• «Combatteremo fino alla fine».
    Vereesa Ventolesto

    Vereesa, nata in una famiglia nobile della società elfica, crebbe nel Pinnacolo di Ventolesto, situato nel mezzo delle tranquille e maestose foreste di Quel’Thalas. Al tempo della Seconda Guerra un gruppo di orchi bruciò grandi quantità di foreste nel regno, facendo infuriare tutti i suoi abitanti. Gli elfi decisero per questo motivo di unirsi all'Alleanza di Lordaeron, creata per respingere gli assalti di questi nemici.

    Gli attacchi massicci degli orchi contro il regno degli elfi condussero alla morte diversi membri della famiglia di Vereesa, che, insieme con le sue due sorelle Alleria e Sylvanas, si unì ai Guardaboschi di Quel’Thalas. L'abilità delle tre giovani le portò ad una rapida ascesa nei ranghi dell'esercito e con sua grande sorpresa Vereesa fu infine nominata generale di Lunargenta.

    La sua prima missione fu quella di scortare un mago chiamato Rhonin, ex membro del Kirin Tor, per condurlo fino ad un porto nella parte orientale di Lordaeron. Dopo alterne vicende, giunsero a Grim Batol, dove Veeresa scoprì il vero scopo dell'uomo: liberare Alexstrasza e tutto lo stormo di draghi rossi. Nel corso della missione, scoccò una scintilla d'amore tra loro e dopo aver liberato con successo l'Aspetto draconico, il sentimento tra i due divenne sempre più forte e più profondo fino a portarli al matrimonio.

    Pochi anni più tardi, il Flagello, con il fine di far risorgere Kel’Thuzad, attraversò tutto il regno di Quel'Thalas fino all’isola di Quel'Danas dove si trovava il potente Pozzo Solare. Per sua fortuna, la coppia non si trovava all’interno del territorio elfico e questo fece la loro salvezza. Il destino dei componenti della famiglia Ventolesto non fu altrettanto positivo; Sylvanas venne infatti uccisa e riportata in vita come una banshee al servizio del Re dei Lich. Il nonno delle sorelle dovette affrontare e combattere contro il proprio figlio mentre il loro zio fu trasformato in un non morto. Mentre si verificavano questi eventi, Vereesa partorì due gemelli che furono poi chiamati Galdarin e Giramar.

    Zendarin, un cugino di Vereesa che si era unito ai seguaci di Kael’thas, ipotizzò che i figli frutto dell’unione tra un elfo alto e un mago umano avrebbero posseduto grandi poteri magici. Per soddisfare la sua sete di magia, rapì i due gemelli ma non riuscì nel suo intento. Vereesa raggiunse Grim Batol con l'intenzione di vendicarsi di suo cugino e lì scoprì che quest’ultimo stava utilizzando l’Anima del Drago, distrutta da Rhonin durante la liberazione di Alexstrasza, per soddisfare ancora una volta il suo insaziabile desiderio di energia magica. Senza batter ciglio, l’Alta Elfa annientò l’artefatto insieme alla vita del cugino.

    Dopo la ricostruzione di Dalaran e il trasferimento della città a Nordania, Vereesa fondò il Patto d'Argento, una forza militare di elfi appartenente al Kirin Tor che si oppose all’inclusione degli Elfi del Sangue – o Sin'dorei – nella città dei maghi. L’Orda, con Garrosh Malogrido come Capoguerra, iniziò ad attaccare Acquemorte cercando di distruggere la città neutrale di Theramore, guidata da Jaina Marefiero. La maga chiese aiutò al Kirin Tor che inviò poche ma efficaci unità, tra cui c’erano anche Vereesa e Rhonin.

    Un avvertimento fece sì che Vereesa insieme all'elfa della notte Shandris Piumaluna, generale dell'Armata delle Sentinelle, seguisse le tracce di una spia dell'Orda che aveva tradito la prestigiosa organizzazione dei maghi. Mentre erano nel mezzo della spedizione, l’Orda attaccò Theramore rilasciando una bomba di mana sulla città che uccise quasi tutti i suoi abitanti. Tra i caduti ci fu anche Rhonin che riuscì comunque a salvare Jaina lanciando su di lei un incantesimo di protezione. Dopo la distruzione della città, la maga cambiò totalmente il suo modo di rapportarsi con l’Orda. La goccia che fece traboccare il vaso fu il tradimento dei Predatori del Sole, una fazione sin'dorei all'interno del Kirin Tor. I suoi seguaci usarono i portali della città di Dalaran per rubare all'Alleanza un oggetto denominato La Campana Divina, che dalle terre esotiche di Pandaria era stata recuperata e portata a Darnassus per essere studiata dagli elfi della notte.

    Jaina, che dopo la morte di Rhonin era divenuta il leader del Kirin Tor, espulse da Dalaran tutti i Predatori del Sole dando loro due possibilità: o la resa, con la conseguente prigionia nella Fortezza Violacea, o la morte. Pochi mesi più tardi, dopo l'assedio di Orgrimmar, Vereesa assistette al processo di Garrosh. In quel frangente, Vereesa ebbe modo di rivedere sua sorella Sylvanas.

    Entrambe odiavano l'ex Capoguerra e pensarono di avvelenarlo durante la sua permanenza nella prigione del tempio presso il quale si stava svolgendo il processo. Tutto sembrava procedere secondo i piani, se non fosse che toccò a Vereesa far recapitare il pasto mortale a Garrosh. L’alta elfa rimase frastornata quando scoprì che il Principe di Roccavento Anduin Wrynn avrebbe incontrato l'ex Capoguerra quel giorno, mangiando dallo stesso piatto e forse condividendo con lui quello stesso cibo. Vereesa, per paura di uccidere l'erede al trono del più grande regno umano, fermò il ragazzo prima che si recasse dal prigioniero, avvisandolo con queste parole: «Credo che la Luce sia all'opera qui. Rimetto a te la mia scelta. Il cibo di Garrosh è avvelenato. Fanne ciò che vuoi di questa informazione».

    Il principe decise di lasciar vivere il prigioniero e Sylvanas, dopo aver saputo quello che aveva fatto sua sorella, si sentì tradita e andò su tutte le furie. Nel frattempo Vereesa tornò a Dalaran, dove risiede attualmente con i suoi due figli. Da Azeroth sostiene la spedizione di Jaina su Draenor, restando alla guida del Patto d'argento senza dover più temere alcun nemico all'interno della stessa città.
    Condividi articolo
11 commenti
  • Vlad78 18 giugno 2015, 12:16 Vlad78
    BattleTag: Vlad78#2808
    Messaggi: 3280

    Chi gioca face hunter non mi addi, lo denuncio! :P
    "Tutti a cazzo durissimo qui,grandi!" cit. Peppu90 <3
    #1
    @Meriel ,conoscevo colpevolmente poco su Vareesa, come sempre articoli bellissimi,ne leggerei ogni giorno:D 2
  • IlDon 18 giugno 2015, 12:54 IlDon
    BattleTag: IlDon#2503
    Messaggi: 620

    Do You Like to PLay with Fire?
    #2
    Quindi fatemi capire perchè manco da febbraio: dalaran è stata finalmente pulita dai sin'dorei realmente (quindi non solo per la quest di MoP) oppure no? O.o 0
  • Exhumed 18 giugno 2015, 14:00 Exhumed
    BattleTag: Punisher666#2193
    Messaggi: 2715

    Hell On Earth
    #3
    Bellissimo racconto, amo scoprire sempre cose nuove sul lore di Warcraft :) 0
  • grallenMost Valuable Poster 18 giugno 2015, 14:57 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5730

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #4
    Ottimo articolo!!

    IlDon ha scritto:Quindi fatemi capire perchè manco da febbraio: dalaran è stata finalmente pulita dai sin'dorei realmente (quindi non solo per la quest di MoP) oppure no? O.o

    @IlDon

    Dalaran in game che volteggia ancora a Nordania è esattamente cosi da anni senza aggiornamenti :good: .

    Nella storia i Predatori del Sole non sono più a Dalaran.

    C'è da dire che il tradimento fu perpetrato da pochi membri della fazione degli elfi e non da tutti quanti.

    Vereesa come tutte le sorelle Ventolesto hanno un carattere estremamente risoluto e pronte a tutto per la propria famiglia. Durante gli avvenimenti nel libro "Crimini di Guerra" ha rischiato di essere trasformata in una banshee da Sylvanas se avesse portato avanti il piano. Fortuna che quest'ultima ha ancora una coscienza ed ha due splendidi bambini che le hanno fatto fare la scelta giusta :good:
    4
  • IlDon 19 giugno 2015, 06:21 IlDon
    BattleTag: IlDon#2503
    Messaggi: 620

    Do You Like to PLay with Fire?
    #5
    @grallen grazie mille delle info :D

    Devo essere sincero, quando ho dovuto aiutare Jaina e Vereesa a "pulire" Dalaran mi sono divertito come un bambino, una delle quest più belle in 10 anni di wow :D
    1
  • Greymane 20 giugno 2015, 04:35 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 5936

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #6
    @grallen beh oddio, non è che i bambini le abbiano fatto fare la scelta giusta :D
    Sicuramente sono stati il primo pensiero che le ha fatto dubitare della scelta di diventarlo, questo si, però sono dell'idea che, se Anduin non avesse incontrato Garrosh quello stesso giorno, probabilmente lei sarebbe andata avanti col piano escogitato insieme a sua sorella.
    Riguardo la complicitá dei Sunreavers intendi sul furo della Campana o sulla Bomba di Mana? Ora non ricordo perfettamente, ma l'Arcimago Aethas Sunreaver e i complici non stavano proprio dalla parte di Garrosh, penso più che altro fosse per motivi di studio dell'artefatto. Comunque concordo, i complici erano pochissimi, si e no, tra quelli rinomati, erano 3 /4 componenti.
    Riguardo Vareesa mmm, come personaggio mi è sempre piaciuto, come tutta la famiglia Windrunner, però come la sorellina Sylvanas, ha il problema che quando si incazza non ragiona più con la testa.
    E proprio per questo ci sono da fare delle considerazioni:
    A differenza di Alleria, Vareesa e Sylvanas potremmo quasi considerarle la stessa persona da un punto di vista caratteriale, certo, ormai Sylvanas ha il cervello che è in cancrena, ma se uno legge il libro (come giá citato da Grallen, Crimini di Guerra) si capisce perfettamente che non sono così diverse l'una dall'altra. Vediamo come andrá avanti la storia, personalmente spero che non accada niente di brutto a nessuna delle due, ma chissá con cosa se ne uscirá la Blizz :)

    Riguardo l'alrticolo, sempre ottimo!!! Rileggere tutte queste storie fa sempre venire in mente quante cose ci siano ancora in sospeso...ogni volta che leggo un qualsiasi cosa sul Lore di WoW mi sembra sempre di tornare ai tempi in cui mi approcciavo per la prima volta alla storia di Warcraft, dal gran che è epico :O
    2
  • grallenMost Valuable Poster 20 giugno 2015, 08:24 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5730

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #7
    @Greymane

    @grallen beh oddio, non è che i bambini le abbiano fatto fare la scelta giusta :D
    Sicuramente sono stati il primo pensiero che le ha fatto dubitare della scelta di diventarlo, questo si, però sono dell'idea che, se Anduin non avesse incontrato Garrosh quello stesso giorno, probabilmente lei sarebbe andata avanti col piano escogitato insieme a sua sorella.


    I due avvenimenti vengono a braccetto insieme. Sicuramente se non avesse avuto il pensiero per i suoi due bimbi di Anduin ne sarebbe importato poco e avere incontrato Anduin la fatta desistere o semplicemente ha lasciato la decisione a quest'ultimo.

    In ogni caso non sapeva a quale sorte le sarebbe aspettato se fosse andata con sua sorella Sylvanas dato che quest'ultima non le aveva di certo detto "guarda ti trasformerò in una adorabile banshee come me" :P .

    Riguardo la complicitá dei Sunreavers intendi sul furto della Campana o sulla Bomba di Mana? Ora non ricordo perfettamente, ma l'Arcimago Aethas Sunreaver e i complici non stavano proprio dalla parte di Garrosh, penso più che altro fosse per motivi di studio dell'artefatto. Comunque concordo, i complici erano pochissimi, si e no, tra quelli rinomati, erano 3 /4 componenti.


    Mi riferivo al furto della Campana Divina. Per quanto riguarda la Bomba di Mana erano stati perdonati o comunque non avevano messo a rischio la neutralità di Dalaran, cosa che è successo con il furto della Campana Divina che ha poi provocato l'esagerata reazione sia di Jaina che di Vareesa. C'è da dire infatti come hai ricordato che i veri traditori tra gli elfi erano davvero pochi.

    Tutte le sorelle Ventolesto hanno un carattere impulsivo e dedite alla vendetta come possono. Contrariamente però di Sylvanas sia Alleria che Vareesa hanno sempre avuto qualcuno a cui potersi appoggiare o che le abbia fermate cosa che Sylvanas le è stato negato fin dal principio.

    L'unico problema di Vereesa è che ora è in esilio forzato nella città di Dalaran dato che come esce sarebbero in molti a volerva fare prigioniera.
    1
  • Raisorblade 22 giugno 2015, 14:54 Raisorblade
    BattleTag: Raisorblade#2938
    Messaggi: 33

    Iscritto il: 09 novembre 2014, 13:49
    #8
    "Vereesa Ventolesto" sembra il nome di un'elfa con problemi di aerofagia 0
  • SERAPHIMON 22 giugno 2015, 20:03 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1567

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #9
    un'altro bellissimo articolo sull'ennesimo splendido personaggio ricco di risvolti psicologici
    . . .
    ora che ho concluso il piacere devo svolgere il mio dovere di Lore Master quale sono stato nominato; immagino che questi errori siano stati fatti in quanto necessità di sintesi, ma non posso stare zitto ( e non lo farei neanche se potessi :$ ):

    "dove Veeresa scoprì il vero scopo dell'uomo: liberare Alexstrasza e tutto lo stormo di draghi rossi" - non ne sono sicuro, perchè non sono ancora riuscito a tradurre Il Giorno Del Drago, ma mi sembra che Rhonin fosse manipolato da Alamorte mentre era in versione umana per impossessarsi delle uova rosse

    "Tra i caduti ci fu anche Rhonin che riuscì comunque a salvare Jaina lanciando su di lei un incantesimo di protezione" - più che lanciando un incantesimo su di lei, lanciò proprio lei nel portale che la teletrasportò al sicuro :D

    "I suoi seguaci usarono i portali della città di Dalaran per rubare all'Alleanza un oggetto denominato La Campana Divina che si trovava nelle terre esotiche di Pandaria." - credevo che la Campana Divina fosse stata portata a Darnassus, per questo era indispensabile un portale per poterla rubare

    "se non fosse che toccò a Vereesa far recapitare il pasto mortale a Garrosh. L’alta elfa rimase frastornata quando scoprì che il Principe di Roccavento Anduin Wrynn avrebbe incontrato l'ex Capoguerra quel giorno, mangiando dallo stesso piatto e forse condividendo con lui quello stesso cibo. Vereesa, per paura di uccidere l'erede al trono del più grande regno umano, consegnò al ragazzo il vassoio su cui era contenuto il pasto, avvisandolo con queste parole: «Il cibo di Garrosh è avvelenato. Fai ciò che vuoi con questa informazione». " - Vereesa doveva solamente conoscere i pasti per avvelenarli, ma non doveva consegnarli lei, inoltre non mi sembra che ci fosse il timore di avvelenare anche Anduin, ma intraprese il suo incontro come un segno della luce
    0
  • Greymane 22 giugno 2015, 22:51 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 5936

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #10
    @SERAPHIMON si, la Campana Divina era stata portata a Darnassus, però lo svolgersi della missione richiedeva dei complici neutrali per togliere i sospetti, senza poi contare la storia dei portali e l'incantesimo della bolla di occultamento proprio fuori dalla stessa Darnassus, il tutto richiede dei maghi con un grande potere, essendo giá che creare un portale o anche solo un teleport richiede un grandissimo sforzo mentale e fisico 1
  • Rokhan 23 giugno 2015, 10:05 Rokhan
    Messaggi: 13

    Iscritto il: 20 febbraio 2015, 18:36
    #11
    @Meriel: Gli attacchi massicci degli orchi contro il regno degli elfi condussero alla morte diversi membri della famiglia di Vereesa, che, insieme con le sue due sorelle Alleria e Sylvanas, si unì ai Guardaboschi di Quel’Thalas.

    Veramente Alleria guida gia un gruppo di volontari elfi che si era unito all'allenza e Sylvanas era già comandante dei ranger.Comunque bell'articolo.
    1
  • Commenta la notizia