• Scritto da ,
    Durante la sua permanenza a Orgrimmar come consigliere di guerra, Garrosh ebbe uno scambio di opinioni piuttosto vivace con un’orchessa di nome Krenna. Questa incolpò suo padre Grom della maledizione di sangue che incombeva sull’Orda e mise in discussione la capacità di comandare di Thrall.

    Secondo Krenna, la vita a Durotar era troppo dura e la gente moriva di fame. In tutto questo, il Capoguerra proibiva al suo popolo di stabilirsi a Valtetra, una terra piena di risorse, mentre permetteva ai pericolosi elfi della notte di vivere così vicino ai loro confini. Garrosh, fedele a Thrall e alla sua maniera di comandare l'Orda, accusò Krenna di tradimento e minacciò di attaccarla se avesse continuato a parlare in questi termini del Capoguerra. Prima che si passasse ai fatti intervenne Gorgonna, la sorella di Krenna, che la costrinse a lasciar perdere. L'orchessa si scusò con Garrosh per l'atteggiamento della sua consanguinea, ma confessò che vivere a Durotar era diventato talmente difficile da sembrare quasi una punizione per le nefandezze commesse dai loro padri durante la Terza Guerra. Poi Gorgonna gli mostrò la sua pelle verde, in contrasto con quella marrone di Garrosh. L'orchessa gli disse che lui non aveva nessun crimine da scontare perchè non era come il resto di loro, che al contrario erano stati infettati dal sangue demoniaco. In quel momento Garrosh ebbe una rivelazione e decise che avrebbe protetto Orgrimmar e i suoi orchi a tutti i costi, anche se ciò voleva dire estromettere Thrall dai giochi.

    Immagine

    Era già deluso dalla passività mostrata dal Capoguerra di fronte a questioni che secondo lui richiedevano un'azione immediata, come quelle riguardanti l'Alleanza o il Flagello. Garrosh non poteva sopportare oltre di vedere gli orchi divisi mentre prestavano aiuto alle altre razze dell'Orda, quando il Flagello annichiliva forze e risorse, solo perché Thrall si rifiutava di scatenare tutta la potenza del suo popolo. Qualche tempo dopo, Garrosh si recò con Thrall ad una riunione a cui presero parte Rehgar, Varok Faucisaure, Putress e la stessa regina dei Reietti Sylvanas Ventolesto. Bisognava decidere le prossime mosse da attuare contro il Flagello, che negli ultimi mesi stava diventando sempre più attivo e pericoloso. Fin dall'inizio della discussione, Malogrido sollevò la possibilità di portare l'esercito dell'Orda a Nordania e affrontare i non morti sul loro stesso campo. Thrall, previa consultazione con gli spiriti elementali e dietro consiglio di Varok, si mostrò favorevole ad inviare un piccolo drappello in avanscoperta, prima di partire con il grosso delle sue truppe. Il Capoguerra disse anche a Garrosh che non avrebbe dovuto commettere l'errore fatto da suo padre in passato.

    Percependolo come un insulto, Garrosh sfidò Thrall ad affrontarlo nel Circolo del Valore, per risolvere l'offesa con le armi. Fu una lotta molto serrata, ma proprio quando Garrosh sembrava in procinto di vincere, un messaggero del Re Lich entrò nell'arena e minacciò la distruzione di Orgrimmar. Immediatamente la città fu assediata da abomini, cavalieri della morte e una moltitudine di non morti. Thrall e Garrosh rinviarono la loro battaglia personale e si dedicarono alla difesa della capitale, sostenuti da Putress, Sylvanas e Varok. Quando l'assedio venne controllato, Garrosh insistette per guidare in prima persona l’avanguardia dell’Orda, ma stavolta Thrall era d'accordo. Garrosh Malogrido fu nominato Comandante supremo dell'Offensiva dei Cantaguerra e stabilì nella Tundra Boreale, lungo le coste occidentali di Nordania, la sua fortezza base. Nel continente ghiacciato Garrosh mostrò tutta la sua spregiudicatezza e la sua impulsività nel comandare l'esercito. Lo stesso Faucisaure, che bevve dal medesimo calice che corruppe Grom, fu molto colpito dal comportamento del giovane orco e più volte lo mise in guardia dall'attuare tattiche così selvagge. Anche se riluttante, Garrosh accolse diverse volte i suggerimenti del suo aiutante.

    Immagine

    Rimane emblematico lo scontro verbale che i due ebbero in occasione dell'avanzata dell'Orda verso la Corona di Ghiaccio. Prima Faucisaure ammonì il fiero orco che non era corretto attaccare l'Alleanza poiché così facendo avrebbe guidato il suo popolo su un sentiero oscuro. Successivamente arrivò a minacciare Garrosh di morte, vedendo che non reagiva ai suoi consigli. Il giovane orco non raccolse la provocazione di Faucisaure, ma ribatté domandandogli sarcasticamente come fosse riuscito a sopravvivere così a lungo senza cadere vittima del suo stesso senso di moralità. Da quel momento Garrosh ordinò ai suoi comandanti stabilitisi a Nordania di focalizzarsi sull'attacco degli avamposti dell'Alleanza piuttosto che sul Flagello. Tali disposizioni furono raccolte alla lettera da Krenna, diventata nel frattempo comandante della Fortezza della Conquista nella regione dei Colli Bradi. L'orchessa tralasciò completamente la guerra contro i non morti per dedicarsi esclusivamente all'assalto degli accampamenti umani. I suoi attacchi cessarono soltanto grazie alla rivolta guidata da Gorgonna, sua subalterna, che depose la sorella con la forza. Anche Korm Sfregionero, detto il Razziatore dei Cieli, che era al comando della nave volante chiamata Martello di Orgrim, applicò fedelmente gli ordini di Garrosh. Egli combattè numerose volte contro la Spaccacieli dell'Alleanza, che come loro si trovava a sorvolare la zona aerea sopra la Corona di Ghiaccio. Il prezzo che Garrosh pagò per la sua disattenzione fu alto. Kel'Thuzad inviò un esercito di non morti contro la Fortezza dei Cantaguerra, subendo un attacco di dimensioni spropositate.

    Immagine

    L'offensiva contro Naxxramas, la necropoli del Lich, non si fece attendere. Garrosh ordinò ad un gruppo di eroi di occuparsene e sconfiggere chi si trovava al suo interno. Questo non era l'unico nemico che lo attendeva a Nordania. Nelle profondità di Ulduar, una delle basi dei Titani su Azeroth, risiedeva un male antico che rispondeva al nome di Yogg-Saron. Quando Thrall e Garrosh vennero chiamati da Rhonin, il leader KirinTor a Dalaran, che voleva avvisarli della presenza di nuovo nemico, ci fu un forte scontro tra Garrosh e Varian Wrynn. Il re umano, convocato insieme a loro, vedendo lì Malogrido espresse tutta la propria diffidenza quando il mago esortò una cooperazione tra Orda e Alleanza per sconfiggere l'Antico Dio. Thrall disse di essere favorevole ma la risposta di Garrosh non si fece attendere. L'orco accusò il Capoguerra di voler collaborare con un vigliacco. Varian si infuriò per l'insulto e la questione sarebbe finita nel sangue, senza il rapido intervento di Rhonin. Thrall rimase molto deluso dal comportamento di Garrosh. Il Capoguerra gli disse chiaramente che l'odio presente nel suo cuore superava di gran lunga la sua capacità di ragionare. Tempo dopo, quando la battaglia finalmente raggiunse la Cittadella dove dimorava Arthas, Garrosh comandò personalmente le truppe d'assalto per raggiungere il Trono di Ghiaccio. Con il Re dei Lich morto, Garrosh si stabilì nella Fortezza dei Cantaguerra in attesa della prossima sfida, che arrivò rapidamente.

    Con il ritorno di Alamorte su Azeroth e l'arrivo del Cataclisma, Thrall fu costretto a mettersi in viaggio per raggiungere i membri del Circolo della Terra e discutere con loro delle devastanti forze naturali che avevano cominciato a sconquassare il pianeta. Dopo la sua partenza, Garrosh fu nominato nuovo Capoguerra. La prima azione che compì nel suo nuovo ruolo di leader dell'Orda fu evacuare la città di Orgrimmar da tutte le razze diverse dagli orchi e dai tauren poiché pensava che queste genti non possedevano la forza necessaria per difendere la città. Oltre a ciò fece ristrutturare la capitale, rendendola più simile alla Fortezza dei Cantaguerra e delle altre basi che l'Orda aveva stabilito a Nordania. Le reazioni delle altre popolazioni alla nomina di Garrosh come Capoguerra non si fecero attendere a lungo. Se gli orchi erano entusiasti del loro nuovo leader, non lo furono altrettanto i troll Lanciascura guidati da Vol'jin. Per loro il nuovo capo dell'Orda era solo un guerrafondaio. Non solo, erano convinti che avesse ottenuto il ruolo di Capoguerra solamente perché aveva rivestito la carica di comandante della spedizione a Nordania.

    Immagine

    Anche il saggio Cairne Zoccolo Sanguinario espresse il proprio disappunto quando venne informato da Hamuul Totem Runico di un presunto tentativo da parte di Garrosh di sabotare una negoziazione pacifica in corso tra i druidi di entrambe le fazioni, sull'uso delle risorse di Valtetra. Gli aggressori, che erano in realtà membri del Martello del Crepuscolo, avevano ucciso alcuni druidi del Circolo di Cenarius. Infuriato, il leader dei Tauren si era recato a Orgrimmar per affrontare il nuovo capo dell'Orda. Ne seguì un'aspro scontro con Garrosh, a cui rinfacciò alcuni errori passati, come l'aver volutamente disatteso il trattato stipulato da Thrall con l'Alleanza. Per risolvere la faccenda, Cairne decise di sfidarlo apertamente in un duello che, su richiesta di Garrosh, divenne all'ultimo sangue. I due lottarono valorosamente, ma l'anziano tauren fu sconfitto dal giovane orco. Colpito ad una giuntura tra la testa e la spalla da Garrosh, prima ancora di toccare il suolo Cairne morì.

    Solo in un secondo momento si scoprì che il saggio sciamano era stato avvelenato da Magatha Totem Truce e quindi l'orco non ne era il responsabile. Nel frattempo il figlio di Cairne, Baine, cercò di riprendere il controllo di Picco del Tuono. La città, privata del suo carismatico leader, era caduta nelle mani del clan dei Totem Truce. Di contro Magatha, che aveva assunto indebitamente la guida della città tauren, chiese l'aiuto del Capoguerra. La risposta del fiero orco, dopo il duello che aveva messo in discussione il suo onore, fu nettamente negativa. Si legge nella lettera inviata alla tauren:

    «All'Anziana Strega Magatha dei Totem Truce
    il Signore della Guerra dell'Orda in carica, Garrosh Malogrido
    manda i suoi più sinceri auguri di una morte lenta e dolorosa».

    Dopo numerosi scontri, Baine assunse il controllo della città e Garrosh, riappacificandosi con il tauren, aumentò notevolmente la sua popolarità tra le genti dell'Orda. Anche i Reietti non mostrarono molta simpatia nei confronti del nuovo Capoguerra. Il loro comandante, Sylvanas Ventolesto definì Garrosh "un buffone con la testa da orco". Per ordine di Thrall, il giovane Capoguerra si occupò anche di accogliere nell'Orda i goblin che erano fuggiti dalle Isole Perdute e trovar loro una nuova sistemazione.

    Immagine

    Continuate a seguirci per leggere la terza parte della storia di Garrosh Malogrido.
    Condividi articolo
16 commenti
  • ciccio44 11 ottobre 2014, 02:06 ciccio44
    BattleTag: Attil#2201
    Messaggi: 2335

    “Che può esserci al di sopra di uno che è al di sopra della fortuna?”
    #1
    Ottimo articolo!

    Continuo a ritenerlo un grande personaggio, forse il migliore sviluppato dalla Blizzy dall'uscita di WoW!
    Curioso di leggere l'ultima parte e conoscere la fine(?) della sua storia in WoD.
    0
  • grallenMost Valuable Poster 11 ottobre 2014, 07:41 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5727

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #2
    Un ottimo articolo.

    Solo un appunto.

    Garrosh decise di aiutare il figlio di Cairne, Baine, a riprendere il controllo della città perché nel frattempo, privata del suo carismatico leader, era caduta nelle mani del clan dei Totem Truce.


    Per quanto mi ricordo Garrosh non mosse un dito per aiutare Baine ma anzi quest'ultimo ricevette aiuto dai "nemici" dell'Alleanza ed esattamente da Jaina che gli dette i soldi per comprare mercenari e mezzi e un aiuto spirituale da Anduin che gli diede un arma ricevuta a sua volta dai Nani con la benedizione della luce.

    Baine accettò di rimanere nell'Orda perchè aveva bisogno della forza degli Orchi per il difficile momento che l'intero pianeta stava subendo per via di Alamorte.

    Gli unici che lo idolatravano a Garrosh erano i giovani orchi che vedevano un capoguerra capace di far rispettare i loro "diritti".
    2
  • Ljnx 11 ottobre 2014, 15:21 Ljnx
    BattleTag: Ljnx#2455
    Messaggi: 239

    Il nostro vincolo è indissolubile
    la nostra volontà incrollabile,
    chi oserà opporsi a noi?!

    -Grom Malogrido
    #3
    grallen ha scritto:Un ottimo articolo.
    Solo un appunto.
    Per quanto mi ricordo Garrosh non mosse un dito per aiutare Baine ma anzi quest'ultimo ricevette aiuto dai "nemici" dell'Alleanza ed esattamente da Jaina che gli dette i soldi per comprare mercenari e mezzi e un aiuto spirituale da Anduin che gli diede un arma ricevuta a sua volta dai Nani con la benedizione della luce.

    Baine accettò di rimanere nell'Orda perchè aveva bisogno della forza degli Orchi per il difficile momento che l'intero pianeta stava subendo per via di Alamorte.

    Gli unici che lo idolatravano a Garrosh erano i giovani orchi che vedevano un capoguerra capace di far rispettare i loro "diritti".



    Si esatto ,ma guarda che l'ha scritto ( sintentizzato ovviamente, ma lo ha scritto ) :

    "Lo fece negando il proprio aiuto a Magatha che aveva assunto indebitamente il controllo di picco del Tuono."
    1
  • Ljnx 11 ottobre 2014, 15:22 Ljnx
    BattleTag: Ljnx#2455
    Messaggi: 239

    Il nostro vincolo è indissolubile
    la nostra volontà incrollabile,
    chi oserà opporsi a noi?!

    -Grom Malogrido
    #4
    P.s grande Meriel :) 0
  • SERAPHIMON 11 ottobre 2014, 18:22 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1562

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #5
    un'ottimo articolo, ma io non posso fare a meno di essere il solito pignolo:
    un'errore è già stato mostrato quindi non c'è bisogno di ridirlo, il secondo consiste nella "fuga di Garrosh": non mi sembra che sia mai fuggito, al massimo è rimasto quasi inerte ad Orgrimmar . . .
    0
  • Sovelis 11 ottobre 2014, 20:44 Sovelis
    Messaggi: 175

    Iscritto il: 20 febbraio 2014, 00:16
    #6
    Che storie bellissime, e incredibili, e pensare che questa parte qui, tutti i giocatori degli ultimi 3-4 anni l'hanno vissuta appieno...io mi sono letto le quasi 60 pagine su wikipedia, che raccolgono piu o meno tutti i libri,fumetti, e storie che ruotano intorno a questo fantastico universo....ho capito una cosa: Wow è probabilmente uno dei piu bei giochi realizzati, per me senza dubbio il migliore di tutte le epoche...ma riflettendoci ogni volta su, e tralasciando il fantastico gameplay, lo stile grafico ricercatissimo, ho capito che l'asso nella manica è senz altro il lore, iniziato nei primissimi anni 90 con l'avvento di "orcs and humans".

    Tutto ciò è stupendo....da ragazzino giocavo a Magic e Dungeons & Dragons, STRATOSFERICI anche loro, ma non avrei mai pensato che essi potessero essere in qualche modo "superati" tra le mie preferenze in termini soprattutto fantasy dall universo Blizzard e dal brand Warcraft in particolare.....siete nella storia ragazzi!
    4
  • Ljnx 11 ottobre 2014, 21:01 Ljnx
    BattleTag: Ljnx#2455
    Messaggi: 239

    Il nostro vincolo è indissolubile
    la nostra volontà incrollabile,
    chi oserà opporsi a noi?!

    -Grom Malogrido
    #7
    Sovelis ha scritto:Che storie bellissime, e incredibili, e pensare che questa parte qui, tutti i giocatori degli ultimi 3-4 anni l'hanno vissuta appieno...io mi sono letto le quasi 60 pagine su wikipedia, che raccolgono piu o meno tutti i libri,fumetti, e storie che ruotano intorno a questo fantastico universo....ho capito una cosa: Wow è probabilmente uno dei piu bei giochi realizzati, per me senza dubbio il migliore di tutte le epoche...ma riflettendoci ogni volta su, e tralasciando il fantastico gameplay, lo stile grafico ricercatissimo, ho capito che l'asso nella manica è senz altro il lore, iniziato nei primissimi anni 90 con l'avvento di "orcs and humans".

    Tutto ciò è stupendo....da ragazzino giocavo a Magic e Dungeons & Dragons, STRATOSFERICI anche loro, ma non avrei mai pensato che essi potessero essere in qualche modo "superati" tra le mie preferenze in termini soprattutto fantasy dall universo Blizzard e dal brand Warcraft in particolare.....siete nella storia ragazzi!


    Non posso Non quotarti .. amo questo gioco a 360 gradi! <3
    3
  • ciccio44 11 ottobre 2014, 21:22 ciccio44
    BattleTag: Attil#2201
    Messaggi: 2335

    “Che può esserci al di sopra di uno che è al di sopra della fortuna?”
    #8
    @Sovelis Pienamente in accordo! Il lore e la grafica che lo accompagna sono quella cosa in più, nonostante gli amanti dell'epeen.:D

    Certo mi piacerebbe avere sviluppi stile quelli di Garrosh per più personaggi e non solo uno, da quel lato dopo l'RTS c'è stato un rallentamento della "profondità" dello sviluppo del lore (in game).
    1
  • Sovelis 11 ottobre 2014, 21:39 Sovelis
    Messaggi: 175

    Iscritto il: 20 febbraio 2014, 00:16
    #9
    Con questo si spiega anche in parte la vicenda "project Titan" perchè rischiare? di Diego Armando Maradona n'è nato soltanto uno da quando esiste il gioco del pallone....anche i geni Blizzard, sono mortali, e come tali fallibili, i 3 brand storici hanno strapazzato e stravolto il mercato, il meccanismo, l'ideologia, l'atmosfera dei loro relativi settori videoludici.
    BOOOM BOOOM BOOOM 3 BOTTI 3 capolavori....e ci stiamo ancora a crucciare del mezzo passo falso(in realtà poi rientrato,grazie al grande supporto dei dev) di Diablo 3. La piu grande gaming house di tutti i tempi....miti d'infanzia come Super Mario, Final Fantasy VIII, ci metto pure Alex Kidd ;D..... si sono chinati dinanzi a loro.
    Chapeau Blizzard.
    2
  • MerielRedazione 12 ottobre 2014, 05:18 Meriel
    Messaggi: 558

    Anar'endal dracon
    #10
    Ho aggiunto qualche dettaglio in più sul duello e l'atteggiamento di Garrosh verso Magatha e Baine, per fugare ogni dubbio. Sugli aiuti attivi ricevuti dal figlio di Cairne, già perfettamente delineati da Grallen, si scriverà in altra sede! 2
  • SERAPHIMON 12 ottobre 2014, 11:18 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1562

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #11
    Meriel ha scritto:Ho aggiunto qualche dettaglio in più sul duello e l'atteggiamento di Garrosh verso Magatha e Baine, per fugare ogni dubbio. Sugli aiuti attivi ricevuti dal figlio di Cairne, già perfettamente delineati da Grallen, si scriverà in altra sede!


    ottime modifiche che ritengo fossero doverose, l'unico cruccio è che mi hai battuto sul tempo: volevo aggiungere la lettera a Magatha nei commenti, ma come al solito la fortuna mi è stata sfavorevole

    ancora grazie per l'ottimo articolo, non vedo l'ora dell'arrivo dei prossimi!
    0
  • SERAPHIMON 13 ottobre 2014, 21:05 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1562

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #12
    "All'Anziana Strega Magatha dei Grimtotem,
    il Signore della Guerra dell'Orda in carica, Garrosh Hellscream,
    manda i suoi più sinceri auguri di una morte lenta e dolorosa."
    [...]
    è giunto alla mia attenzione il fatto che mi hai privato di una uccisione legittima. Cairne Bloodhoof era un eroe per l'Orda e un membro onorevole di una razza, di solito, onorevole. è con rabbia e disgusto che scopro che, per causa tua, gli ho procurato la morte con un inganno involontario.
    Queste strategie possono andare bene per la tua tribù di rinnegati e senza onore come pure per la feccia dell'Alleanza, ma io le disprezzo. Era mio desiderio combattere Cairne lealmente e vincere o perdere per via della mia abilità o per sua mancanza della stessa. Ora non lo saprò mai e l'onta del traditore seguirà i miei passi finché non potrò ostentare la tua testa su una picca e indicare te come la vera responsabile del tradimento.
    Perciò... no. Non manderò nessun orco leale a combattere al fianco della tua tribù infida e strisciante. La tua vittoria o la tua sconfitta è ormai nelle mani della tua Madre Terra. In un modo o nell'altro, non vedo l'ora di ricevere la notizia del tuo decesso.
    Sei da sola, Magatha, senza amici e disprezzata come sei sempre stata. Forse anche di più. Goditi la tua solitudine.

    Cit: La Distruzione, Preludio al Cataclisma



    la Blizzard aveva dato a Garrosh un carattere del tutto privo di pazienta, rispetto e buonsenso . . . ma di certo non gli ha fatto mancare il senso dell'umorismo! :D rofl
    4
  • ciccio44 13 ottobre 2014, 22:29 ciccio44
    BattleTag: Attil#2201
    Messaggi: 2335

    “Che può esserci al di sopra di uno che è al di sopra della fortuna?”
    #13
    @SERAPHIMON Garrosh lo stimo troppo. 1
  • SERAPHIMON 15 ottobre 2014, 18:48 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1562

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #14
    ciccio44 ha scritto:SERAPHIMON Garrosh lo stimo troppo.

    @ciccio44
    è stata la prima ed ultima volta che l'ho apprezzato, da li in poi è andato in continuo declino
    . . .
    secondo me Garrosh si è sentito come un cavaliere che ha perduto o rinunciato al suo titolo e quindi non segue più le regole della cavalleria (Gemini, Capricorn ed Aquarius)
    altro segno della sua cocciutaggine e stupidità!

    cmq la lettera è spassosissima, non capisco perchè non è stata portata al suo processo, poteva essere utile sia all'accusa che alla difesa (e soprattutto alla Blizzard)
    1
  • Ciuffo71 17 ottobre 2014, 09:55 Ciuffo71
    BattleTag: Ciuffo#2472
    Messaggi: 39

    Iscritto il: 24 luglio 2014, 13:28
    #15
    bellissimo, leggo solo oggi, ma questa frase?

    Con il ritorno di Alamorte su Azeroth e l'arrivo del Cataclisma, Thrall fu costretto a si mise in viaggio per raggiungere i membri del Circolo della Terra per discutere dei problemi portati dal cataclisma.
    1
  • Rulez 09 febbraio 2016, 13:43 Rulez
    BattleTag: Migraine#21867
    Messaggi: 618

    Iscritto il: 18 dicembre duemilaefattigliaffarituoi, all'ora che ne avevo voglia.
    www.twitch.tv/Credici che streammo, ho TeleTu
    #16
    @Meriel Non riesco a trovare la 3° parte ;( 0
  • Commenta la notizia