• L'articolo contiene riflessioni personali e segue la politica sugli articoli d'opinione di BattleCraft.

    In questi ultimi mesi Blizzard ha prima annunciato Legion, poi è arrivata la patch 6.2.2 dando a tutti la possibilità di volare su Draenor. Tutto questo è stato anticipato dall'uscita dell'ultimo raid prima della prossima espansione: 13 boss e un nuovo tier. È arrivato il momento di fare un bilancio conclusivo di Warlords, procediamo e diamo il via alla discussione!


    Piccoli segni di cedimento

    La società ha dichiarato, nel corso dei suoi comunicati trimestrali finanziari, che gli abbonamenti attivi di WoW sono calati a 5,6 milioni. Questo significa una perdita di 1,5 milioni dall'ultimo rilevamento (che, a marzo 2015, si attestava a 7,1 milioni effettivi) e indica una perdita netta di quasi 5 milioni dall'ultimo picco segnalato (circa 10 milioni toccati a dicembre 2014).

    Sembra proprio un chiaro segno di stanchezza e potrebbe essere l'unico modo con cui la community cerca di far capire che qualcosa non va. Non sono d'accordo con chi dice che siamo di fronte ad una evoluzione naturale; se i contenuti fossero avvincenti e l'offerta molto accattivante, l'età del gioco c'entrerebbe poco, se non niente. Il problema è che sembra essersi un po' opacizzata la creatività in casa Blizzard e siano sfuggite certe dinamiche che invece sono le chiavi di volta di un MMORPG. Quali sono i fattori che potrebbero aver contribuito a stancare i giocatori? Snoccioliamoli.


    La Guarnigione: un'occasione mancata?

    La Guarnigione sembrava una bella idea. L'housing era una caratteristica richiesta da parecchio tempo e Blizzard, finalmente, sembrava avesse deciso di renderla disponibile a tutti, con modalità e caratteristiche interessanti. Ma purtroppo, come spesso succede, tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare. La guarnigione è un sistema pieno di errori strategici e pratici.

    • Il sistema dei seguaci è incompleto. Li possiamo mandare in giro, ma la funzione di raccolta all'interno della guarnigione è totalmente manuale e costringe i giocatori a un noiosissimo farming quotidiano, obbligandoli a passare molto tempo lì dentro, in completa solitudine, per la normale routine giornaliera.

    • La possibilità di procurarsi materiali e prodotti anche di professioni che non abbiamo sul nostro attuale personaggio ha, di fatto, sconquassato il mercato e appiattito le professioni stesse. Si è distrutto un sistema che dava diversità e varietà sia al mercato che agli stessi personaggi. Siamo tutti uguali, praticamente... e il nostro lavoro non frutta più (all'asta, s'intende).

    • Le missioni navali sono un discreto diversivo, ma anche queste sono perlopiù un giochetto da fine serata, manca l'incognita, non c'è pepe.


    Il sistema di gioco

    Quando usciamo dalla guarnigione e finalmente ci possiamo dedicare alle vere attività di gioco, sociali e non, cosa troviamo? Un gioco con qualche punta sporadica di difficoltà e buone possibilità di sfida ma che viene comunque divorato e consumato troppo velocemente. Questo ritmo è sicuramente in parte impostato dal LFR che permette a tutti di vedere il content; è come se Blizzard volesse scaricarsi il senso di colpa se una parte dei suoi sottoscrittori non possa vedere e usare ciò che ha acquistato.

    Un timore che poteva essere giustificato se il risultato di questo sistema fosse stato la crescita dei giocatori casual, di quelli che difficilmente potrebbero vedere certi luoghi, senza un gruppo raid e/o una gilda. Invece, nel complesso, i giocatori calano. Il caso più esemplificativo di questo appiattimento è stato il parziale scioglimento della gilda Method. Sappiamo che non è stato solo questo, ma se il gioco fosse tornato ai livelli della TBC (o simile, come difficoltà e varietà) e se certe dinamiche non fossero più presenti, i Method avrebbero comunque lamentato il disagio che hanno mostrato? Quindi, mi chiedo, non è il caso di rivedere tutto questo sistema?


    L'importanza della storia

    Warlords sembrava avesse una buona base narrativa, ma alla fine si è dimostrata l'espansione con il lore più sconclusionato. Fin dalle prime patch si è perso il filo del discorso e l'impressione generale è quella di una storyline rappezzata e raffazzonata. Pandaria aveva tanti difetti, ma almeno aveva una storia solida e avvincente. La stessa quest leggendaria, possiamo realmente considerarla come tale? Come fa ad esserlo se alla fine la fanno tutti ed è quasi solo un susseguirsi di step pieni di farming. Togliamo la parola Leggendaria e chiamiamola Mitica, Magica, quello che volete.

    A questo punto è molto facile dire cosa, invece, è andato bene, perché non ha bisogno di spiegazioni e solitamente siamo tutti d'accordo. Il gioco è migliorato graficamente, i luoghi e le zone nuove sono bellissimi, le incursioni hanno in generale dinamiche interessanti. Teniamo queste cose come base e vediamo se arriverà una radicale revisione di tutto il resto. Il gioco ha 11 anni ed è ancora valido, ma solo se è in grado di accontentare tutti, sia il giocatore all'acqua di rose, sia l'appassionato che ci butta anima e cuore. Diamo voce e visibilità ad entrambi e riavremo il WoW che ci meritiamo, o meglio, che desideriamo.
    Condividi articolo
142 commenti   1234 ... 6  
  • Neph 02 ottobre 2015, 12:48 Neph
    BattleTag: PM
    Messaggi: 173

    Iscritto il: 29 dicembre 2013, 13:05
    #50
    Xenophobia ha scritto:Non c'è una casa che produca un gioco in grado di andare oltre le 50 ore. Magari ne approfitto per fare anche un sondaggio, chi di voi ha un gioco non Blizzard a cui ha giocato più di 50 ore?

    @Xenophobia The Witcher 3, Bloodborne, The Last of Us, Destiny, Metal Gear Solid V, GTAV (ma non ne sono sicuro).. da quando ho chiuso con WoW ho giocato a tutti questi titoli. Se poi parliamo solo di titoli online è un altro discorso, visto che alcuni sono single player.
    Da ridimensionare ancora se si parla soltanto di PC.
    Chiaramente il costo è molto più elevato, tocca aspettare che scendono ma al di sotto dei 40 sacchi non è così semplice trovarli.
    Nella stessa fascia di prezzo o addirittura FTP, nel mio caso, solo HS ha retto il confronto.

    Tuttavia il discorso longevità è soggettivo, c'è chi non bada agli achi o chi non fa le side quest o sblocca tutto lo sbloccabile, infine c'è chi come me sviscera completamente un titolo e ovviamente dura decisamente di più.
    0
  • motopassione 02 ottobre 2015, 12:57 motopassione
    BattleTag: Lord Grifone
    Messaggi: 19

    Iscritto il: 14 agosto 2015, 19:33
    #51
    A me non è piaciuto il nuovo sistema di gear, troppo uguale x tutti, e togliere hit dodge parry per mettere altre stat lo trovo un controsenso.
    Il sistema di guarnigione e lavorative ha ucciso il senso delle professioni e il piacere di mercanteggiare.
    Le spell sono state semplificate ma imo sono sempre troppe, bindare la tastiera x un healer che fa pvp tra macro ect è un bordello.
    Il pvp è sempre peggio, burst e CC esagerati non permettono di concentrarsi sull'utilizzo migliore delle spell, si scoppia in uno stun, assurdo.
    Rbg noiosissimi, si sta 20 min a picchiarsi x una flag..,
    0
  • ThelothianRedazione 02 ottobre 2015, 13:02 Thelothian
    BattleTag: Thelothian#2131
    Messaggi: 800

    Iscritto il: 04 ottobre 2010, 15:58
    #52
    Nel mio caso l'unico è http://7daystodie.com/, non perché sia un giocone, ma perché ha tutta una serie di cose che mi piacciono. Pieno di bug, funziona di merda, multiplayer schifoso ma mi ha preso quel tanto che basta a farmi superare la soglia delle 50 ore.

    Mi sembra tanto H1Z1! Io sto giocando a quello. E' l'impero del farming selvaggio, ma l'aspetto horror non mi dispiace... rimane comunque relegato a semplice passatempo off-raid! :)
    0
  • Xenophobia 02 ottobre 2015, 13:58 Xenophobia
    BattleTag: Xeno@21949
    Messaggi: 191

    Iscritto il: 11 novembre 2011, 14:35
    #53
    Neph ha scritto:Tuttavia il discorso longevità è soggettivo, c'è chi non bada agli achi o chi non fa le side quest o sblocca tutto lo sbloccabile, infine c'è chi come me sviscera completamente un titolo e ovviamente dura decisamente di più.

    @Neph ESATTO!!!

    E' proprio questo che cercavo di raggiungere. In questo modo è assolutamente impossibile dire che wow si riesca ad esaurire in fretta. La verità è che c'è talmente tanto da fare che è impossibile farlo tutto. Fare tutti gli achi di GTAV è noioso per me, quindi ho finito a campagna, provato il multiplayer (pessimo in solo) e finito lì. Su wow è impossibile, quindi si dice che le cose da fare sono "finite" ma in realtà si è appena intaccata la superficie.

    Magari uno non ha mai livellato un solo pet al 25, c'è chi non è nemmeno grado 3 all'arena dei combattenti, oppure mai fatto il 2200 in arena, mai giocato pvp, mai finito un boss in Mitico, mai fatto un raid vecchio, mai collezionato mount, mai fatto un loremaster, mai skillato cooking, ma rerollato un pg, mai fatto un pg su un altro server e...finisco qui la lista perché è troppo lunga.

    A mio avviso per non annoiarsi si potrebbe provare di tanto in tanto ad "assaggiare" contenuti che anche più di una volta abbiamo preso in giro su qualche forum (pet) magari ci piace pure.
    2
  • Yardeh 02 ottobre 2015, 15:06 Yardeh
    Messaggi: 8132

    -cometaxxx-
    #54
    Parlo dal mio punto di vista.

    C'è da scindere il discorso tra, il non saper cosa fare in WoW e, il non saper cosa fare nell'espansione in atto. Sì, perchè mi pare scontato dire che su World of Warcraft ci siano un'infinità di cose da fare. È vero, ce ne sono, la maggior parte sono per soddisfazione, appagamento personale, che puoi fare quando vuoi. Per esempio, (parlo sempre per me) ci sono dei periodi in cui mi va di fare pvp, in cui mi vien voglia di farmare achievement o collezionare pet. È logico che un giocatore casual si stufi dopo mesi della monotonia e voglia nuovi contenuti da assaporare. Nuove missioni, nuove storie, nuove spedizioni, nuove zone da esplorare e bla bla bla.
    Ma wod... dio santo. L'espansione con meno roba da fare NEL MONDO. Carini i tesori, poi?
    Per non citare Tanaan, esaurita nel giro di 3 settimane. Poi certo... di roba da fare tipo collezionare le ossa, fare le imprese della nemesi... ma... se non mi interessasse? Così per dire. E a chi non interessa i tesori? E a chi i rari?

    Il fatto è che wod si riassume in... 90% garrison. Il contenuto open world (di wod) è carente in una maniera spaventosamente mai vista.



    Edit: aggiungo una cosa sulle cose da fare su WoW in generale. Avete presente la ironman challange? Ora... mi domando... quanti sono i giocatori che davvero si sbattono nel farlo per la gloria personale? Secondo me sono davvero pochi. Ci voleva tanto, per dire, fare un feast of strenght oppure dare un titolo a chi riusciva nell'impresa? Sinceramente, io ci avrei anche provato a farlo. Ma chi me lo fa fare di sbattermi i maroni per, fondamentalmente niente? Imho, se ci fossero incentivi nel fare determinate cose (soprattutte sfide che propone Blizzard stessa), ci sarebbe più partecipazione in generale.
    1
  • kyntaro 02 ottobre 2015, 16:50 kyntaro
    BattleTag: kyntaro#2755
    Messaggi: 2306

    Non si smette di giocare quando si diventa vecchi...
    si diventa vecchi quando si smette di giocare!
    #55
    A ragà...se ci si rompe o ci si annoia alla morte forse è meglio staccare per un po'. Se tuttotutto non piace, inutile girarci attorno. 1
  • Alessandro7 03 ottobre 2015, 12:04 Alessandro7
    BattleTag: Caio#2467
    Messaggi: 27

    "We refuse to be what you want us to be, we are what we are"
    #56
    Relance ha scritto:Come indicato da Thelothian la guarnigione ha giocato un ruolo chiave nel mio abbandono di WoW. Ci sono però altre magagne che, secondo me, sono il punto centrale della questione.

    La progressione PvE. WoD ha una sproporzione terrificante nei suoi diversi content. Premetto che ho vissuto la cosa come Tank, ruolo divenuto assai frustrante con i nuovi bilanciamenti, quindi può darsi che la mia percezione sia più acuta di quella di altri. Comunque, arrivato a livello 100 inizi il LFG e ti ritrovi, come di consueto, a dover apprendere tutto di quegli antri e quelle strade ricolme di mostri, con una differenza sostanziale rispetto a prima: l'inadeguatezza del tuo gear.

    Io non sono un giocatore vaniglioso, sono arrivato un po' più tardi, ma ho la mia più che apprezzabile esperienza alle spalle, anche di content di alto livello PvE e PvP. Non ho MAI faticato così tanto in una istance facendo esattamente le stesse cose per prepararmi. E subentra un ulteriore problema: con la perdita dei valor, si fa un passo indietro terrificante nel gearing di un personaggio, rendendo quindi futile il content in sé. Eh, già, perché dato che sputo sangue come un disgraziato COMUNQUE, non appena mi arrabatto a collezionare il gear necessario, mi butto in LFR, non fosse altro perché tra re-roll e normale drop ho molte più chance di ottenere qualcosa. Si è persa quella progressione lineare che ti faceva gearare, ottenere esperienza come giocatore e ti faceva anche apprezzare il LORE.

    Ora siamo in LFR e questo è un problema. Io vado assolutamente in controtendenza dicendo che non solo il LFR non è il male del mondo, ma è stata una manna dal cielo per salvare un gioco in cui la frustrazione di chi ha un approccio più lieve stava divenendo immensa. Fino a Wrath of the Lich King o eri gearato e capace di giocare o le gilde ti eliminavano, o non ti prendevano, o ti richiedevano, per entrare, ritmi serrati e allucinanti. Non c'è nemmeno bisogno di essere casual per essere inadeguati, basta essere quel tanto più maturi da avere un lavoro o l'università e comprendere il valore del riposo. Il contenuto non fruito da alcuni (che in realtà erano davvero molti) non va preso sotto gamba come un "Eh, vabbé, se vuoi vederlo t'impegni, altrimenti che gusto c'è?", il LFR non è un cheat per saltare direttamente al finale, anzi, è proprio il contrario: il LFR è la fine del "single player", ciò che c'è dopo serve a "platinare" il gioco e mettersi a confronto con altri giocatori. Si è diffusa (l'infantile, dico io) credenza che chi fa LFR poi non raida normalmente, semplicemente perché non è capace, altrimenti non avrebbe considerato di striscio il LFR; non solo, la presenza di LFR porta all'arrivo di un sacco di gente superficiale che rende il progress uno schifo. Un po' come dire che il multiplayer di COD è rovinato da chi si gioca solo la campagna base e poi non tocca l'on-line. Ridicolo. In realtà, con l'avvento del LFR ho visto che la mia capacità, e quella della mia gilda, di affrontare il normal e l'heroic è aumentata esponenzialmente: essendoci fatti un'idea dei boss e delle tattiche, in normal arrivavamo diretti quasi fino alla fine. Perché sì, il LFR di Cataclysm e delle prime due patch di Pandaria era come doveva essere: più semplice, ma si sbaglia, tanto o poco, si muore.

    Quindi mi ricollego all'inizio di questo discorso: ora il LFR è un problema. Perché? Perché se le istance sono diaboliche e difficili per il solo impatto di potenza, il LFR, anche con il gear minimo, è uno scherzo. I boss hanno molta vita, ma non fanno danno. Sono passivi a livelli inverosimili. E allora sì che abbiamo un problema: prima, il LFR era demonizzato da coloro che manco c'andavano come un luogo di casualoni intelligenti come una pianta grassa, quando, in realtà, era un luogo per affinare le proprie tattiche e costruirsi un gear decente per il futuro; ora, è ESATTAMENTE un posto in cui devi solo premere tasti e manco con un senso, non capisci cosa sia muoversi dagli AoE, o fermare gli attacchi/le cure per non potenziare il boss, o cambiare bersaglio a necessità. Non esiste nulla. Pigi e qualcosa accade. QUESTO è il problema, perché dopo aver reso le istance un disastro totale di difficoltà e cattiveria, levandole dal progress perché non valevano la pena nemmeno per il drop, hai pure massacrato il LFR, rendendolo a prova di AFK, ben peggio di com'erano i già troppo facili del Re del Tuono e Orgrimmar in Pandaria (dove forse l'ultima ala poteva, a malapena, crear fastidio). Beh, non va bene per niente...

    Parlando del LORE, c'è da dividere il discorso. Da un punto di vista artistico ed estetico, non ce n'è per nessuno: WoD è l'espansione più bella mai realizzata. Draenor è viva, imponente, terrificante e nostalgica. Avverti il senso di miseria se ripensi alle Outland e ti dispiace per Orchi e Draenei. Parlando della trama, invece, è certamente figo vedere la vecchia Orda, i vecchi Capi Clan e qualcosa in più... ma ti passa dopo 5 minuti. Una volta finito di esplorare le zone e di progredire nel levelling, la storia viene portata avanti in modo sterile: potresti quasi arrivare a dimenticare perché ti trovi su Draenor, poiché la presenza degli Azerothiani che impedivano l'invasione del loro mondo diventa una motivazione sfocata, distante, soffocata da intrighi e tradimenti che nulla hanno a che fare con "casa". E quindi? Che ci stiamo affà qui? Prima avevi Illidan che ti spaventava, o Deathwing che ti sovrastava, erano presenze sempre vive e sempre terrificanti, che tracciavano la tua via lungo l'espansione. E ora? Perché sto combattendo? O meglio, il motivo originale oramai non si è perso nel nulla?

    Altro che WoD, WoT... ma l'argomento mi sta a cuore e non mi so contenere. :P Ma, alla fine, se mi togli il gusto del PvE e della storia (sempre che esista qualcuno che ancora l'apprezza, la storia), a me come giocatore cosa mi rimane? Il PvP? E se non mi interessa? È la risposta a questa domanda che crea il disagio...


    @Relance ci hai preso in pieno secondo me!
    Anche io ero un grande appassionato di WoW, ci ho giocato per anni, ma dopo aver provato WoD per un po mi son deciso a freezare e spendere cosi i 12 euro mensili in altri modi. Avendo una vita sociale e qualche guaio da gestire (come tutti) mi reputo un casual player e mi ritrovo perfettamente con la situazione descritta nel tuo post.
    Il LFR a me piaceva parecchio fino a Pandaria, nonostante le meccaniche semplificate (avevo tutte le classi al 90 e usavo tutte le build, facevo LFR soprattutto da healer o tank e sporadicamente dps) lo trovavo divertente e utile per capire i raid che altrimenti non avrei mai potuto provare, magari qualcuno può pensare a me come ad un player di "serie B" ma l'importante era fare qualcosa che mi divertisse...ora invece non ci riesco più.
    La guarnigione la trovo terribilmente noiosa, il LFR con i suoi oggetti orribili (anche l'occhio vuole la sua parte oh, echecacchio!) e la difficoltà ancora più bassa (da Garrosh e altri boss in Pandaria mi è capitato anche di whippare, bisognava spiegare un minimo di tattica almeno, insomma una leggera sensazione di "raidare"la dava!) adesso sembra una presa per i fondelli, una sorta di contentino buttato là, le professioni non sono più interessanti nè remunerative come un tempo e cosi via...
    Mi piaceva fare ToT o SoO per provare a droppare un pezzo di Tier in compagnia di chi, come me magari, voleva solo divertirsi un po senza essere troppo vincolato ad una gilda e le sue regole.
    Non essendo un amante del PvP mi divertivo cosi, adesso invece questa sensazione è sparita.
    Ora a distanza di mesi da Draenor mi rendo conto che divertirsi è la cosa fondamentale, indipendentemente da tutto il resto: it's a game, not a job!
    2
  • Ainaglar 03 ottobre 2015, 12:38 Ainaglar
    Messaggi: 530

    Iscritto il: 16 giugno 2014, 11:10
    #57
    Leggendo i vari commenti, ci sarebbero degli ottimi spunti di discussione, molti però non strettamente dipendenti da WoD. Cercherò quindi di rimanere in topic seguendo i punti trattati nell'articolo di Thelothian.

    Piccoli segni di cedimento
    Se nel dicembre 2014 registri 10 milioni di account attivi e pochi mesi dopo te ne ritrovi con 5,6 milioni in calo, penso che la definizione "piccoli segni di cedimento" risulti eccessivamente morbida.
    Sarà stato pure il picco della nuova espansione, ma significa che potenzialmente la tua utenza interessata è di 10 milioni di persone che comprano il tuo prodotto, se non riesci a trattenerne una porzione potrebbe essere una cosa normale, quando ne perdi la metà (e sono apparentemente tutt'ora in calo) è un segnale lampante che si è sbagliato qualcosa e/o si sono drasticamente deluse le aspettative.
    Il primo metro di giudizio di WoD passa, volente o nolente, da qui.

    @Thelothian mi trovi perfettamente d'accordo quando dici:
    Sembra proprio un chiaro segno di stanchezza e potrebbe essere l'unico modo con cui la community cerca di far capire che qualcosa non va. Non sono d'accordo con chi dice che siamo di fronte ad una evoluzione naturale; se i contenuti fossero avvincenti e l'offerta molto accattivante, l'età del gioco c'entrerebbe poco, se non niente. Il problema è che sembra essersi un po' opacizzata la creatività in casa Blizzard e siano sfuggite certe dinamiche che invece sono le chiavi di volta di un MMORPG.


    La Guarnigione: un'occasione mancata?
    Qui mi trovi perfettamente d'accordo.

    Il sistema di gioco e l'importanza della storia
    Anche qui mi trovi d'accordo, tuttavia ci sarebbero ancora fiumi di parole da spenderci dietro, è un argomento troppo vasto per poterlo trattare in maniera esaustiva in poche righe senza venir facilmente fraintesi.

    WoD ha ereditato una serie di features e una filosofia dalle espansioni precedenti, la sua colpa è stata quella di non migliorarle, non innovarle e non prendersene cura tralasciando ciò che era già stato ampiamente criticato in precedenza.
    La storia è importantissima, mio parere personale, per il successo e il coinvolgimento in ciò che si gioca. Se la storia non è credibile anche il resto perde molto appeal...e WoD, da molti è considerato un fan-service... le conclusioni a voi.
    0
  • Terhalas 03 ottobre 2015, 14:47 Terhalas
    BattleTag: Teralas#2492
    Messaggi: 100

    Tutto deve avere la sua giusta fine perché ci sia il suo nuovo inizio.
    #58
    Ciao a tutti,

    vedo che concordiamo tutti sul fatto che il "problema" è il divertimento e che la community spesso pensa che sia divertente fare qualcosa, ma che poi quando quel "qualcosa" gli viene dato, si lamenta che non era quello che voleva. Concordo con molti degli interventi e mi ritrovo anche in quello che dicono spesso i moderatori del forum Blizzard, che fanno notare che in genere sul Forum scrive la gente che si lamenta, mentre quelli a cui le cose vanno bene così, semplicemente stanno zitti e giocano. Quindi è ovvio che la voce che si sente è quella degli whinatori.

    Per quanto riguarda la storia: a me piace tantissimo seguirla e capire come si evolve, ma conosco tantissima gente (molti miei amici) che nemmeno le leggono le quest! Queste persone, come le coinvolgi? Secondo me coi filmati, ma poi in Cataclysm quando hanno fatto così, la gente si è lamentata che c'erano troppi filmati (invece di ringraziare che si fossero sbattuti a farli).

    Per quanto riguarda la guarnigione: ha senso secondo voi che se ho vari personaggi io debba perdere molto tempo lì tra seguaci, cantiere navale, ordini di produzione da mettere, materiali da raccogliere, ecc...? E' ovvio che più tempo passo lì e meno ne ho per giocare con gli altri e la parte social muore dopo un po'.

    Le dailies: Se mi collego più tardi rispetto a un amico che le ha finite e ci perdo un'ora, è comunque un'ora in cui potevo giocare con altri e che invece ho passato a giocare da solo (o con PUG che non rivedrò mai più).

    Il farming estremo: qui dipende dalla distribuzione degli abbonamenti. Se in Cina sono tanti, è ovvio che per tenerseli spingano il gioco in modo da piacere di più ai cinesi e che quindi richieda di farmare frammenti arancioni, per poi farmarne altri, per poi ancora altri. Per me non è divertente e secondo me alla lunga neanche per loro.

    @Xenophobia hai perfettamente ragione quando dici che le quest sono poco collegate e infatti, da veterano, rimpiango le lunghe chains, che però almeno ti spiegavano la storia a poco a poco e tu come Pollicino seguivi la scia mangiando una mollica ogni volta e ti ritrovavi alla fine senza nemmeno esserti accorto del tempo che passava.

    Forse il problema maggiore è l'età degli sviluppatori, che credono di avere gusti ormai troppo diversi dai nuovi giocatori e quindi cercano di fare qualcosa che ai nuovi piaccia, senza però riuscirci sempre. Sono però convinto che gli sviluppatori abbiano età diverse e di conseguenza basterebbe che ognuno mettesse qualcosa che a lui piace e sicuramente il gioco tornerebbe ad essere quello che deve essere, cioè appunto un gioco e non un lavoro. Quindi divertente.

    I giochi migliori sono quelli semplici. Se uno deve fare 50 mila calcoli per capire come fare per funzionare bene, smette di essere un gioco e diventa la scuola. :) Per questo avevo suggerito l'idea dei Tutorials. Vedi cosa devi fare e quando. Senza aver bisogno di guide chilometriche e cavillose per fare delle istanze eroiche. Se poi uno vuole fare roba mitica, allora siamo su un altro livello e lì lo sbattimento e la limatura al millimetro deve esserci. Ma non pretendiamo che se uno vuole fare una partita a calcetto debba allenarsi come un campione di Serie A. :D

    Infine, una cosa che sicuramente aggiungerei, è l'integrazione nativa con Twitch.tv con una UI che permetta di fare streaming e leggere la chat di twitch senza ricorrere a programmi di terze parti. Questo darebbe secondo me molta più visibilità e opportunità. Lo streaming è ormai qualcosa da tenere in sempre maggiore considerazione e Battlecraft ne ha colto lo spirito con grande anticipo e lungimiranza.

    Ciao ciao,
    Teralas
    0
  • psychok9 04 ottobre 2015, 13:45 psychok9
    Messaggi: 50

    Iscritto il: 08 giugno 2010, 13:49
    #60
    Non sono d'accordo (non gioco da molti mesi). TBC era maledettamente frustrante, trovare un player per chi non aveva gruppi premade era un inferno... si perdevano pomeriggi a non fare praticamente nulla... ma WoW era una novità e avevamo tutti molto più tempo libero...
    Il vero problema di WoW è che il mercato si è spostato sul mobile, e quindi le nuove generazioni si sono tendenzialmente allontanate dal gaming su pc.
    Per quanto mi riguarda, è fisiologico che arrivi una certa stanchezza. Un espansione non basta, servirebbe un WoW 2.0 con meccaniche e classi diverse.... un rinnovo ripartendo da zero.

    p.s. mi sono ritrovato a innamorarmi di Skyrim da qualche settimana (l'avevo preso e mollato subito molti anni fa)... e credo di aver capito perché: un mondo enorme e selvaggio, dove posso fare tutto, semplicemente lavorandoci. IMHO certi pezzi di WoW hanno distrutto il lore del gioco: troppi pg finiscono per rendere meno coinvolgente il gioco, e le mount volanti hanno finito per rendere meno avventuroso il gioco.
    0
  • Medivh 04 ottobre 2015, 14:01 Medivh
    BattleTag: Medivh#2166
    Messaggi: 1939

    Iscritto il: 14 agosto 2010, 17:54
    #61
    arriverà un giorno in cui il mage potrà tankare e il warrior curare di rallyng cry ed Incite 0
  • psychok9 04 ottobre 2015, 14:04 psychok9
    Messaggi: 50

    Iscritto il: 08 giugno 2010, 13:49
    #62
    Medivh ha scritto:arriverà un giorno in cui il mage potrà tankare e il warrior curare di rallyng cry ed Incite

    @Medivh Serve WoW 2.0, nuove abilità, nuove concezioni, nuove idee. Io renderei meno semplice moltiplicare gli ALT, e più "importante" il proprio personaggio. Inoltre darei la possibilità a chi vuole sbattersi, di avanzare senza l'aiuto di nessuno... rendendo più divertente e meno frustrante invece giocare con gli altri.
    0
  • Rekse 04 ottobre 2015, 18:15 Rekse
    Messaggi: 3447

    Se qualcuno vuole aggiungermi al battle.net me lo dica perché rifiuto chi non conosco.
    #63
    Dovreste fare un paragone obbiettivo con ciò che le precedenti vi hanno offerto e che questa invece non ha. Secondo me è, grossomodo, la solita minestra, con in più qualche alternativa. Ma di base i player si stufano in tempi sempre minori (cosa, peraltro, normalissima). 1
  • BulletHead 04 ottobre 2015, 20:15 BulletHead
    Messaggi: 851

    BulletHead#2630
    #64
    @Rekse
    hai centrato il punto, alla fine Draenor ha più o meno le stesse cose delle precedenti exp, quindi una costante, quello che stà continuando a cambiare è l'utenza che vuole sempre roba nuova e si stufa sempre più facilmente e velocemente; è questo il vero problema
    0
  • Medivh 05 ottobre 2015, 00:13 Medivh
    BattleTag: Medivh#2166
    Messaggi: 1939

    Iscritto il: 14 agosto 2010, 17:54
    #65
    in passato un content durava 3 mesi...niente modalità mithic, heroic etc etc ma i contenuti nuovi venivano rilasciati ogni 3 mesi 3
  • Rekse 05 ottobre 2015, 10:07 Rekse
    Messaggi: 3447

    Se qualcuno vuole aggiungermi al battle.net me lo dica perché rifiuto chi non conosco.
    #66
    E questo cosa cambia, visto che nella maggioranza dei casi la gente lamenta il fatto che non ha il tempo materiale di fare le cose? O_o

    Cioè, a me pare la gara del luogo comune questa. "Non c'è niente da fare", poi vedi che il 10% delle persone ha fatto le challenge (salvo poi magari pagare 150k di gold e farsi boostare), che i dungeon mythic non li fa nessuno o quasi (nemmeno con gli alt), che molti a fare un raid in mythic non ci provano neppure (e questo ok, è dovuto soprattutto al fatto che il formato unico ha creato enormi difficoltà nel giocatore "medio"), che la maggior parte delle persone skippa qualsiasi cosa sia skippabile e poi se ne esce con "non c'è niente da fare".

    Imho, non si vuole semplicemente ammettere che si è stufi di questo tipo di gioco e si trova qualsiasi motivo per dire che è il gioco deludente. E' fisiologico accada.
    LFR il male del gioco? E' assolutamente facoltativo.
    Qualsiasi cosa (o quasi) è facoltativa, pure il famigerato garrison richiede un impegno piuttosto minimo per permetterci di completare ciò che è indispensabile. Certo che però se in tutto questo che è facoltativo, non c'è niente che vi attiri più, a me pare scontato che vi siate rotti di giocare e basta.
    Poi che ci siano cose da migliorare, che questo o quello poteva essere fatto in maniera diversa, per carità, sono tutte cose indiscutibili. Ci mancherebbe. Ma non ci si può lamentare di una cosa e poi del suo opposto. Si è semplicemente stufi della cosa in se, basta ammetterlo a se stessi.
    2
  • Xenophobia 05 ottobre 2015, 10:34 Xenophobia
    BattleTag: Xeno@21949
    Messaggi: 191

    Iscritto il: 11 novembre 2011, 14:35
    #67
    @Rekse Così come quelli "I raid sono troppo facili" ed hanno fatto solo LFR. Io rilancio quello che ho detto, la colpa è semplicemente di chi si lamenta perché ormai la gente non vuole mettere impegno in un gioco.

    Non è un caso che si torni sempre a 6M perché è quello lo zoccolo duro dei vecchi giocatori. poi la gente si sposa, fa figli o smette perché dopo 8 anni di un gioco, o dopo le delusioni date da persone che si riteneva amiche, ci si stufa e si molla.

    Tanti dicono che le quest sono piatte. Io rispondo che per la prima volta dopo TBC, sono stato costretto a cercare su internet come si facevano o finivano alcune quest. Questo perché erano diverse dalle quest brainless delle ultime espansioni.
    1
  • seraknis 05 ottobre 2015, 13:10 seraknis
    BattleTag: Serak#21960
    Messaggi: 1420

    Iscritto il: 12 ottobre 2011, 12:45
    #68
    @Rekse le challenge non sono nuovo content, i dungeon mythic neanche immagino (non li ho provati, ma a prescindere è minestra riscaldata), i raid mythic richiedono un gruppo completo e performante, non ci sono quest, la storia è a malapena accennata dopo l'expaggio iniziale, non hanno aggiunto dungeon, i world boss sono inutili, non c'è content che prendi gruppi con qualche amico e vai a fare quando vuoi e ha un minimo di rilevanza. 2
  • Wulgrim 05 ottobre 2015, 13:42 Wulgrim
    Messaggi: 8319

    They were all dead. The final gunshot was an exclamation mark of everything that had led to this point. [Cit]
    #69
    Le challange sono per chi vuole il trasmo o la sfida, l'utente medio non se la caca di striscio per semplici motivi
    • Non sanno tutti i trucchi necessari per poter far le challange o buon conoscenza della classe
    • Se non gli interessa il trasmo certamente non lo fanno

    I dungeon mitici non li ho provati causa frozen, ma... Se son come la tipica mentalità blizz saranno danni aumentati e poco altro (visto che lfr e raid normal stanno andando al modello facciate sulla tastiera)

    Raid mitici serve la gente preparata, servono il numero di 20 persone (visto l'andazzo se in poche gilde anche da 10 non finivano l'hero certo ora è più complicato tener su la baracca e il raid)

    Come detto da seraknis l'ultima cosa che si può chiamar storia, dopo che hai cappato, son la storia della guarnigione ma son un po incasinate... Per assurdo campano nulla i warlord (quello degli spaccatuno, Fenris, se vogliamo contarlo visto che era a capo degli orchi nella zona di frostridge ha una storia praticamente nulla e in un nulla muore oltre a personaggi più importanti come ner'zul e khargat) rispetto quella sconosciuta delle lame ardenti

    I contenuti esterni che c'è? Ah si... La giungla ora, prima non che ci fosse molto da fare fuori dalla guarnigione
    2
  • Daniel8502 05 ottobre 2015, 14:05 Daniel8502
    BattleTag: danielspad#2149
    Messaggi: 5

    Iscritto il: 20 maggio 2015, 17:03
    #70
    Concordo, credo che l'esplorazione sia la parte più importante di un MMorpg, le prime volte che giocai a WoW ero eccitato all'idea di esplorare e conoscere i continenti di Azeroth e trovare nuovi e inaspettati nemici nel percorso 0
  • ThelothianRedazione 05 ottobre 2015, 14:06 Thelothian
    BattleTag: Thelothian#2131
    Messaggi: 800

    Iscritto il: 04 ottobre 2010, 15:58
    #71
    Sui dungeon mitici io rincarerei la dose.
    Sono divertenti, a volte anche abbastanza impegnativi, ma sono (anche qui) uno strano surrogato di applicazione maldestra e tempismo sballato.
    Questi dovevano essere le eroiche, altro che Mythic aggiunte in un secondo tempo!
    Dovevamo entrare nelle eroiche, come si faceva (aridanga) nella TBC, ovvero non sapendo quando e se si riusciva a finirle. Però se ce la facevi i premi (loot) erano notevoli.
    Ed ecco i due errori: tempismo sballato perché dovevano uscire al posto delle HC, e applicazione maldestra perché non dovrebbero essere fattibili solo con un premade group.
    Sempre my 2 cents, s'intende.
    1
  • Rekse 05 ottobre 2015, 14:16 Rekse
    Messaggi: 3447

    Se qualcuno vuole aggiungermi al battle.net me lo dica perché rifiuto chi non conosco.
    #72
    Non capisco onestamente che tipo di "contenuti esterni" vorreste allora, è una cosa che non è mai esistita in questo gioco, nè tbc nè wotlk, nè cataclysm nè mop.

    Quella cosa è una minestra riscaldata, l'altra è per chi vuole trasmo, l'altra è difficile, è una sfida (cazzo ma se non piacciono le sfide mi chiedo allora di che stiamo parlando?), l'altra ancora non piace. Mi chiedo davvero che livellate a fare se poi non c'è niente che attragga, piaccia, interessi.
    Ma senza voler fare polemica eh, non realizzo proprio che vorreste fare una volta al 100 se:

    - i raid no, lfr è un faceroll, normal idem, heroic richiede impegno
    - challenge danno solo trasmo
    - dungeon mytich sono la stessa cosa con danni e pool hp aumentati (io mi ci sono divertito e ho ancora addosso qualche pezzo 705 che ho sculato)
    - cercare di organizzarsi per i raid mytich, no
    - battle.pet nemmeno a parlarne
    - "evviva il farming", se mancano le quest farming, se invece le quest ci sono "farming merda"
    - pvp nemmeno a parlarne..

    Ok, quindi qualcosa mi sfugge.
    3
  • Rekse 05 ottobre 2015, 14:17 Rekse
    Messaggi: 3447

    Se qualcuno vuole aggiungermi al battle.net me lo dica perché rifiuto chi non conosco.
    #73
    L'esplorazione...? O_o 2
  • Rekse 05 ottobre 2015, 14:21 Rekse
    Messaggi: 3447

    Se qualcuno vuole aggiungermi al battle.net me lo dica perché rifiuto chi non conosco.
    #74
    Daniel8502 ha scritto:Concordo, credo che l'esplorazione sia la parte più importante di un MMorpg, le prime volte che giocai a WoW ero eccitato all'idea di esplorare e conoscere i continenti di Azeroth e trovare nuovi e inaspettati nemici nel percorso

    @Daniel8502

    Abbi pazienza. Eri semplicemente un niubbo, come chiunque si è approcciato per la prima volta al gioco, ed avevi un gioco di 60/70/80 livelli da esplorare. Ora quelli li hai già fatti, non puoi aspettarti le stesse sensazioni da un gioco. O se le avessi, comunque sono limitate ai livelli che ti rimangono da fare. Poi il gioco prosegue con altre cose, per fortuna molto più divertenti.

    Ma sul serio eh. L'anno scorso, dopo 7 o 8 o 9 anni di wow, mi sono approcciato a Tera e posso dire che in parte quelle cose le ho assaggiate di nuovo. Gioco per me nuovo, tutto nuovo, ecc ecc.. con però l'esperienza già di un game mmo, che ti toglie qualcosa. Ma di sicuro non posso aspettarmi di riprovare queste cose su di un gioco in cui sono da dieci anni.
    3
  • Commenta la notizia   1234 ... 6