• Ho osservato le altre razze, ho visto il loro squallore, la loro sregolatezza. Le loro guerre distruggono le terre, annientano la natura... No, non è possibile fidarsi. Solo le bestie sono sopra ogni sospetto.

    Draenor, prima della sua distruzione, ospitava numerosi clan di orchi che spesso si mischiavano anche con altre razze presenti sul pianeta. Uno di questi era quello dei Mok'Nathal, formato in gran parte da mezz'ogre, che aveva il suo territorio esteso per tutte le Montagne Spinaguzza conosciute al tempo con il nome di Landa di Fuocogelo. Il clan era famoso per i suoi principi fortemente sciamanici e pacifisti tanto da aver rifiutato l'ingresso nell'Orda con gran disappunto del figlio del Capoclan Leoroxx, Rexxar, un promettente cacciatore ed esploratore. Il giovane mezz'ogre era impaziente di dimostrare il suo valore ed era stato attirato dalla prospettiva di avventura che l'invasione dell'Orda offriva. Così, contro il volere di suo padre, Rexxar abbandona il villaggio seguito dal suo fedele lupo Haratha e si incammina per aggiungersi ai ranghi degli orchi senza però bere il sangue di Mannoroth, un elemento caratteristico dell'iniziazione dei normali orchi dell'Orda.

    L'invasione di Azeroth era cominciata e Rexxar si trova a suo agio sia nelle battaglie, dove dimostra la sua abilità di guerriero, sia nelle missioni di esplorazione in cui eccelle grazie alle sue straordinarie doti ed affinità con gli animali. Presto però comincia ad essere turbato dalla furia sanguinaria degli orchi, sempre meno giustificata, preferisce vagare esplorando i dintorni dell'ennesimo accampamento e socializzare con le bestie che lì abitavano. In seguito alla sconfitta dell'Orda durante la seconda guerra, Rexxar abbandona l'Orda a caro prezzo. Durante il suo tentativo di fuga viene scoperto da un orco stregone che lancia un terribile incantesimo per ucciderlo all'istante. Il futuro Signore delle Bestie sarebbe morto se non fosse stato per Haratha che si sacrifica per salvare il proprio padrone. Infuriato per la perdita del suo amico più fidato, Rexxar scaglia un terribile colpo allo stregone uccidendolo. Poco dopo, il mezz'ogre sparisce nella notte.

    Non si sa quanto tempo ha passato nei territori dei Regni Orientali, ma è sicuro che a un certo punto ha attraversato l'oceano ed è arrivato a Kalimdor, un continente ancora molto selvaggio e apparentemente lontano dalle varie guerre. In seguito alla morte di Haratha, Rexxar diventa sempre più selvaggio, tanto da fidarsi solo degli animali che incontra nei suoi numerosi viaggi i quali spesso, dopo varie prove di fiducia e amicizia, finiscono per seguirlo nel suo vagabondare. Come ad esempio Misha, un'orsa che diventa un'alleata preziosa come lo era il suo lupo. Le sue abilità di cacciatore e di affinità animale erano ormai oltre qualsiasi livello mai visto, rendendolo di fatto il più grande Signore delle Bestie che abbia mai calcato Azeroth e Draenor.

    A un certo punto, mentre vaga per le Savane, incontra un messaggero degli orchi caduto in un'imboscata dei quillboar. Dopo un primo momento d'esitazione, Rexxar corre in difesa dell'orco anche se ormai era troppo tardi. Con il suo ultimo respiro, l'orco di nome Morgrin, implora lo straniero che lo aveva salvato di consegnare il suo rapporto ad Orgrimmar, la neonata città ora patria degli orchi. Questo, incredibilmente, sarebbe stato proprio il primo passo verso il suo futuro glorioso nella nuova Orda. Arrivato a Orgrimmar, Rexxar rimane stupito dalla città che rispettava le forme e le asperità della natura. Rimane ancor più stupito dal vedere che il Capoguerra non era un folle sanguinario o un bieco stregone, ma bensì uno sciamano erede di quelle tradizioni che gli orchi avevano perso con Gul'dan. Thrall lo accoglie benevolmente, assicurandolo sulle nuove prospettive dell'Orda e invitandolo a restare e a considerare Orgrimmar anche casa sua. Rexxar, dopo tanti anni passati nelle foreste più fitte e nelle pianure più selvagge, decide di restare e accettare l'offerta dello sciamano.

    Il mezz'ogre decide comunque di guadagnarsi la sua permanenza e svolge diversi incarichi per aiutare la costruzione della città seguito da Rok'han, un cacciatore di ombre che diventa in fretta quel che più poteva assomigliare a un migliore amico. Inoltre, i due incontrano un altro viaggiatore, il pandaren Chen Triplomalto, che decide di seguirli alla ricerca degli ingredienti per la birra perfetta. Insieme, i tre guerrieri vagano per Durotan svolgendo incarichi pericolosi per l'Orda, finchè non arrivano all'avamposto di Gar'thok per scoprire che era stato raso al suolo dagli umani nonostante la tregua raggiunta alla fine della Terza Guerra. Thrall, stupito dalla notizia, decide di contattare Jaina per chiedere spiegazioni e preoccupato che gli umani attacchino le isole dell'Eco manda il gruppo a difenderle. Il timore del Capoguerra si rivela fondato dato che le isole sono già sotto assedio. Dopo un breve incontro con Vol'jin, i tre guidano il contrattacco, distruggendo le navi umane che circondavano l'arcipelago.

    Tornati a Orgrimmar, Thrall è deciso a incontrare Jaina al punto prestabilito, ma Rexxar conoscendo e temendo la doppiezza degli umani si offre volontario per andare al posto suo. All'incontro, le due parti sono sospettose una dell'altra e Jaina nega che lei sia a conoscenza dell'attacco all'avamposto. L'unico modo per scoprire la verità è capire ed investigare il campo umano che si trova sulla costa che effettivamente mostra bandiere ed insegne diverse da quelle dell'Alleanza. Il campo, purtroppo, è stato attaccato dai Naga che non hanno lasciato nessun superstite, se non un soldato che riferisce che l'Ammiraglio sarà felice di vederla sana e salva. L'incantatrice realizza improvvisamente la verità e chiede a Rexxar ed al suo gruppo di seguirla a Theramore. Il Signore delle Bestie è ancora sospettoso, ma l'orrore e la preoccupazione di Jaina lo spingono a credere che la ragazza non stia mentendo.

    Arrivati a Theramore, il porto è pronto ad accogliere la Flotta dell'Alleanza e la gemma di Kul Tiras guidata dall'Alto Ammiraglio in persona, Daelin Marefiero. Dopo la caduta dei Regni Orientali, la Flotta ha viaggiato ad ovest seguendo le tracce di Jaina. Invece di trovare i sopravvissuti dell'Alleanza, una pattuglia ha incontrato l'Orda e cominciato subito una battaglia. Nonostante Jaina tenti di spiegare la situazione al padre, l'Ammiraglio rinnega la tregua stipulata e arresta subito Rexxar e i suoi compagni. Jaina riesce a teletrasportarli verso il porto, dove gli eroi dell'Orda riescono ad uscire da Theramore dopo una fuga rocambolesca consci che sta per iniziare una guerra non voluta da entrambe le parti.

    Thrall, aggiornato sulla situazione, decide di chiamare a raccolta i vessilli di guerra e incarica Rexxar di reperire risorse e alleati per l'imminente battaglia. Per prima cosa viene notata l'assenza dei Tauren alla chiamata, per cui invia il gruppo di avventurieri a scoprire cosa sta accadendo a Mulgore. Purtroppo la situazione è grave: i Tauren sono stati nuovamente attaccati dai Centauri, che hanno rapito anche il figlio di Cairne Zoccolosangunario, Baine. In seguito al rapimento, il capo dei Tauren è caduto in profonda depressione, incapace di reagire alla perdita del figlio. Rexxar, per risolvere la situazione, decide di partire alla ricerca dei centauri e dei loro ostaggi. Dopo un breve ma furioso massacro, il gruppo scopre con sollievo che Baine e pochi altri sono salvi. Grazie al salvataggio Cairne recupera vitalità, tanto da scendere in prima persona in campo per l'imminente assalto.

    L'Orda è pronta, ma la situazione tattica non è delle migliori. Per raggiungere Theramore bisogna attraversare la terribile palude di Acquemorte, piena di insidie e pericoli, nonché casa di un clan di ogre recentemente diventato molto bellicoso, i Maglio di Pietra. In queste condizioni ogni tipo di attacco sarebbe fallito. Rexxar ha però un piano. Essendo mezz'ogre lui ha il diritto di affrontare e sfidare a duello l'attuale capo, Kor'Gall, per diventare a sua volta capo del clan. Il capo clan, dopo alcune dimostrazioni di forza, accetta la sfida. I due non si risparmiano, ma l'ogre resosi conto dell'imminente sconfitta imbroglia e chiama rinforzi per uccidere Rexxar. Il cacciatore a sua volta chiama a raccolta le sue bestie che dilaniano gli scagnozzi di Kor'Gall non lasciando alcuno scampo al disonesto avversario. Rexxar, ora a capo del clan, ordina agli ogre di unirsi alla battaglia per Theramore, guadagnando così l'accesso libero e incontrastato all'isola. L'ora della battaglia contro l'Ammiraglio è giunta e Jaina nonostante sia combattuta decide di farsi da parte e non intervenire, lasciando che Thrall e Rexxar assaltino la sua casa per uccidere suo padre. Li implora solo di risparmiare i civili di Theramore che in gran parte si sono rifiutati di combattere. L'Orda, guidata da alcuni dei suoi più grandi eroi, dilaga per le strade della città facendosi strada a colpi d'arma e di magia, fino ad arrivare al cuore dell'esercito nemico. Lo scontro con l'Ammiraglio Marefiero è senza esclusione di colpi. Seppur anziano riesce a tener testa a Rexxar, Chen, Cairne e Rokhan ma finisce inesorabilmente per soccombere. La battaglia è conclusa e con essa anche l'imminente guerra anche se la morte del padre segnerà per sempre l'incantatrice che viene lasciata sola nel suo dolore mentre l'Orda si ritira vittoriosa per tornare a Orgrimmar.

    Come ricompensa per le numerose imprese, Rexxar viene nominato Campione dell'Orda da Thrall ed è libero di restare per sempre a Durotar se lo desidera. Ovviamente il Signore delle Bestie rifiuta e mentre sparisce nuovamente nelle lande selvagge, giura che l'Orda sarà sempre la sua casa e la sua famiglia.

    Sono passati numerosi anni dalla sconfitta dell'Ammiraglio e i rapporti fra Alleanza e Orda non sono certo migliorati nonostante numerose occasioni di collaborazione. Rexxar è stato spesso avvistato a Kalimdor, ma solo con la riapertura del Portale Oscuro il Signore delle Bestie torna ad avere un vero obiettivo: ritornare a casa. Rexxar precede tutti i suoi amici e avversari, arrivando per primo sulle Montagne Spinaguzza, reclamando il comando del clan dei Signori del Tuono e cercando quel che resta dei Mok'Nathal. Sorprendentemente, il clan è sopravvissuto alla catastrofe planetaria, così come Leoroxx. Sfortunatamente, Leoroxx è ancora rancoroso nei confronti del figlio che li ha abbandonati anche se in fondo è contento di sapere che sia vivo.

    Da allora non abbiamo avuto notizie di Rexxar, se non per una breve apparizione durante il cataclisma dove ha difeso Orgrimmar da sciami di elementali infuriati. Non sappiamo se Rexxar apparirà su Draenor dopo la fuga di Garrosh, ma un mondo selvaggio può essere un richiamo troppo forte per rimanere inascoltato da un Signore delle Bestie.
    Condividi articolo
13 commenti
  • Sargon 25 novembre 2013, 08:13 Sargon
    BattleTag: Sargon#2242
    Messaggi: 23

    Iscritto il: 08 novembre 2013, 19:59
    #1
    Ora anche su Warcraft ci sono gli animalisti? :-D 1
  • Shala 25 novembre 2013, 08:17 Shala
    Messaggi: 63

    Iscritto il: 20 ottobre 2013, 02:37
    #2
    Assolutamente uno dei miei pg preferiti, Rexxar!
    Dubito tuttavia che lo incontreremo a Draenor,almeno non come lo conosciamo noi! Se venisse con l'orda si troverebbe faccia a faccia con il suo doppione,un pó come con Velen!

    Mi permetto una piccola correzione...durante la seconda invasione,lui non tentó la fuga. Durante la battaglia per il possesso del pirtale oscuro,prima che Dreanor implodesse,uno stregone ferito avvicina Rexxar,con l'intento di sottrargli l'energia vitale necessaria a curarsi. Ma prima di riuscirci il lupo interviene,sacrificandosi al posto del padrone. Furioso,Rexxar uccide lo stregone e si lancia nella battaglia.
    Successivamente scopre assieme a Grom Malogrido del fato di Draenor. Quando Malogrido incita i suoi guerrieri a rialzarsi per riprendere a lottare per la sopravvivenza,ma sopratutto per il desiderio di farlo,Rexxar vede la follia degli Orchi e decide di andarsene,affermando che da quel momento in avanti si sarebbe fidato solo delle bestie!
    Furiosi per le offese ricevute,gli orchi decidono di fargliela pagare,ma Gromm li ferma,affermando che Rexxar si è guadagnato il diritto di decidere per il proprio destino,dopo tutto quello che ha perso per una guerra che non lo riguardava!
    3
  • grallenMost Valuable Poster 25 novembre 2013, 08:27 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5728

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #3
    Mi permetto una piccola correzione...durante la seconda invasione,lui non tentó la fuga. Durante la battaglia per il possesso del pirtale oscuro,prima che Dreanor implodesse,uno stregone ferito avvicina Rexxar,con l'intento di sottrargli l'energia vitale necessaria a curarsi. Ma prima di riuscirci il lupo interviene,sacrificandosi al posto del padrone. Furioso,Rexxar uccide lo stregone e si lancia nella battaglia.
    Successivamente scopre assieme a Grom Malogrido del fato di Draenor. Quando Malogrido incita i suoi guerrieri a rialzarsi per riprendere a lottare per la sopravvivenza,ma sopratutto per il desiderio di farlo,Rexxar vede la follia degli Orchi e decide di andarsene,affermando che da quel momento in avanti si sarebbe fidato solo delle bestie!
    Furiosi per le offese ricevute,gli orchi decidono di fargliela pagare,ma Gromm li ferma,affermando che Rexxar si è guadagnato il diritto di decidere per il proprio destino,dopo tutto quello che ha perso per una guerra che non lo riguardava!


    Concordo Rexxar non è scappato ma se ne è andato perchè non era più d'accordo con la politica degli orchi e la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la morte del suo lupo da parte dello stregone.

    E' un bellissimo personaggio lasciato un po' da parte e questo è un peccato. Purtroppo credo che non ritornerà con l'espansione e credo che ormai Rexxar sia relegato alle vecchie Terre Esterne.
    2
  • MasterRedzCommunity Manager 25 novembre 2013, 09:04 MasterRedz
    BattleTag: MasterRedz#2155
    Messaggi: 4991

    "La tua anima sarà mia!"
    #4
    Shala ha scritto:Assolutamente uno dei miei pg preferiti, Rexxar!
    Dubito tuttavia che lo incontreremo a Draenor,almeno non come lo conosciamo noi! Se venisse con l'orda si troverebbe faccia a faccia con il suo doppione,un pó come con Velen!

    Mi permetto una piccola correzione...durante la seconda invasione,lui non tentó la fuga. Durante la battaglia per il possesso del pirtale oscuro,prima che Dreanor implodesse,uno stregone ferito avvicina Rexxar,con l'intento di sottrargli l'energia vitale necessaria a curarsi. Ma prima di riuscirci il lupo interviene,sacrificandosi al posto del padrone. Furioso,Rexxar uccide lo stregone e si lancia nella battaglia.
    Successivamente scopre assieme a Grom Malogrido del fato di Draenor. Quando Malogrido incita i suoi guerrieri a rialzarsi per riprendere a lottare per la sopravvivenza,ma sopratutto per il desiderio di farlo,Rexxar vede la follia degli Orchi e decide di andarsene,affermando che da quel momento in avanti si sarebbe fidato solo delle bestie!
    Furiosi per le offese ricevute,gli orchi decidono di fargliela pagare,ma Gromm li ferma,affermando che Rexxar si è guadagnato il diritto di decidere per il proprio destino,dopo tutto quello che ha perso per una guerra che non lo riguardava!


    Ho preferito suntarlo così, d'altronde lo sapete che i miei articoli vogliono essere il più possibile precisi cercando di non cadere nel prolisso. L'articolo era già lungo di sè, ho cercato di tagliare e riassumere dove potevo. D'altronde il significato finale è lo stesso, una fuga dall'Orda originaria in cui non si riconosceva più e che lo aveva tradito. Comunque se volete modifico un pò :)
    3
  • Doomfire 25 novembre 2013, 14:40 Doomfire
    Messaggi: 479

    Iscritto il: 17 febbraio 2012, 13:33
    #5
    Ahhh quanti ricordi.... giocavo a questa campagna come consolazione perche i miei non volevano comprarmi WoW lol 2
  • ciccio44 25 novembre 2013, 18:10 ciccio44
    BattleTag: Attil#2201
    Messaggi: 2335

    “Che può esserci al di sopra di uno che è al di sopra della fortuna?”
    #6
    Fantastico articolo, grazie MasterRedz.
    La parte prima dell'incontro con Thrall non la conoscevo, quindi son ben contento di aver conosciuto un'altra parte della storia di questo personaggio stupendo!
    Speriamo ritorni nella storia principale, non è uno che se ne resta per sempre in un villaggio, tsk!
    0
  • SERAPHIMON 25 novembre 2013, 20:49 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1564

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #7
    MasterRedz ha scritto:Ho preferito suntarlo così, d'altronde lo sapete che i miei articoli vogliono essere il più possibile precisi cercando di non cadere nel prolisso. L'articolo era già lungo di sè, ho cercato di tagliare e riassumere dove potevo. D'altronde il significato finale è lo stesso, una fuga dall'Orda originaria in cui non si riconosceva più e che lo aveva tradito. Comunque se volete modifico un pò :)


    un paio di dettagli possono sfuggire, ma credo che sia necessario cambiare le foto, l'orco di fronte non è lui, credo che sia EDGHAR EARTHFURY, ed anche l'umano mi sembra troppo giovane per essere Daelin, (forse è proprio lui prima delle guerre o il figlio)
    0
  • SERAPHIMON 25 novembre 2013, 20:51 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1564

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #8
    ciccio44 ha scritto:Fantastico articolo, grazie MasterRedz.
    La parte prima dell'incontro con Thrall non la conoscevo, quindi son ben contento di aver conosciuto un'altra parte della storia di questo personaggio stupendo!
    Speriamo ritorni nella storia principale, non è uno che se ne resta per sempre in un villaggio, tsk!


    quella parte viene raccontata solamente nel romanzo Oltre Il Portale Oscuro, probabilmente è stata messa per giustificare la presenza di Rexxar a Kalimdor ed il suo ruolo di Signore Delle Bestie (prototipo dei cacciatori)
    1
  • MasterRedzCommunity Manager 25 novembre 2013, 21:03 MasterRedz
    BattleTag: MasterRedz#2155
    Messaggi: 4991

    "La tua anima sarà mia!"
    #9
    SERAPHIMON ha scritto:un paio di dettagli possono sfuggire, ma credo che sia necessario cambiare le foto, l'orco di fronte non è lui, credo che sia EDGHAR EARTHFURY, ed anche l'umano mi sembra troppo giovane per essere Daelin, (forse è proprio lui prima delle guerre o il figlio)


    Le foto non le ho scelte io effettivamente, credo sia un errore, non le avevo neppure notate XD Appena posso le modifico.
    Parlando di errori, è REDGHAR Earthfury.
    1
  • Ligario 26 novembre 2013, 09:54 Ligario
    BattleTag: Ligario#2490
    Messaggi: 4499

    I care about me as much as I care about you!
    #10
    SERAPHIMON ha scritto:un paio di dettagli possono sfuggire, ma credo che sia necessario cambiare le foto, l'orco di fronte non è lui, credo che sia EDGHAR EARTHFURY, ed anche l'umano mi sembra troppo giovane per essere Daelin, (forse è proprio lui prima delle guerre o il figlio)


    La prima ora è stata modificata, la seconda è una versione di Daelin fatta da un fan. Se noti è il modello dell'umano di WoW, per certi personaggi è difficile trovare immagini e questa comunque rende, è evocativa. Prendila come uno spunto per immaginare quel personaggio che nell'attuale gioco non è presente per ovvi motivi cronologici ;)
    1
  • SERAPHIMON 26 novembre 2013, 22:25 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1564

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #11
    quel che è giusto è giusto; se non sbaglio c'è qualcosa su di lui anche nel sito di Hearthstone
    . . .
    SCATENA LA BESTIA! :good:

    http://eu.battle.net/hearthstone/it/blo ... 14-10-2013
    0
  • ReXXeR 28 novembre 2013, 14:27 ReXXeR
    BattleTag: ReXXeR#2397
    Messaggi: 171

    Linux Mint FTW!
    #12
    Un Mito, l'unico vero <Champion of the Horde> 0
  • z3llo 28 novembre 2013, 15:17 z3llo
    BattleTag: z3llo#2838
    Messaggi: 24

    Iscritto il: 10 giugno 2010, 11:10
    #13
    Il mio preferito su Hearthstone :P 0
  • Commenta la notizia