• Questa storia ha inizio 230 anni prima dell'apertura del Portale Oscuro su Azeroth.
    Allora i Nani, sotto la guida del Gran Sovrano Modimus Forgiamara, prosperavano nella loro patria montuosa di Forgiardente. Eppure, dietro questa facciata di benessere e tranquillità, serpeggiava la tensione fra i tre potenti clan di quei luoghi: i Barbabronzea, i Granmartello e i Ferroscuro.

    Il clan dei Barbabronzea, guidato dal Thane Madoran Barbabronzea, era il più numeroso tra le tre fazioni e formava il grosso dell'esercito e della casta dei mercanti di Forgiardente. I Barbabronzea si consideravano la spina dorsale del regno e sostenevano di avere antichi legami di sangue con il Gran Sovrano Modimus.

    I Granmartello vivevano invece tra le pendici rocciose e i picchi ghiacciati che circondavano Forgiardente. Guidati dal Thane Khardros Granmartello, essi si erano distinti come abili e robusti montanari. I Granmartello lottavano per ottenere il favore del Sovrano.

    I Ferroscuro dimoravano nei recessi profondi e bui della città sotterranea. Erano guidati dal Thane Occultista Thaurissan e grazie alla loro tradizionale pratica della stregoneria, insieme all'affinità per la segretezza e gli intrighi politici, si erano resi invisi agli altri abitanti di Forgiardente.

    Il Gran Sovrano Modimus faticava a trattare ogni clan con imparzialità e rispetto, e questa sua incapacità portò inevitabilmente al disastro. Modimus morì di vecchiaia e prima che il suo primogenito potesse essere incoronato, la guerra civile esplose in tutta la sua cieca violenza.

    Alla fine i Barbabronzea, grazie alla loro preparazione militare, riuscirono a cacciare i Granmartello e i Ferroscuro dalla montagna, conquistando così la vittoria.

    Immagine


    Risentimento e Vendetta

    Khardros dichiarò la propria sconfitta e guidò il suo clan a nord, verso una regione paludosa, in cerca di un luogo dove insediarsi. Là i nani edificarono un'altra grande città sotterranea, Grim Batol, che presto avrebbe rivaleggiato con Forgiardente per vastità e prestigio.

    I Ferroscuro invece marciarono verso sud, in direzione delle tranquille Montagne Crestarossa. Qui fondarono il loro nuovo regno, che prese il nome del loro Signore. Nonostante anche il suo clan prosperasse, Thaurissan era ancora furioso per l'umiliazione subita e al contrario dei Granmartello, che con il tempo avevano perso interesse per Forgiardente, sognava di potersi un giorno vendicare dei cugini a nord e di dominare tutta la regione di Khaz Modan.

    Questa rabbia era rivolta anche ai Granmartello. Secondo Thaurissan i Ferroscuro avevano perso anche per colpa loro, che non si erano sottomessi al loro volere e alle loro regole, permettendo così la vittoria dei Barbabronzea.

    Thaurissan passò anni a preparare il suo esercito, a costruire potenti golem da guerra e macchine d'assedio, mentre sua moglie l'incantatrice Modgud si dedicò completamente alla ricerca di tomi magici e potenti manufatti.
    Un giorno un nano portò a Modgud una strana arma, che si rivelò essere nientemeno che Xal'atath, la lama dell'Impero Nero. Tale arma senziente proveniva dal passato remoto di Azeroth, quando ancora gli Antichi Dei dominavano questo mondo. Le sue origini rimangono sconosciute, c'è chi ipotizza che fu creata dai resti di un Antico Dio dimenticato o che sia stata forgiata da un artiglio di Y'shaarj. Dopo la sconfitta e l'incarcerazione degli Antichi Dei da parte dei Guardiani, Xal'atath rimase libera di vagare nel mondo per i millenni successivi, e avrebbe donato immensi poteri e grandi visioni dell'Impero Nero a chiunque l'avesse brandita, attirando però anche morte, distruzione e pazzia.
    Modgud fu subito attratta dall'arma e trascorse diversi giorni nelle sue camere cercando di discernere i suoi segreti. Cercò il nano che aveva portato il manufatto per ringraziarlo, ma nessuno si ricordava né le fattezze né il suo nome.

    Thaurissan e Modgud erano pronti per la loro vendetta.

    Immagine


    La Guerra dei Tre Martelli

    Thaurissan lanciò un attacco a sorpresa contro il clan Barbabronzea. Il Thane Occultista in persona era al comando dell'assalto di Forgiardente con il suo formidabile esercito di guerrieri Ferroscuro, affiancato da legioni di potenti golem da guerra e da macchine d'assedio. L'attacco fu talmente potente che gli invasori riuscirono a penetrare fin nel cuore della città.

    l'incantatrice Modgud invece guidò un secondo esercito contro Grim Batol. I Ferroscuro assediarono l'imponente fortezza ed evocarono con l'aiuto di Xal'atath magie oscure per spezzare la volontà dei Granmartello. Riuscirono ad animare le ombre stesse della città, trasformando la fortezza in un regno di incubi ed orrori.

    Ancora una volta l'esperienza militare dei Barbabronzea, unita alla grande conoscenza di Forgiardente, permise di respingere i Ferroscuro.

    A nord Khardros chiamò a raccolta i Granmartello e sferrò uno spericolato contrattacco, riuscendo a uccidere gli incantatori dei Ferroscuro. Modgud cercò nella lama Xal'atath l'ultima difesa, ma l'arma era scomparsa e infine Khardros la uccise con un solo colpo. Prima di esalare l'ultimo respiro Modgud pronunciò queste parole: "Tu...avevi promesso...".
    Dopo la morte dell'incantatrice i Ferroscuro cercarono la ritirata a sud, solo per ritrovarsi ad affrontare le armate di Forgiardente: Madoran aveva ricevuto notizia della situazione e aveva condotto il suo esercito verso Grim Batol. Insieme, i Barbabronzea e i Granmartello schiacciarono su due fronti i Ferroscuro, annientadoli.

    Madoran e Khardros trovarono nei Ferroscuro un nemico comune. I due accantonarono le vecchie rivalità e marciarono verso sud alla testa dei loro potenti eserciti, giurando di non fermarsi fin quando non avessero cancellato Thaurissan e i suoi traditori Ferroscuro dalla faccia di Azeroth.

    Immagine


    Il Ritorno di Ragnaros su Azeroth

    Mentre le forze di Barbabronzea e Granmartello incombevano, Thaurissan era alla frenetica ricerca di un modo per sconfiggerli. Si affidò alla stregoneria per utilizzare la potenza infernale delle viscere della terra come arma da brandire contro gli eserciti in arrivo e iniziò a svolgere i rituali necessari.

    Durante l'evocazione però, la sua mente spesso tornava alla morte della sua amata moglie e alle sue recenti sconfitte. La sua concentrazione si spezzava continuamente e la sua rabbia crescente si mescolava all'incantesimo. L'ira e il dolore erano così grandi che il rituale riuscì a fare breccia nel Piano Elementale del Fuoco, raggiungendo il suo Signore, Ragnaros. Sconfitto e bandito dal piano materiale millenni prima, ora il Signore del Fuoco rispondeva all'involontario richiamo di Thaurissan, pronto a una nuova era di devastazione.
    La terra collassò e si spaccò mentre la violenta rinascita di Ragnaros scatenava una serie di apocalittiche esplosioni che uccisero immediatamente il Thane Occultista e distrussero le montagne circostanti.

    In lontananza, Madoran e Khardros osservavano con orrore mentre la terra si contorceva e tempeste di fuoco avvolgevano la regione. Entrambi capirono che Thaurissan aveva condannato sè stesso e il suo popolo. Temendo per la loro incolumità, i Granmartello e i Barbabronzea ripiegarono verso nord.

    Immagine


    La rinascita di Ragnaros aveva distrutto gran parte delle Montagne Crestarossa e un nuovo immenso vulcano, il Massiccio Roccianera, torreggiava sul regno ormai in rovina dei Ferroscuro. Il deserto fumante a sud della caldera divenne noto come Steppe Ardenti, mentre a nord si apriva l'infernale abisso Gorgia Rovente.

    Ragnaros si ritirò in profondità, nel cuore pulsante del Massiccio Roccianera e dal suo antro, il Nucleo Ardente, schiavizzò i Ferroscuro sopravvissuti. I nani obbedirono prontamente a qualunque ordine del loro nuovo padrone elementale e scavarono sotto la montagna una nuova fortezza, Forgiascura. Nella loro nuova dimora maledetta essi avrebbero continuato ad alimentare il proprio odio per i clan rivali.

    Continua...
    Condividi articolo
2 commenti
  • ciccio44 02 maggio 2018, 18:52 ciccio44
    BattleTag: Attil#2201
    Messaggi: 2759

    “Che può esserci al di sopra di uno che è al di sopra della fortuna?”
    #1
    Voglia di mago/stregone dark iron aumenta 8) 1
  • SERAPHIMON 03 maggio 2018, 21:39 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1924

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #2
    A giocare col fuoco . . . 0
  • Commenta la notizia