• Perché sprecare la vita dei tuoi guerrieri e molte risorse per la guerra quando poche parole potrebbero portarti molto più profitto?

    Quando già solo il tuo nome richiama grandi eroi del passato è difficile crescere senza sentire la responsabilità di dover fare qualcosa di importante. Il padre, re Varian Wrynn, lo volle battezzare con il nome del Leone di Roccavento ed eroe dell’Alleanza, Anduin Lothar. Il suo secondo nome, Llane, gli è stato dato per celebrare il grande re che perì nell’attacco a Roccavento da parte dell’Orda di Manonera. Sin dall’età di dieci anni quando dovette sedere sul trono, Anduin Llane Wrynn è stato costretto a crescere in fretta per sostenere il peso di tutte le aspettative che gli ricadevano addosso.

    Sei anni dopo la battaglia del Monte Hyjal, re Varian viaggiò verso Theramore per verificare con mano la situazione diplomatica con l’Orda, ma venne rapito durante la traversata e Anduin fu incoronato re sebbene a governare fossero il Gran Signore Bolvar Domadraghi e Katrana Prestor. Il padre tornò pochi mesi dopo, ma atteggiamenti lascivi, avidi e illogici insospettirono il piccolo Anduin e Magni Barbabronzea, re di Forgiardente. Il principe iniziò a fare domande e ad indagare riguardo l’atteggiamento del genitore e così dama Prestor, forma umana di Onyxia e figlia di Alamorte, lo rapì e rinchiuse all’interno del suo antro. Un gruppo di eroi dell’Alleanza guidati da Valeera Sanguinar e Varian Wrynn, nelle vesti di Lo’Gosh, uccisero la draghessa nera e salvarono il principe.

    Da quel momento Anduin fu istruito da Valeera nell’arte del combattimento e studiò le vie della Luce alla cattedrale di Roccavento sotto la guida dell’arcivescovo Benedictus. Volle partecipare, o almeno presenziare, alla grande battaglia dei Porti di Roccavento quando i non morti del Re dei Lich attaccarono la città, ma suo padre gli ordinò di restare al sicuro nel castello lontano da qualsiasi pericolo. Questo atteggiamento apprensivo di Varian divenne sempre più preponderante, anche e soprattutto quando Alamorte attaccò Roccavento all’inizio del Cataclisma. Anduin tuttavia possedeva la testardaggine del padre e si allontanò spesso dal castello per visitare il proprio regno. Creò un forte legame con Magni Barbabronzea, arrivando a chiamarlo affettuosamente zio, il quale si accorse sempre più delle capacità innate del ragazzino nelle vie della Luce, scorgendo in lui un grande futuro da Sacerdote. Durante il Cataclisma Magni Barbabronzea sacrificò se stesso per tenere salde le fondamenta di Forgiardente. I funerali furono imponenti e Anduin conobbe in questa occasione gli altri grandi capi dell'Alleanza. Rimase prigioniero di Moira Thaurissan quando ella rivendicò il trono della città e scappò grazie all'aiuto di Jaina insieme a Baine Zoccolosanguinario, anche lui in visita dalla regnante. I due si trovarono a confrontarsi sull'essere figli di grandi uomini e di come fosse pesante questa eredità. Nacque un sodalizio fra i due principi che andò a consolidare i ponti fra Orda e Alleanza già gettati da Jaina e Thrall in passato.

    Qualche tempo più tardi, Anduin si fece aiutare da alcuni eroi nelle indagini riguardanti strane attività nei sobborghi distrutti di Roccavento. Fu attaccato e quasi ucciso da assassini del Culto del Crepuscolo e scoprì che essi stavano architettando qualcosa nelle Alture del Crepuscolo. Preparò una spedizione per gli eroi e si dispiacque molto di non poterli seguire oltre, a causa di suo padre. Alamorte fu fermato e una lenta ricostruzione attendeva la città di Roccavento. Il regno era devastato, la povertà era dilagante e dentro le mura del regio maniero le urla tra re Varian e il principe Anduin divenivano sempre più forti. Il ragazzo, ormai sedicenne, non ne poteva più di essere trattato come un fragile soprammobile dal padre che tentava disperatamente di spiegargli quanto fosse pericoloso il mondo esterno e che l’inesperienza portava alla morte delle persone care. Varian faceva riferimento alla mancanza di attenzione di suo padre Llane, che fu assassinato durante l’assedio di Roccavento da un’amica corrotta dall’Orda; certamente pensava anche a sua moglie, la regina Tiffin, morta a causa di una ferita alla testa causata da un sasso scagliato durante la rivolta delle Gilde. Anduin capiva la premura del padre, ma era convinto che non sarebbe mai stato degno del trono se non avesse avuto una cognizione completa delle tribolazioni del mondo.

    Un giorno decise di viaggiare verso Theramore, ma qualcosa andò storto. Il Cataclisma aveva squilibrato le energie del mondo e le nebbie di Pandaria ammantarono la nave del principe e quelle di scorta. Come il padre venne a scoprire poco più tardi, l’unica imbarcazione mancante era quella su cui viaggiava suo figlio. Un esercito fu inviato sulle coste del nuovo continente affinché l’Orda non reclamasse quella terra per prima e per trarre in salvo il principe. Venne ritrovato da un gruppo di eroi, ma rifiutò l’ordine del padre di ritornare immediatamente a Roccavento. I Pandaren affascinavano incredibilmente il giovane principe ed egli sentiva che quell’isola poteva ancora essere salvata dalla devastazione della guerra tra Orda e Alleanza.


    Anduin disperso su Pandaria

    Partì per un pellegrinaggio attraverso l’intero continente e ottenne la fiducia dei quattro Spiriti Celestiali che diedero ascolto alle sue preghiere ed aprirono nuovamente le porte della Vallata dell’Eterna Primavera per accogliere i profughi pandaren. Diede il proprio supporto al giovane figlio di Alamorte, Irathion, e studiò i misteri della piscina luminosa al centro della vallata. Lo scontro tra le due fazioni condusse sia Garrosh Malogrido che re Varian Wrynn sulle coste di Pandaria. Il principe Anduin tentò inutilmente di spiegare al padre che il crescente conflitto non faceva altro che alimentare le forze oscure presenti nel continente, gli Sha, e che la terra che usavano come campo di battaglia aveva già altre tribolazioni ben più pericolose delle scaramucce tra Orda e Alleanza. Il padre, una volta di più, non volle sentir ragioni e costruì un grande accampamento per dare battaglia alle truppe di Garrosh.


    Il risveglio degli Sha

    Anduin affrontò in prima persona Garrosh quando quest'ultimo tentò di usare la Campana Divina per controllare il potere dello Sha e rimase gravemente ferito quando il Capoguerra frantumò la campana e lo seppellì sotto i detriti. Servì che il figlio rischiasse la morte per far comprende a re Varian che Garrosh anelasse ad una distruzione superiore alla semplice sconfitta dei propri nemici. Dopo alcuni giorni di sonno profondo Anduin si risvegliò pieno di terrore per le sorti di Pandaria. Fu rassicurato da suo padre che avrebbe fatto qualsiasi cosa per fermare Garrosh, la follia che egli aveva scatenato, per contenere il potere degli Sha e ripristinare l’equilibrio delle forze. Anduin si raccomandò con il genitore affinché compisse un gesto più importante, più significativo di sconfiggere un grande nemico in battaglia. Gli chiese, quando la guerra fosse concluse, di credere nella speranza di un futuro migliore.
    Condividi articolo
37 commenti   12
  • ciccio44 08 novembre 2013, 19:20 ciccio44
    BattleTag: Attil#2201
    Messaggi: 2335

    “Che può esserci al di sopra di uno che è al di sopra della fortuna?”
    #25
    Medivh ha scritto:Ed invece hanno voluto mettere un sacerdote ATTUALE dell'espansione cioè Anduin.


    Non credo si siano basati sull'attualità ma sul personaggio più simile al prototipo di quella classe, Valeera è nuova ma è perfetta come concept al contrario di Garona visto che nell'immaginario un'orchessa/ogre come rogue non è fantastica.
    Gul'dan potrebbe essere nell'espansione ma in ogni caso è il Warlock per antonomasia.
    Infine han messo come paladino Uther che purtroppo non è e non sarà attuale ma resta il migliore *_* ; proprio per questo ritengo che Arthas sarà il personaggio dei DK (lo spero, un bel Arthas VS Uther old style ci starebbe bene XD).
    0
  • SERAPHIMON 08 novembre 2013, 21:30 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1564

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #26
    credo che la vera innovazione di Hearthstone sia proprio questa: anzichè un personaggio di ogni razza oltre che classe, hanno inserito personaggi antichi, recenti e nuovi 0
  • SERAPHIMON 08 novembre 2013, 21:40 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1564

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #27
    Non sono d'accordo per 3 motivi:
    1) I resti di Mannoroth sono rimasti esposti per anni impalati su un albero a Orgrimmar, senza alcun effetto per gli abitanti o l'ambiente, probabilmente perchè sono stati ripulitimda ogni influsso negativo, altrimenti l'avrei visto nelle caverne al di sotto della città, dove gli stregoni si allenano e praticano i loro rituali.
    2) Finora solo i Nathzerim, e quelli di alto grado, sono stati in grado di reincarnarsi direttamente su Azeroth, senza prima rinascere nel Twisting Nether come gli altri demoni che non sono stati uccisi nella loro forma originaria(come Archimonde, per intenderci)
    3) Garrosh è fortemente contrario all'uso della magia demoniaca e nera in generale, la tollera solo perchè può essere uno strumento utile e solo finchè si dimostra controllata.
    Se avesse avuto solo il sentore di essere influenzato da qualcosa di demoniaco o simile, non avrebbe esitato a distruggere la propria armatura. Inoltre, avrebbe lasciato più libertà agli stregoni, cosa invece che non è assolutamente accaduta. Invece ha potenziato gli sciamani "oscuri" cioè quelli che sfruttano senza remore gli elementi, come fanno i Taunka o gli Yaungol, perchè molto più in linea con la tradizione orchesca della società orchesca.[/quote]

    Garrosh era contrario anche ai veleni, esplosivi, inganni ed attacchi a distanza, ma da quando Magatha gli ha portato via l'onore, si comporta come se non potesse più recuperarlo e quindi non ci prova neanche; forse le zanne non provocano una possessione totale, ma credo che gli stiano infettando la mente andando ad alimentare i suoi desideri e le sue emozioni più oscure: ira, ambizione, avidità, ecc.
    0
  • SERAPHIMON 09 novembre 2013, 20:43 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1564

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #28
    Circa la mitica Tyrande, da giocatore di WC3, l'ho sempre vista come una combattente con Elune dalla sua parte, infatti il vederla in versione preta a Darnassus mi aveva deluso all'inizio di WoW, questo per dire che l'ho sempre vista come una arciera a capo delle sentinelle ecc, più che una vera preta.
    Poi alla fine sono gusti, Anduin lo stanno proprio costruendo come prototipo di classico prete warcraftiano (cioè un paladino gracile XD jk).[/quote]

    appunto, lui è un sacerdote mentre Tyrande è una sacerdotessa guerriera (ed anche cavaliere dato che è sempre a cavallo della sua tigre bianca) e quindi una paladina
    0
  • Shala 10 novembre 2013, 20:27 Shala
    Messaggi: 63

    Iscritto il: 20 ottobre 2013, 02:37
    #30
    Mi lascia perplesso il notare come a molti Anduin stia sugli zebedei...Bhè si, è il classico principe azzurro,bello,biondo,occhi azzurri,fiero,luminoso...però sinceramente in tutto wow è l'unico che usa-la-testa! Mentre quel tacchino di suo padre fà il braccio di ferro con quel gorila di garrosh, lui non si lascia influenzare dal passato e compie delle scelte che possono non piacere, ma che sono sensate. Ok è importante imparare dal passato, ma bisogna anche guardare al futuro,cosa che lui fà, a differenza di quel doppato di suo padre che invece che guardare avanti continua a guardarsi alle spalle.
    E' utopico, ma dopotutto ci stà, nel senso che come figura serviva proprio a wow. Anche Thrall e Jaina erano utopici, ma il primo era tormentato dai suoi doveri, la seconda non ha minimamente gli attributi (sia in senso fisico che figurato), la classica studentessa prima della classe che parla parla ma nella pratica sà solo tirarsi indietro!
    Per quanto mi riguarda Varian può anche andarsene in pensione nelle outland e mollare l'ally in mano al figlio...l'unica cosa buona che farebbe come rè!
    0
  • SERAPHIMON 11 novembre 2013, 21:14 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1564

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #31
    Shala ha scritto:Mi lascia perplesso il notare come a molti Anduin stia sugli zebedei...Bhè si, è il classico principe azzurro,bello,biondo,occhi azzurri,fiero,luminoso...però sinceramente in tutto wow è l'unico che usa-la-testa! Mentre quel tacchino di suo padre fà il braccio di ferro con quel gorila di garrosh, lui non si lascia influenzare dal passato e compie delle scelte che possono non piacere, ma che sono sensate. Ok è importante imparare dal passato, ma bisogna anche guardare al futuro,cosa che lui fà, a differenza di quel doppato di suo padre che invece che guardare avanti continua a guardarsi alle spalle.
    E' utopico, ma dopotutto ci stà, nel senso che come figura serviva proprio a wow. Anche Thrall e Jaina erano utopici, ma il primo era tormentato dai suoi doveri, la seconda non ha minimamente gli attributi (sia in senso fisico che figurato), la classica studentessa prima della classe che parla parla ma nella pratica sà solo tirarsi indietro!
    Per quanto mi riguarda Varian può anche andarsene in pensione nelle outland e mollare l'ally in mano al figlio...l'unica cosa buona che farebbe come rè!


    su Varian e Jaina non la vedo così negativa: Varian era una testa calda che ragionava un po' troppo con le maniere forti, però sà ascoltare gli altri, imparare dal passato ed è sempre pronto a migliorarsi mentre Jaina gli attributi li ha dimostrati in più occasioni, riesce ad ammettere i propri errori a testa alta e non ha perduto del tutto la testa dopo Theramore versione Hiroshima, anche se ormai è decisamente cambiata

    per quanto riguarda Anduin sono pienamente d'accordo, mi sembra uno dei pochi che riesce ad accendersi il cuore senza spegnere il cervello
    0
  • MasterRedzCommunity Manager 20 novembre 2013, 19:54 MasterRedz
    BattleTag: MasterRedz#2155
    Messaggi: 4986

    "La tua anima sarà mia!"
    #32
    Shala ha scritto:Mi lascia perplesso il notare come a molti Anduin stia sugli zebedei...Bhè si, è il classico principe azzurro,bello,biondo,occhi azzurri,fiero,luminoso...però sinceramente in tutto wow è l'unico che usa-la-testa! Mentre quel tacchino di suo padre fà il braccio di ferro con quel gorila di garrosh, lui non si lascia influenzare dal passato e compie delle scelte che possono non piacere, ma che sono sensate. Ok è importante imparare dal passato, ma bisogna anche guardare al futuro,cosa che lui fà, a differenza di quel doppato di suo padre che invece che guardare avanti continua a guardarsi alle spalle.
    E' utopico, ma dopotutto ci stà, nel senso che come figura serviva proprio a wow. Anche Thrall e Jaina erano utopici, ma il primo era tormentato dai suoi doveri, la seconda non ha minimamente gli attributi (sia in senso fisico che figurato), la classica studentessa prima della classe che parla parla ma nella pratica sà solo tirarsi indietro!
    Per quanto mi riguarda Varian può anche andarsene in pensione nelle outland e mollare l'ally in mano al figlio...l'unica cosa buona che farebbe come rè!


    Dopotutto Warcraft nasce da molti stereotipi, a volte ribaltati, a volte esagerati.
    1
  • SERAPHIMON 21 novembre 2013, 18:53 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1564

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #33
    MasterRedz ha scritto:
    Dopotutto Warcraft nasce da molti stereotipi, a volte ribaltati, a volte esagerati.


    il FANTASY è un modo irreale di descrivere persone, rapporti e problemi reali e WARCRAFT è sempre stato 10 passi avanti a tutti
    0
  • MasterRedzCommunity Manager 21 novembre 2013, 19:03 MasterRedz
    BattleTag: MasterRedz#2155
    Messaggi: 4986

    "La tua anima sarà mia!"
    #34
    SERAPHIMON ha scritto:il FANTASY è un modo irreale di descrivere persone, rapporti e problemi reali e WARCRAFT è sempre stato 10 passi avanti a tutti


    Vero, ma in ogni caso nasce da un esagerazione e una modifica verso un epicità a volte comica, a volte spettacolare. Poi da questi presupposti è nato il Warcraft che conosciamo oggi.
    1
  • grallenMost Valuable Poster 22 novembre 2013, 08:40 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5728

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #35
    Anduin a me è sempre piaciuto come personaggio in particolar modo da quando è uscito da semplice bambino controllato da Katrana (Onyxia).

    Può essere uno stereotipo il fatto che sia bello ed un principe ma Anduin tranne che un bambino viziato.

    La sua naturale curiosità e propensione a trovare soluzione con il dialogo piuttosto che con la forza lo mette in contrasto con un mondo dove le guerre e le incomprensioni sono all'ordine del giorno.

    Nonostante tutto sta divetando un personaggio sempre più importante l'unico che riesca, ora, a far ragionare la testa calda di suo padre e ora deve controllare anche la infuriata sua zia adottiva, Jaina.

    Dentro di se Anduin, come ha notato l'immortale Velen, nasconde un enorme potere e senza contare che è stato l'unico abbastanza furbo e celere da fermare Garrosh, affrontandolo a viso aperto, mentre stava azionando la Campana Divina.

    Per me lui e Baine sono il futuro dell'Alleanza e Orda d'altronde bisogna sperare nelle nuove generazioni per una pace utopica e agognata.

    In una recente intervista Chris Metzen ha comunque annunciato il suo volere a far diventare Anduin il nuovo re di Roccavento/Stormwind:

    Anduin gets slightly older with every model update and Metzen would like to see him become king one day.
    1
  • Shala 23 novembre 2013, 00:34 Shala
    Messaggi: 63

    Iscritto il: 20 ottobre 2013, 02:37
    #36
    Thrall avrebbe dovuto figliolare prima, e se il piccolo orchetto veniva sù con i valori del padre e il cervello della madre, tra lui e Anduin sia orda che Alleanza avrebbero avuto un cervello pensante sui rispettivi troni! 0
  • Greymane 23 novembre 2013, 02:56 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 5931

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #37
    Shala ha scritto:Thrall avrebbe dovuto figliolare prima, e se il piccolo orchetto veniva sù con i valori del padre e il cervello della madre, tra lui e Anduin sia orda che Alleanza avrebbero avuto un cervello pensante sui rispettivi troni!


    Al momento c'è sempre di mezzo Varian che sebbene con Vol'jin abbia lanciato una tregua, non sembra pensare al fatto che essa possa continuare.
    Finchè non ci saranno due leader che la pensano allo stesso modo, la tregua (IMHO), non durerà, salvo casi estremi ergo = Burning Legion / Iron Horde ecc...ecc...
    Ciò che intendo dire è che Vol'jin non è il figlio di Thrall, sebbene molto saggio, ed Anduin ancora non è Re finchè Varian non sparisce, niente cambierà finche almeno una di queste due cose varierà.
    0
  • Commenta la notizia   12