• Malfurion Grantempesta è forse l’Elfo della Notte più rispettato su tutta Azeroth. Diecimila anni fa, sotto la guida del semidio Cenarius, fu il primo a diventare druido tra i membri della sua razza. Grazie alla sua leadership, durante la Guerra degli Antichi i kaldorei riuscirono a scacciare la Legione Infuocata dal pianeta. Nei tempi che seguirono a quei terribili eventi, Malfurion divenne il più grande Arcidruido di Azeroth.

    La sua storia inizia più di diecimila anni fa, quando lui e il suo fratello gemello, Illidan, erano dei giovani Elfi della Notte, nati al tempo in cui gli appartenenti alla loro razza erano ancora immortali. Con il passare degli anni i due fecero la conoscenza dell’elfa Tyrande Soffiabrezza e con lei nacque una profonda amicizia. Ancora ragazzi, decisero di cercare insieme il semidio dei boschi Cenarius, di cui avevano udito le leggende da bambini. Il loro obiettivo era quello di apprendere direttamente dalla mitica figura i saperi riguardanti il mondo che li circondava. Fino ad allora in pochi erano riusciti a trovarlo, ma poiché era lo stesso semidio a voler incontrare i tre elfi della notte, Cenarius si mostrò a loro in breve tempo. Dei tre giovani, solo Malfurion si rivelò davvero abile nell'arte druidica e fu l'unico a proseguire gli studi con il semidio. Il suo gemello, Illidan, abbandonò presto Cenarius preferendo la via della stregoneria. Così fece anche Tyrande che, poco dopo, divenne un'adepta di Elune, la dea dei Kaldorei.

    Immagine

    Mentre i tre giovani crescevano, qualcosa cominciò a cambiare nel mondo perfetto degli elfi della notte. Malfurion si accorse per primo dell'improvviso allontanamento e distacco della loro regina Azshara e dei membri della corte reale nei confronti del popolo. Il dubbio che l'energia scaturita dal Pozzo dell'Eternità non fosse pura cominciò a formarsi nella sua mente. L'elfo non era in grado di comprendere pienamente quello che sarebbe successo nel giro di poco tempo, ma in cuor suo sapeva che i Kaldorei non sarebbero più stati gli stessi. Decise di sfruttare il Sogno di Smeraldo per vederci chiaro e fu in quel momento che si rese conto che tutte le azioni intraprese dalla regina Azshara e dagli Alti Nobili, i membri della corte reale più vicini alla regina, li avrebbero portati alla distruzione. Ad approfittare del momento fu il Titano oscuro Sargeras che, dopo essersi accorto di quanto stava accadendo, lanciò la sua Legione Infuocata verso Azeroth.

    Immagine

    Durante la Guerra degli Antichi i tre giovani rivestirono, ognuno a suo modo, un ruolo decisivo nella battaglia contro i demoni. Tuttavia Malfurion ebbe l'incarico più importante, dato che spettò a lui il compito di sigillare il Portale che collegava Kalimdor con la Distorsione Fatua, patria dei demoni, tramite l'utilizzo delle energie che permeavano l'intera Azeroth. In quel momento le corna da cervo ancora immature sulla testa di Malfurion si svilupparono completamente. Il suo piano di usare l’Anima dei Demoni creata da Alamorte per distruggere il portale quasi fallì quando Illidan decise di andare ad informare la regina Azshara. Malfurion fu in grado di fermare il fratello ed infine riuscì a chiudere il portale demoniaco, ma nonostante questa vittoria gli elfi della notte uscirono sconfitti dalla guerra. L’intero mondo ne portava le cicatrici, senza contare che al termine dei combattimenti il Pozzo dell’Eternità era stato distrutto, causando la spaccatura di Azeroth. In più, uno degli Aspetti Draconici si era rivelato essere un folle traditore.

    Malfurion, Tyrande e i restanti elfi della notte andarono avanti e cominciarono la ricostruzione di Kalimdor. Sfortunatamente Malfurion scoprì che Illidan aveva con sé sette fiale contenenti l’acqua del Pozzo dell’Eternità e voleva creare un nuovo pozzo. Si recò sul monte Hyjal e nel tentativo di raggiungere il lago sulla sommità del monte uccise le guardie che stavano cercando di fermarlo. Illidan riuscì a versare tre fiale nel lago prima di essere arrestato. Malfurion parlò in sua difesa ma tutto quello che ottenne fu che il fratello venisse imprigionato sottoterra in un luogo chiamato Profondità dell'Eremo.

    Immagine

    Per paura degli avvenimenti appena conclusi gli elfi della notte non cercarono di distruggere il nuovo Pozzo e chiesero l’intervento degli aspetti draconici, che trovarono un modo per proteggere le acque. Alexstrasza fece crescere da una ghianda di G'Hanir un gigantesco albero chiamato Nordrassil. Nozdormu lo benedisse e fece in modo che finché la pianta fosse esistita gli elfi non sarebbero morti di vecchiaia o di malattia. Ysera, infine, creò una connessione tra l’albero e il Sogno di Smeraldo attraverso il quale lei avrebbe cercato lentamente di ricostruire il mondo. Ancora sconvolto per quello che era successo al suo stormo, Malygos non si presentò e per questo non ci fu alcuna benedizione da parte dell’Aspetto della Magia. Per mantenere attiva la connessione e aiutare Ysera, i druidi decisero di cadere in un sonno profondo all’interno del Sogno di Smeraldo, con la possibilità di potersi risvegliare a distanza di secoli.

    Immagine

    Malfurion e Tyrande aiutarono la loro gente a ricostruire una società nelle foreste di Valtetra che circondavano Hyjal. Malfurion continuò i suoi studi e divenne un potente Arcidruido ma, nonostante il forte desiderio di restare con la sua amata, non abbandonò i suoi fratelli druidi. Essi dormirono pacificamente per anni fino a quando non vennero attaccati da un gruppo di Alti Nobili sopravvissuti, che erano guidati da Dath’Remar. Questi ultimi vennero facilmente sconfitti, tuttavia i druidi decisero di risparmiare le loro vite considerando quanto sangue era già stato versato in passato. Venne deciso di esiliarli e tempo dopo Dath’Remar e i suoi seguaci divennero gli Elfi Alti, successivamente conosciuti come Elfi del Sangue. Malfurion lasciò così nuovamente Tyrande per tornare nel Sogno di Smeraldo, cadendo in un sonno profondo all’interno degli Eremi di Grantempesta a Radaluna.

    Continuate a seguirci per leggere la seconda parte della storia di Malfurion Grantempesta.
    Condividi articolo
26 commenti 12  
  • CTiranno 23 ottobre 2014, 12:59 CTiranno
    BattleTag: CTiranno#2663
    Messaggi: 203

    Sette è la misura massima di qualsiasi cosa- Dott. Culocane
    #1
    Bellissimo articolo :) 1
  • Shiva 23 ottobre 2014, 13:20 Shiva
    Messaggi: 112

    Iscritto il: 16 ottobre 2014, 08:03
    #2
    Spettacolo... Gran racconto 0
  • ciccio44 23 ottobre 2014, 20:05 ciccio44
    BattleTag: Attil#2201
    Messaggi: 2335

    “Che può esserci al di sopra di uno che è al di sopra della fortuna?”
    #3
    Ottimo articolo come sempre, non ho ben capito due cosettine: il vecchio pozzo dava l'immortalità right? Ma aveva delle benedizioni o era semplicemente il suo potere?

    Inoltre non sapevo fosse stato l'aspetto a renderli immortali attraverso l'albero, quindi quello di Nordrassil non avrà mai quel potere? E quello di Hyjal rimane benedetto a vita? Basta che sia in forze? Visto che in teoria con Wc3 hanno perso l'immortalità ma un minimo di struttura dell'albero era rimasta.

    Grazie per le risposte e sry per il pippone!
    0
  • SERAPHIMON 23 ottobre 2014, 20:28 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1561

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #4
    il meglio viene sempre alla fine:

    ♫ MERAVIGLIOSA CREATURA ♪ SEI SOLA AL MONDO ♫
    ♪ MERAVIGLIOSA PAURA ♫ DI AVERTI ACCANTO ♪
    ♫ OCCHI DI SOLE ♪ BRUCIANO IN MEZZO AL CUORE ♫
    ♪ AMO LA VITA ♫ MERAVIGLIOSA ♪ <3



    ora che ho concluso l'idolatria, direi che ora posso dedicarmi alla pignoleria:

    "Diecimila anni fa, sotto la guida del semidio Cenarius, fu il primo druido tra i membri della sua razza e il primo su tutta Azeroth"

    si vede chiaramente che l'articolo segue la storia canonica, quella originale precedente ai vari sviluppi e differenze temporali, tuttavia di recente è stato scoperto un Druido dei tauren ancora più antico di Malfurion


    "dato che spettò a lui il compito di sigillare il Portale che collegava Kalimdor con la Distorsione Fatua, patria dei demoni, tramite l'utilizzo delle energie che permeavano l'intera Azeroth"

    piccolo errore: la patria dei demoni è la Dimensione Infernale da dove proviene la Legione Infuocata di Sargeras; la Distorsione Fatua è una dimensione che collega tutte le altre e che pare sia la fonte della magia


    "una ghianda di Hanir" il nome era G'Hanir
    0
  • SERAPHIMON 23 ottobre 2014, 20:38 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1561

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #5
    ciccio44 ha scritto:Ottimo articolo come sempre, non ho ben capito due cosettine: il vecchio pozzo dava l'immortalità right? Ma aveva delle benedizioni o era semplicemente il suo potere?

    Inoltre non sapevo fosse stato l'aspetto a renderli immortali attraverso l'albero, quindi quello di Nordrassil non avrà mai quel potere? E quello di Hyjal rimane benedetto a vita? Basta che sia in forze? Visto che in teoria con Wc3 hanno perso l'immortalità ma un minimo di struttura dell'albero era rimasta.

    Grazie per le risposte e sry per il pippone!

    @ciccio44

    Il Pozzo Dell'Eternità era una fonte di energia magica talmente immensa che infondeva l'immortalità a coloro che ne assorbivano le energie, come quasi tutte le fonti; l'immortalità donata da Nozdormu attraverso l'albero del mondo è di diverso tipo, ma con lo stesso risultato (così come lo sono le visioni dei druidi e quelle degli sciamani)

    il Terdrassil era stato creato proprio nel tentativo di riottenere quei poteri perduti, ma ciò era impossibile senza le benedizioni degli Aspetti

    col Nordrassil le benedizioni restano, ma dubito che gli Elfi della Notte possano nuovamente attingervi, in quanto si sono dovuti scollegare per sconfiggere Archimonde ed è stata consumata moltissima magia; inoltre ci vorrà ancora molto prima che l'Albero del Mondo possa riprendersi, anche se sta rifiorendo
    1
  • SERAPHIMON 23 ottobre 2014, 21:06 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1561

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #6
    ciccio44 ha scritto:Ottimo articolo come sempre, non ho ben capito due cosettine: il vecchio pozzo dava l'immortalità right? Ma aveva delle benedizioni o era semplicemente il suo potere?

    Inoltre non sapevo fosse stato l'aspetto a renderli immortali attraverso l'albero, quindi quello di Nordrassil non avrà mai quel potere? E quello di Hyjal rimane benedetto a vita? Basta che sia in forze? Visto che in teoria con Wc3 hanno perso l'immortalità ma un minimo di struttura dell'albero era rimasta.

    Grazie per le risposte e sry per il pippone!

    @ciccio44

    "Dono Forza e Vita rigogliosa agli elfi della notte, finché quest'albero rimarrà in vita" sentenziò Alexstrasza
    [...]
    Non appena Alexztrasza si ritrasse leggermente, Nozdormu prese la parola con un lieve sibilo della voce. "Il Tempo Assisterà nuovamente gli elfi, poichè io concederò loro continua Immortalità, in modo che abbiano l'opportunità di imparare, finché l'albero rimarrà al sssuo posssto..."
    [...]
    Ad occhi chiusi, il gigante verde esaminò l'albero. Nonostante la sua rapida crescita, era ancora piccolissimo a confronto dei draghi.
    "Agli elfi della notte, che hanno perso tutte le loro speranze, donerò la capacità di ricominciare a sognare. Sognare, e immaginare, poiché in questo risiede la speranza più autentica per ricostruire, riprendersi e crescere..." Sembrava pronta ad agire come i suoi predecessori, ma si fermò. Volse lo sguardo in direzione di Malfurion. "E a colui che seguirà il cammino di una creatura a me cara. e a me vicina, concederò, e con lui ai suoi seguaci, di giungere nel Sogno di Smeraldo in cui, perfino nel sonno più profondo, saranno in grado di attraversare il mondo, e apprendere da esso, e attingere dalla sua forza... per guidare al meglio Kalimdor verso la prosperità e la sicurezza nel futuro."

    WARCRAFT La Guerra degli Antichi, L'Abisso
    3
  • Deinoforo 23 ottobre 2014, 23:12 Deinoforo
    BattleTag: Deinoforo#2266
    Messaggi: 2073

    micio micio miao miao
    #7
    mmmmm la guerra del satiro è dopo? 0
  • ciccio44 23 ottobre 2014, 23:16 ciccio44
    BattleTag: Attil#2201
    Messaggi: 2335

    “Che può esserci al di sopra di uno che è al di sopra della fortuna?”
    #8
    @SERAPHIMON Grazie per le risposte esaustive (come sempre). Dovresti creare un bel LoreWiki lol, che WoWpedia sembra un Bignami al tuo confronto. rofl

    Ps mi ero confuso circa i nomi dei due alberi nel mio post, ma l'hai capito senza problemi.
    1
  • PigoWallace 24 ottobre 2014, 01:36 PigoWallace
    BattleTag: Pigowallace#2109
    Messaggi: 261

    Iscritto il: 14 agosto 2011, 13:56
    #9
    SERAPHIMON ha scritto:
    si vede chiaramente che l'articolo segue la storia canonica, quella originale precedente ai vari sviluppi e differenze temporali, tuttavia di recente è stato scoperto un Druido dei tauren ancora più antico di Malfurion


    @SERAPHIMON
    Il druido a cui ti riferisci è il tauren Xarantaur e risulta essere uno dei punti più oscuri della storia di Warcraft. È stato istruito, assieme ai suoi fratelli, da Cenarius (infatti lo chiama Shan'do) circa 12.000 anni prima della Prima Guerra (la Guerra degli Antichi avviene 10.000 prima della appena citata Prima Guerra) e questo, tecnicamente, rende lui ed i suoi fratelli i primi veri druidi. Egli divenne immortale grazie a Nozdormu, che lo elesse quale testimone della storia di Azeroth.

    Conversando con lui (che è l'unica cosa da cui si possono trarre informazioni) egli ci dice: "But then, the time came when Cenarius walked among us no more and my brethren began to forget what he had taught us." che tradotta vuol dire "Ma poi, venne il momento in cui Cenarius smise di camminare tra noi e i miei fratelli cominciarono a dimenticare quello che lui ci aveva insegnato."
    Questa frase può essere intesa in due modi (o più se volete):
    1. Lui è l'unico tra i suoi fratelli ad aver mantenuto il senno e non essersi perso (per intenderci un po' come i druidi dell'unghia che non riescono più a tornare alla forma umanoide per poi perdere la cognizione di se stessi);
    2. Come la stessa Azeroth, anche il druidismo potrebbe essere cambiato con il passare delle ere e questa frase si può intendere come "i miei fratelli dimenticarono ciò che ci insegnò in principio Cenarius e io restai l'unico druido di quella generazione".

    Se fosse vera la seconda possibilità questo renderebbe Xarantaur il primo druido di un "tipo" che non esiste più e renderebbe Malfurion il primo druido per come noi oggi conosciamo i druidi. Dopotutto è vero che Xarantaur si trova ancora su Azeroth (e questo lo rende canonico a tutti gli effetti) e che è effettivamente un druido, ma NESSUNO lo ha mai visto usare i suoi poteri. Tutto quello che sappiamo viene dalla conversazione che abbiamo con lui e se ci fosse occasione di vedere cosa è effettivamente in grado di fare, sarebbe possibile fare un confronto con Malfurion e stabilire una volta per tutte se il druidismo, suo e di Malfurion, è uguale, simile o diverso, mettendo nero su bianco chi e cosa è Xarantaur.

    Oltretutto c'è una teoria secondo la quale tutti i Tauren fossero inizialmente Elfi della Notte che si sono così avvicinati alla natura da trasformarsi in bestie umanoidi. Questo introdurrebbe una variabile nella possibilità 1 che ti ho esposto sopra... se i fratelli di Xarantaur si fossero dimenticati tutto perché da Elfi della Notte quali erano si sono trasformati in Tauren subendo una perdita di cognizione simile a quella che accade ai druidi dell'unghia? Questo spiegherebbe perché non ricordano nulla degli insegnamenti antichi di Cenarius e il perché per tutti i Tauren il druidismo è così semplice. Purtroppo però non spiega perché Xarantaur ha ancora cognizione di se come druido "antico" e non come un semplice Tauren. Potrebbe essere legato all'immortalità donatagli da Nozdormu, ma lui stesso dice che i suoi fratelli si dimenticarono tutto ben prima che lui divenisse immortale. Forse semplicemente è un po' come i druidi dell'unghia che non si perdono, seppure lui è l'unico ad aver resistito.


    Non ho citato questo tauren nell'articolo perché, come puoi ben vedere, la speculazione che si può fare su di lui è infinita e avevo pensato di citarlo poi nei commenti per aprire una discussione a riguardo, ma tu mi hai preceduto :)
    .

    SERAPHIMON ha scritto:
    piccolo errore: la patria dei demoni è la Dimensione Infernale da dove proviene la Legione Infuocata di Sargeras; la Distorsione Fatua è una dimensione che collega tutte le altre e che pare sia la fonte della magia


    In realtà "Dimensione Infernale", "Inferno", "Ade" etc sono tutti nomi usati come sinonimo della Distorsione Fatua. Anche nel manuale di Warcraft: Orcs & Humans troverai questi termini, ma non si riferiscono a un'altra dimensione, sono simplicemente dei sinonimi. La Distorsione Fatua è l'unica e sola dimensione astrale presente nell'universo di Warcraft e si contrappone alla dimensione materiale in cui tutti i mortali (e alcuni non mortali) vivono.
    Nella Distorsione Fatua, i demoni hanno avuto la loro genesi e in essa hanno vissuto da quando sono nati. Se ricordi, Sargeras viene mandato più e più volte in missione nella Distorsione Fatua ad affrontare i demoni ed è quel luogo pregno di malvagità e corruzione che lo porta alla follia.
    Attualmente la Distorsione Fatua è la patria della Legione Infuocata e in essa domina ogni cosa dato che nessuno si oppone ad essa.

    Questa dimensione astrale è accessibile anche da parte dei mortali... sciamani, stregoni, ladri e maghi possono transitarvici o farvi transitare altre persone per brevi periodi.
    Gli sciamani hanno una magia chiamata "Richiamo Astrale" e il suo nome non è casuale. Se leggete dice espressamente che chi lancia quell'incantesimo viene riportato [pausalore] dove ha messo l'heartstone [/pausalore] passando attraverso la Distorsione Fatua. Anche "Sentiero Astrale" sfrutta una meccanica simile, ma con uno scopo diverso.
    I portali degli stregoni per evocare i compagni e, allo stesso modo, i teletrasporti e i portali dei maghi funzionano attraverso la Distorsione Fatua.
    Infine i ladri hanno una tecnica chiamata "Passo nell'Ombra" che permette di "muoversi nell'ombra e apparire alle spalle dell'avversario". Questa "ombra" è appunto la Distorsione Fatua e i ladri possono accedervi per percorrere brevi distanze (evidentemente molto inferiori a quelle percorse da maghi, stregoni e sciamani che sono più propensi alle arti magiche, ovviamente). :)
    4
  • SERAPHIMON 25 ottobre 2014, 16:04 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1561

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #10
    ciccio44 ha scritto:SERAPHIMON Grazie per le risposte esaustive (come sempre). Dovresti creare un bel LoreWiki lol, che WoWpedia sembra un Bignami al tuo confronto. rofl

    Ps mi ero confuso circa i nomi dei due alberi nel mio post, ma l'hai capito senza problemi.

    @ciccio44

    "un sentito ringraziamento", il LoreWiki lo faccio già su Wikipedia, tenendola aggiornata e correggendo gli errori . . . non ti preoccupare er i nomi, anch'io ci ho messo secoli ad impararli ed sono stato sicuro dell'errore solo perchè stavo scrivendo il riferimento del libro :D
    1
  • SERAPHIMON 25 ottobre 2014, 16:10 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1561

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #11
    Deinoforo ha scritto:mmmmm la guerra del satiro è dopo?

    @Deinoforo

    si, è iniziato dopo l'esilio degli Alti Elfi e poco prima dei primi Druidi del Branco
    . . .
    questo mi fà notare un'altro piccolo errore: non mi sembra che i Quel'dorei avessero letteralmente attaccato i Kaldorei, ma crearono una tempesta magica per dimostrare la possibilità di mantenere la magia arcana anche senza il Pozzo, ovviamento questo rappresento una incompatibilità col druidismo
    1
  • SERAPHIMON 25 ottobre 2014, 16:24 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1561

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #12
    PigoWallace ha scritto:
    In realtà "Dimensione Infernale", "Inferno", "Ade" etc sono tutti nomi usati come sinonimo della Distorsione Fatua. Anche nel manuale di Warcraft: Orcs & Humans troverai questi termini, ma non si riferiscono a un'altra dimensione, sono simplicemente dei sinonimi. La Distorsione Fatua è l'unica e sola dimensione astrale presente nell'universo di Warcraft e si contrappone alla dimensione materiale in cui tutti i mortali (e alcuni non mortali) vivono.
    Nella Distorsione Fatua, i demoni hanno avuto la loro genesi e in essa hanno vissuto da quando sono nati. Se ricordi, Sargeras viene mandato più e più volte in missione nella Distorsione Fatua ad affrontare i demoni ed è quel luogo pregno di malvagità e corruzione che lo porta alla follia.
    Attualmente la Distorsione Fatua è la patria della Legione Infuocata e in essa domina ogni cosa dato che nessuno si oppone ad essa.

    Questa dimensione astrale è accessibile anche da parte dei mortali... sciamani, stregoni, ladri e maghi possono transitarvici o farvi transitare altre persone per brevi periodi.
    Gli sciamani hanno una magia chiamata "Richiamo Astrale" e il suo nome non è casuale. Se leggete dice espressamente che chi lancia quell'incantesimo viene riportato [pausalore] dove ha messo l'heartstone [/pausalore] passando attraverso la Distorsione Fatua. Anche "Sentiero Astrale" sfrutta una meccanica simile, ma con uno scopo diverso.
    I portali degli stregoni per evocare i compagni e, allo stesso modo, i teletrasporti e i portali dei maghi funzionano attraverso la Distorsione Fatua.
    Infine i ladri hanno una tecnica chiamata "Passo nell'Ombra" che permette di "muoversi nell'ombra e apparire alle spalle dell'avversario". Questa "ombra" è appunto la Distorsione Fatua e i ladri possono accedervi per percorrere brevi distanze (evidentemente molto inferiori a quelle percorse da maghi, stregoni e sciamani che sono più propensi alle arti magiche, ovviamente). :)



    di questo non ne sono molto convinto:
    alla fine di WARCRAFT II: Beyond The Dark Portal, viene spiegato che Nerzul e Khadgar avrebbero attraversato i portali che si affacciavano alla Twister Nether (ora chiamata Distorsione Fatua).
    Mentre in WARCRAFT III: Reign of Chaos, si vede un filmato in cui alcuni Nathrezim (i compagni di Mal'Ganis) parlavano nella Dimensione Infernale;
    inoltre, se la Distorsione Fatua è il regno dei demoni, com'è possibile che i Maghi possano entrarci senza venire attaccati, come è successo a Jaina ed il nuovo Concilio di Tirisfal nel comics?

    io rimango convinto della teoria Dimensione "ponte di collegamento", come dovrebbe succedere con il piano astrale con i fantasmi e l'aldilà, anche se ammetto che le prove sono scarse e confuse . . . spero che con le prossime espansioni si indaghi ulteriormente sulla Distorsione Fatua e si scoprano importanti dettagli
    0
  • PigoWallace 27 ottobre 2014, 01:44 PigoWallace
    BattleTag: Pigowallace#2109
    Messaggi: 261

    Iscritto il: 14 agosto 2011, 13:56
    #13
    SERAPHIMON ha scritto:di questo non ne sono molto convinto:
    alla fine di WARCRAFT II: Beyond The Dark Portal, viene spiegato che Nerzul e Khadgar avrebbero attraversato i portali che si affacciavano alla Twister Nether (ora chiamata Distorsione Fatua).
    Mentre in WARCRAFT III: Reign of Chaos, si vede un filmato in cui alcuni Nathrezim (i compagni di Mal'Ganis) parlavano nella Dimensione Infernale;
    inoltre, se la Distorsione Fatua è il regno dei demoni, com'è possibile che i Maghi possano entrarci senza venire attaccati, come è successo a Jaina ed il nuovo Concilio di Tirisfal nel comics?

    io rimango convinto della teoria Dimensione "ponte di collegamento", come dovrebbe succedere con il piano astrale con i fantasmi e l'aldilà, anche se ammetto che le prove sono scarse e confuse . . . spero che con le prossime espansioni si indaghi ulteriormente sulla Distorsione Fatua e si scoprano importanti dettagli


    @SERAPHIMON

    Come ti ho detto, sono sinonimi e usare l'uno o l'altro non fa differenza (mi riferisco a quanto detto dai nathzerim). Se vai al Monastero Scarlatto troverai un libro che si intitola "The Titans and the Shaping of the Universe", "I Titani e la formazione dell'universo" (non credo sia stato rimosso con il rewamp). Tra le altre cose, in questo libro troverai questa frase:
    "The benevolent Pantheon, which sought to safeguard these structured worlds, was ever vigilant against the threat of attack from the vile extra-dimensional entities of the Twisting Nether. The Nether, an ethereal dimension of chaotic magics that connected the myriad worlds of the universe, was home to an infinite number of malefic, demonic beings who sought only to destroy life and devour the energies of the living universe."
    Questo libro (che troviamo all'interno del gioco e che quindi va considerato verità assoluta) ci dice come il Twisting Nether (la Distorsione Fatua appunto), è la patria di "un numero infinito di esseri malefici e demoniaci il cui unico scopo è quello di distruggere la vita e divorare tutte le energie dell'universo". Tutti i nomi che si riferiscono ad una dimensione in cui vivono i demoni, non sono altro che altri nomi della Distorsione Fatua. :)
    Piccola nota: Ner'zhul non apriva portali verso la Distorsione Fatua, ma, basandosi sul piano di Teron Gorefiend, verso altri pianeti alla ricerca di luoghi da invadere.

    Riguardo alla tua considerazione sulle magie, credo che dipenda da COME vi entrano. Vi entrano per restarci o per transitarvi velocemente? Nel primo caso i demoni hanno tutto il tempo di trovarti mentre nel secondo risulta sostanzialmente impossibile dato che la Distorsione Fatua è comunque uno spazio enorme e non un luogo in cui i demoni sono stipati come sardine. I portali e i piccoli passaggi non è detto poi che si aprano sempre negli stessi luoghi e molto probabilmente dipende da dove è stato creato il portale e da quella sia la sua destinazione.
    Devi anche tenere conto della natura della Distorsione Fatua: in essa la volontà del singolo o il pensiero cambiano la natura dell'ambiente; anche la gravità è influenzata da essi. È possibilissimo che nella formula usata per creare il portale sia presente qualcosa che permetta ai viaggiatori della Distorsione Fatua di passare inosservati oppure che il passaggio attraverso un portale sia una cosa a cui le persone sono state abituate/addestrate con il passare del tempo proprio perché devono essere in grado di sfruttare la loro forza di volontà per sopravvivere ai demoni. :)
    3
  • Greymane 27 ottobre 2014, 04:11 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 5928

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #14
    Gran bell'articolo, complimentoni!!!
    Vorrei però aggiungere una cosa: gli Elfi Alti non sono gli attuali Elfi del Sangue, questi ultimi sono stati nominati da Kel'Thas Sunstrider dopo che il secondo pozzo solare è stato distrutto dal flagello, come segno di tutte le sofferenze e le vite che hanno dovuto pagare.
    Tale differenza si può notare specialmente a Dalaran: le guardie elfiche dell'Alleanza sono degli Elfi Alti, se ci fate caso, a differenza dei Blood Elves, hanno gli occhi azzurri.
    1
  • PigoWallace 27 ottobre 2014, 16:46 PigoWallace
    BattleTag: Pigowallace#2109
    Messaggi: 261

    Iscritto il: 14 agosto 2011, 13:56
    #15
    Greymane ha scritto:Gran bell'articolo, complimentoni!!!
    Vorrei però aggiungere una cosa: gli Elfi Alti non sono gli attuali Elfi del Sangue, questi ultimi sono stati nominati da Kel'Thas Sunstrider dopo che il secondo pozzo solare è stato distrutto dal flagello, come segno di tutte le sofferenze e le vite che hanno dovuto pagare.
    Tale differenza si può notare specialmente a Dalaran: le guardie elfiche dell'Alleanza sono degli Elfi Alti, se ci fate caso, a differenza dei Blood Elves, hanno gli occhi azzurri.


    @Greymane
    Hai ragionissimo, ma gli Alti Elfi che presero poi il nome di Elfi del Sangue, discendono da quelli che seguirono Dath'Remar; fu quest'ultimo a fondare Quel'Thalas e ad esserne incoronato per primo come Alto Re.

    Sono stato molto conciso su questa parte perché non riguardava direttemente Malfurion, quindi cercherò di chiarirla un po' senza però dilungarmi eccessivamente XD

    Dopo che Nordrassil fu piantato e benedetto, gli Alti Nobili (Highborne) cercarono di riconciliarsi con la società degli elfi della notte. Inizialmente riuscirono a convivere in pace, ma questa situazione non durò a lungo. Quando i sopravvissuti alla guerra decisero di ripudiare ogni forma di magia arcana accettando solo il druidismo, l'equilibrio venne meno. Dath'Remar definì i druidi come dei codardi che avevano paura di usare la magia arcana e con i morsi della dipendenza dalla magia che si facevano sempre più pesanti decise di giocare il tutto per tutto. Dath'Remar guidò gli Alti Nobili in quello che doveva essere un tentativo di convincere i druidi, scatenando una violenta tempesta magica sulla foresta di Valtetra (Ashenvale). Ovviamente l'effetto che ottennero fu l'opposto e vennero di conseguenza esiliati.

    Nel tentativo di ricominciare da zero, crearono navi speciali ed affrontarono il Maelstorm. Approdarono nelle Radure di Tirisfal e Dath'Remar riprese il suo antico nome, Sunstrider o "he who walks the day" (*), per simboleggiare quello che il suo popolo stava affrontando. Anche qui non trovarono la pace e dopo essere stati cacciati da Tirisfal, gli Alti Elfi guidati da Dath'Remar si spinsero a nord. Raggiunsero una terra nella parte settentrionale di Lordaeron e lì Dath'Remar, assieme ai suoi confratelli, creò il Pozzo Solare che sarebbe stata la base su cui avrebbe appoggiato il nuovo regno di Quel'Thalas. Quello che successe dopo e che portò gli Alti Elfi di Dath'Remar a diventare Elfi del Sangue, credo sia ben noto a tutti :)

    P.S. Gli Alti Elfi che si vedono a Dalaran sono quelli che al momento dell'esilio da Tirisfal, rimasero con gli umani e non seguirono Dath'Remar.

    (*) Non so come è stato tradotto alla lettera in italiano, ma questa frase si può trovare in un libro chiamato "The founding of Quel'Thalas" presente in 3 copie nel gioco: a Darkshore, Scholomance e Duskwood.
    5
  • PigoWallace 27 ottobre 2014, 20:23 PigoWallace
    BattleTag: Pigowallace#2109
    Messaggi: 261

    Iscritto il: 14 agosto 2011, 13:56
    #16
    Vi aggiungo una chicca che probabilmente molti avranno notato...

    Prima di Cata gli elfi della notte NON potevano essere mage come classe, proprio perché, per come ho detto nel messaggio prima, essi ripudiavano ogni forma di magia arcana. Uno dei gruppi reietti che continuavano a praticare la magia arcana erano gli Shen'dralar. Questo gruppo era costituito dai più importanti e riveriti arcanisti della Regina Azshara e vivevano nella città di Eldre'Thalas (le cui rovine sono oggi chiamate Dire Maul). Tra le loro mani passavano le più importanti ed esclusive richieste della Regina stessa e, dato che operavano in segreto, non rispondevano a nessuno se non ad Azshara.
    Dopo la distruzione del Pozzo dell'Eternità e della spaccatura di Azeroth, Eldre'Thalas fu distrutta dai terremoti, ma alcuni dei suoi abitanti non fuggirono/morirono.

    Tramite questi pochi rimasti potevamo alzare la reputazione con questa fazione che era necessaria per l'impresa "Insane in the Membrane". Con l'avvento di Cata l'impresa fu cambiata e la fazione Shen'dralar rimossa dai requisiti...
    Questo perché gli Shen'dralar furono reingrati nella società degli elfi della notte e tramite i loro insegnamenti, nacque una nuova generazione di elfi della notte in grado di manipolare la magia arcana e di conseguenza abbandonarono le antiche rovine della loro città per tornare a vivere con i loro simili. :)

    Ma... potrebbe esserci un ma... /* mia speculazione */
    Gli Shen'dralar restano comunque degli Alti Nobili della antica società degli elfi della notte e probabilmente nutrono un forte disprezzo per le razze "inferiori" presenti nell'Alleanza. Hanno, inoltre, moltissimi punti in comune con gli elfi del sangue, sia come ideologia che come aspetto e poteri (chiaramente)...
    E se questo fosse soltanto un piano? Se si fossero intrufolati segretamente nella società degli elfi della notte per smembrarla dall'interno per sedare la loro sete di vendetta?
    Forse si sono alleati con gli elfi del sangue e quando sarà il momento si ribelleranno con i loro stessi fratelli elfi della notte sfruttando le antiche rovine di Dire Maul come base a Kalimdor per gli elfi del sangue...
    /* fine mia speculazione */

    Dato che è una speculazione, ovviamente NON è lore quanto ho appena detto :)
    4
  • ciccio44 27 ottobre 2014, 20:29 ciccio44
    BattleTag: Attil#2201
    Messaggi: 2335

    “Che può esserci al di sopra di uno che è al di sopra della fortuna?”
    #17
    NON lo è, ma qualche trama di questo genere non farebbe che bene a Warcraft!
    Se non sbaglio sono quei tizi che parlano tra di loro a Darnassus right?
    0
  • PigoWallace 27 ottobre 2014, 21:18 PigoWallace
    BattleTag: Pigowallace#2109
    Messaggi: 261

    Iscritto il: 14 agosto 2011, 13:56
    #19
    ciccio44 ha scritto:NON lo è, ma qualche trama di questo genere non farebbe che bene a Warcraft!
    Se non sbaglio sono quei tizi che parlano tra di loro a Darnassus right?


    @ciccio44

    L'attuale leader degli Shen'dralar si chiama Mordent Vesprombroso, è un Arcimago ed è effettivamente a Darnassus all'interno della Quercia Ululante.

    Riguardi i tizi da te citati, scusa ma non so a quali ti riferisci (sorry)
    0
  • ciccio44 27 ottobre 2014, 23:28 ciccio44
    BattleTag: Attil#2201
    Messaggi: 2335

    “Che può esserci al di sopra di uno che è al di sopra della fortuna?”
    #20
    @PigoWallace scusa non volevo far chissà qual riferimento, semplicemente ricordavo da cata coppie "nuove" di elfi che discutono per Darnassus, se non sbaglio dei maghi che si definiscono alti elfi.

    Andrei a controllare di persona se ci sono ancora ma Bnet mi lascia in coda a vita lol.
    0
  • MasterRedzCommunity Manager 28 ottobre 2014, 00:17 MasterRedz
    BattleTag: MasterRedz#2155
    Messaggi: 4963

    "La tua anima sarà mia!"
    #21
    Se, anzi, quando tornerà Azshara, da che parte staranno? Questa è il punto... Rimarranno orripilati dal destino degli altri Highborne trasformati in Naga o decideranno di seguire la loro imperatrice? Integrazione o dominio?
    È un conflitto molto simile a quello fra Orda e Vera Orda, se ci si pensa.
    0
  • PigoWallace 28 ottobre 2014, 00:22 PigoWallace
    BattleTag: Pigowallace#2109
    Messaggi: 261

    Iscritto il: 14 agosto 2011, 13:56
    #22
    ciccio44 ha scritto:PigoWallace scusa non volevo far chissà qual riferimento, semplicemente ricordavo da cata coppie "nuove" di elfi che discutono per Darnassus, se non sbaglio dei maghi che si definiscono alti elfi.

    Andrei a controllare di persona se ci sono ancora ma Bnet mi lascia in coda a vita lol.


    @ciccio44
    Ahhhhh okok! Qualcosa avevo visto e in effetti se a Darnassus vai a cercare il trainer del mago e dello stregone, non troverai delle belle figurine... anzi, sono proprio losche figure e.... stanno discutendo animatamente con il leader degli Shen'dralar, Mordent Vesprombroso! :D

    Certo, questo potrebbe semplicemente significare che lui li sta istruendo, ma mi piace pensare che ci sia qualcosa sotto ;)
    1
  • SERAPHIMON 28 ottobre 2014, 16:53 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1561

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #23
    Chissà come Maiev prenderà la bella notizia! :-D 0
  • grallenMost Valuable Poster 28 ottobre 2014, 16:59 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5724

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #24
    SERAPHIMON ha scritto:Chissà come Maiev prenderà la bella notizia! :-D

    @SERAPHIMON

    MM non hai letto il libro Cuore di Lupo? :)

    In ogni caso far tornare i Shen'dralar è stata una decisione di Malfurion ma quest'ultimi sono molto sorvegliati dai Druidi ed il loro campo d'azione è molto limitato.

    Sono anche io sicuro che quando finalmente Azshara riemergerà dalle profondità marine i Shen'dralar o alcuni di essi tradiranno l'Alleanza per ritornare dalla loro Regina.
    0
  • Commenta la notizia 12