzo i rapporti si inasprirono, cosa che li portò allo scontro. Questo lascio Genji in bilico tra vita e morte. Hanzo era sicuro di averlo ucciso, ma l’intervento di Overwatch e della dottoressa Angela Ziegler salvarono la vita a Genji, ritenuto un valido strumento nella battaglia contro il clan Shimada. Gli offrirono così la salvezza in cambio del suo aiuto. Per poterlo salvare inserirono nel suo corpo numeroso innesti cibernetici, che aumentarono la sua forza e la sua agilità, cosa che lo rese un ninja ancora più forte. Genji pertanto si dedicò anima e corpo alla distruzione della sua famiglia. Col passare del tempo, però, iniziò a sentirsi squarciato da un forte conflitto dentro di sè. Non riusciva ad accettare le parti meccaniche e ciò che era diventato. Completata la sua missione, abbandonò Overwatch e iniziò a girare il mondo in cerca di risposte. Incontro il Monaco Ominic Zenyatta e, sebbene all’inizio rifiutasse i suoi insegnamenti, col tempo divenne suo allievo. Sotto la sua guida, imparò ad accettare la sua natura, a conciliare la sua parte umana con la sua parte meccanica: la sua anima era umana, il suo corpo un dono unico da preservare. È riuscito così a trovare la pace.


Attacchi:

  • Shuriken: Genji lancia tre shuriken rapidamente in successione o contemporaneamente
  • Deviazione: Genji respinge con la spada i proiettili in arrivò contro chi li spara
  • Assalto rapido: Genji scatta in avanti e colpisce chiunque sia sulla sua strada con la katana; se elimina un bersaglio con questa abilità può usarla immediatamente di nuovo
  • Spada del drago: Genji brandisce la sua katana per un breve tempo ed è in grado di uccidere con un solo colpo i nemici
  • Curiosità:


Curiosità:

  • Con la skin Oni Genji ha due katana che riconducono a due leggendario armi della storia giapponese, Muramasa e Masamune (la prima che, per la leggenda, non viene riposta finché non si sporca di sangue e la seconda che, sempre per la leggenda, non nuoce alle creature innocenti, quindi è quella che Genji usa per deviare i proiettili)
  • Genji è un cyborg, non è rimasto quasi più nulla del suo corpo umano
  • Genji e Hanzo hanno abilità completamente diverse, a testimonianza della loro diversità profonda è radicata
  • Quando Genji usa la ultra, un drago scaturisce dalla sua arma

Condividi articolo

Lascia un commento