• Nella giornata di ieri sono stati sospesi molti account di World of Warcraft che in passato hanno utilizzato bot, programmi in grado di automatizzare alcune attività del gioco. Questi programmi non sono permessi ed alla fine è arrivata una punizione severa.

    Xarishflar ha scritto

    Abbiamo recentemente imposto sospensioni a molti account di World of Warcraft sui quali abbiamo verificato l’uso di “bot” ovvero programmi che automatizzano le attività di gioco.

    Continueremo a vigilare su World of Warcraft e prenderemo le misure appropriate verso qualsiasi episodio di gioco scorretto e violazioni delle nostre condizioni d'uso. L'utilizzo di trucchi, bot e hack non sarà tollerato.

    Se ritieni di aver incontrato un possibile bot o una qualsiasi altra forma di manomissione fraudolenta dell’attività di gioco, utilizza l'apposita funzionalità in gioco per segnalarlo. Per inoltrare informazioni generali su siti di terze parti che promuovono l'utilizzo di bot o hack, puoi inviare un’e-mail al nostro hack team, all’indirizzo hacks@blizzard.com.

    Condividi articolo
79 commenti   1234
  • Fluorescent 16 maggio 2015, 13:37 Fluorescent
    BattleTag: Fluorescent#2482
    Messaggi: 795

    Iscritto il: 21 ottobre 2013, 00:06
    #75
    Orsopeloso ha scritto:Fluorescent non violano nulla ti ripeto, nell'EULA è chiaramente scritto, e riaffermato da Bradanvar qualche post sopra che gli account di gioco coinvolti ( e si intende quindi anche quelli correlati a quello incriminato perchè in associazione) possono essere sospesi, bannati, perchè violano le condizioni d'uso lette e accettate. Il trattamento dei tuoi dati personali non sensibili (e il tu indirizzo ip, il mac address della tua scheda di rete, l'id del tuo client di collegamento non lo sono) se correlato al rispetto contrattuale da te accettato è consentito.


    Non è violazione dell'utilizzo dei dati sensibili, è ban immotivato per un motivo molto semplice: è specificato che, commesse le violazioni, sia l'account a poter essere chiuso, ma non che l'utente perda la possibilità di accedere utilizzando altri account (nel suo limite di 3 licenze battle.net) permanentemente o temporaneamente. Sarebbe quindi un ban immotivato, e per quanto uno possa scrivere che può bannare senza motivo viola direttive europee sulla protezione dei consumatori durante l'erogazione dei servizi e dunque può essere invalidato da qualsiasi corte a cui si fa appello.

    Detto questo, gli account su cui è effettivamente avvenuta la violazione sono ovviamente bannabili in quanto in violazione di clausole contrattuali ben specificate.

    Ah, e una piccola postilla: l'IP e il MAC address possono essere considerati dati personali quando è possibile tramite essi identificare una persona al di là del ragionevole dubbio (e in realtà in molti paesi europei lo sono considerati a prescindere, solo il regno unito mi pare faccia questa distinzione), pertanto usarli per identificare gli account secondari significa che utilizzi l'indirizzo IP (e altri dati) per identificare una persona e violi dunque le leggi di protezione dei dati personali (che sono fra l'altro soggette alla seconda direttiva europea che avevo linkato nel post precedente)
    Se vuoi informarti di più su quest'argomento, questo documento contiene un buon riassunto della questione per ogni paese europeo.
    0
  • Zannaghiacci 16 maggio 2015, 17:47 Zannaghiacci
    BattleTag: Zanna#2109
    Messaggi: 212

    Iscritto il: 18 luglio 2014, 07:55
    #76
    Fluorescent ha scritto:
    Non è violazione dell'utilizzo dei dati sensibili, è ban immotivato per un motivo molto semplice: è specificato che, commesse le violazioni, sia l'account a poter essere chiuso, ma non che l'utente perda la possibilità di accedere utilizzando altri account (nel suo limite di 3 licenze battle.net) permanentemente o temporaneamente. Sarebbe quindi un ban immotivato, e per quanto uno possa scrivere che può bannare senza motivo viola direttive europee sulla protezione dei consumatori durante l'erogazione dei servizi e dunque può essere invalidato da qualsiasi corte a cui si fa appello.

    Detto questo, gli account su cui è effettivamente avvenuta la violazione sono ovviamente bannabili in quanto in violazione di clausole contrattuali ben specificate.

    Ah, e una piccola postilla: l'IP e il MAC address possono essere considerati dati personali quando è possibile tramite essi identificare una persona al di là del ragionevole dubbio (e in realtà in molti paesi europei lo sono considerati a prescindere, solo il regno unito mi pare faccia questa distinzione), pertanto usarli per identificare gli account secondari significa che utilizzi l'indirizzo IP (e altri dati) per identificare una persona e violi dunque le leggi di protezione dei dati personali (che sono fra l'altro soggette alla seconda direttiva europea che avevo linkato nel post precedente)
    Se vuoi informarti di più su quest'argomento, questo documento contiene un buon riassunto della questione per ogni paese europeo.

    @Fluorescent

    La blizzard può sempre bannare sfruttando gli account botter e vedere chi ha avuto benefici daccospicui da questi account oltre ogni ragionevole dubbio. è possibile no?
    0
  • Fluorescent 16 maggio 2015, 18:29 Fluorescent
    BattleTag: Fluorescent#2482
    Messaggi: 795

    Iscritto il: 21 ottobre 2013, 00:06
    #77
    Zannaghiacci ha scritto:La blizzard può sempre bannare sfruttando gli account botter e vedere chi ha avuto benefici daccospicui da questi account oltre ogni ragionevole dubbio. è possibile no?


    Quello che ho capito (correggimi se sbaglio): uno ha bottato sul secondo account, e non sul primo. Il secondo account è stato bannato, ma il primo no.

    Teoricamente la blizzard non può farci assolutamente niente in quanto la violazione è avvenuta sul secondo account e il primo non l'ha mai commessa. "trarne cospicui vantaggi" non è un metro di valutazione valido (solo l'utilizzo è specificato nell'EULA).
    Poi sai com'è, ci sono talmente tante ragioni per cui possono potenzialmente bannarti (convenzioni di nomi non rispettate, qualsiasi modifica dell'interfaccia di gioco, uso scorretto della chat) che alla fine non gli serve dimostrare il collegamento per terminare il tuo account.

    E' comunque diverso da quello che si stava discutendo: uno bannato che apre un account completamente nuovo per riprendere a giocare.
    0
  • alasteel 19 maggio 2015, 07:01 alasteel
    BattleTag: arcimago#2711
    Messaggi: 338

    You Only Live Once
    #78
    Bahamut ha scritto:Grallen In realtà molti usavano il bot proprio per automatizzare tutte le procedure del Garrison come il gathering dei mats, i work orders, le mission, eccetera, visto che quando già hai un main e due-tre alt mettersi ogni giorno a fare le stesse identiche cose "a macchinetta" dentro il Garrison di ognuno è di un tedioso insopportabile.

    @Bahamut io ho 7 pg al lv max con le garrison al 3 tutti, al giorno perdo 10/15 minuti per sistemare tutte le garrison, contando che i pg con cui raido sono 2/3 gli altri si fermano al mero farming della garrison (master plan un addon curse, quindi legale, velocizza il tutto) chi usava i bot lo faceva per poca voglia o per farsi "soldi facili" magari rivendendo i gold su uno dei molti siti che ti permettono di fare ciò o per comprare oggetti in asta per equipaggiarsi al meglio senza fatica... i ban sono giusti a mio avviso, nonostante abbia colpito persone che conosco e a cui ho sempre detto che era sbagliato. se mancava la voglia di farmare la soluzione erano due, o smettevi fino al rinnovarsi della voglia o ti concentravi su un solo pg raidando anche in pug per trovare i pezzi giusti (ora si può tirare moneta anche se hai già lootato il boss). non sono un giocatore ricco nonostante abbia giocato da tempo immemore (sono un mezzo spendaccione nonostante il mio retaggio genovese) ma ho sempre trovato molto più soddisfacente le grida di giubilio da parte del gruppo che dopo tanti try riesce a downare il boss piuttosto che comprare tutto in asta e poi girare a vantarmi di risultati che in realtà non ho mai raggiunto. effettivamente la gestione delle gilde e il recruit attuale ha privilegiato la gente "vestita" a quella capace o ad ostinarsi su achiv invece di fornire ai giocatori in crescita una sfida maggiore per "costringerli a migliorarsi". se riuscissimo a tornare ad un più salubre sistema di crescita in gruppo forse riusciremmo a tornare a giocare divertendosi tutti. Ma questa è e rimane la mio opinione e continuerò a dirla nonostante tutto e tutti, anche a costo di inimicarmi tante persone :good: molti dimenticano che questo è e deve rimanere un gioco :good: think that
    0
  • TartyMost Valuable Poster 19 maggio 2015, 10:48 Tarty
    BattleTag: Tatyanna#2538
    Messaggi: 4041

    Shaman Draenei - Runetotem
    Troll dell'Alleanza nonchè regina di cazzate
    #79
    Fluorescent ha scritto:E' comunque diverso da quello che si stava discutendo: uno bannato che apre un account completamente nuovo per riprendere a giocare.


    @Fluorescent Esatto. Chi è stato bannato con il secondo account, continua a giocare sul principale e Blizzard non lo bannerà per i vantaggi che ha ricevuto.
    Chi è stato bannato con l'account principale, se vuol continuare a giocare, apre un secondo account (il che significa ricomprare gioco e pagare il fee), sempre collegato cmq al primo account bannato, così mantiene achievement ecc.
    0
  • Commenta la notizia   1234