• Scritto da ,
    Il verde, considerato il colore naturale della pelle degli orchi, in realtà è solo la penultima tappa di un processo iniziato anni prima dell'arrivo della Legione Infuocata. Marrone, rosso e verde sono le diverse sfumature di colore tra gli orchi. Ognuna di queste è legata ad una storia nascosta, nota ad alcuni giocatori ma ignorata da molti altri.

    Il grigio: i clan Roccianera e Fauci di Drago

    Il clan Roccianera guidò la Prima Orda dall'inizio alla fine, dopo la sconfitta subita per mano dell'Alleanza nella Seconda Guerra. Il clan Fauci di Drago si è guadagnato la sua fama dopo essere riuscito a controllare i draghi rossi durante la Seconda Guerra. Tutti e due i clan hanno bevuto lo stesso sangue demoniaco come il resto degli orchi. Tuttavia hanno la peculiarità di introdurre un nuovo colore della pelle nella razza degli orchi, il grigio. Non ci sono orchi verdi tra le loro fila. Non si sa esattamente perché questa strana caratteristica si ritrovi in due clan separati da uno grande spazio territoriali e che sono per di più isolati tra loro. Ad infittire il mistero c'è anche il modello grafico di Manonera - l'ex capo clan dei Roccianera e primo capo dell'Orda - che nell'evento degli Scacchi a Karazhan è raffigurato come un orco dalla pelle verde. Ciò potrebbe indicare che in principio i componenti del clan erano di colore verde e che mutarono per circostanze sconosciute oppure Blizzard ha semplicemente deciso di dare loro un aspetto speciale. Si è ipotizzato che il colore del clan Roccianera sia il risultato di un adattamento alla zona nella quali i suoi componenti risiedettero per molti anni, un luogo pieno di cenere e lapilli. L'argomento potrebbe essere considerato valido solo ignorando le enormi prove che smentiscono questa teoria.

    Prima di tutto i Fauci di Drago sono ancora più scuri dei Roccianera e vivono in una terra più verde. In secondo luogo, Eitrigg e suo figlio sono due ex membri del clan Roccianera che hanno trascorso più tempo fuori dal Massiccio Roccianera e dintorni che dentro e non sono tornati ad avere la pelle di colore verde o marrone. Infine, orchi e troll che vivono con i Roccianera hanno mantenuto il tipico aspetto della loro razza d'origine. Scartando la prima ipotesi, basta approfondire la ricerca nella storia dei due clan per trovare qualcosa in comune: entrambi sono entrati in contatto con i draghi neri. Gli orchi Roccianera hanno lo stesso Alanera come alleato mentre il clan Fauci di Drago cavalca draghi neri. Che siano stati loro la causa scatenante? Questa versione non è così improbabile come la precedente ma c'è ancora un piccolo dettaglio che smentisce tutto. Seguendo questo ragionamento, se i Fauci di Drago avessero catturato e cavalcato i draghi blu, la loro pelle dovrebbe essere di colore azzurro. Ovviamente non è questo il caso. In realtà, c'è una soluzione che pare perfetta anche se ha molti dettagli da definire. L'opzione più verosimile sarebbe che il grigio era il loro colore naturale, il che implica che già su Draenor avessero questo aspetto. Il dato certo è che una volta corrotti dai demoni, gli orchi diventarono rossi come è accaduto al capo dei Fauci di Drago ed una volta terminato il periodo di "rabbia intensa" tornano al loro aspetto normale. Senza fonti ufficiali, tutte le ipotesi rimangono tali ma del resto la curiosità non è un male se, come dice Brann Barbabronzea, "solo le menti indagatrici vogliono conoscere."

    Il verde: il clan Lupi Bianchi

    "No, io sono il capo del clan Lupi Bianchi e questa è la mia decisione." Con queste parole, Durotan proibì a qualsiasi membro del suo clan di bere il sangue di Mannoroth. Quindi, se il clan Lupi Bianchi non ha assaggiato il sangue di demone, non potevano diventare vilorchi di colore rosso e infine verdi. Seguendo questa logica, lo stesso Thrall dovrebbe essere di colore marrone. L'incoerenza nasce dalla pubblicazione del romanzo L'ascesa dell'Orda nel 2007 ed il problema viene risolto facendo riferimento agli eventi che si verificano in quello stesso libro. Anche se non hanno bevuto il sangue di Mannoroth, i Lupi Bianchi hanno praticato la stregoneria come il resto dei clan orcheschi ed evocato i demoni che hanno contribuito ad eliminare i Draenei più facilmente. Hanno inoltre vissuto insieme con il resto dell'Orda nella Penisola del Fuoco Infernale, un luogo che cominciava a diventare quello che è oggi, utilizzando incessantemente la magia oscura. La magia demoniaca agisce allo stesso modo delle radiazioni, per cui essere rimasti in costante contatto di chi ha assunto il sangue demoniaco e aver praticato la stregoneria in prima persona ha finito per rendere verdi anche i componenti del clan Lupi Bianchi. Entrarono ad Azeroth con questo colore della pelle e tutti i bambini nati da loro, come Thrall, vennero segnati per sempre da questa maledizione.

    Il marrone: i Mag'har

    Questo clan di orchi che ha continuato a vivere nelle Terre Esterne è riuscito a mantenere il colore originale della propria pelle, senza alcuna variazione. È interessante notare che il signore di Garadar, la città principale del clan, era Garad, il padre di Durotan e quindi nonno di Thrall. Ciò farebbe coincidere gli abitanti originari di Garadar con i Lupi Bianchi, tranne che per il colore della loro pelle. È incredibile come siano riusciti a non lasciarsi coinvolgere da tutto quello che stava accadendo intorno a loro - la creazione dell'Orda, la guerra contro i Draenei, Azeroth e l'Alleanza. Tutto è iniziato con una malattia contagiosa che colpì la razza degli orchi chiamata varicella rossa per via delle macchie di colore rosso che faceva comparire sulla pelle. Le vittime del contagio erano molto deboli ed erano tanti quelli che ne morivano. Garrosh Malogrido fu vittima dell'epidemia, il che spiega perché il figlio degli orchi condannati non avesse subito la stessa sorte di suo padre. Venne stabilita una quarantena e tutti i contagiati portati alla città di Garadar. Questi orchi erano troppo deboli per partecipare a qualsiasi tipo di guerra, per questo non presero parte a nessuna battaglia. Erano completamente isolati a Nagrand, lontani dalla Penisola del Fuoco Infernale e da tutta l'energia vile che avrebbe potuto corromperli. Riuscirono così, a differenza dei loro fratelli del clan Lupi Bianchi, a salvarsi dalla corruzione demonica ed allo stesso tempo a sconfiggere l'epidemia che li aveva colpiti.
    Condividi articolo
8 commenti
  • Gnàppy 07 gennaio 2014, 12:27 Gnàppy
    Messaggi: 1152

    gnappy#2181
    #1
    Anche Karghat Bladefist nel poster di WOD viene ritratto con la pelle grigia BTW. 0
  • MasterRedzCommunity Manager 07 gennaio 2014, 13:25 MasterRedz
    BattleTag: MasterRedz#2155
    Messaggi: 4995

    "La tua anima sarà mia!"
    #2
    Gnàppy ha scritto:Anche Karghat Bladefist nel poster di WOD viene ritratto con la pelle grigia BTW.


    Esatto, probabilmente perchè il suo clan abita in una palude, non proprio il posto più salutare del mondo.
    0
  • SERAPHIMON 07 gennaio 2014, 17:07 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1567

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #3
    Durotarn: "la terra è morta"
    . . .
    Che strano, pensò Ogrim. Trovava ironico il fatto che la terra, anzichè essere verde, stesse diventando marrone, e gli orchi anzichè essere marroni stessero diventando verdi.

    WORLD OF WARCRAFT L'Ascesa Dell'Orda


    un piccolo dettaglio sul colore della pelle: in Warcraft 3 Reign Of Chaos, Grom e gli orchi Warsong/Cantaguerra divennero rossi dopo che bevvero nuovamente il sangue di Mannoroth attraverso il Pozzo del Caos (per ricaricare le loro batterie) e divennero orchi del Caos; tali orchi si sono visti anche in Warcraft 3 The Frozen Throne quando Illidan, Kael'thas e Lady Vashi dovettero affrontare Magtheridon nelle Outlands/Terre Esterne; una simile trasformazione si verifica anche in Ner'zhul durante il rituale per aprire i portali oscuri in WORLD OF WARCRAFT Oltre Il Portale Oscuro
    0
  • Wulgrim 07 gennaio 2014, 17:23 Wulgrim
    Messaggi: 8325

    They were all dead. The final gunshot was an exclamation mark of everything that had led to this point. [Cit]
    #4
    Ricorda che quando ha fatto quello Ner'Zul poi è finito al cospetto di Kil'Jaiden e lo ha trasfromato in quello che poi diventa il re dei lich (soggiogato poi da arthas stesso e quindi morta la sua essenza)

    Alla fin fine quelli che dici te sono i Fel Orc, quelli che si trovano ora nelle outland, dove i loro stessi corpi stanno mutando e diventando molto vicini ai demoni stessi

    Ricorda anche che i libri sono quasi tutti sviluppati dopo warcraft 3 e espansione
    2
  • SERAPHIMON 07 gennaio 2014, 17:36 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1567

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #5
    Wulgrim ha scritto:Ricorda che quando ha fatto quello Ner'Zul poi è finito al cospetto di Kil'Jaiden e lo ha trasfromato in quello che poi diventa il re dei lich (soggiogato poi da arthas stesso e quindi morta la sua essenza)

    Alla fin fine quelli che dici te sono i Fel Orc, quelli che si trovano ora nelle outland, dove i loro stessi corpi stanno mutando e diventando molto vicini ai demoni stessi

    Ricorda anche che i libri sono quasi tutti sviluppati dopo warcraft 3 e espansione


    certamente, il mio era solo un dettaglio che volevo aggiungere riguardo ai cambiamenti cromatici degli orchi
    0
  • grallenMost Valuable Poster 08 gennaio 2014, 11:53 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5730

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #6
    Bell'articolo, davvero molto interessante.

    Interessante come la Blizzard ha voluto dare diversi "colori" agli orchi forse per distinguerli dai clan originali.

    Possiamo supporre che gli orchi essendo la popolazione originale di Draenor ed ogni clan abitando in una diversa regione del pianeta abbia originariamente sviluppato diversi tipi di colorazione della pelle in base a dove vivesse.

    Prendendo la immagine dei clan di WoD:

    Immagine

    si può notare come ci siano alcune differenze di colore tra i vari capi clan.

    Escluso Gul'dan (che ha bevuto il sangue e pratica le arti demoniache) si può notare come Manonera si colore grigiastro scuro sicuramente dovuto a dove vive (a Gorgrond) ed è costantemente a contatto con macchine d'assedio e armi e quindi con fucine e lapilli.

    Credo che il colore originali del suo clan fosse tendente al grigio scuro e che il clan abbia con il tempo riacquistato tale colore stando su azeroth di cui non ha perso la sua propensione per le armi, fucine e guerra perdendo il colore verde simbolo della contaminazione demoniaca.

    Kargath è grigio di colore ma il suo clan era quello più adatto alla furia dei demoni tanto che lui stesso quando lo incontriamo alle Terre Esterne è ancora di colore rosso dato dalla rabbia perenne che lo consuma.

    Ner'zul mi pare si di colore marrone ma tendente al chiaro mentre Kilrogg (forse più marcato), Durotar e Grom sono di colore marrone.
    0
  • Gnàppy 10 gennaio 2014, 18:14 Gnàppy
    Messaggi: 1152

    gnappy#2181
    #7
    Ner'zhul potrebbe essere di colore più chiaro vista l'età. 0
  • SERAPHIMON 10 gennaio 2014, 22:26 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1567

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #8
    non riesco a vedere bene, ma Ner'zhul anche quì ha la faccia dipinta di binco come un teschio? 0
  • Commenta la notizia