• Vi sono creature che si fanno carico del cambiamento, che vivono le transizioni trascinando i propri simili. Probabilmente non vedranno mai la fine del viaggio, ma di certo resteranno sempre vivi e presenti nei canti delle leggende.

    Orgrim Martelfato è nato fra i Roccianera, ma è stato cresciuto anche dagli Spaccatuono. Non era più forte dei suoi compagni, né più massiccio e nemmeno più coraggioso. Orgrim era un Orco di Draenor come ne esistevano molti altri. Fu l'incontro e l'amicizia d'infanzia con Durotan dei Lupi Bianchi, all'ombra della montagna sacra Oshu'gun, che fece crescere Orgrim in una direzione differente dai propri simili: la curiosità spinse sempre più lontano i due giovani Orchi, che studiavano prede e creature della loro terra con un occhio diverso da quello del solo cacciatore. Fu durante una di queste escursioni che Orgrim e Durotan si imbatterono in un feroce Ogre, rischiando la propria vita. Venne in loro soccorso un gruppo di Draenei, guidati da Restalaan, che abbatté l'Ogre e portò nella città nascosta di Telmor i due Orchi: vennero ospitati con grande onore nelle sale più sfarzose e lì conobbero il capo di quella comunità, il Profeta Velen, prima di essere riportati in prossimità della montagna sacra. Orgrim non dimenticò mai il comportamento saggio ed amichevole dei Draenei.

    Il passare del tempo vide Orgrim affrontare prove degne di un grande combattente, accrescendo così il proprio prestigio sia fra i Roccianera che fra gli Spaccatuono. Quando suo padre morì, Orgrim ricevette l'onore di brandire il potente Martelfato, un'arma legata al mondo degli spiriti e degli elementi, che scatenava nera dannazione sui nemici e innalzava la fama dell'Orco che lo usava. Tale tragica circostanza, unita all'onore guadagnato fra i clan, permise ad Orgrim di divenire il secondo in comando di Manonera, leader dei Roccianera.

    Di lì a poco, l'onore di Orgrim venne messo alla prova: sotto suggerimento dello stregone Gul'dan e dei suoi nuovi dei, i clan si unirono in un unico esercito, portando battaglia a coloro che vennero accusati di tramare per la distruzione dell'intera razza orchesca, i Draenei. Sebbene Orgrim non avesse taciuto il proprio pensiero riguardo tale questione, ricordando come i "nemici" non avevano fatto nulla per provocare o danneggiare gli Orchi, egli non trattenne mai Martelfato quando la cospirazione di Gul'dan e Manonera sfociò in guerra. Tuttavia, non riuscì a scrollarsi di dosso la sensazione che il suo popolo fosse stato ingannato, sensazione condivisa anche dall'amico Durotan.

    Quando i tempi furono maturi e Gul'dan portò la Legione su Draenor, Orgrim capì che i propri dubbi erano fondati: gli dei dello stregone non erano affatto la manifestazione di ciò che avrebbe reso grande l'Orda, piuttosto apparivano come un miasma che avrebbe consumato ogni cosa. Fu per questo motivo che non bevve il sangue di Mannoroth, adducendo come giustificazione il fatto d'essere indegno di ricevere il potere dal medesimo calice dal quale si erano alimentati i capi clan e lo stesso Manonera. Sebbene il capo dell'Orda accettò la giustificazione di Orgrim, altrettanto non fece Gul'dan, che da quel momento tenne d'occhio sia lui che Durotan.

    Immagine


    La smania di conquista di Manonera ardeva come un fuoco, alimentato dalle promesse di grandezza di Gul'dan. Con una semplicità quasi disarmante, il consiglio dei capi clan accettò l'idea di erigere un grande portale che avrebbe condotto in un nuovo mondo, ricco di terre da conquistare e razzie da compiere. Nei mesi che furono richiesti per ultimare il Portale Oscuro, Orgrim osservò la propria razza, divenuta dalla pelle verde, e il proprio mondo, che solo gli sciocchi e i vigliacchi si sarebbero rifiutati di definire morente e avvizzito. Si convinse, tuttavia, che la ricerca di nuove battaglie in un mondo differente fosse anche un modo per cercare una nuova patria ove poter tornare alle origini delle tradizioni del proprio popolo.

    Quando i crani degli abitanti di Azeroth si schiantarono sotto i colpi della sua foga, tuttavia, Orgrim si sorprese a trovarsi sempre meno motivato e giustificato dalle scelte di Manonera e sempre meno persuaso dalle motivazioni che spingevano lo stregone Gul'dan. Martelfato era pesante nelle sue mani, più di quanto fosse mai stato prima di quel momento; gli echi dei suoi antenati, compreso suo padre, lo perseguitavano nel sonno, maledicendolo per la sua codardia e spronandolo a cambiare il fato stesso. Con tali pensieri nel cuore, Orgrim attese il momento propizio, cercando nel frattempo alleati che lo sostenessero nel suo stesso clan e nei clan alleati. L'onore che lo aveva contraddistinto sia in battaglia che negli incontri fra i clan riscosse molte simpatie nei suoi confronti. Non confessò mai il piano che aveva in mente, piano che nemmeno lui era del tutto certo di voler portare a compimento.

    Durante uno dei suoi rituali, Gul'dan perse conoscenza e rimase in coma, avendo subito uno shock tremendo mentre cercava di ghermire i segreti celati nella mente di Medivh. Manonera decise di rallentare l'avanzata dell'Orda attraverso i regni umani di Azeroth per dare tempo allo stregone di riprendersi. Quell'insieme di circostanze permisero ad Orgrim di compiere la scelta che avrebbe lordato per sempre il suo onore, ma che avrebbe permesso alla propria razza di perdurare: durante un incontro privato, Orgrim uccise Manonera e reclamò così il titolo di Capo dell'Orda.

    Da quel momento, la mente di Orgrim divenne sgombra dalle voci dei propri antenati; Martelfato era tornato ad essere leggero ed implacabile nelle sue mani, recuperando un vigore che credeva ormai scomparso; Durotan e il clan dei Lupi Bianchi vennero di nuovo ammessi fra i ranghi dell'Orda, vanificando l'esilio voluto da Manonera e Gul'dan per l'aperta ostilità del capo clan verso le motivazioni dell'Orda. Eppure, Orgrim aveva il petto oppresso dal proprio tradimento, incapace di trovare pace nel cambiamento di cui si era fatto carico; ciò nonostante, egli era il nuovo Capo dell'Orda e aveva messo in moto eventi che richiedevano fermezza e onore, così da condurre la propria razza verso un destino migliore di quello che Manonera e Gul'dan avevano scelto fino a quel momento.



    Per Saperne di più
    Condividi articolo
27 commenti 12  
  • Cippacometa 27 maggio 2016, 13:23 Cippacometa
    BattleTag: cippacometa#1373
    Messaggi: 1097

    croccantezza
    #1
    Molto bene
    Non capisco perché uccida manonera però
    0
  • grallenMost Valuable Poster 27 maggio 2016, 14:57 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5728

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #2
    Cippacometa ha scritto:Molto bene
    Non capisco perché uccida manonera però

    @Cippacometa

    Manonera era una semplice marionetta nella mani di Gul'Dan e stava portando l'Orda e quindi gli orchi verso la rovina perchè bramava solo la battaglia e il sangue e senza contare che come capo valeva davvero poco.

    Al contrario Orgrim voleva dare una nuova casa agli orchi e Azeroth era una buona occasione sentendo anche gli spiriti dei suoi antenati che gli dicevano di agire, Orgrim agì e uccise il suo vecchio mentore ed essendo libero dalla presa di Gul'Dan (il quale era in coma) e non avendo bevuto il sangue demoniaco di Mannoroth potè fare delle scelte degne di un vero condottiero cercando di trovare una nuova casa agli orchi cosa che portò in futuro alla salvezza della razza.
    2
  • Rulez 27 maggio 2016, 16:34 Rulez
    BattleTag: Migraine#21867
    Messaggi: 618

    Iscritto il: 18 dicembre duemilaefattigliaffarituoi, all'ora che ne avevo voglia.
    www.twitch.tv/Credici che streammo, ho TeleTu
    #3
    @Cippacometa A quel che dice @grallen aggiungo che così fece tornare all'interno dell'Orda il suo amico Durotan e tutto il suo clan, il Clan dei Lupi Bianchi. 0
  • allanon 27 maggio 2016, 16:49 allanon
    Messaggi: 66

    Iscritto il: 01 agosto 2012, 15:54
    #4
    Interessante :)
    Ma si trovano libri sulla prima invasione degli orchi su Azeroth? Io nn ne ho trovati
    0
  • grallenMost Valuable Poster 27 maggio 2016, 17:12 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5728

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #5
    allanon ha scritto:Interessante :)
    Ma si trovano libri sulla prima invasione degli orchi su Azeroth? Io nn ne ho trovati

    @allanon

    L'ascesa dell'orda. World of Warcraft: 3, La discesa delle tenebre. World of warcraft: 4, World of Warcraft: Oltre il portale oscuro
    0
  • RelanceRedazione 27 maggio 2016, 18:50 Relance
    BattleTag: Relance#2653
    Messaggi: 2155

    Sulla mia lapide ci sarà scritto " NON C'è NIENTE DA QUESTA PARTE, PIVELLI!" e " Scusi se non mi alzo."
    #7
    @Rulez spoilers!!!!!! rofl rofl rofl rofl

    Ovvero... attendasi la parte 2 dell'articolo ;)

    @allanon purtroppo rimane scoperta la parte centrale della distruzione di Stormwind. L'ascesa dell'orda parla dell'intera corruzione della razza fino all'attraversamento del portale oscuro; La discesa delle tenebre, invece, parte da dopo che Stormwind è stata saccheggiata e Blackhand è stato ucciso.

    Insomma, rimane giusto fuori la parte narrata alla fine di questo articolo e trattata nel film di Warcraft ;)
    0
  • UnistallPls 27 maggio 2016, 21:02 UnistallPls
    Messaggi: 3

    Iscritto il: 18 maggio 2016, 20:15
    #8
    La storia è riassunta molto bene. Complimenti all'autore dell'articolo! 0
  • Cippacometa 28 maggio 2016, 08:32 Cippacometa
    BattleTag: cippacometa#1373
    Messaggi: 1097

    croccantezza
    #9
    @grallen mitico!
    però io mi ricordo in WII che orgrim era verde di pelle? o svarioni io?!?
    0
  • grallenMost Valuable Poster 28 maggio 2016, 08:59 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5728

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #10
    Cippacometa ha scritto:grallen mitico!
    però io mi ricordo in WII che orgrim era verde di pelle? o svarioni io?!?

    @Cippacometa

    Non ricordo perchè ci ho giocato moltissimo tempo fa a Warcraft 2 ma se ricordo bene tutti gli orchi in quel gioco erano verdi.



    Dalle recenti versioni cartacee (libri), dove la storia è stata rivista, sappiamo per certo che sia Orgrim che Durotarn (di conseguenza anche la moglie e il clan di quest'ultimo) non bevvero dal calice di Gul'Dan dove c'era il sangue di Mannoroth e di conseguenza non divennero verdi.

    UnistallPls ha scritto:La storia è riassunta molto bene. Complimenti all'autore dell'articolo!


    Sottoscrivo anche io :good:
    1
  • Deinoforo 28 maggio 2016, 10:34 Deinoforo
    BattleTag: Deinoforo#2266
    Messaggi: 2073

    micio micio miao miao
    #11
    FORSE se ne parla nel libro Medivh: L'ultimo Guardiano, purtroppo in italia ne sono state tradotte pochissime coppie, o non è stato proprio tradotto...non ricordo (boh) 0
  • sciabalalla 28 maggio 2016, 10:35 sciabalalla
    BattleTag: sciabalalla#2637
    Messaggi: 180

    Iscritto il: 18 luglio 2014, 18:55
    #12
    molto buono, io avrei pero anche aggiunto la morte di orgim nello scontro contro il leone di roccavento e il riferimento al nome della capitale dell orda ma cmq molto bello , a mio avviso cmq orgim guerriero di grande onore forse tropo prudente ma la prudenza a volte ripaga e a volte no 0
  • Valyer 28 maggio 2016, 11:26 Valyer
    BattleTag: #2537
    Messaggi: 5

    Iscritto il: 21 ottobre 2013, 12:51
    #13
    Veramente fu Lothar a perire. Orgrim ebbe la meglio e uccise il Leone di Stormwind durante l'ultima battaglia nelle Steppe Ardenti. In tutti i casi questa piccola vittoria non gli servì a nulla perchè Turalyon vendicò il suo Generale e catturò l'orco. 0
  • RelanceRedazione 28 maggio 2016, 11:38 Relance
    BattleTag: Relance#2653
    Messaggi: 2155

    Sulla mia lapide ci sarà scritto " NON C'è NIENTE DA QUESTA PARTE, PIVELLI!" e " Scusi se non mi alzo."
    #14
    @sciabalalla è per questo che esisterà una parte 2. ;) 3
  • sciabalalla 28 maggio 2016, 12:49 sciabalalla
    BattleTag: sciabalalla#2637
    Messaggi: 180

    Iscritto il: 18 luglio 2014, 18:55
    #15
    Relance ha scritto:sciabalalla è per questo che esisterà una parte 2. ;)

    @Relance ed ecco spiegato perche parte 1 xd non ci avevo fatto troppo caso
    0
  • SERAPHIMON 29 maggio 2016, 18:04 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1562

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #16
    grallen ha scritto:Dalle recenti versioni cartacee (libri), dove la storia è stata rivista, sappiamo per certo che sia Orgrim che Durotarn (di conseguenza anche la moglie e il clan di quest'ultimo) non bevvero dal calice di Gul'Dan dove c'era il sangue di Mannoroth e di conseguenza non divennero verdi.

    @grallen

    no è esatto: secondo i romanzi tutti gli orchi, tranne quelli del villaggio dei malati (fra questi garrosh) stavano diventando verdastri a causa della magia demoniaca che veniva praticata dagli stregoni, dopodichè coloro che hanno bevuto il Sangue di Mannoroth hanno assunto una tonalità più accesa e i loro occhi divennero rossi come il sangue
    . . .
    ovviamente questa storia delle cromature ha subito modifiche per ovvie necessità in seguito a Warlords of Draenor ed al film in arrivo

    Deinoforo ha scritto:FORSE se ne parla nel libro Medivh: L'ultimo Guardiano, purtroppo in italia ne sono state tradotte pochissime coppie, o non è stato proprio tradotto...non ricordo

    @Deinoforo

    si, purtroppo le copie tradotte erano pochissime e sono uscite solo nel manuale di gioco dell'ultima versione delux di WarcraftII, Battle.net ediction oppure in una rivista di videogames di molti anni fà, ma ormai è introvabile


    l'unico modo è prendere e tradurre personalmente ARCHIVE . . . un giorno spero di riuscirci
    0
  • grallenMost Valuable Poster 30 maggio 2016, 08:08 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5728

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #17
    @SERAPHIMON

    @grallen

    non è esatto: secondo i romanzi tutti gli orchi, tranne quelli del villaggio dei malati (fra questi garrosh) stavano diventando verdastri a causa della magia demoniaca che veniva praticata dagli stregoni, dopodichè coloro che hanno bevuto il Sangue di Mannoroth hanno assunto una tonalità più accesa e i loro occhi divennero rossi come il sangue
    . . .
    ovviamente questa storia delle cromature ha subito modifiche per ovvie necessità in seguito a Warlords of Draenor ed al film in arrivo


    Vero hai ragione :good: . Di certo con questo colore della pelle degli orchi dovrebbero mettersi d'accordo anche quelli della Blizzard :D

    Si fa spesso confusione :good:
    1
  • Stereo 30 maggio 2016, 08:11 Stereo
    Messaggi: 284

    Vecchio e stanco orso
    #18
    Per avere la pelle verde non è mai servito BERE, in se.
    Il solo respirare la Fel Magic di Gul'dan & Co fa ammalare e diventare verdi.
    Bere e pelle verde non sono strettamente connessi.
    Tutti gli orchi a contatto con la Fel Magic prima o poi diventeranno verdi. Gli stessi Durotan e Draka muoiono verdi. O sul verdastro andante.

    Il fatto di bere rende schiavi della legione e metamorfosi pseudo demoniaca (occhi rossi).

    Altro esempio di come basti respirare la fel energy sono gli occhi verdi degli elfi della notte.

    Potrei sbagliarmi ma credo proprio che BERE=Schiavo della Legione verde;
    respirare/contatto=contaglio e lenta ma inevitabile metamorfosi della pelle verde.
    1
  • SERAPHIMON 30 maggio 2016, 08:15 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1562

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #19
    grallen ha scritto:Vero hai ragione . Di certo con questo colore della pelle degli orchi dovrebbero mettersi d'accordo anche quelli della Blizzard

    Si fa spesso confusione

    @grallen


    se per questo, nei primi giochi, gli orchi avevano pure gli occhi da vipera e le zanne sulle guance

    semplicemente, man man che la storia prosegue e si scopre sempre più nel dettaglio come funzionano certi poteri mistici o altri fatti, bisogna riadeguare anche i vecchi elementi alle nuove scoperte e renderli adatti all'intrattenimento attuale
    0
  • SERAPHIMON 30 maggio 2016, 08:19 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1562

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #20
    Stereo ha scritto:Potrei sbagliarmi ma credo proprio che BERE=Schiavo della Legione verde;
    respirare/contatto=pelle verde e basta.

    @Stereo

    più o meno è come hai detto tu:

    la magia demoniaca si propaga come un'epidemia o le radiazioni, basta stare nelle vicinanze per esserne contaminati . . . ovviamente l'effetto è maggiore se la si pratica

    bevendo sangue di demone tale contaminazione aumenta notevolmente, inoltre si acquisiscono forza e poteri demoniaci (come la sete di sangue), ma si diventa posseduti dai demoni, sia moralmente che spiritualmente
    0
  • allanon 30 maggio 2016, 08:58 allanon
    Messaggi: 66

    Iscritto il: 01 agosto 2012, 15:54
    #21
    @Relance
    purtroppo rimane scoperta la parte centrale della distruzione di Stormwind. L'ascesa dell'orda parla dell'intera corruzione della razza fino all'attraversamento del portale oscuro; La discesa delle tenebre, invece, parte da dopo che Stormwind è stata saccheggiata e Blackhand è stato ucciso.


    Infatti. Li ho letti entrambi e mi ricordavo di questo salto
    0
  • SERAPHIMON 30 maggio 2016, 10:18 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1562

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #22
    allanon ha scritto:Interessante :)
    Ma si trovano libri sulla prima invasione degli orchi su Azeroth? Io nn ne ho trovati

    @allanon

    probabilmente ne parlano sui due nuovi prossimi libri:

    WARCRAFT: DUROTARN prequel del film
    WARCRAFT: il romanzo ufficiale del film


    credo che ti convenga resistere ancora un paio di settimane :D
    0
  • Nightmare 30 maggio 2016, 13:19 Nightmare
    Messaggi: 22

    Iscritto il: 31 agosto 2015, 11:34
    #23
    I nomi e cognomi in italiano non riesco proprio a digerirli... per me Doomhammer ha tutto un altro peso. Così come mi ci vollero tipo 30 secondi per accettare che Alamorte era la storpiatura di Deathwing. E così via con Thunderfury, Frostmourne, ecc... 0
  • SERAPHIMON 30 maggio 2016, 13:53 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1562

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #24
    Nightmare ha scritto:I nomi e cognomi in italiano non riesco proprio a digerirli... per me Doomhammer ha tutto un altro peso. Così come mi ci vollero tipo 30 secondi per accettare che Alamorte era la storpiatura di Deathwing. E così via con Thunderfury, Frostmourne, ecc...

    @Nightmare

    capisco quanto possano suonare strani dopo così tanti anni che li si è sentiti in originale, però io approvo

    era ora che li traducessero, i nomi hanno sempre avuto una loro importanza, ma non tutti riuscivano a coglierla proprio perchè non si ha la giusta dimestichezza o sensibilità con la lingua
    . . .
    e chi sostiene il contrario dovrebbe dare un'occhiata all'episodio 6X05 del Trono di Spade! ;( ;( ;( ;( ;( ;( ;( ;( ;(
    0
  • Commenta la notizia 12