• "Possiamo insegnare al meglio solo ciò che ci siamo guadagnati da soli"
    - Thrall

    Le origini di Go’el sono umili e nobili al tempo stesso. Fu trovato fra fango e sangue protetto dai corpi esanimi dei genitori, Durotan e Draka, uccisi per ordine del Concilio delle Ombre. L’umano Aedelas Molonero lo raccolse e lo portò all’interno del campo di internamento di cui era comandante, Durnholde. Il piccolo orco venne battezzato Thrall, lo schiavo, e venne cresciuto con disprezzo e crudeltà: riuscì a sopportare i maltrattamenti del suo padrone e ad imporsi come campione dei combattimenti che Molonero usava per divertire se stesso e i propri ospiti. Anche il principe Arthas Menethil ebbe modo di ammirare la potenza del campione. L’avidità del comandante portò a mettere Thrall a capo di un drappello di orchi affinché razziassero le carovane dirette alla città di Roccavento. Questa situazione fornì a Thrall la possibilità di imporsi come leader della propria gente non solo con la forza bruta, ma anche come stratega e compagno d’armi. Un’altra persona si fece vicina al gentile orco, una ragazza che seppe provare pietà per quelle creature verdi e che riuscì a scorgere qualcosa di speciale dietro gli azzurri occhi del campione. Fu così che Taretha Foxtron si adoperò per far scappare Thrall.

    L’orco si rintanò nelle foreste, incerto su cosa fare della propria libertà. Sapeva di voler liberare tutti i propri compagni, ma non aveva idea del come. Prima che potesse architettare alcunché, Thrall venne nuovamente catturato e portato in un altro campo di internamento. In quel luogo egli conobbe un orco dagli orchi rossi di nome Kelgar, che gli raccontò la storia della loro razza, della corruzione causata da Gul’dan e di come la via dello sciamanesimo fosse decisamente migliore per l’Orda. In quei racconti, Thrall venne a conoscenza di un clan di orchi ancora libero, i Cantaguerra, comandati dall’eroe Grommash Malogrido. Thrall decise che sarebbe giunto da Grom e lo avrebbe convinto a liberare tutti i fratelli in catene. Attese qualche giorno e dunque scappò.

    Immagine


    Il clan dei Cantaguerra era accampato ai confini del regno di Lordaeron e quando Thrall vi giunse Grom lo mise alla prova, convinto che la permanenza tra gli umani avesse infettato la carne, rendendolo debole e vuoto. Thrall passò mesi ad essere trattato come uno sguattero, ma in confronto alle punizioni corporali e alla violenza capricciosa di Manonera le prove del Capo Clan erano una leggera brezza. Quando guadagnò la fiducia di Grom egli si impegnò in prima persona ad insegnargli le usanze e la lingua degli Orchi, dopodiché lo inviò dal clan dei Lupi Bianchi, convinto dal colore cristallino dei suoi occhi che appartenesse a quel gruppo.

    Quando Thrall giunse fra le montagne di Alterac apprese che era figlio del Capo Durotan, ucciso per ordine di Gul’dan. Il giovane orco decise di restare fra la sua gente e si applicò nell’apprendere l’arte dello sciamanesimo, divenendo di fatto il primo sciamano dopo la corruzione demoniaca.

    Durante il suo apprendistato, Thrall conobbe Orgrim Martelfato, precedente Capoguerra dell’Orda e condottiero nella battaglia contro Lordaeron e Quel’thalas. Assieme organizzarono un piano per liberare tutti gli orchi: con l’esperienza in battaglia di Orgrim avrebbero assaltato le guardie umane, permettendo a Thrall di infiltrarsi nelle gabbie e ridare vigore ai prigionieri grazie all’arte sciamanica. Il piano ebbe successo e cinque campi furono svuotati, ma quando assaltarono il campo negli Altopiani di Arathi Orgrim rimase ucciso in battaglia. Egli nominò Thrall come suo successore e gli affidò il potente Martelfato, a protezione e benedizione delle sue imprese future.

    La campagna di Thrall lo condusse nuovamente alle porte di Durnhole. Mentre le sue truppe e primi apprendisti sciamani si occupavano di liberare gli orchi, Thrall affrontò personalmente Molonero. L’umano sorrise quando vide il suo vecchio campione e gli disse che non appena l’attacco era cominciato aveva preparato un dono per Thrall. All'orco fu consegnata la testa di Taretha. Molonero rise e lo affrontò con la spada, ma senza proferire parola Thrall gli ruppe il braccio e una gamba e se ne andò. Giunto di nuovo fra i suoi, che erano riusciti a liberare li orchi, il Capoguerra ordinò di bruciare l’intero accampamento. Molonero arse vivo.

    Thrall aveva liberato quasi tutta la sua gente, quando seppe che i Cantaguerra erano stati catturati dalle truppe dell’Alleanza. Quella stessa notte Thrall ebbe una visione, indotta da Medivh, del ritorno della Legione Infuocata. Quando si svegliò, seppe che l’unica salvezza per il suo popolo era emigrare verso Kalimdor. L’esercito dell’Orda si diresse dunque sulle coste di Kul Tiras e liberò Grommash e i suoi, rubando poi alcune navi per dirigersi sull’altro continente di Azeroth, Kalimdor, così da trovare un posto in cui dare una patria al proprio popolo.

    Durante il viaggio una tempesta li fece naufragare su isole sperdute in mezzo al Grande Mare. In quel luogo Thrall strinse alleanza con il clan troll dei Lanciascura e si fece amico il capo clan Sen’jin, che morì poco più tardi a causa dei murloc. Thrall convinse i troll a seguirlo nel suo viaggio.

    Immagine

    L’Orda riuscì a giungere sulle coste di Kalimdor e in mezzo al deserto incontrò i membri di una uova razza, i Tauren, in guerra con i centauri di quella regione e capeggiati dall’anziano e vigoroso Cairne Zoccolo Sanguinario.

    Thrall aiutò i tauren a sconfiggere i centauri e strinse amicizia con queste creature. Il Capoguerra confidò a Cairne le sue visioni e il tauren gli parlò di un oracolo che poteva dargli consiglio. Mentre i Cantaguerra si occupavano di raccogliere legna per costruire la nuova patria degli orchi, Thrall e Cairne giunsero dall’oracolo, contemporaneamente a Jaina Marefiero. L’oracolo, che era il profeta che aveva contattato Jaina e Thrall, disse ai presenti che solo la loro unione avrebbe fermato l’avanzata dei demoni e che Grom era già caduto solo la malefica influenza di queste creature.

    Umani e orchi si diressero dunque verso Valtetra e lì appresero che Grom aveva nuovamente bevuto il sangue di Mannoroth, abbracciando ancora una volta la maledizione demoniaca che colpì un tempo gli orchi su Draenor. Lo sciamanesimo di Thrall riuscì a purificare Malogrido, il quale capì che se Mannoroth non fosse morto la maledizione non sarebbe mai cessata. La battaglia contro il mastino dei demoni fu molto violenta e Grom sacrificò se stesso per distruggere il demone, espiando le proprie colpe e liberando gli orchi per sempre.

    L’Orda si diresse con Jaina, Malfurion Grantempesta e Tyrande Soffiabrezza alle pendici del Monte Hyjal per formare un’ultima resistenza contro i demoni di Archimonde.

    L’Albero del Mondo fu protetto e l’eredar ucciso. Dalle macerie della battaglia, emerse un nuovo futuro per l’Orda, più grande e potente di sempre, libera dall’influsso demoniaco, ma non dall’odio verso gli umani, con i quali però si cominciavano ad interlacciare rapporti di diplomazia.

    Thrall avviò i lavori di costruzione della nuova casa dell’Orda, racchiusa in un’ampia vallata nella regione che il Capoguerra battezzò con il nome di suo padre: Durotan. La città crebbe massiccia e potente e venne dedicata ad un altro grande condottiero dell’Orda: fu così che nacque Orgrimmar.

    La nascita della capitale dell'Orda non sarà un punto di arrivo, ma piuttosto di partenza per Thrall e il suo popolo.

    Continuate a seguirci per la seconda parte!
    Condividi articolo
    Tag:
7 commenti
  • SERAPHIMON 31 marzo 2014, 23:06 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1560

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #1
    anche se l'ho già pubblicato altrove, ci tengo a riproporlo quì, dato che questa era la mia intenzione da molto tempo per fare una sorta di "gemellaggio" con la mia pagina dedicate alle origini dei primi Warcraft:
    Signore e Signori, ecco a voi: WARCRAFT ADVENTURE, Lord Of The Clans!



    [youtube]I49wuNcTDpY&list=FLHn_l5aUQeLTJpyCprqSSng&index=31[/youtube]

    [youtube]iOS3poECd3I&list=FLHn_l5aUQeLTJpyCprqSSng&index=30[/youtube]

    [youtube]aZ6tg1Id6-c&list=PL780265A4FFFD41E8[/youtube]
    0
  • grallenMost Valuable Poster 01 aprile 2014, 07:16 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5721

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #2
    Gran bello articolo scritto bene e sintentico su uno dei personaggi, per me, migliori della storia di wow.

    Thrall incarna sia il coraggio che la saggezza e per me è l'unico vero capoguerra dell'Orda ed ha affrontato sempre i suoi sbagli e errori.
    1
  • Shala 01 aprile 2014, 09:50 Shala
    Messaggi: 63

    Iscritto il: 20 ottobre 2013, 02:37
    #3
    Una delle punte di Diamante del gioco non c'è che dire! Anche se, personalmente, ritengo che in wow, specialmente a partire da cata abbiano un pò rovinato il personaggio, facendogli fare scelte stupide e figure di M...

    Ps Una domanda un po OT, ma tutti gli articoli del Lore di Warcraft che c'erano prima non li rimettete più?
    0
  • RelanceRedazione 01 aprile 2014, 10:16 Relance
    BattleTag: Relance#2653
    Messaggi: 2154

    Sulla mia lapide ci sarà scritto " NON C'è NIENTE DA QUESTA PARTE, PIVELLI!" e " Scusi se non mi alzo."
    #4
    Shala ha scritto: Anche se, personalmente, ritengo che in wow, specialmente a partire da cata abbiano un pò rovinato il personaggio, facendogli fare scelte stupide e figure di M...


    Io invece ritengo abbiano sviluppato bene il personaggio, portandolo verso un'evoluzione più matura. Thrall non è mai stato un guerriero, è sempre stato uno costretto a maneggiare armi a causa dei tempi in cui viveva. Lui è uno studioso, uno sciamano e un filosofo, più che un Capoguerra. L'unica cappella del periodo Cataclysm è stata dare il comando a quel pazzo di Garrosh. :P

    Shala ha scritto: Ps Una domanda un po OT, ma tutti gli articoli del Lore di Warcraft che c'erano prima non li rimettete più?


    Qualcosa si è salvato e qualcos'altro no dei contenuti prima del Grande Wipe. :D Saranno reinseriti con il tempo ^^
    1
  • SERAPHIMON 01 aprile 2014, 19:58 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1560

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #5
    un'essere a dir poco meraviglioso, l'incarnazione stessa dell'equilibrio, più unico degli Aspetti!
    uno dei pochissimi personaggi ad essere veramente completo, sà mantenere la testa sulle spalle e dà il giusto peso al cuore; con lui al comando, Azeroth avrebbe senza dubbio conosciuto un'epoca di splendore, ma come capita sempre ha chi ha molti talenti e molteplici ruoli, erano in troppi a necessitare di lui e si deve sempre prendere una decisione in questi casi.

    il suo passaggio da Capoguerra a Sommo Sciamano è un trauma, ma è anche la sua vera natura, il suo giusto cammino tracciato dal talento e dai doveri (e scommetto anche dal piacere)

    non è stato un errore nominare Garrosh suo sostituto, in quanto non ha avuto scelta per via delle necessità, non c'era nessun'altro potenziale che potesse assumersi tale ruolo e Garrosh era molto diverso ai quei tempi; inoltre doveva essere temporaneo, ma il destino rimescola sempre le carte in tavola, fà saltare i propri progetti e costringe a rivedere i programmi (ispirata ad Heartstone XD)
    1
  • RelanceRedazione 01 aprile 2014, 22:44 Relance
    BattleTag: Relance#2653
    Messaggi: 2154

    Sulla mia lapide ci sarà scritto " NON C'è NIENTE DA QUESTA PARTE, PIVELLI!" e " Scusi se non mi alzo."
    #6
    SERAPHIMON ha scritto:non è stato un errore nominare Garrosh suo sostituto, in quanto non ha avuto scelta per via delle necessità, non c'era nessun'altro potenziale che potesse assumersi tale ruolo e Garrosh era molto diverso ai quei tempi; inoltre doveva essere temporaneo, ma il destino rimescola sempre le carte in tavola, fà saltare i propri progetti e costringe a rivedere i programmi (ispirata ad Heartstone XD)


    Non concordo. Vol'jin sarebbe stato un Capoguerra temporaneo ben più esperto di Garrosh e che certamente se l'era guadagnato di più.

    Meglio di lui solo Carine, ma... ehm... aveva un impegno improrogabile, per così dire. xD
    0
  • SERAPHIMON 02 aprile 2014, 17:55 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1560

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #7
    Relance ha scritto:Non concordo. Vol'jin sarebbe stato un Capoguerra temporaneo ben più esperto di Garrosh e che certamente se l'era guadagnato di più.

    Meglio di lui solo Carine, ma... ehm... aveva un impegno improrogabile, per così dire. xD


    la situazione era diversa, Vol'jinn è un troll e c'era rischio che non venisse accettato, occorreva qualcuno di abbastanza popolare per impedire conflitti interni
    0
  • Commenta la notizia