• Gli esseri umani sono riusciti a creare e mantenere sette regni nel momento della loro massima espansione. Non è passato molto tempo da quei giorni ma già sembra che sia trascorsa un'eternità. Oggi di tutti quei regni ne restano solo due, se si conta anche Dalaran. Tuttavia, non tutto è perduto per l'umanità perché c'è ancora chi coltiva la speranza di recuperare quei regni, facendo legittimo ricorso ai lignaggi.

    Recentemente la nazione di Gilneas è stata distrutta dall'attacco chimico della regina banshee Sylvanas. Tuttavia, molti dei suoi abitanti sono riusciti a fuggire e sono entrati nell'Alleanza, con il loro re. Greymane è ancora vivo, ma è già avanti con gli anni e il suo erede è stato ucciso. Nonostante ciò, ci sono ancora persone che potrebbero legittimamente rivendicare il trono. Non a caso, Varian Wrynn ha mostrato interesse a recuperare quel regno per l'umanità. Dalaran, invece, come verrà spiegato tra poco, ha la particolarità di non avere una monarchia. Questo fa sì che a guidare la città galleggiante dei maghi possano essere molte persone. Quanto a Roccavento non c'è molto da dire, visto che il regno è ancora in piedi e ha un erede al trono, il principe Anduin Llane Wrynn, che è stato protagonista suo malgrado di alcuni eventi avvenuti di recente a Pandaria. Il regno di Kul'tiras, al contrario, è circondato dal mistero. Non può dire di avere un re come la maggior parte degli stati umani, dal momento che Daelin Marefiero era conosciuto come "ammiraglio Marefiero" e non come "re Daelin". Visto che il regno è particolarmente orgoglioso della sua flotta, l'ipotesi potrebbe essere vera. Ma ora Daelin è morto, così Tandred, l'altro suo figlio, ne è diventato l'erede. Kul'tiras, attualmente assediata dai naga, potrebbe essere restaurata da Jaina e dal fratello. Questa nazione sarebbe l'unica, delle sette originali, a non essere mai stata distrutta.

    Stromgarde è perduta quasi quanto Alterac. L'Alleanza ha cercato invano di recuperare la città, mentre il grosso del suo esercito combatteva su campi di battaglia lontani, cercando di salvare il mondo da grandi nemici. Recentemente, i non-morti hanno riportato in vita Galen Cacciatroll. Sylvanas sperava di ottenere da lui il diritto di prendere la città e con essa tutta Arathi. L'Alleanza ha, da parte sua, Danath Cacciatroll, che è il candidato favorito per ripristinare la città e restituirlo all'Alleanza. Infine, di tutti i sette regni originali, Lordaeron è la nazione con meno probabilità di tornare sotto il dominio umano. Senza discutere se i non-morti abbiano davvero il diritto di rivendicare il regno, c'è ancora una possibilità di ripristinare la monarchia sul territorio. Arthas e Terenas II, entrambi discendenti di Menethil, sono morti. Ma Terenas ebbe due figli, Arthas e Calia. Che si tratti di un'umana o di una non morta, quest'ultima potrebbe essere la chiave per il futuro di Lordaeron. Anche se si ignora il suo destino e il luogo in cui si trova ora, la ragazza rappresenta sicuramente un pericolo per la regina banshe.

    La città galleggiante di Dalaran è governata in modo diverso dagli altri regni umani con la fazione dei KirinTor, che sono sempre stati guidati da un Consiglio di sei maghi le cui abilità magiche spiccano sopra quelle di tutti gli altri. La funzione di questo organo è quella di mantenere l'ordine, non solo nel dominio della città-stato, ma tra i maghi di tutto il mondo, anche se si trovano in luoghi lontani. Prova di ciò è la volontà del Consiglio di tenere d'occhio prima Medivh e poi Jaina Marefiero, che è attualmente il leader dei Kirin Tor. Questi membri mantengono segreta la propria identità. Il poco che si può dire è che Kel'Thuzad e Krasus facevano parte dello stesso Consiglio che esisteva in quel momento. A proposito di Kael'thas, una voce lo aveva classificato come "uno dei sei". Naturalmente, Antonidas era uno di loro, la differenza è che le persone comuni lo sapevano. Ma in questo caso, trattandosi di un re umano, poteva fare quello che voleva. Si potrebbe dire che rappresentava la "parte visibile" del Consiglio, che si riuniva con gli altri leader umani o elfi. Jaina Marefiero non è un caso molto diverso. Non si è auto-nominata capo dei Kirin Tor, qualcuno l'ha messa in quella posizione. Forse sarebbe più corretto dire che le è stato permesso di occupare tale carica. La differenza sta nel contesto completamente diverso da quello dei tempi di Antonidas. Dalaran ora è stata divisa in due parti e si presume che entrambe abbiano la loro rappresentanza in seno al Consiglio, rimasto attivo. Nonostante ciò, l'autorità di Jaina sulla città è assoluta, come indicano le ultime decisioni prese dalla maga, per esempio in merito all'espulsione di gruppo di elfi alti colpevoli di aver tradito la tradizionale neutralità di Dalaran. Questi, poi riunitosi nella fazione Furia dei Predatori del Sole, abitavano in città quasi dalla sua fondazione come gli umani. La maga non si è mai consultata con il Consiglio, che molto probabilmente non si è neanche riunito. Dal momento che Jaina Marefiero rimarrà a capo del Kirin Tor a lungo, si può solo sperare che quest'ultimo renda nota la sua esistenza e dimostri la propria autorità sulla città e il suo leader.

    E arriviamo finalmente al regno di Alterac. Il problema è che non dispone di un successore legittimo. Durante la seconda guerra, il tradimento fatto dal suo re ai danni dell'Alleanza gli costò la corona. Una volta vinta la guerra, Terenas Menethil II tentò di raggiungere un accordo con il resto dei regni umani per consegnare la corona a terzi, in modo che nessuno potesse annettersi Alterac e crescere in potenza. Questa "terza parte" si è rivelata essere né più né meno che Alamorte sotto mentite spoglie. Scoperto e sconfitto, non tentò di nuovo un colpo simile, forse per mancanza di tempo, perché la Terza Guerra apparve all'orizzonte. Attualmente non c'è nessuno che possa rivendicare il regno. Va detto, che nel contesto attuale, nessuno avrebbe osato farlo visto che le montagne di Alterac sono circondate dai territori dei non morti. Il regno non è riuscito a resistere a lungo e, ora come ora, sarebbe impossibile ricostruirlo e ripopolarlo senza passare prima attraverso Colletorto. Senza Alterac e con la distruzione di Theramore, il numero totale dei regni umani che è possibile raggiungere per il momento rimane fermo a sei.
    Condividi articolo
64 commenti   123
  • Vargrand 12 maggio 2016, 18:33 Vargrand
    BattleTag: Kaiser#2929
    Messaggi: 420

    Iscritto il: 21 settembre 2015, 10:30
    #50
    @Greymane Beh che dire, con quella bocca un bacio non lo scordi facilmente. 1
  • SERAPHIMON 16 maggio 2016, 10:06 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1567

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #51
    concordo con @Greymane

    temo che alla lunga, la sua mente ed anche il suo cuore si stiano deteriorando e raffreddando sempre di più

    la Sylvanas di una volta (cmq non-morta) aveva imparato a trattare con rispetto i propri servitori ed alleati "non solo come frecce per il mio arco", ma ultimamente sta diventando sempre più tiranna del tipo "o sei con me o contro di me" e visto quanto voleva fare nel romanzo Crimini di Guerra temo che le sue emozioni e sentimenti siano sempre più effimeri

    vedremo se in Legion riesce a riprendersi come è successo a Jaina
    . . .

    Greymane ha scritto:La parte sottolineata era anche citata in uno o più romanzo di Warcraft, ma al momento non ricordo bene quale (mi sa che ne ho letti troppi hahaha)

    @Greymane

    io ho letto tutti i romanzi in italiano, ma di questa citazione non ne ho memoria; forse sto perdendo colpi . . . non è che l'hai letta in uno dei libri sparsi all'interno del game?
    0
  • Rekse 16 maggio 2016, 11:07 Rekse
    Messaggi: 3463

    Se qualcuno vuole aggiungermi al battle.net me lo dica perché rifiuto chi non conosco.
    #52
    Emozioni, sentimenti....cuore..
    E' una non morta, ma che volete che le facciano fare? Scrivere poesie melense? O_o
    Ma meno male che nell'anonimato di tante razze, ce n'è una con una regnante che ha un po' "di palle".
    La cosa che mi lascia più perplesso è che sembra più malvista dai player piuttosto che in gioco.
    2
  • Medivh 16 maggio 2016, 11:13 Medivh
    BattleTag: Medivh#2166
    Messaggi: 1943

    Iscritto il: 14 agosto 2010, 17:54
    #53
    Credo sia dovuto al fatto che usa metodi non ortodossi...un pò come saddam che usa le armi chimiche non convenzionali 1
  • Rekse 16 maggio 2016, 11:20 Rekse
    Messaggi: 3463

    Se qualcuno vuole aggiungermi al battle.net me lo dica perché rifiuto chi non conosco.
    #54
    Ho capito, ma si tratta di un fantasy ed è al comando di gente assimilabile agli zombie (mmm) 0
  • Vargrand 16 maggio 2016, 13:22 Vargrand
    BattleTag: Kaiser#2929
    Messaggi: 420

    Iscritto il: 21 settembre 2015, 10:30
    #55
    Perché uccidere con la spada è più umano che imputridire / tirar su gente morta per aumentare i ranghi :D

    Che poi mi è venuta in mente una cosa. Alexstrasza ha un potere simile a quello delle Val'kyr, ma dato che i morti che riporta in vita non sono brutti e grigi allora va bene. Mah...
    0
  • SERAPHIMON 16 maggio 2016, 13:45 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1567

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #56
    Vargrand ha scritto:Perché uccidere con la spada è più umano che imputridire / tirar su gente morta per aumentare i ranghi :D

    Che poi mi è venuta in mente una cosa. Alexstrasza ha un potere simile a quello delle Val'kyr, ma dato che i morti che riporta in vita non sono brutti e grigi allora va bene. Mah...

    @Vargrand

    il risveglio e la negromanzia sono due abilità diverse anche se il risultato finale può essere simile . . . come i sogni di Ysera o le visioni di Go'el oppure la guarigione dei druidi rispetto a quella dei sacerdoti
    0
  • Vargrand 16 maggio 2016, 13:47 Vargrand
    BattleTag: Kaiser#2929
    Messaggi: 420

    Iscritto il: 21 settembre 2015, 10:30
    #57
    @SERAPHIMON Due facce della stessa medaglia. Concorderai che sono due cose comunque innaturali. 0
  • SERAPHIMON 16 maggio 2016, 13:51 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1567

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #58
    Vargrand ha scritto:SERAPHIMON Due facce della stessa medaglia. Concorderai che sono due cose comunque innaturali.

    @Vargrand

    certo, come lo sono la Luce e l'Oscurità, per questo i sacerdoti hanno il potere dell'ombra

    cmq bisogna saperle tenere distinte e capire le differenze . . . infatti una delle tante ragioni per cui adoro la Role di Warcraft (e mi sono imbestialito peggio di un Druido del Branco affetto dalla Sete di Sangue demoniaca per Chronicles) è proprio perchè ci sono dei tipi diversi di magia, ma sono ben chiarificate ed ognuna con le sue regole
    0
  • Greymane 21 maggio 2016, 03:55 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 5936

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #59
    @SERAPHIMON @Vargrand

    C'è anche da dire che ogni personaggio vede la medaglia a modo suo, nel senso: moralmente la faccia buona della medaglia è la Resurrezione, quella cattiva è la Rianimazione, ma un Undead (esempio di razza che in genere non si fa influenzare dalla moralitá) sceglierá sempre la Rianimazione, come un Paladino sceglierá sempre la Resurrezione; insomma, dipende anche molto dalle credenze delle varie razze di Azeroth.
    Per dire: personalmente sono dell'idea che sia le cure delle Sacerdotesse di Elune, sia le cure provenienti dai Druidi siano entrambe nella parte buona della medaglia, ma per i Night Elf non è per forza così: le Sacerdotesse di Elune guardano male i Druidi, come loro fanno incontri segreti per non averle tra le scatole.
    In poche parole,secondo me la medaglia si gira in continuazione in base alle credenze che ha ogni razza di WoW: gli Umani traggono forza dalla luce e non accetterebbero mai un Necromante nei loro ranghi, gli Undead quella luce l'hanno persa, e traggono forza dall'oscurita.
    Insomma, gira e rigira, questa medaglia non si ferma mai.

    P.S. Krasus (ovvero Korialstrasz) ha usato la Rianimazione almeno una volta nella sua vita, tecnicamente i draghi rossi usano la Resurrezione (o ciò che è per loro), eppure il Goblin "resuscitato" non aveva più nulla di se, nessuna anima, era un guscio che andava ad inerzia, eseguendo gli ordini di Korialstraz.
    E ciò non me lo sono inventato, è nella trilogia della Guerra degli Antichi. Quindi mi viene il dubbio...non è che Resurrezione e Rianimaziom andrebbero separate in base allo scopo per cui vengono usate, e non per la scuola di magia a loro collegate?
    1
  • Medivh 21 maggio 2016, 10:46 Medivh
    BattleTag: Medivh#2166
    Messaggi: 1943

    Iscritto il: 14 agosto 2010, 17:54
    #60
    parli come Don Michele della mia parrocchia rofl 1
  • Vargrand 21 maggio 2016, 13:55 Vargrand
    BattleTag: Kaiser#2929
    Messaggi: 420

    Iscritto il: 21 settembre 2015, 10:30
    #61
    @Greymane ciò non toglie che la cosa è innaturale in ogni punto di vista. Certo, è più bello vedere una persona tornare in 'vita' senza un graffio piuttosto che vedere la pelle grigia e i capelli bianchi.
    Come tu hai detto, male e bene sono due cose che si equiparano. I Cavalieri d'Ebano sono delle macchine della morte, eppure si sono convertiti al bene, anche se sono dei non-vivi intrisi di magia nera..
    1
  • Greymane 21 maggio 2016, 14:52 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 5936

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #62
    @Vargrand

    Si il messaggio era rifetito in generale, certo che entrambe son cose innaturali :good:
    1
  • SERAPHIMON 21 maggio 2016, 15:14 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1567

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #63
    Greymane ha scritto:P.S. Krasus (ovvero Korialstrasz) ha usato la Rianimazione almeno una volta nella sua vita, tecnicamente i draghi rossi usano la Resurrezione (o ciò che è per loro), eppure il Goblin "resuscitato" non aveva più nulla di se, nessuna anima, era un guscio che andava ad inerzia, eseguendo gli ordini di Korialstraz.
    E ciò non me lo sono inventato, è nella trilogia della Guerra degli Antichi. Quindi mi viene il dubbio...non è che Resurrezione e Rianimaziom andrebbero separate in base allo scopo per cui vengono usate, e non per la scuola di magia a loro collegate?

    @Greymane

    è esattamente quello che è venuto in mente anche a me appena ho letto il post.
    penso che la vera differenza stia nella scelta fra la regola e la sua eccezione: un conto è usare un potere maligno solo in casi di emergenza (come ha fatto lui e ne era lui stesso disgustato), un'altro invece è usarlo continuamente senza pensare (come invece stava facendo Kel'thuzad, molto prima di servire il Re dei Lich)

    @Vargrand il tuo ragionamento è giusto, ma imesatto: quello di cui parli sono sempre poteri mistici, ma non sempre innaturali:

    con la Magia Naturale, si assorbono le energie dell'ambiente e della natura e le si convogliano dove necessario, quindi c'è solo uno spostamento e si cerca sempre di non causare danni permanenti

    con la Magia Divina, si chiede un aiuto divino, quindi è un miracolo che non causa danni, ma che non sempre ottiene risposta (è un dono, non una obbedienza)

    con la Magia Arcana, si utilizzano in modo soprannaturale le stesse leggi della scienza, quello che cambia è lo strumento con la quale si sfruttano (es: anche se l'incantesimo è Colpo Glaciale o Cono di Freddo, in realtà il mago non sta creando l'inesistente energia fredda, ma sta invece sottraendo calore)

    con la Magia Demoniaca invece, si violano le leggi della natura, si può ottenere veramente l'impossibile, purchè la vita venga sacrificata ed infatti ci sono sempre delle gravi conseguenze; inoltre questo potere non fà parte del mondo naturale, ma proviene dai demoni. senza contare che spesso contamina anche coloro che non la usano

    (questo era ciò che avevo capito e di cui ero convinto, ma l'immagine sulla magia in Chronicle mi sta facendo dubitare: credevo che l'Oscurità e la Negromanzia fossero derivanti o varianti della Magia Divina e Demoniaca, ma adesso sembrano invece dei nuovi poteri a sè)

    un conto è eludere le leggi, un'altra è infrangerle; un conto sono le eccezioni, un'altra le regole . . . cmq secondo mè la vera differenza sta nel chi sia ad usarle e soprattutto nel perchè le si usino!



    P.S.: credevo che le Sacerdotesse di Elune ed i Druidi andassero d'accordo, non sapevo che si sospettassero reciprocamente)
    0
  • SERAPHIMON 21 maggio 2016, 15:16 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1567

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #64
    Vargrand ha scritto:Greymane ciò non toglie che la cosa è innaturale in ogni punto di vista. Certo, è più bello vedere una persona tornare in 'vita' senza un graffio piuttosto che vedere la pelle grigia e i capelli bianchi.

    @Vargrand

    P.P.S.: non sono semplicemente uno più bello dell'altro, sono proprio due cose diverse, anche se entrambi ottenuti con poteri mistici ed un fine simile
    0
  • Commenta la notizia   123