• Durotan, figlio di Garad, nacque nel clan Lupi Bianchi, prima dello scoppio della Prima Guerra. Ancora molto giovane, accompagnò suo padre, che allora era capoclan, al festival Kosh'harg celebrato a Nagrand. Qui incontrò un giovane orco del clan Roccianera chiamato Orgrim Martelfato con cui strinse una profonda amicizia, senza dar peso all’appartenenza a diversi clan. Pochi giorni dopo il ritorno dal festival, Durotan si innamorò di una giovane orchessa di costituzione debole chiamata Draka, appartenente al suo stesso clan. Fu amore a prima vista. Durotan si dichiarò in numerose occasioni e la invitò a molteplici battute di caccia, nonostante il fatto che lei lo avesse respinto più volte. Draka, spesso malata, stava ancora maturando e una volta cresciuta si rivelò una grande guerriera. Con il tempo, Durotan riuscì a vincere il cuore dell’orchessa che lo accettò come suo marito. Tempo dopo, il figlio del capoclan fu inviato sulla montagna mistica di Oshu'gun, la grande pietra bianca che si trova a Nagrand, per scoprire se era destinato a essere uno sciamano. Durotan poteva sentire gli spiriti, ma non vederli, segno che non era nato per diventare un alleato degli elementi.

    Immagine

    Nel frattempo, l'amicizia con Orgrim continuava. I due erano costantemente in competizione tra loro, ma ogni sfida avveniva sempre in maniera amichevole. Mentre stavano facendo un'altra delle loro gare nella foresta di Terokkar, un ogre li attaccò e quasi pose fine alle loro vite. Furono salvati dall'intervento di un gruppo di cacciatori draenei di Telmor, che sorvegliavano la zona circostante. Restalaan, il capo dello squadrone draenei, informò i giovani orchi che il loro leader, il profeta Velen, era in visita presso il suo popolo e li aveva invitati a cena. Nonostante fossero diffidenti verso quegli esseri, entrambi gli orchi decisero di accettare e di incontrare il leader draenei con cui trascorsero una lunga serata, raccontando storie sui loro rispettivi popoli. Quando tornò a casa, Durotan confidò a suo padre Garad che in una sola serata lui e il suo amico dei Roccianera avevano imparato sui draenei più di quanto il suo clan aveva appreso in centinaia di anni. Anni dopo, in una delle innumerevoli battaglie tra clan orcheschi, Garad cadde in combattimento. Dopo la sua morte, Durotan assunse per diritto ereditario la leadership dei Lupi Bianchi.

    Intanto, a centinaia di chilometri di distanza, Ner'zhul, sciamano e leader del clan Torvaluna, ebbe una visione in cui una sedicente antenata lo avvertiva di una minaccia incombente. I draenei sarebbero stati pericolosi nemici degli orchi e stavano cospirando contro di loro. Il vecchio sciamano inviò immediatamente dei messaggeri a tutti i clan per incontrare quanto prima i leader degli orchi. Ciò che Ner'zhul ignorava era che quegli antenati che aveva udito non erano reali. Si trattava di un vile stratagemma ideato da Kil’jaeden, uno dei leader della Legione sotto il comando del titano Sargeras. Il demone mirava a distruggere i draenei perché avevano rifiutato di condividere il dono del suo capo. Purtroppo, alla riunione tra i leader degli orchi venne deciso di iniziare la guerra. In un successivo momento di tregua richiesto da draenei, Ner'zhul inviò Durotan a incontrare un gruppo guidato da Velen sulla strada per la mistica montagna di Oshu'gun. Il profeta disse di parlare per tutti i draenei e cercò di spiegare la verità sulla montagna sacra, ma gli orchi rifiutarono di ascoltarlo, soprattutto Drek'thar, lo sciamano dei Lupi Bianchi, che insultò Velen dandogli del bugiardo e manipolatore, dando inizio ad una lotta. Alla fine, Durotan decise di lasciarli andare, ignorando l'ordine di Ner'zhul di catturarli vivi.

    Dopo pochi mesi nel pieno della battaglia contro i draenei, Drek'thar sentì che gli spiriti e gli elementi della natura li stavano abbandonando, più tardi furono quasi sconfitti dalle forze di Restalaan. Durotan interpretò il fatto come un segno che stava succedendo qualcosa di strano, anche perché gli elementi non avevano risposto quando era stato chiesto loro se consideravano la guerra un errore. In questo momento, entrò in gioco Gul'dan, l'apprendista di Ner'zhul, accaparrandosi un posto nella storia degli orchi. Gul'dan era esattamente l'opposto del suo mentore, ovvero un manipolatore che pensava solo a se stesso. Fu lui ad introdurre la stregoneria tra gli orchi. Durotan consentì a Drek'thar e al resto degli sciamani del suo clan di abbandonare lo sciamanesimo e iniziare a praticare la magia demoniaca. Grazie alla manipolazione di Gul'dan, gli orchi fondarono la prima Orda e i leader dei diversi clan si riunirono per contendersi il posto di Capoguerra. Comunque, il favorito per il titolo onorifico era Manonera del clan Roccianera. Tuttavia, nessuno sapeva che questo capoclan era una semplice marionetta nelle mani dello stregone Gul'dan.

    Continuate a seguirci per leggere la seconda parte della storia di Durotan!
    Condividi articolo
8 commenti
  • Rottweiler 24 giugno 2014, 20:56 Rottweiler
    Messaggi: 52

    Iscritto il: 08 luglio 2010, 10:56
    #1
    :good: FOR THE HORDE!!! :good: 1
  • grallenMost Valuable Poster 25 giugno 2014, 08:00 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5732

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #2
    Credo data l'importanza che questo personaggio avrà in WoD sia molto interessante leggere la sua vera storia e di come comunque sia sempre stato un capo clan che si è sempre distinto dagli altri e di certo è quello che si è fatto meno manipolare da Gul'Dan. 3
  • Nala 25 giugno 2014, 09:38 Nala
    BattleTag: Nalarian#2335
    Messaggi: 562

    Iscritto il: 08 novembre 2013, 17:50
    #3
    Articolo chiaro e riassuntivo, complimenti :good: .
    Non voglio essere pignolo ma c'è una piccola imprecisione:
    un orco li attaccò e quasi pose fine alle loro vite.

    era un Ogre che attaccò Durotan ed Orgrim.
    1
  • MerielRedazione 25 giugno 2014, 20:51 Meriel
    Messaggi: 558

    Anar'endal dracon
    #4
    Nala ha scritto:Non voglio essere pignolo ma c'è una piccola imprecisione:
    era un Ogre che attaccò Durotan ed Orgrim.


    Scherzi? Grazie mille per aver segnalato l'imprecisione! ;)
    0
  • RelanceRedazione 25 giugno 2014, 20:53 Relance
    BattleTag: Relance#2653
    Messaggi: 2156

    Sulla mia lapide ci sarà scritto " NON C'è NIENTE DA QUESTA PARTE, PIVELLI!" e " Scusi se non mi alzo."
    #5
    Meriel, diglielo anche tu... la devono smettere o no di scusarsi se ci danno una mano a notare piccole imprecisioni? (o anche quelle grandi, se è per questo...) 5
  • SERAPHIMON 26 giugno 2014, 19:57 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1567

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #6
    uno splendido articolo per uno splendido personaggio, come sempre del resto!

    se è vero che da scemo nasce scemo, questa è la prova che fà valere anche da Eroe nasce Eroe!
    0
  • MerielRedazione 27 giugno 2014, 12:42 Meriel
    Messaggi: 558

    Anar'endal dracon
    #7
    Relance ha scritto:Meriel, diglielo anche tu... la devono smettere o no di scusarsi se ci danno una mano a notare piccole imprecisioni? (o anche quelle grandi, se è per questo...)


    Assolutamente si!
    4
  • Ljnx 28 giugno 2014, 23:48 Ljnx
    BattleTag: Ljnx#2455
    Messaggi: 240

    Il nostro vincolo è indissolubile
    la nostra volontà incrollabile,
    chi oserà opporsi a noi?!

    -Grom Malogrido
    #8
    <Complimenti per l'articolo (e parlo non solo di questo)! Riuscite sempre ad appassionarmi in un modo assurdo! :) 0
  • Commenta la notizia