• Questo racconto inizia molti millenni fa. Per liberare Azeroth dalla presa degli Antichi Dei senza danneggiare l'Anima del Mondo che risiedeva al suo interno, i Titani crearono dei Custodi, infondendoli con parte del loro potere, e un incredibile esercito di costrutti al comando dei Custodi stessi. Il Custode Odyn venne forgiato direttamente da Aman’thul e durante tutta la guerra contro gli Antichi Dei si dimostrò come il più caparbio e tenace tra i Custodi, tanto da guidare i suoi fratelli nel momento più difficile della battaglia contro l'ultimo Dio Antico rimasto libero, Yogg-Saron.

    Immagine


    Yogg-Saron aveva creato e liberato contro i Custodi i potenti C’Thraxxi, aberrazioni molto potenti che avevano decimato l'esercito dei costrutti. Odyn riuscì a sollevare il morale dei propri compagni e ad attuare una strategia di contrattacco.
    Ordinò al Custode Loken di creare un'illusione per ingannare i C’Thraxxi; il piano funzionò e le mostruosità si lanciarono l'una contro l'altra, credendo di attaccare dei nemici.

    Tali furono le imprese di Odyn che i Titani gli diedero il titolo di Primo Designato, conferendogli l'onore di essere il capo dei Custodi. Il suo compito sarebbe stato quello di sorvegliare l'imponente fortezza di Ulduar.

    Helya era un costrutto facente parte dell'esercito che doveva aiutare i Custodi nella loro guerra contro gli Antichi Dei. Era la migliore a gestire e manovrare le potenti energie arcane del pianeta. All'inizio della guerra, quando i Signori Elementali schierati al servizio degli Antichi Dei furono sconfitti, il Custode Ra ebbe l'idea di imprigionarli invece di annientarli. Le prigioni furono costruite proprio da Helya, che manipolando l'energia arcana costruì un piano dimensionale dove i Signori Elementali e i loro eserciti furono esiliati e sigillati.

    Le Sale del Valore e l'incarcerazione di Odyn

    Immagine

    Millenni più tardi Azeroth dovette affrontare la terribile minaccia di Galakrond, il più potente e brutale proto-draco di quei tempi. I suoi progetti di devastazione furono contrastati dal Custode Tyr, che in un estremo tentativo convinse cinque dei più intelligenti proto-drachi a unirsi e fronteggiare la letale minaccia. La battaglia infuriò nelle terre del nord e infine Galakrond fu sconfitto; il suo corpo deforme si sfracellò sulle lande che un giorno sarebbero state conosciute con il nome di Dracombra. Tyr riconobbe nei cinque proto-drachi la forza e il valore necessari per divenire dei nuovi Guardiani di Azeroth e per lo scopo chiese agli altri Custodi di donare alle creature alate parte del loro potere.

    Odyn non fu d'accordo con tale richiesta. Egli considerava i proto-drachi una razza primitiva, incapace di svolgere efficacemente il compito affidato ai Custodi e al loro esercito di costrutti. Odyn non venne ascoltato e ostinatamente decise di creare un'armata personale ed elitaria al fine di proteggere Azeroth da qualsiasi minaccia, individuando nei possenti e coraggiosi costrutti Vrykul i soldati perfetti per il suo progetto.

    Chiese a Helya, che considerava come una figlia adottiva, di usare la sua magia per sollevare letteralmente una delle ali di Ulduar in aria. Questa cittadella fluttuante sarebbe stata conosciuta come Sale del Valore.

    Immagine

    Il Primo Designato si rivolse quindi ai Vrykul, proclamando che coloro che fossero caduti valorosamente in battaglia sarebbero vissuti nuovamente nelle Sale, in nuovi corpi forgiati dalla tempesta stessa. Questi campioni, i Valarjar, sarebbero stati i primi ad opporsi alle forze che avessero tentato di minacciare l'integrità di Azeroth.

    A Odyn non rimaneva che trovare un modo per trasferire gli spiriti dei Vrykul caduti dalle Terretetre, il piano dimensionale dimora dei defunti, alle Sale del Valore. I suoi studi su quel regno di decadenza e morte gli diedero il sapere necessario: avrebbe trasformato alcune Vrykul in esseri spettrali, le Val'kyr, capaci di muoversi fra le Terretetre e il mondo fisico, guidando gli spiriti dei Vrykul meritevoli fino alle Sale del Valore. Quando Odyn chiese alle Vrykul chi fosse pronta a ricevere l'onore di questa trasformazione, con sua sorpresa nessuna rispose alla chiamata. Offeso e in preda alla sua ossessione, Odyn era pronto ad imporre con la forza le sue decisioni; ad opporsi trovò però Helya, che non accettava che le Vrykul potessero essere trasformate in spettri contro la loro volontà. Minacciò di far precipitare le Sale del Valore se Odyn non si fosse fermato. Odyn vide l'opposizione di Helya come un attacco contro la stessa Azeroth. Accecato dalla rabbia la colpì, strappandole la sua forma fisica e trasformando così lei nella prima Val'kyr della storia.

    Le urla dell'incantatrice echeggiarono per tutta Azeroth. Da quel momento in Helya nacque un profondo odio verso Odyn, anche se restava comunque sottomessa alla sua volontà. Altre Val'kyr furono create e per molti secoli insieme ad Helya furono costrette a trasportare anime dalle Terretetre alle Sale del Valore.

    L'occasione per vendicarsi si presentò a Helya millenni più tardi, quando fu contattata dal Custode Loken, che oramai da tempo aveva tradito gli altri Custodi, manovrato dall'Antico Dio Yogg-Saron. Loken voleva mettere fuori gioco Odyn e le sue armate di Valarjar. Fece una proposta irrinunciabile a Helya: la libertà in cambio del suo potere. Liberata così dalla volontà di Odyn, Helya richiamò a sè tutte le forze arcane di Azeroth e sigillò le Sale del Valore, imprigionando Odyn e chiunque vi fosse all'interno.

    Helya se ne andò quindi insieme ad altre Val'kyr in mezzo all'oceano, fondando il suo nuovo regno: Helheim. Presto però quei luoghi sprofondarono nell'oscurità e nella dannazione; il cuore di Helya era corrotto, pieno d'odio e di rancore, e le anime dei Vrykul che approdavano nel suo reame divenivano anch'essi esseri corrotti e maledetti, i Kvaldir

    Immagine


    L'arrivo di Alleanza e Orda a Stromheim
    Per millenni Odyn e Helya si contesero le anime dei Vrykul. ll Custode aveva trovato colei che succedette a Helya come rappresentante delle nobili Val'kyr all'interno delle Sale del Valore: Eyir. Helya intanto tormentava le coste di Stromheim con i suoi Kvaldir.

    Il ritorno della Legione Infuocata condusse Alleanza e Orda sulle coste delle Rive Disperse. Odyn e Helya poterono osservare le gesta degli eroi mortali e il Custode rimase sorpreso di quanto fossero forti e determinati. Un guerriero in particolare lo stupì e quando morì durante la battaglia alle Rive, Odyn mandò una Val'kyr a recuperare il suo spirito per farlo risorgere alle Sale del Valore. Mai prima d'ora un mortale era stato ritenuto meritevole di questo onore. Odyn lo fece diventare un Valarjar e gli diede il comando delle sue truppe per combattere la Legione.

    Dopo poco tempo gli eserciti di Alleanza e Orda arrivarono a Stromheim alla ricerca di uno dei Pilastri della Creazione, l'Egida di Aggramar. Questa potente reliquia, forgiata dai Titani stessi, era conservata da Odyn. Il Custode decise, vista l'incombente minaccia demoniaca, di donarla a coloro che si fossero dimostrati meritevoli, solo dopo il superamento di innumerevoli ed estenuanti prove. Odyn, con le sembianze di un Vrykul anziano di nome Havi, guidò gli eroi attraverso queste prove, individuando fra i mortali coloro che sarebbero stati degni di presentarsi al suo cospetto nelle Sale del Valore.

    Helya nel frattempo continuava nella sua opera di corruzione di anime. Odyn decise di far assaltare la nave Naglfar, che trasportava i poveri spiriti dei caduti nelle grinfie dell'incantatrice. Il suo campione e un manipolo di eroi si fecero largo tra le anime dannate e riuscirono a sconfiggere anche il Re caduto Ymiron. Quest'ultimo fu poi asservito al volere di Odyn, usato per contrastare l'avanzata della Legione. Dopo aver ucciso il traghettatore della Naglfar, Harbaron, i campioni di Azeroth dovettero vedersela direttamente con Helya, infuriata per l'attacco e i danni subiti. Con sua somma sorpresa i mortali riuscirono a respingerla e lei trovò rifugio nel suo regno.

    I campioni che si stavano cimentando nelle prove di Odyn furono trasportati con la forza nell'Helheim. Qui poterono assistere alla stipula di un patto fra Helya stessa e la Regina Banshee Sylvanas. L'incantatrice donò a Sylvanas un oggetto capace di soggiogare le Val'kyr di Odyn. Dopo che Sylvanas se ne fu andata, Helya tentò di uccidere gli intrusi ma il tempestivo intervento di Odyn li portò in salvo lontano da Helheim.
    Sylvanas avrebbe usato il potere donatole da Helya per soggiogare la Val'kyr Eyir, ma trovò a contrastare i suoi piani Genn Mantogrigio, il cui odio nei confronti della banshee era alimentato dai tragici avvenimenti di Gilneas. Mantogrigio riuscì nell'intento di fermare il rituale di Sylvanas e riuscì anche a distruggere l'oggetto magico di Helya.

    I campioni di Azeroth giunsero infine alle Sale del Valore, solo per scoprire che le prove non erano finite. Odyn volle che affrontassero prima il guardiano Hymdall, poi la feroce bestia Fenryr. Eyir, che nutriva dubbi sull'onore dei mortali, fece affrontare loro la sua prediletta Hyrja.

    Gli eroi superarono tutte le prove e Odyn, soddisfatto, donò loro l'Egida di Aggramar. Fu in quel momento che il Dio-Sovrano Skovald, corrotto alleato della Legione, avanzò la sua pretesa sull'Egida. Nonostante Skovald usò tutti i suoi poteri e la magia vile di cui era infuso, non ebbe la meglio. Odyn, sinceramente sbalordito, chiese ai mortali di combattere contro di lui: era da troppo tempo che non affrontava avversari così degni e valorosi. Odyn non usò tutta la forza e il potere di cui disponeva ma alla fine fu soddisfatto della battaglia e ricompensò in maniera adeguata i coraggiosi avventurieri.

    La Prova del Valore e la morte di Helya
    Mentre Odyn si compiaceva per i recenti avvenimenti, Helya scatenò tutta la sua rabbia e la sua furia. Le coste di Stromheim e Alto Monte furono presto avvolte da densi banchi di nebbia dai quali comparivano Kvaldir e Helarjar che uccidevano senza pietà e portavano nuove anime nell'Helheim.

    Odyn mandò le sue armate a fronteggiare la minaccia ma qualcosa lo turbò profondamente. Presto scoprì che grazie a dei rituali, i suoi prediletti Valarjar potevano essere corrotti e mutati in Kvaldir. Questo affronto fece infuriare Odyn, che non potendo muoversi dalle Sale del Valore decise di fare affidamento su quegli eroi mortali che tanto lo avevano impressionato nelle recenti battaglie e prove.

    Odyn stesso testò la forza di quei guerrieri, affrontandoli al massimo della sua potenza: voleva essere certo che fossero preparati per sconfiggere Helya una volta per tutte. I campioni furono trasportati direttamente nell'Helheim, con la speranza di una loro schiacciante vittoria.

    Immagine


    Helya scatenò tutte le sue forze, compreso il suo fidato Guarm, il mostruoso tricefalo guardiano dei cancelli dell'Helheim. Eserciti di Kvaldir e Helarjar, guidati dalle forze delle maree e delle tempeste si scontrarono contro quelli che Helya definiva i "cani di Odyn". L'incantatrice non si trattenne dall'usare tutti i suoi poteri e la sua forza ma nonostante questo, alla fine cadde sotto gli attacchi possenti degli eroi di Azeroth.

    Odyn, finalmente libero dalla sua prigione dorata, decise che era venuto il tempo di far visita ai suoi fratelli Custodi a Ulduar.

    Gli eroi nel frattempo recuperarono l'anima di Illidan Grantempesta...
    Condividi articolo
5 commenti
  • Metalline 22 settembre 2017, 15:28 Metalline
    BattleTag: metalline#2691
    Messaggi: 3061

    Top40ita inside
    #1
    Cioè questo è il primo Tier della Exp.

    Bello @grallen
    1
  • grallenRedazione 22 settembre 2017, 15:39 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 6552

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #2
    Metalline ha scritto:Cioè questo è il primo Tier della Exp.

    Bello grallen

    @Metalline

    Grazie :) . Sto cercando raccontare storie inerenti all'espansione. Anche i topic inerenti ai Nobili Oscuri alla fine vanno a parare al raid della Rocca della Notte :good:
    1
  • SERAPHIMON 29 settembre 2017, 23:05 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1791

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 22:43
    #3
    ah però, sono decvisamente sorpreso

    com'è possibile che si trovasse li lo spirito di Illidan se lui era morto nelle Terre Esterne?

    e chi è il primo mortale divenuto il Valrjan a comando?
    0
  • grallenRedazione 02 ottobre 2017, 11:29 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 6552

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #4
    SERAPHIMON ha scritto:ah però, sono decvisamente sorpreso

    com'è possibile che si trovasse li lo spirito di Illidan se lui era morto nelle Terre Esterne?

    e chi è il primo mortale divenuto il Valrjan a comando?

    @SERAPHIMON

    Il primo mortale a divenire un Valarjar è il pg giocantedella classe guerriero. Quando si gioca il guerriero e si va alle rive disperse, si muore contro un Signore delle Cripte e Odyn estasiato dal furore della nostra battaglia ci salva e ci da il comando delle sue truppe.

    Sappiamo che l'anima di Illidan era finita nella distorsione fatua dopo la sua morte nelle Terre Esterne. Nell'Enclave di Classe dei Cacciatori di Demoni, Illidan ci informa che è braccato dai demoni e che deve fuggire.

    Da qui lo ritroviamo poi prigioniero nel reame di Helya. Non sappiamo bene come ma l'anima di Illidan è fuggito dalla Distorsione Fatua per poi ritrovarsi lì.
    1
  • SERAPHIMON 02 ottobre 2017, 22:30 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1791

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 22:43
    #5
    grallen ha scritto:Il primo mortale a divenire Valarjar il pg giocante la classe guerriero. Quando si gioca il guerriero e si va alle rive disperse si muore contro un Signore delle Cripte e Odyn estasiato dal furore della nostra battaglia che ci salva e ci da il comando delle su truppe.

    Sappiamo che l'anima di Illidan era finita nella distorsione fatua dopo la sua morte nelle Terre Esterne. Nell'Enclave di Classe degli Cacciatori di Demoni, Illidan ci informa che è braccato dai demoni e che deve fuggire.

    Da qui lo ritroviamo poi prigioniero nel reame di Helya. Non sappiamo bene come ma l'anima di Illidan è fuggito dalla Distorsione Fatua per poi ritrovarsi lì.

    @grallen

    ;( ;( cosa mi sto perdendo! ;( ;(
    0
  • Commenta la notizia