• Cho'gall: "Perchè non hai preso tu stesso le redini dell'Orda?"
    Gul'dan: "Me stesso? No, ogre. Non ho desiderio di marciare nelle strade con un'ascia o un martello, affrontando i miei nemici in carne ed ossa. Il mio destino è il più grandioso. Li affronterò spiritualmente, distruggendoli a poco a poco, divorandoli a migliaia. Presto, tutto quello che mi sarà promesso sarà mio, e allora Martelfato non sarà nulla. La potenza dell'Orda impallidirà di fronte a me, quando distruggerò questo mondo per ricostruirlo a mia immagine!"

    Gul'dan è una figura chiave nella storia degli orchi, immensamente negativa. È stato il fautore dell'ascesa dell'Orda e della corruzione degli orchi con i propri poteri demoniaci. La gioventù di Gul'dan è in gran parte sconosciuta, si sa che apparteneva al clan dei Torvaluna e che era uno dei loro sciamani più promettenti, tanto da essere accettato come allievo dal più potente tra loro, Ner'zhul.

    A un certo punto Ner'zhul cominciò a raccontare di aver incontrato lo spirito di un potente antenato, il Magnifico, e che grazie alla sua guida avrebbe reso gli orchi il popolo più grande mai visto su Draenor. Col passare del tempo gli elementi rispondevano sempre più di rado alla chiamata degli sciamani e Gul'dan viaggiò verso Oshu'gun alla ricerca di risposte, un luogo di grande spiritualità e punto focale della presenza del Magnifico. Con sua grande sorpresa il Magnifico si rivelò essere Kil'jaeden, un potente signore demoniaco che voleva rendere gli orchi l'arma perfetta per invadere e conquistare. Percepita la brama di potere dello sciamano, Kil'jaeden decise di rivelarsi per offrirgli potere illimitato e il controllo dell'intera razza. In cambio doveva solo renderli assassini e guerrieri sanguinari. Gul'dan accettò. Il potere demoniaco cominciò a fluire in lui, rendendolo immensamente più forte e potente.

    Lobotomizzare gli orchi sarebbe stato lungo ma facile. Gul'dan iniziò a raccogliere seguaci, riunendoli nel Concilio delle Ombre e fondando il suo clan personale, i Predoni della Tempesta. Lentamente, corruppe ogni aspetto della cultura orchesca, offrendo il Sangue di Mannoroth ai capi clan compiacenti per suggellare definitivamente il patto con i demoni. Per dare il colpo di grazia alle tradizioni sciamaniche e al legame con gli elementi, Gul'dan ferì gravemente il pianeta facendo sorgere un vulcano di energia demoniaca nella Valle di Torvaluna che poi sarà chiamato la Mano di Gul'dan. Il rituale ebbe successo e gli elementi abbandonarono gli orchi. Come primo test gli Orchi vennero scagliati contro i Draenei, l'altro grande popolo del pianeta Draenor, rimasto sempre pacifico nei confronti dei pelleverde e positivamente colpito dalla loro profonda spiritualità. Ora gli Orchi erano diventati l'Orda, una vera macchina da guerra.

    I Draenei vennero annientati e costretti a una nuova fuga interstellare verso un nuovo mondo che li avrebbe accolti. La Legione era molto soddisfatta del risultato e lasciò gli orchi prepararsi per la prossima invasione. All'improvviso Gul'dan venne contattato dallo stregone Medivh il quale chiese il suo aiuto per sfruttare il potere nascosto di Sargeras su Azeroth, dove il Titano Oscuro era sepolto. Per fare ciò avrebbe dovuto invadere il pianeta con l'Orda degli orchi, aprendo dei portali che ne avrebbero permesso il passaggio. Ancora una volta il malvagio stregone accettò e aprì il Portale Oscuro dando inizio alla Prima Invasione o Prima Guerra fra gli Umani, la razza nativa di Azeroth, e gli Orchi.

    Per portare avanti i suoi scopi personali senza dover comandare direttamente l'Orda, indisse un'elezione per scegliere un nuovo Capoguerra. Ovviamente lo stregone manipolò la votazione affinché fosse Manonera, capo del clan Roccianera, a vincere. Questo perché il capo clan era un orco incline al vizio e al lusso facilmente manipolabile. Mentre il Capoguerra si preoccupava di mettere a ferro e fuoco il nuovo mondo, Gul'dan continuò la ricerca del potere del Titano Oscuro. Avendo saputo che un manipolo di eroi dell'Alleanza era in viaggio per uccidere il Guardiano Medivh, lo stregone si affrettò a eseguire un potente rituale con cui mise alle strette il mago ed entrò nella sua mente per scoprire il luogo di sepoltura di Sargeras. Mentre stava ancora scavando nelle profondità dei pensieri del mago, Medivh venne ucciso da Khadgar, suo amico ed allievo, e Lothar. Gul'dan entrò in un coma profondo a causa dello shock e Manonera, ormai privo della protezione dello stregone, venne presto deposto da Orgrin Martelfato che divenne il nuovo capoguerra.

    Gul'dan si risvegliò dopo diversi mesi con solo Cho'gall e i suoi accoliti del Martello del Crepuscolo ancora al suo fianco mentre il Concilio dell'Ombra era smembrato. Il nuovo Capoguerra era desideroso di lasciarlo in vita in cambio di informazioni sui traditori Roccianera che rimanevano nell'Orda. Gul'dan accettò e per dimostrare lealtà ad Orgrim gli promise un esercito di non morti invincibile e fedele solo a lui. Gul'dan in un primo tempo intendeva resuscitare i cavalieri e i soldati morti di Roccavento, ma per diverso tempo collezionò solo fallimenti. A un certo punto ideò un macabro rituale: riunì i suoi ultimi discepoli e cominciò l'incantesimo. Man mano che il rituale procedeva uccise con l'aiuto di Cho'gall tutti i partecipanti, nutrendo le sue nuove creazioni con le loro anime e fondendo i corpi dei cavalieri di Roccavento con gli spiriti del Concilio delle Ombre. I primi Cavalieri della Morte erano nati e furono un terribile flagello nella Seconda Guerra, in parte mitigato solo dalla potenza dei Paladini. Gul'dan donò i nuovi guerrieri a Martelfato, lasciandolo a guidare l'Orda, mentre lo stregone ancora una volta era libero di continuare a procedere con le sue mire personali. Ovviamente i Cavalieri della Morte non era veramente leali a Martelfato ed agivano da sentinelle per Gul'dan.

    All'alba dell'attacco finale a Lordaeron, Gul'dan tradì Orgrim salpando per mare con i Predoni della Tempesta e i seguaci del Martello del Crepuscolo ancora una volta alla ricerca della tomba di Sargeras. Con una così grande parte delle sue truppe sparita, l'Orda venne sconfitta e si ritirò al Massiccio Roccianera per riorganizzarsi. Gul'dan trovò finalmente la tomba del Titano Oscuro sulle Isole Frammentate. Penetrare nella tomba si rivelò più difficile del previsto e molti dei suoi orchi cominciarono a sparire misteriosamente. Inoltre la tomba era abitata da diversi demoni, tutti potenti e difficili da controllare. Isolato, accerchiato e ferito, Gul'dan realizzò che era stato solo una pedina sulla scacchiera, solo uno strumento per Sargeras per invadere Azeroth. Con le sue ultime forze iscrisse delle rune con cui raccontò i suoi ultimi momenti. Alla fine, braccato da un misterioso inseguitore, lo stregone venne dilaniato e il suo corpo fatto a pezzi dallo stesso potere che bramava.

    Gul'dan rimase pericoloso anche da morto. Il suo tradimento costò la vittoria all'Orda che venne sconfitta dall'Alleanza. Inoltre, il suo teschio divenne un artefatto dal potere incommensurabile, ribollente di energie maligne. Il Teschio di Gul'dan era in grado di aprire portali dimensionali verso altri mondi, canalizzava le energie demoniache per potenziare il suo possessore e, grazie a un frammento d'anima, conteneva anche tutti i ricordi dello stregone. Fu proprio questo potere a permettere a Illidan di trasformarsi e di acquisire conoscenza della Tomba di Sargeras, dei Naga e quindi di scatenare eventi che ancora oggi segnano la storia di Azeroth.
    Condividi articolo
60 commenti   123  
  • MasterRedzCommunity Manager 25 ottobre 2013, 17:10 MasterRedz
    BattleTag: MasterRedz#2155
    Messaggi: 4955

    "La tua anima sarà mia!"
    #25
    ciccio44 ha scritto:Più che altro intendevo avere un qualcosa del genere: andare a fondo sul caso della morte di Gul'dan xD ovviamente non saprei definirti un'ipotetica storia ma credo che come hai scritto tu sia ancora sviluppabile.

    In ogni caso, anche se lo poteva sembrare, la mia non era una critica al "nuovo" lore stile Mop che ho molto apprezzato, semplicemente mi farebbe piacere rivedere ANCHE le zone dell'amato RTS ahah; maledetta nostalgia.

    PS Ricomplimenti, gli ultimi due articoli li ho trovati decisamente fantastici :)


    Uhuh, sono d'accordo. Ne ho approffittato per esprimere la mia opinione su MoP, l'aveva fatto nell'era pre-crash del sito.
    0
  • agostinex 25 ottobre 2013, 22:49 agostinex
    BattleTag: agostinex#2504
    Messaggi: 43

    For the hordaaaa
    #26
    @wulgrim sisi lo so letti pure io i libri xD, http://www.wowwiki.com/Eredar_warlock io ho sempre saputo che Archimonde fosse stato il primo warlock della storia di warcraf xD.
    *edit ps. erano tre amici xD
    0
  • Finalcut 27 ottobre 2013, 04:01 Finalcut
    BattleTag: randallflagg#2376
    Messaggi: 115

    Iscritto il: 18 ottobre 2013, 13:52
    #27
    io ho odiato fortemente Ner'zhul! Ha trasformato una razza onorevole in un gruppo di animali assetati di sangue solo per la sua stupidità. La fine che ha fatto è solo che meritata 0
  • Finalcut 27 ottobre 2013, 04:05 Finalcut
    BattleTag: randallflagg#2376
    Messaggi: 115

    Iscritto il: 18 ottobre 2013, 13:52
    #28
    @agostinex: se non ricordo male, gli eredar erano demoni con poteri simili ai warlock (derivano da loro i poteri dei lock) ma il primo vero warlock è Gul'dan che ha ricevuto i poteri da Kil'jaiden. Se ricordo male corregetemi 0
  • Wulgrim 27 ottobre 2013, 06:23 Wulgrim
    Messaggi: 8317

    They were all dead. The final gunshot was an exclamation mark of everything that had led to this point. [Cit]
    #29
    No, ricordi bene @Finalcut

    Prima gli orchi praticavano solo lo sciamanesimo, Ner'Zul e Gul'dan (suo allievo) erano sciamani, poi con l'avvento di Kil'jaeden (la scoperta del tradimento dentro Osho'gun, svelatogli dagli antenati a Ner'zul) Gul'dan prese il potere dicendo che il suo maestro era debole e quindi non poteva permettersi di comandare l'orda degli orchi contro i draenei

    Da li poi pian piano l'aumento della magia demoniaca, per far crescere rapidamente i giovani orchi, il patto di fedeltà bevendo il sangue di mannoroth, l'evocare demoni ecc ecc

    Effettivamente potrebbe essere la prima forma non eredar di stregone, visto che in parte sono anche essi (gli eredar) demoni quindi si potrebbe dire che sono padroni di altri della loro specie
    0
  • SERAPHIMON 27 ottobre 2013, 10:45 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1560

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #30
    credo che a decapitare Gul'dan sia stato il demone custode dello Scettro Scintillante di Sargeras: in Warcraft II Beyond The Dark Portal, nella campagna dell'orda, c'è una missione in cui bisogna trovare ed uccidere quel demone e lo scettro viene citato nelle descrizioni delle missioni ed anche nel romanzo Attraverso Il Portale Oscuro; sempre in tale romanzo viene scritto che il Teschio di Gul'dan era stato consegnato da Khadgar ad un messaggero per riportarlo a Dalaran insieme al Libro di Medivh ed all'Occhio Di Dalaran (anche se questa parte manca nel gioco)

    in World Of Warcraft qualcuno sà dirmi che fine hanno fatto tali reliquie? gli ultimi proprietari sono stati Kel'thuzad ed Illidan
    0
  • Felldor 27 ottobre 2013, 10:53 Felldor
    BattleTag: FedeLiga#2788
    Messaggi: 1

    Iscritto il: 27 ottobre 2013, 10:51
    #31
    Bellissima Storia!!! ;) 0
  • SERAPHIMON 27 ottobre 2013, 10:57 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1560

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #32
    Wulgrim ha scritto:No, ricordi bene @Finalcut

    Prima gli orchi praticavano solo lo sciamanesimo, Ner'Zul e Gul'dan (suo allievo) erano sciamani, poi con l'avvento di Kil'jaeden (la scoperta del tradimento dentro Osho'gun, svelatogli dagli antenati a Ner'zul) Gul'dan prese il potere dicendo che il suo maestro era debole e quindi non poteva permettersi di comandare l'orda degli orchi contro i draenei

    Da li poi pian piano l'aumento della magia demoniaca, per far crescere rapidamente i giovani orchi, il patto di fedeltà bevendo il sangue di mannoroth, l'evocare demoni ecc ecc

    Effettivamente potrebbe essere la prima forma non eredar di stregone, visto che in parte sono anche essi (gli eredar) demoni quindi si potrebbe dire che sono padroni di altri della loro specie


    credo che lui sia il primo Stregone degli Orchi, ma alcuni Stregoni erano già presenti nella Guerra Degli Antichi di Kalimdor, tutti nati a causa dell'invasione della Legione Infuocata, come i Satiri
    0
  • SERAPHIMON 27 ottobre 2013, 11:01 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1560

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #33
    Finalcut ha scritto:@agostinex: se non ricordo male, gli eredar erano demoni con poteri simili ai warlock (derivano da loro i poteri dei lock) ma il primo vero warlock è Gul'dan che ha ricevuto i poteri da Kil'jaiden. Se ricordo male corregetemi


    all'inizio si credeva che gli Eredar fossero nati demoni e che Archimonde e Kil'jaeden fossero degli Arcieredar, ma poi si scopre che fossero degli Argusiani, come Velen ed i Draenei, nel romanzo L'Ascesa Dell'Orda e che subirono la corruzione e la trasmutazione da parte di Sargeras, come tutte le specie che si sono alleate completamente con la Legione Infuocata
    0
  • MasterRedzCommunity Manager 27 ottobre 2013, 12:03 MasterRedz
    BattleTag: MasterRedz#2155
    Messaggi: 4955

    "La tua anima sarà mia!"
    #34
    SERAPHIMON ha scritto:credo che a decapitare Gul'dan sia stato il demone custode dello Scettro Scintillante di Sargeras: in Warcraft II Beyond The Dark Portal, nella campagna dell'orda, c'è una missione in cui bisogna trovare ed uccidere quel demone e lo scettro viene citato nelle descrizioni delle missioni ed anche nel romanzo Attraverso Il Portale Oscuro; sempre in tale romanzo viene scritto che il Teschio di Gul'dan era stato consegnato da Khadgar ad un messaggero per riportarlo a Dalaran insieme al Libro di Medivh ed all'Occhio Di Dalaran (anche se questa parte manca nel gioco)

    in World Of Warcraft qualcuno sà dirmi che fine hanno fatto tali reliquie? gli ultimi proprietari sono stati Kel'thuzad ed Illidan


    Può essere, ma credo piuttosto che sia stato realmente smebrato dai demoni, nonostante il filmato che mostra un oscura presenza. In ogni caso è uno dei numerosi punti oscuri di Warcraft.
    Lo Scettro è probabilmente in mano a Kil'jaeden, l'Occhio e il Teschio sono dispersi, mentre il libro di Medivh... Teoricamente il libro era in mano a Kel'Thuzad, ma non si sa se è lo stesso usato per aprire i portali, dato che non era stato riportato indietro conle altre reliquie. In ogni caso, è anche lui disperso.
    0
  • MasterRedzCommunity Manager 27 ottobre 2013, 12:07 MasterRedz
    BattleTag: MasterRedz#2155
    Messaggi: 4955

    "La tua anima sarà mia!"
    #35
    SERAPHIMON ha scritto:
    all'inizio si credeva che gli Eredar fossero nati demoni e che Archimonde e Kil'jaeden fossero degli Arcieredar, ma poi si scopre che fossero degli Argusiani, come Velen ed i Draenei, nel romanzo L'Ascesa Dell'Orda e che subirono la corruzione e la trasmutazione da parte di Sargeras, come tutte le specie che si sono alleate completamente con la Legione Infuocata


    Uhuh, in ogni caso gli Eredar sono abitanti di Argus ed eventuali altre specie ( ma non è confermato) che sono stati attirati dal potere demoniaco offerto da Archimonde e Kil'Jaeden ( che in ogni caso sono Arcidemoni, e quindio Arcieredar.), mentre quelli che non vollero passare con i demoni vennero raccolti da Velen e dai Naaru per diventare i Draenei.
    0
  • Shayl 27 ottobre 2013, 12:08 Shayl
    BattleTag: Shayl#2146
    Messaggi: 246

    Today is a good day... to die!
    #36
    Io ragazzi mi sono sempre chiesta perchè Illidan abbia il teschio di Gul Dan, cioè, come l'ha avuto, non può averlo trovato così, a caso in giro mentre camminava no? Non c'ho mai capito, forse questo è uno dei miei buchi sul Lore di WoW.

    Gul Dan si sarà un personaggi estremamente negativo, cattivissimo stregone ne dell' Orda ne dell'Alleanza avrà tradito L'orda etc etc, però era un gran figo. Mi piacciono i suoi ideali, anche se sono un po le idee che hanno tutti i "cattivi" del momento, vedi anche Deathwing. (lo so. Patteggio per la parte cattiva XD e per le voglie di distruzione del mondo, c'è da dire che però anche se i malvagi lo vogliono distruggere, poi vogliono anche ricrearlo lol)
    0
  • MasterRedzCommunity Manager 27 ottobre 2013, 12:14 MasterRedz
    BattleTag: MasterRedz#2155
    Messaggi: 4955

    "La tua anima sarà mia!"
    #37
    Shayl ha scritto:Io ragazzi mi sono sempre chiesta perchè Illidan abbia il teschio di Gul Dan, cioè, come l'ha avuto, non può averlo trovato così, a caso in giro mentre camminava no? Non c'ho mai capito, forse questo è uno dei miei buchi sul Lore di WoW.

    Gul Dan si sarà un personaggi estremamente negativo, cattivissimo stregone ne dell' Orda ne dell'Alleanza avrà tradito L'orda etc etc, però era un gran figo. Mi piacciono i suoi ideali, anche se sono un po le idee che hanno tutti i "cattivi" del momento, vedi anche Deathwing. (lo so. Patteggio per la parte cattiva XD e per le voglie di distruzione del mondo, c'è da dire che però anche se i malvagi lo vogliono distruggere, poi vogliono anche ricrearlo lol)


    Il teschio l'ha conquistato quando è stato liberato da Tyrande nella Terza Guerra per combattere i demoni. Mentre combatteva, è stato avvicinato da Arthas e, dopo una breve schermaglia, Arthas gli ha indicato (probabilmente per seguire il piano di Ner'zhul) la posizione del Teschio, che era usato come fonte di potere per corrompere le foreste. Illidan, tentato dal suo potere, lo assorbì, diventando mezzo demone. Con il suo nuovo potere "uccise" Tichondrius e diede un duro colpo alla Legione, nonostante dopo venga esiliato da Malfurion per essere diventato un demone.

    Comunque anch'io patteggio per il Male. :D
    0
  • Andissiel 27 ottobre 2013, 14:14 Andissiel
    BattleTag: Andissiel#2458
    Messaggi: 727

    Forse, lungo il cammino, troverai quello che cerchi
    #38
    MasterRedz ha scritto:(probabilmente per seguire il piano di Ner'zhul)


    A parer mio, toglierei il " probabilmente ". Credo che Ner'zhul conoscesse perfettamente la sete di potere di Illidan e l'ha sfruttata per togliere di mezzo Tichondrius che poteva essere un buon alleato di Archimonde a Mount Hyjal.
    0
  • agostinex 27 ottobre 2013, 14:48 agostinex
    BattleTag: agostinex#2504
    Messaggi: 43

    For the hordaaaa
    #39
    ero convinto che fosse stato archimonde xD, chiedo scusa per l'epic fail lol 0
  • Shayl 27 ottobre 2013, 15:10 Shayl
    BattleTag: Shayl#2146
    Messaggi: 246

    Today is a good day... to die!
    #40
    Ora è tutto più chiaro XD Sapevo come era diventato Demone, ma non avevo capito come aveva preso il Teschio. Tutta colpa di Arthy che mi ha fatto diventare Illy un demone T^T 0
  • Andissiel 27 ottobre 2013, 17:46 Andissiel
    BattleTag: Andissiel#2458
    Messaggi: 727

    Forse, lungo il cammino, troverai quello che cerchi
    #41
    Shayl ha scritto:Tutta colpa di Arthy che mi ha fatto diventare Illy un demone T^T


    Di Ner'zhul... Arthas a quel tempo era solo un manichino nelle mani del re lich ;)



    " Il Re Lich aveva previsto anche questo " (Cit.) rofl
    0
  • SERAPHIMON 27 ottobre 2013, 19:02 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1560

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #42
    @MasterRedz
    peccato, speravo che sconfiggendo Illidan o Kel'thuzad nelle patch di World Of Warcraft si potessero ottenere almeno come trofeo . . . o almeno avere qualche informazione a riguardo come la Falce Di Elune
    0
  • SERAPHIMON 27 ottobre 2013, 19:16 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1560

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #43
    Shayl ha scritto:Ora è tutto più chiaro XD Sapevo come era diventato Demone, ma non avevo capito come aveva preso il Teschio. Tutta colpa di Arthy che mi ha fatto diventare Illy un demone T^T



    i poteri magici di Ner'zhul, perdendo il corpo fisico ed diventando il Re Dei Lich, si sono amplificati tantissimo e tra questi c'erano le visioni e la comunicazione coi defunti, in quanto Sommo Sciamano di tutte le tribù degli orchi; per questo lui era in grado di prevedere certi eventi (anche se in certi casi bastava un po' di intuito); le premonizioni sono confermate fra i poteri dello sciamanesimo ed anche nel romanzo Arthas, L'Ascesa Del Re Dei Lich: nell'ultimo capitolo si vede lo spirito di quel che resta di Arthas mentre ascolta l'ultimo frammento della sua anima, sotto forma del se stesso da ragazzino, che gli rammenta il bene del passato e Ner'zhul che gli mostra alcune visioni del futuro che lo attende se proseguirà il cammino attuale insieme a lui (tra le visioni c'è lo scontro tra Frostmourne/Gelanima ed Ashbringer/Brandicenere)
    0
  • SERAPHIMON 27 ottobre 2013, 19:19 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1560

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #44
    agostinex ha scritto:ero convinto che fosse stato archimonde xD, chiedo scusa per l'epic fail lol


    è proprio questa la ragione per cui si creano i Forum ed è così bello creare queste discussioni, così si "correggono" i propri errori e si chiarisce ogni dubbio
    0
  • Wulgrim 27 ottobre 2013, 19:56 Wulgrim
    Messaggi: 8317

    They were all dead. The final gunshot was an exclamation mark of everything that had led to this point. [Cit]
    #45
    SERAPHIMON ha scritto:@MasterRedz
    peccato, speravo che sconfiggendo Illidan o Kel'thuzad nelle patch di World Of Warcraft si potessero ottenere almeno come trofeo . . . o almeno avere qualche informazione a riguardo come la Falce Di Elune


    @SERAPHIMON li abbiamo già abbattuti, sia Kel' Thuzad che Illidan e nada
    0
  • Andissiel 28 ottobre 2013, 00:42 Andissiel
    BattleTag: Andissiel#2458
    Messaggi: 727

    Forse, lungo il cammino, troverai quello che cerchi
    #46
    SERAPHIMON ha scritto:i poteri magici di Ner'zhul, perdendo il corpo fisico ed diventando il Re Dei Lich, si sono amplificati tantissimo e tra questi c'erano le visioni e la comunicazione coi defunti, in quanto Sommo Sciamano di tutte le tribù degli orchi;


    Ecco una cosa che non ho mai capito a fondo, anche perchè essendo WoW quando giocavo io full inglese, non mi sono mai preso la briga di star li a leggere e a tradurre tutto.
    Mi è parso di capire che, quando Arthas si è fuso a Ner'zul, abbia perso questo potere di preveggenza. E' solo una mia impressione perchè non mi sono letto nulla per il motivo scritto sopra o è veramente cosi? Perchè?

    Cioè, ho giocato a WC3 e all'espansione con la continua sensazione che tutto era già stato previsto da Ner'zul. TUTTO. E infatti alla fine dell'espansione succede esattamente quello che voleva lui. La Legione cade, Kil'jaeden fallisce nella sua vendetta e lui ha di nuovo un corpo ed è libero dal trono ghiacciato, tipo fare un terno al lotto rofl
    Mentre il WotlK sembra proprio che non ne prenda una, non ne indovina mezza
    0
  • grallenMost Valuable Poster 28 ottobre 2013, 08:14 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5719

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #47
    Cioè, ho giocato a WC3 e all'espansione con la continua sensazione che tutto era già stato previsto da Ner'zul. TUTTO. E infatti alla fine dell'espansione succede esattamente quello che voleva lui. La Legione cade, Kil'jaeden fallisce nella sua vendetta e lui ha di nuovo un corpo ed è libero dal trono ghiacciato, tipo fare un terno al lotto rofl
    Mentre il WotlK sembra proprio che non ne prenda una, non ne indovina mezza


    In WC3 infatti Ner'Zul riesce infatti a prevedere o semplicemente molte cose vanno come aveva pianificato.

    Quando Arthas si unisce a lui però il suo spirito prima uccide il suo "io" bambino che rappresentava la parte buona di lui e quando Ner'Zul lo abbraccia e gli dice che insieme faranno grandi cose Arthas uccide anche lo spirito di Ner'Zul e questo potrebbe avergli fatto perdere quel potere di preveggenza che era di Ner'Zul.
    0
  • Andissiel 28 ottobre 2013, 12:50 Andissiel
    BattleTag: Andissiel#2458
    Messaggi: 727

    Forse, lungo il cammino, troverai quello che cerchi
    #48
    grallen ha scritto:Quando Arthas si unisce a lui però il suo spirito prima uccide il suo "io" bambino che rappresentava la parte buona di lui e quando Ner'Zul lo abbraccia e gli dice che insieme faranno grandi cose Arthas uccide anche lo spirito di Ner'Zul e questo potrebbe avergli fatto perdere quel potere di preveggenza che era di Ner'Zul.


    Si ho capito, grazie infinite per il chiarimento. Quindi diciamo che alla fine rimane solamente la parte malvagia di Arthas come Lich King, questo Ner'zul allora non l'aveva previsto rofl
    0
  • grallenMost Valuable Poster 28 ottobre 2013, 14:15 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5719

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #49
    Si ho capito, grazie infinite per il chiarimento. Quindi diciamo che alla fine rimane solamente la parte malvagia di Arthas come Lich King, questo Ner'zul allora non l'aveva previsto rofl


    Si esattamente e forse per Arthas è stato un ulteriore sbaglio. In ogni caso ormai sia di Ner'zul che di Gul'dan non dovrebbe essere rimasto più niente.

    IL famoso teschio di Gul'dan a parer mio lo ha prosciugato del tutto Illidan e quindi ormai inutilizzabile come oggetto.
    0
  • Commenta la notizia   123