• Scritto da ,
    Riscopriamo l'antica guarnigione elfica di Black Rook Hold, usata nella guerra degli antichi contro la Legione, ora decaduta e corrotta dall'armata demoniaca stessa. Vediamo insieme quali minacce dovremo affrontare!


    Amalgam of Souls


    Il primo incontro ci sorprende inizialmente per la somiglianza con Ossamorte, a sua volta primo boss della Rocca della Corona di Ghiaccio, anche se le meccaniche dello scontro sono differenti.

    Dovremo fare attenzione a non trovarci di fronte al boss, poiché utilizza la sua falce per Reap Soul, un attacco a cono frontale che solo il difensore deve subire.
    Contemporaneamente, dovremo evitare le falci vorticanti che ci scaglierà addosso, in grado di danneggiare e sbalzare chi viene colpito: poiché ne fa più di una per volta, si rischia di iniziare a rimbalzare da una falce all'altra subendo danni letali.
    Infine, con la sua abilità Soul of Echoes, ci danneggerà generando un cristallo d'anima su giocatori casuali, da cui dovremo allontanarci per poi distruggerlo rapidamente.

    Concluso con successo l'incontro, alcuni spiriti di elfi della notte ci aprono l'accesso verso la biblioteca.


    Illysanna Ravencrest


    Continuando la marcia lungo scalinate a spirale, raggiungiamo l'incontro successivo dove affronteremo Illysanna Ravencrest, cacciatrice di demoni che darà sfoggio di alcune abilità rappresentative di questa classe in un incontro a due fasi.

    Nella prima fase dovremo tenere aperti gli occhi per Dark Rush, con cui marchia 3 giocatori e poi li carica in sequenza lasciando scie di fuoco, costringendoci a gestire bene il posizionamento per evitare di subire danni immediati e di riempire la stanza di fiamme demoniache.
    Chi sta in mischia dovrà fare attenzione all'attacco a corto raggio Brutal Glaive, mentre i difensori dovranno gestire con accortezza le proprie abilità di riduzione danno per limitare l'impatto di Vengeful Shear, in gradi di infliggere grandi quantità di danni e applicare un debuff.

    Quando Illysanna raggiunge il massimo dell'energia inizia la fase 2 in cui ottiene nuove abilità e viene supportata da due tipi di add.
    Il boss si alzerà in volo e inizierà ad utilizzare Eye Beam, fissandosi su di un giocatore ed inseguendolo con scie di fuoco infernale.
    Sarà molto importante posizionare correttamente gli add che attaccano in mischia, in quanto hanno un potente attacco a cono frontale, e gestire rapidamente gli add incantatori, che utilizzeranno magie arcane di potenza man mano crescente.


    Smashspite the Hateful


    Sconfitta la cacciatrice di demoni proseguiremo la nostra marcia lungo le spirali di scale facendoci largo tra orde di nemici, fino a raggiungere una terrazza all'aperto dove affronteremo Smashspite the Hateful. Le dimensioni di questo nemico e della sua arma non mentono, ci ritroveremo a subire quantità ingenti di danno fisico.

    La prima abilità a cui far attenzione è una carica devastante, da evitare assolutamente.
    Il difensore dovrà essere pronto ad utilizzare le abilità di mitigazione danno quando il boss raggiunge 100 punti di energia ed utilizza quindi Brutality, un attacco in mischia veramente devastante.
    A supportare questo feroce gigante giungeranno pipistrelli che, preso di mira un giocatore, bombarderanno la piattaforma lasciando lunghe scie permanenti di fuoco.
    Sarà importante tenere presente la posizione del fuoco in terra, perchè con Earthshaking Stomp il boss infligge danno e sbalza tutto il gruppo, rischiando di lanciare qualcuno nelle fiamme.


    Lord Kur'Talos Ravencrest


    Raggiunta infine la vetta della fortezza, affronteremo Lord Kur'Talos Ravencrest, il signore della guarnigione.

    I difensori vedranno i propri punti ferita massimi ridursi man mano che vengono colpiti dalla sua abilità unerring shear, mentre tutto il gruppo dovrà schivare le lame che genera con whirling blade, che lanciate a un giocatore casuale percorreranno la stanza danneggiando e sbalzando chi colpiscono.

    A pochi secondi dall'inizio del combattimento, si unirà allo scontro anche Latosius, consigliere di Lord Ravencrest. Inizialmente starà in disparte lanciando ripetutamente shadow bolt su giocatori casuali.
    La sua abilità più pericolosa è Dark Blast, con cui evoca un enorme fascio di energia che attraversa tutta la stanza, ma che potremo evitare spostandoci dalla fascia di ombra sul terreno che la preannuncia.
    Con un posizionamento corretto è anche possibile utilizzare questo attacco a nostro vantaggio facendo in modo che sia colpito solo Lord Ravencrest.

    Quando Lord Kur'Talos Ravencrest, raggiungerà il 20% della salute, Latosius lo ucciderà rivelando la sua vera natura di demone ed inizierà una fase molto intensa dello scontro.
    Lo spirito di Kur'Talos, compreso l'inganno, resterà al nostro fianco aumentando la nostra salute e potenziando il danno che infliggiamo.
    Il danno sul difensore aumenterà considerevolmente, mentre tutto il gruppo sarà bersagliato da raffiche di Shadow Bolt.
    Con Cloud of Hypnosis evoca nebbie verdi da evitare rapidamente per non essere addormentati, ma la parte più frenetica dello scontro si verifica quando il demone sparisce per poi lanciare raffiche di Dark Blast, da evitare muovendosi rapidamente nelle poche zone sicure.



    Con la vittoria in quest'ultimo scontro si conclude la nostra spedizione a Black Rook Hold, ma noi possiamo ancora goderci le atmosfere spettrali di questi luoghi infestati nel video di Fatboss:

    Condividi articolo
2 commenti
  • Deinoforo 21 aprile 2016, 21:15 Deinoforo
    BattleTag: Deinoforo#2266
    Messaggi: 2073

    micio micio miao miao
    #1
    Kur'talos non meritava una fine del genere... 2
  • Greymane 22 aprile 2016, 00:42 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 5928

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #2
    @Deinoforo

    Storia passata...devo dire comunque che la Legione è particolarmente brava a rompere le palle a chi gli ha mosso guerra, lasciateli in pace sti poracci, dopo più di 10000 anni poi...
    Comunque come dungeon è interessante, specie la meccanica di Kur'Talos. Anche visibilmente è molto ben fatto, così a video, direi che è il mio preferito a livello ambientale (a differenza di Darkhearth Thiket che quello imho è proprio bruuuutto brutto brutto, mi ricorda The Everbloom, solo che almeno questo aveva una soundtrack che ti gasava)
    0
  • Commenta la notizia