• Scritto da ,
    I maschi sono curvi e snelli, hanno nasi grandi e braccia sproporzionate. Le femmine sono alte, magre, con occhi piccoli e naso schiacciato. Sono dotati di grosse zanne arcuate e hanno un accento estremamente particolare. Per molti i Troll sono creature deformi e non molto evolute, ma l'apparenza spesso inganna. Sono una delle razze più antiche dell'Orda — alcuni dicono la più antica di tutte — ed hanno sempre combattuto con foga e coraggio le proprie battaglie.

    Origini dei Troll

    Si conosce poco o niente del tempo in cui Azeroth era agli albori, prima dell'intervento dei Titani, quando il pianeta era ancora privo di continenti divisi. Se vogliamo credere alle leggende, prima della luna e del sole, vi erano i Tauren e la Grande Madre Terra. Ma questa è, appunto, una leggenda. Il clan più antico dei Troll, gli Zandalari, possiede testimonianze storiche che collocano i propri antenati in un periodo antecedente al Pozzo dell'Eternità. C'è però confusione riguardo l'origine dei Troll, perché non è noto se siano venuti da qualche forma di vita precedente o se si siano sviluppati all'unisono con Azeroth. C'è chi afferma che tutte le creature senzienti di Azeorth si siano originate da esseri oscuri, nati sotto il terreno stesso del mondo. È quasi certo che i Troll Oscuri abbiano dato i natali agli Elfi della Notte. Dopotutto gli Zandalari hanno testimonianza solo del periodo in cui la loro civiltà era già molto avanzata, ma non producono prove di ere ancora antecedenti. Con tutta probabilità tale mistero resterà insoluto ancora per molto tempo.

    Società

    Per quanto possa costare ad alcuni clan ammetterlo, all'origine vi era un unico, mastodontico impero, quello Zandalar. Con il tempo si formarono altri due imperi distinti: gli Amani a nord-est, dove sarebbe sorto molti millenni più tardi il regno di Lordaeron, e i Gurubashi nella giungla a sud-est. Tali imperi nacquero spontaneamente e non vi sono memorie di un conflitto iniziale. Ci fu anche una tribù abbastanza ampia che creò una società isolata di troll dei ghiacci, ma mai raggiunse la forza degli imperi più a sud. Tutto ciò che rimane di loro sono la grande capitale, Zul'drak, e le tribù stanziate a Nordania.

    Immagine

    A dispetto di quanto si possa pensare, Amani e Gurubashi ebbero solo lievi animosità tra loro o verso gli Zandalari e questo si imputa alla presenza di un nemico comune, l'impero Azj'Aqir. Seimila anni dopo la nascita dei due imperi minori, ebbe luogo la Guerra degli Antichi e l'implosione del Pozzo dell'Eternità, che scaraventò i continenti attraverso il mare. Un tale avvenimento scosse profondamente la società dei Troll e ognuno dei tre imperi si divise in piccole tribù. Alcune di esse mantennero un senso di appartenenza ad una struttura più grande, altre invece si isolarono, scomparendo nel nulla. Gli Zandalari divennero sempre più rari, mentre Gurubashi e Amani rimasero, tutto sommato, abbastanza uniti identificandosi sempre più nel loro territorio d'origine, sebbene molti clan minori crebbero in forza ed importanza. Ad un certo punto, gli attriti fra i nascenti clan nell'impero Gurubashi portarono ad una massiccia guerra civile. I troll del clan Atal'ai conquistarono la città di Zul'gurub ed evocarono Hakkar, il dio del sangue.

    Immagine

    I cultisti furono esiliati a costo di molte battaglie e ingenti perdite nell'impero, che finì per collassare su se stesso. Per quanto concerne l'Impero Amani, entrò in conflitto secoli più tardi con gli Alti Elfi di Lunargenta. Le due grandi società si scontrarono per un'incapacità di dividersi i boschi a nord dei Regni Orientali, causando una spaccatura così profonda da causare una lotta senza fine tra le due razze.

    Religione e Magia

    Tutti i troll hanno una credenza comune, che vi siano degli spiriti molto potenti che prendono forme animali o rappresentano alcuni aspetti della vita naturale. Tali spiriti divini sono chiamati Loa e quasi ogni tribù di Troll ne adora uno differente. Una pratica che si può definire piuttosto diffusa fra i Troll è il cannibalismo. Ci sono notizie certe di alcune tribù fortemente cannibali su tutta Azeroth. Anche il potente clan di Vol'jin, quello dei Lanciascura, praticava il cannibalismo, ritenendo che dalla carne del nemico sconfitto si potesse ottenere un grande potere e si potesse impedire al suo spirito di ritornare per reclamare vendetta. I Lanciascura abbandonarono il cannibalismo quando si unirono all'Orda.

    Immagine

    L'aspetto più affascinante ed inquietante dei Troll è il tipo di magia praticata. Sebbene vi siano molti Guerrieri e Cacciatori facenti parte di questa razza, a predominare è certamente il Voodoo, un tipo di magia fatto di rituali e intrugli venefici che i Troll non condividono con le altre razze. Alcune tribù come i Fendicranio e gli Scalporosso tendono a stare lontani dal Voodoo, sebbene mantengano un certo livello di tolleranza, ritenendola una pratica troppo malvagia che corrompe tanto il corpo quanto la psiche di coloro che la usano, originando abonimi e mostri di ogni genere. Una tribù che da sempre ha accolto a braccia aperte il Voodoo è quella Zandalari. Non a caso si ritiene che furono proprio loro a creare tutti i rituali nei tempi antichi.

    Grandi Eroi dei Troll

    La storia dei Troll è davvero vasta e si corre sempre il rischio di lasciare fuori qualche nome importante. Di sicuro un grande eroe dei tempi moderni è stato Zul'jin dell'impero Amani. Egli riuscì a riunire tutte le tribù di troll silvani con lo scopo di attaccare e distruggere Quel'Thalas. I suoi piani conobbero un rallentamento con lo scoppio della Seconda Guerra. Orgrim Martelfato chiese a Zul'jin e ai suoi Troll di unirsi all'Orda, richiesta che gli fu inizialmente negata. Quando Zul'jin venne a sapere che gli Alti Elfi si erano alleati con gli Umani colse al volo l'occasione di spargere del sangue fianco a fianco con gli Orchi. L'alleanza venne meno quando Orgrim non solo non fu in grado di espugnare Lunargenta, ma preferì abbandonare l'assedio per attaccare direttamente Lordaeron. I Troll continuarono l'assalto, ma quando seppero che l'Orda era stata sconfitta tornarono nelle foreste, separandosi ancora una volta. Zul'jin fu catturato dagli elfi, ma riuscì a scappare tagliandosi un braccio. Tornò a Zul'Aman per ricostruire il proprio esercito, covando odio per gli Elfi e per l'Orda che li aveva accolti.

    Sen'jin fu il padre dell'attuale capoguerra dell'Orda, Vol'jin. Egli era uno sciamano voodoo, legato profondamente agli spiriti della propria isola. Il clan Lanciascura viveva in pace, fino a quando gli umani di Kul Tiras non invasero il suo dominio, costringendo i Troll a ritirarsi sempre più nell'entroterra. Quasi contemporaneamente, i docili Murloc divennero feroci, incantati dalla magia della Strega del Mare. Una notte di quei tempi duri, Sen'jin ricevette una visione in cui vide un Orco, possente e carismatico, che avrebbe cacciato gli umani mentre portava in salvo il proprio popolo. Quell'orco era il Capoguerra Thrall, in viaggio verso Kalimdor, costretto a fermarsi sull'isola dei Lanciascura a causa delle tempeste del Maelstrom. Tra i due nacque una forte alleanza, che riuscì a mettere in fuga gli umani costringendoli ad abbandonare l'isola. Nel momento della vittoria, i Murloc catturarono Thrall, Sen'jin e molti altri membri dell'orda. Il Capoguerra liberò se stesso e il suo popolo, ma Sen'jin era già stato portato via per essere offerto in sacrificio alla Strega del Mare. Thrall non arrivò in tempo e riuscì solo ad accogliere le implorazioni del capoclan, che gli chiese di portare con sé la propria gente.
    Condividi articolo
8 commenti
  • grallenMost Valuable Poster 19 novembre 2014, 16:17 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5728

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #1
    Ottimo articolo come sempre :good:

    Le origini di Azeroth rimangono sempre un mistero ma i Troll sono davvero una razza caparbia e dannatamente resistente sarebbe davvero interessante saperne di più del loro impero ed in che modo funzionino meglio questi Loa che loro evocano ed usano come loro potere.
    0
  • Ljnx 19 novembre 2014, 16:41 Ljnx
    BattleTag: Ljnx#2455
    Messaggi: 239

    Il nostro vincolo è indissolubile
    la nostra volontà incrollabile,
    chi oserà opporsi a noi?!

    -Grom Malogrido
    #2
    Razza tanto interessante quanto brutta :D 1
  • Dhaella 19 novembre 2014, 20:35 Dhaella
    BattleTag: Bellator#2245
    Messaggi: 119

    Iscritto il: 22 settembre 2010, 19:20
    #3
    once you go troll, you nevah reroll 2
  • VylneronRedazione 19 novembre 2014, 21:03 Vylneron
    BattleTag: Vylneron#2606
    Messaggi: 852

    HOTS Player
    Tom's Hardware Gamers
    www.twitch.tv/vylneron
    #4
    A me la razza dei Troll piace tantissimo! :) Vol'jin per quanto mi riguarda è un grande. 2
  • Nala 20 novembre 2014, 09:18 Nala
    BattleTag: Nalarian#2335
    Messaggi: 562

    Iscritto il: 08 novembre 2013, 17:50
    #5
    Concordo, una delle mie razze preferite :good: 0
  • IlDon 20 novembre 2014, 11:02 IlDon
    BattleTag: IlDon#2503
    Messaggi: 619

    Do You Like to PLay with Fire?
    #6
    Esteticamente pessimi, storicamente interessanti :D 1
  • IntoJH 26 novembre 2014, 19:37 IntoJH
    BattleTag: Träumerei#2637
    Messaggi: 134

    Chi gioca Ally puzza. :v
    #7
    IlDon ha scritto:Esteticamente pessimi, storicamente interessanti :D

    @IlDon E c'è da dire che, rispetto alle varie versioni che si hanno dei troll nelle varie culture del mondo, quelli di WoW sono parecchio ''infighettati''! :D

    Bell'articolo! C'è solo una cosetta che non mi torna

    Il clan Lanciascura viveva in pace, fino a quando gli umani di Kul Tiras non invasero il suo dominio, costringendo i Troll a ritirarsi sempre più nell'entroterra.


    Se la memoria non mi inganna, questa cosa non è del tutto vera, poiché i troll Lanciascura prima dell'arrivo di Thrall erano perennemente osteggiati dalle alle tribù separatesi dall'impero Gurubashi, e costretti a vivere sulle Broken Isle in preda a continue tempeste. Per quanto ricordo i Lanciascura, più che in pace, in quel periodo rischiarono proprio l'estinzione :D
    0
  • RelanceRedazione 01 dicembre 2014, 11:13 Relance
    BattleTag: Relance#2653
    Messaggi: 2155

    Sulla mia lapide ci sarà scritto " NON C'è NIENTE DA QUESTA PARTE, PIVELLI!" e " Scusi se non mi alzo."
    #8
    @IntoJH Oh, mamma, scusa, mi son perso completamente la tua risposta.

    Oddio, forse estinzione è una parola forte, ma certamente non se la passavano benissimo. Non ricordo una vera e propria aggressività da parte delle altre tribù di Troll, vedrò di documentarmi a riguardo. Ricordo invece che furono gli umani a ricacciare i Lanciascura fino all'esilio :O
    0
  • Commenta la notizia