• Scritto da ,
    Il Santuario di Rubino è la tana dei draghi rossi comandati dalla fiera Alexstrasza, contro cui non molto tempo addietro una parte del potente stormo dei draghi neri aveva lanciato un assalto. Il loro obiettivo era quello di spianare la strada per il ritorno su Azeroth del loro reggente, Alamorte.

    La prima mossa che tentarono di portare a segno, senza successo tra l'altro, fu la distruzione della Lega dei Draghi, la sacra alleanza che unisce i diversi stormi. L'attacco era guidato da Halion con il supporto di Saviana Fiammafurente, Baltharus e Zarithrian. Questi ultimi appartenevano allo Stormo dei Draghi del Crepuscolo, creature frutto degli esperimenti magici di Dama Sinestra su uova di drago. Pur risultando simili ai draghi neri, brillavano di una oscura luce violacea. Sinestra decise di creare una razza di draghi che avrebbero governato il mondo. Servendosi del Draco Fatuo Zzeraku e di alcuni manufatti draconici riuscì ad alterare delle uova di drago provenienti da diversi stormi. Le sue prime creazioni furono molto instabili, ma possedevano la sorprendente abilità di sottrarre energia magica dai corpi di altri draghi. I successivi esperimenti furono positivi e portarono alla nascita di Dargonax. Quest'ultimo, tuttavia, era troppo potente per Sinestra e sfuggì dal suo controllo. Soltanto il sacrificio di Zzeraku riuscì a fermare Dargonax che nel morire uccise la sua creatrice. Tuttavia, alcune uova non ancora schiuse furono portate in salvo da Alamorte che le nascose nei tunnel sotto Grim Batol al fine di completare ciò che Sinestra non era stata in grado di realizzare.

    Immagine

    Recentemente alcune di esse, strettamente sorvegliate dal malefico drago nero Sartharion, erano state viste all'interno della Camera degli Aspetti, che permette l'accesso al Santuario di Rubino. Si tratta di un'enorme caverna, così grande che la stessa Alexstrasza a confronto potrebbe sembrare un moscerino. I muri sono completamente lisci e perfettamente curvi mentre il pavimento è un immenso cerchio piatto geometricamente perfetto. Tutto ciò è illuminato da una luce dorata che non ha fonte. Il Santuario di Rubino, tra l'altro, è il luogo dove Alamorte rivelò ai suoi compagni Aspetti l'arma definitiva per sconfiggere la Legione Ardente, l'Anima del Drago, un potente manufatto forgiato dal dragone nero durante la Guerra degli Antichi che conteneva il potere combinato degli stormi dei draghi. In passato, non si conosceva con esattezza il posto in cui si trovava la camera degli Aspetti. Si pensava che fosse in qualche remoto angolo di Kalimdor ma con l'esplorazione di Nordania, durante la guerra contro il Re dei Lich, si è scoperto che il Santuario di Rubino è in realtà situato al di sotto del Tempio della Lega dei Draghi a Dracombra. Alcuni studiosi ritengono che gli Aspetti abbiano la capacità di entrare nella suddetta caverna da qualsiasi luogo, ma questa pratica non è mai stata osservata a causa della loro abilità nel celare le proprie azioni. Generalmente questo luogo veniva utilizzato dagli Aspetti per riunirsi e prendere decisioni sugli eventi che accadevano ad Azeroth.
    Condividi articolo
11 commenti
  • SindacoRedazione 22 febbraio 2015, 20:22 Sindaco
    BattleTag: Sindaco#2105
    Messaggi: 76

    Iscritto il: 03 luglio 2014, 12:04
    #1
    La mia domanda, da appassionato di lore, è una sola: quale ruolo possono ancora avere gli Aspetti nell'Era dei Mortali? Abbiamo visto come gli eventi che ci hanno condotto alla Draenor alternativa siano stati orchestrati da due draghi "minori", ovvero Kairozdormu (morto in maniera piuttosto stupida) e Irathion (i cui scopi sono tuttora nebulosi) mentre, a parte la partecipazione al processo a Garrosh, gli Aspetti privi dei loro poteri non possano più perseguire lo scopo per il quale erano stati creati dai Titani. Vi sono ancora Dei Antichi che dormono nelle profondità di Azeroth e, in caso di un loro risveglio, chi guiderà le razze mortali? 0
  • R3wu0Redazione 22 febbraio 2015, 20:37 R3wu0
    BattleTag: Xly#21584
    Messaggi: 845

    Passate in Orda. Noi abbiamo Picco del Tuono!!
    #2
    Gli Aspetti in realtà possono ancora fare la differenza, hanno si perso i poteri ma hanno una conoscenza del mondo e della sua storia che nessuno ha in tutta Azeroth e quindi possono ancora svolgere un ruolo importante e questo lo capiscono loro stessi, basta leggere il libro L'aurora degli aspetti.
    Non saranno più potenti come un tempo ma sono comunque una risorsa molto valida per i mortali e potranno dare un grandissimo contributo
    0
  • grallenMost Valuable Poster 23 febbraio 2015, 08:39 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5719

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #3
    Vi sono ancora Dei Antichi che dormono nelle profondità di Azeroth e, in caso di un loro risveglio, chi guiderà le razze mortali?


    I mortali hanno già ampiamente dimostrato di riuscire ad avere la meglio su esseri divini anche senza l'aiuto degli ex aspetti.

    Non saranno più potenti come un tempo ma sono comunque una risorsa molto valida per i mortali e potranno dare un grandissimo contributo


    Sono d'accordo sperando che quelli rimasti (Nozdormu, Ysera, Alexstraza e Kalecgos) non impazziscano o succeda altro su di loro. Nozdormu potrebbe essere un buon candidato a impazzire ma speriamo di no.

    Sarebbe interessante sapere se i draghi usino ancora tale luogo per incotrarsi o è abbandonato
    0
  • SERAPHIMON 23 febbraio 2015, 11:00 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1560

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #4
    Sindaco ha scritto:La mia domanda, da appassionato di lore, è una sola: quale ruolo possono ancora avere gli Aspetti nell'Era dei Mortali? Abbiamo visto come gli eventi che ci hanno condotto alla Draenor alternativa siano stati orchestrati da due draghi "minori", ovvero Kairozdormu (morto in maniera piuttosto stupida) e Irathion (i cui scopi sono tuttora nebulosi) mentre, a parte la partecipazione al processo a Garrosh, gli Aspetti privi dei loro poteri non possano più perseguire lo scopo per il quale erano stati creati dai Titani. Vi sono ancora Dei Antichi che dormono nelle profondità di Azeroth e, in caso di un loro risveglio, chi guiderà le razze mortali?

    @Sindaco

    Cosa succede ad un uomo quando và in pensione? Consiglia la nuova generazione, fornisce supporto e diventa una fonte di sapere che mantiene unita la famiglia facendola progredire.

    Se i draghi fossero un clan o una tribù come gli indiani, gli ex Aspetti non sarebbero più capi tribù, ma sarebbero diventati i Grandi Saggi
    1
  • Alather 14 aprile 2015, 10:45 Alather
    BattleTag: Alather#1601
    Messaggi: 6

    Iscritto il: 17 luglio 2014, 17:42
    #5
    Sindaco ha scritto:La mia domanda, da appassionato di lore, è una sola: quale ruolo possono ancora avere gli Aspetti nell'Era dei Mortali? Abbiamo visto come gli eventi che ci hanno condotto alla Draenor alternativa siano stati orchestrati da due draghi "minori", ovvero Kairozdormu (morto in maniera piuttosto stupida) e Irathion (i cui scopi sono tuttora nebulosi) mentre, a parte la partecipazione al processo a Garrosh, gli Aspetti privi dei loro poteri non possano più perseguire lo scopo per il quale erano stati creati dai Titani. Vi sono ancora Dei Antichi che dormono nelle profondità di Azeroth e, in caso di un loro risveglio, chi guiderà le razze mortali?

    @Sindaco
    Non credo che Irathion sia propriamente un Drago Minore...comunque c'è sempre quello strano potere "dormiente" sotto Tirisfal...
    0
  • Greymane 16 aprile 2015, 20:51 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 5925

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #6
    @SERAPHIMON @grallen @R3wu0

    Oltre alla loro conoscenza, anche se non più potenti come un tempo, rimangono sempre dei draghi più forti dei loro confratelli. Una potenza da non sottovalutare...oltre al fatto che sono i "Re" e "Regine"del proprio stormo, se scendono in campo loro, scendo lo stormo intero :good:
    1
  • grallenMost Valuable Poster 16 aprile 2015, 21:15 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5719

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #7
    Greymane ha scritto:SERAPHIMON grallen R3wu0

    Oltre alla loro conoscenza, anche se non più potenti come un tempo, rimangono sempre dei draghi più forti dei loro confratelli. Una potenza da non sottovalutare...oltre al fatto che sono i "Re" e "Regine"del proprio stormo, se scendono in campo loro, scendo lo stormo intero :good:

    @Greymane

    MM lo stormo blu sono tutti divisi tanto che Kalecgos è rimasto quasi l'unico drago blu a Nordania. Nozdormu è in crisi e anche lo suo stomo lo è ed è diviso. Lo stormo rosso e Verde hanno subito molte perdite ma sono forse gli unici dove i loro leader (Alexstraza e Ysera) hanno ancora un buon comando.
    0
  • Greymane 17 aprile 2015, 02:01 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 5925

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #8
    @grallen
    È vero, ma lo stormo dei draghi blu è diviso in due luoghi, chi ha deciso di andarsene se ne è tornato nel loro "piano di esistenza" (ricordo che i draghi hanno un luogo comune, su wowwiki dovreste trovarlo come Dragon Island), chi è rimasto ha accettato le redini di Kalecgos, su Nozdormu ed il suo stormo non so dire molto perché ho un po di lacune su ciò.
    Personalmente ritengo lo stormo blu e quello rosso fuori pericolo, sebbene Kalecgos abbia avuto un sacco di dissentenze da parte degli stessi draghi blu.
    I rossi hanno avuto le loro perdite ma al momento mi sembrano quelli meno in crisi
    È però vero che lo stormo dei verdi è sempre piú in pericolo per via dell'Emerald Nightmare (Incubo di Smeraldo) che avanza sempre di più.
    Personalmente, non dico che debbano darci il loro appoggio, e ciò sará in base alle loro scelte, ma in caso un ipotetico stormo rosso ci dará l'appoggio, oltre alla saggezza di Alexstrasza, è un vantaggio non trascurabile...sono sempre dei draghi, "armi" di distruzione di massa ma con una propria volontá e saggezza, diciamo non è neanche paragonabile alle catapulte della piaga usate al Wrathgate.
    Questo ovviamente in una ipotetica azione, ovvio.
    0
  • grallenMost Valuable Poster 17 aprile 2015, 09:52 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5719

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #9
    @Greymane

    È vero, ma lo stormo dei draghi blu è diviso in due luoghi, chi ha deciso di andarsene se ne è tornato nel loro "piano di esistenza" (ricordo che i draghi hanno un luogo comune, su wowwiki dovreste trovarlo come Dragon Island),


    Nel libro L’Alba degli Aspetti dei Draghi blu non è rimasto praticamente nessuno con Kalecgos tanto che è praticamente da solo a proteggere L'Occhio dell'Eternità.

    Nel libro poi sarebbe finito se non fosse intervenuta Jaina a salvarlo proprio perchè non c'era nessun drago blu nè nel luogo nè in zona. Lo stormo Blu è certamente quello più in crisi e diviso.

    I rossi hanno avuto le loro perdite ma al momento mi sembrano quelli meno in crisi


    Si è vero fortunatamente Alexstraza riesce per ora a tenere unito il suo stormo che la riconosce ancora come la sua regina e propria madre ma i draghi rossi sono quelli che maggiormente hanno subito perdite pesanti in tutti in conflitti.

    È però vero che lo stormo dei verdi è sempre piú in pericolo per via dell'Emerald Nightmare (Incubo di Smeraldo) che avanza sempre di più.


    L'Incubo Smeraldino è stato debellato nella storia del libro Grantempesta avvenuta prima del Cataclisma e non desta più problemi dato che l'autore dell'incubo (xavius) è stato ucciso e sconfitto. Non si sa chi c'era dietro di lui ed è rimasta solo una fenditura dall'abisso insondabile nel Sogno Smeraldino che poi dovrebbe corrispondere ad una fenditura in fondo al mare nell'Azeroth ma per ora è sigillato e non pone problemi.

    Ysera si è risvegliata ed i draghi verdi hanno subito alcune perdite dovute più che altro ad dei tradimenti interni ma il restante stormo riconosce Ysera e sono piuttosto uniti.

    su Nozdormu ed il suo stormo non so dire molto perché ho un po di lacune su ciò.


    Nozdormu è forse degli ex aspetti quello più in crisi per la perdita dei suoi poteri e sembra che la storia con Murozond sia il suo futuro nonchè la sua morte. Infatti quando sconfiggiamo Murozond, Nozdormu dice:


    "At last it has come to pass. The moment of my demise. The loop is closed. My future self will cause no more harm.
    Still, in the future, I will... fall to madness. And you, heroes... will vanquish me. The cycle will repeat. So it goes.
    What matters is that Azeroth did not fall; that humanity survived to live another day.
    All that matters... is this moment."

    Quindi è probabile che in un futuro magari non troppo lontano dovremo lottare nuovamente contro Murozond e questo potrebbe far capire come mai lo stormo dell'infinito non sia scomparso con la morte del suo leader. All'interno poi dello stormo bronzeo si sono formati due correnti opposte senza contare che tale stormo non è mai stato particolarmente numeroso.

    Personalmente, non dico che debbano darci il loro appoggio, e ciò sará in base alle loro scelte, ma in caso un ipotetico stormo rosso ci dará l'appoggio, oltre alla saggezza di Alexstrasza, è un vantaggio non trascurabile...sono sempre dei draghi, "armi" di distruzione di massa ma con una propria volontá e saggezza, diciamo non è neanche paragonabile alle catapulte della piaga usate al Wrathgate.
    Questo ovviamente in una ipotetica azione, ovvio.


    Credo i draghi ritorneranno e sicuramente Alexstraza, Ysera e Kalecogs ci daranno il loro appoggio ma dubito fortemente per Nozdormu.
    0
  • Greymane 17 aprile 2015, 15:43 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 5925

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #10
    @grallen ah ecco infatti: l'Alba degli Aspetti e Grantempesta mi mancano da leggere rofl

    Comunque il mio discorso era in generale e non per forza collegato al Lore, era per dire che i draghi in guerra sono sempre un vantaggio non trascurabile :)
    0
  • grallenMost Valuable Poster 17 aprile 2015, 16:23 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5719

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #11
    Greymane ha scritto:grallen ah ecco infatti: l'Alba degli Aspetti e Grantempesta mi mancano da leggere rofl

    Comunque il mio discorso era in generale e non per forza collegato al Lore, era per dire che i draghi in guerra sono sempre un vantaggio non trascurabile :)

    @Greymane

    Non lo metto nemmeno in dubbio questo :)
    0
  • Commenta la notizia