• World of Warcraft: Before the Storm è il prossimo romanzo di Christie Golden su Warcraft che farà da ponte fra Legion e la successiva espansione. A questo proposito, chi ha acquistato una Goodie Bag della BlizzCon 2017 ha ricevuto una bella sorpresa nella forma di un capitolo esclusivo in anteprima del romanzo.

    Questo estratto è narrato dal punto di vista di Sylvanas, Capoguerra dell'Orda, sempre meditabonda e alle prese con i problemi di tutte le razze della coalizione, compresi i suoi Reietti. Inoltre, sembra che ci sia veramente una tempesta all'orizzonte...

    Vi riportiamo il capitolo integralmente (in inglese), grazie a Wowhead che ha trascritto tutta l'anteprima. Ovviamente, non leggete se non volete il minimo spoiler.

    KEZZIG KLACKWHISTLE STRAIGHTENED from where he'd been kneeling for what felt like at least a decade, pladcing his big, green hands on the small of his back and grimacing at the ensuing cascade of pops. He licked his dry lips and looked around, squinting against the blinding sunlight and mopping his bald head with a sweat-stiff kerchief. Here and there were tightly clustered, swirling swarms of insects. And of course, the sand, every-where, and most of it probably going to end up inside his underclothes. Just like it had yesterday.

    Man, Silithus was an ugly place.

    "Jixil?" he said to his companion, who was analyzing a hovering rock with the Spect-o-Matic 4000.

    "Yeah?" The other goblin peered at the reading, shook his head and tried again.

    "I hate this place.'

    "Ya do? Huh. It speaks well of you." Glaring at the piece of equipment, the smaller, squatter goblin smacked it soundly.

    "Ha-ha, very funny," Kezzig grumbled. "No, I mean it."

    Jixil sighed, trudged to another rock, and began to scan it. "We all hate this place, Kezzig."

    "No, I really mean it. I'm not cut out for this environment. I used to work in Winterspring. I'm a snow-loving, snuggle-by-the-fire, holly-jolly kinda goblin."

    Jixil threw him a withering glance. "What happened to bring you here, instead of staying there, where you weren't annoying me?"

    Kezzig grimaced, rubbing the back of his neck. "Little Miss Lunnix Sprocketslip happened. See - I was working in her mining supply shop. I'd go out as a guide for the occasional visitor to our cozy little hamlet of Everlook. Lunny and I kinda ... yeah." he smiled nostalgically for a moment, then scowled. "Then she goes and gets her nose out of joint when she caught me hanging around Gogo."

    "Gogo," Jixil repeated in a flat voice. "Gee. I wonder why Lunnix would get upset with you hanging around a girl named GoGo."

    "I know! Gimme a break. It gets cold up there. A guy has to snuggle by the fire now and then or he'll freeze, am I right? Anyways, the place suddenly got hotter than here at midday."

    Sighing, Kezzig picked up the huge pack of equipment, slung it easily over his shoulders, and lugged it over to where Jixil was still hoping for positive results. He let the bundle drop to the earth, and there came the sound of delicate pieces of equipment clanking perilously against each other.

    "I hate sand," he continued. "I hate the sun. And oh boy, do I really, really hate bugs. I hate the little bugs, because they like crawl in your ears and up your nose. I hate the big bugs because, well, they're big bugs. I mean, who doesn't hate that? It's kind of a universal hate. But my particular hate burns with the light of a thousand suns."

    "I thought you hated suns."

    "I do, but I -"

    Jixil suddenly stifferned. His magenta eyes widened as he stared at his Spect-o-Matic.

    "What I meant was -"

    "Shut up, you idiot!" Jixil snapped. Now Kezzig was starin at the instrument too.

    It was going insane.

    Its little needle flipped back and forth. The small light at the top flashed and urgent, excited red.

    The two goblins looked at the other. "Do you know what this means?" Jixil said in a voice that trembled.

    Kezzig's lips curved in a grin that revealed almost all of his jagged yellow teeth. he curled one hand into a fist and smacked it firmly into the palm of the other.

    "It means," he said, "we get to eliminate the competition."

    ----

    Sylvanas Windrunner, former ranger-general of Silvermoon, the Dark Lady of the Forsaken and present warchief of the mighty Horde, had resented being told to come to Orgrimmar, like a dog that needed to perform all its tricks. She had wanted to return to the Undercity. She missed its shadows, its dampness, its restful quietude. Rest in peace, she thought grimly, and had to smother a smile. It faded almost at once as she continued pacing impatiently in the small chamber behind the warchief's throne in Grommash Hold.

    A few years ago, Garrosh Hellscream had pushed to have a massive celebration in Orgrimmar to commemorate the end of the Northrend campaign. He wasn't warchief - not then. There had been a parade of every veteran who wished to participate, their path strewn with imported pine boughs, and a gigantic feast awaited them at the end of the route. Awards had been distributed, and the inns of the city flung open without limits to those who had fought for the Horde.

    It had been extravagant, and expensive, and Sylvanas initially had no intention of following in the footsteps of Hellscream in not just this situation, but in any. He had been arrogant, brutal, impulsive. Sylvanas had loathed him and had secretly conspired-unsuccessfully, regrettably-to kill him even after he had been arrested and charged with war crimes. His decision to attack Theramore with a devastating mana bomb had the softer races wrestlin with their consciences. The only thing that had troubled Sylvanas about it had been the orc's timing.

    When at last, inevitably, Garrosh had been killed, Sylvanas was pleased, though she still harbored regrets that she had not been the one to take his life.

    Varok Saurfang, the leader of the orcs, and Bain Bloodhoof, chieftain of the tauren, had borne no love for Garrosh either. But they had pushed Sylvanas to make an appearance and at least some kind of gesture to mark the end of this war. Brave members of this Horde you lead fought and died to make sure the Legion did not destroy this world, as it had so many others, the young bull had intoned. He had been but one step away from openly rebuking her.

    Sylvanas recalled Saurfan'gs thinly-veiled... warning? Threat? You are the leader of all the Horde-orcs, tauren, trolls, blood elves, goblins-as well as the Forsaken. You must never forget that, or else they might

    What I will not forget, orc, she thought, ire rising in her anew, are those words.

    She paused, her sharp ears picking up the sound of familiar footsteps. The tanned hide that served as a node to privacy was drawn aside, and the newcomer entered.

    "You are late. Another quarter of an hour, and I would have been forced to ride without my champion beside me."

    He bowed. "Forgive me, my queen. I have been about your business, and it took longer than expected."

    She was unarmed, but he carried a bow and bore a quiver full of arrows. The only human ever to become a ranger, he was a superlative marksman. It was on reason he was the best bodyguard Sylvanas could possibly have. There were other reasons, too, reasons that had their roots in the distant past, when the two had connected under a bright and beautiful sun, and had fought for bright and beautiful things.

    Death had claimed them both, human and elf alike. Little now was bright and beautiful, and much of that past they had shared had grown dim and hazy.

    But not all of it.

    While Sylvanas had left behind most warmer emotions the moment she had risen from the dead as a banshee, anger had somehow retained its heat. But she felt it melt away now. She could never stay angry with Nathanos Marris, known now as the "Blightcaller," for long. And he had indeed been about her business - visiting the Undercity, while she had been saddled with duties that kept her here in Orgrimmar.

    She wanted to reach for his hand, but contented herself with smiling benevolently at him. "You are forgiven," she said. "Now. Tell me of our home."

    Sylvanas expected a brief recitation of modest concerns, a reaffimation of the Forsaken's loyalty to their Dark Lady. Instead, Nathanos frowned. "The situation...is complicated, my queen."

    Her smiled faded. What could possibly be "complicated" about it? The Undercity belonged to the Forsaken, and they were her people.

    "Your presence has been sorely missed," he said. "While many are proud that, at least, the Horde has a Forsaken as its warcrhief, there are others who feel that you have prechance forgotten about those who have been more loyal to you than any other."

    She laughed, sharpy and without humor. "Bained and Saurang and the others say I have not been giving them enough attention. My people say I have veen giving them too much. Whatever I do, someone objects. How can anyone rule like this?" She shook her pale head. "A curse upon Vol'jin and his loa. I should have stayed in the shadows, where I could be effective without being interrogated."

    Where I could do as I truly wished.

    She'd never wanted this. Not really. as she had told the troll Vol'jin before, during the trial of the late and greatly unlamented Garrosh Hellscream, she liked her power, her control, on the subtle side. But with quite literally his dying breath, Vol'jin, the Horde's leader, had commanded that she do the opposite. He had been granted a vision by the loa he honored.

    You must step out of da shadows and lead.

    You must be warchief.

    Vol'jin had been someone she respected, although they clashed on occasion. He lacked the abrasiveness that so often characterized orc-leadership. And she had been genuinely sorry he had fallen - and not just because of the responsibility he had placed on her head.

    Nathanos was wise enough not to interrupt her. She forced calm upon herself. This was Nathanos, daring to speak truth to power, as he always did. And she valued that. "Continue."

    "From their perspective," the dark ranged resumed, "you were a fixture in the Undercity. You made them, you worked to prolong their existence, you were everything to them. Your ascension to warchief was so sudden, the threat so great and so immediate, that you left no one behind to care for them."

    Sylvanas nodded. She supposed she could understand that.

    "You left a great hole. And holes in power tend to be filled."

    Her red eyes widened. Was he speaking of a coup? The queen's mind flashed back a few years to the betrayal of Varimathras, a demon she had thought would only obey her. He had joined with the ungrateful wretch Putress, a Forsaken apothecary who had created a plague against the living and the undead - and who had nearly killed Sylvanas herself. Retaking the Undercity had been a bloody endeavor. But no. Even as the thought occured to her, she knew that her loyal champion would not be speaking in so casual a manner if something so terrible had happened.

    Reading her expression perfectly, as he so often did, Nathanos hastened to reassure her. "All is calm there, my lady. But in the absence of a single powerful leader, the inhabitans of your city have formed a governing body to tend to the population's needs."

    "Ah, I see. An interim organization. That is ... not unreasonable."

    "They are calling themselves the Desolate Council." Again, he hesitated. "My lady ... there are rumors about things that have been done by you in this war. Some of those rumors are even true."

    "Word has reached them of my efforts to continue their existence. Unfortunately, I assume that word has also reached them that Genn Greymane destroyed their hope."

    She had taken her flagship, the Windrunner, to Stormheim in the Broken Isles, in search of more Val'kyr to resurrect the fallen. It was, thus far, the only way Sylvanas had found to create more Forsaken. "I was almost able to enslave the great Eyir. She would have given me the Val'kyr for all eternity. None of my people would have ever died again." She paused. "I would have saved them."

    "That ... is the corcern."

    "Do not dance around this, Nathanos. Speak plainly."

    "Not all of them desire for themselves what you desire for them, my queen. Many on the Desolate Council harbor deep reservations." His face, still that of a dead man but better preserved due to an elaborate ritual she had ordered performed, twisted in a smile. "This is the peril you created when you gave them free will. They are now free to disagree."

    Her pale brows drew together in a terrible frown. "Do they want extinction, then?" she cried, anger flaring brightly inside her. "Do they want to be rotting in the earth?"

    "I do not know what they want," Nathanos replied, calmly. "They wish to speak with you, not with me"

    From outside the room came the thump-thump of a spear butt on the stone floor. Sylvanas closed her eyes, trying to gather patience. "Enter," she growled.

    One of the orc guards of the hold obeyed and stood at attention, his green face unreadable. "Warchief," he said, "it is time. Your people await you."

    Your people. No. Her people were back in the Undercity, holding meetings, using her own gifts to them - their existence and their free will - to inexplicably refuse those gifts.

    "I will be out momentarily," Sylvanas said, adding, in case the guard did not understand what was behind the words, "Leave us."

    The orc saluted and withdrew, letting the skin flap fall into place.

    Nathanos, ever patient, waited for her orders. He would obey them, she knew. She could, right now, order a group of any combination of non-Forsaken Horde warriors to march on the Undercity and seize the members of this ungrateful council. But even as she had the satisfying thought, she knew it would be unwise. She needed to know more - much more - before she could act.

    "We will leave this topic for now," she said. "I have other things I wish to discuss with you."

    "As my lady wishes," Nathanos replied.

    They emerged, ready to begin the march. Sylvanas had taken care that no one referred to it as a "parade", lest they start having expectations of the one Garrosh had advocated. Varok Saurfang await her in the main area of the hold. With him stood an honor guard of veterans. Sylvanas would make a circuit through the city astride on of her bony skeletal horses, gathering different races and their leaders as she went. She was not fond of any of them, but Varok Saurfang was the one she gave grudging respect. He was intelligent, strong, fierce ... and, like Baine, loyal. But there was something in the orc's eyes that always put her on alert when she gazed into them. The knowledge that if she misstepped too badly he might well challenge her, perhaps even oppose her.

    That look was in his eyes now as he stepped forward to greet her. He met her stare for stare, not even breaking eye contact as he executed a brief bow and stepped aside to let her pass before h e fell in line behind her.

    As all the others would do.

    Sylvanas nodded to him as she strode to where her horse awaited her. After swinging lithely into the saddle, she waved to the throngs of celebrants who crowded the streets of Orgrimmar. They cheered and waved back, swept up in the enthusiasm of the day.

    Sylvanas did not fool herself that she was universally beloved. For her part, she did not have much interested in the Horde as a whole, although she took great pains never to let her true feelings show. She had led the Horde to a seemingly impossible victory, and for now, at least, it looked as thought its members were solidly with her.

    Good.

    Nathanos rode beside her, followed by Saurfang and his honor guard. In the dusty road outside the hold was a cluster of the blood elves and the Forsaken who inhabited the city.

    The blood elves were all dressed splendidly in their predictable colors of red and gold. At their head was Lor'themar Theron. He rode a red-plumed hawkstrider, and met her gaze evenly. Friends, they had once been. Theron had served under her when she was a ranger-general of the high elves. They had been comrades in arms, much like the one who rode beside her as her champion. But whereas Nathanos, once a moral human now Forsaken, had kept his unswerving loyalty to her, Sylvanas knew that Theron's was to his people.

    People who had been just like her, once. They were "just like her" no more.

    No one among the leaders of the various Horde races had truly welcomed her ascension to warchief. But they all accepted it. Sylvanas wondered how long that would last. How far she could push them.

    Theron inclined his head. He would serve at least for the moment. No one for speeches, Sylvanas merely inclined her own head and turned to the group of Forsaken. They stood, patiently as always. At least here in the capital city, they were her people - no defectors to a self-pityingly named Desolate Council.

    But she could not show favoritism, not here. So she gave them the same nod she had given Lor'themar and the sin'dorei, and nudged her steed to move through the gate. The blood elves and the Forsaken fell in line, riding behind so as no to crowd her. That had been her stipulation, and she had stood firm on it.

    She wanted to be able to snatch at least a few moments of privacy. There were things meant for her champion's ears alone.

    "We need to increase what is in the Horde's coffers," Sylvanas murmured quietly to her champion. "We will need the funds," Sylvanas continued, "and we will need them." She waved at the family of orcs. Both the male and female bore battle scars, but they were smiling, and the child they lifted over their heads to see the warchief was plump and healthy-looking.

    Sylvanas' path through the city would take her first through an alley lined with shops called the Drag, then to the Valley of Honor. The Drag had once been an apt name for the area, which abutted a canyon wall in a less-than-savory part of the city prior to the Cataclysm. With that terrible event, the Drag, like so much of beleaguered Azeroth, had physically shifted. Like Sylvanas Windrunner herself, it had emerged from the shadows. Sunlight now illuminated the winding, hard-packed dirt of the streets. More reputable establishments, such as clothing shops and ink supply stores, seemed to be springing up as well.

    "I'm not sure I understand, my queen," Nathanos said. They had not had much time for private conversations. The war had taken everything they could give it, every day, and most of the time, they were surrounded by listening ears. "Of course, the Horde needs funds and its members."

    "It is not the member that concern me. It is the army. I have decided I will not dissolve it."

    He turned to look at her. "They think they're come home," he said. "Is this not the case?"

    "It is, for the moment," she said. "Injuries need time to heal. Crops need to be planted. But soon, I will call upon the brave fighters of the Horde for another battle. The one you and I have both longed for."

    Nathanos was silent. She did not take that for disagreement of disapproval. He was often silent. That he did not press her for more details meant that he understood what she wanted.

    Stormwind.

    Fonte: wowhead
    Condividi articolo
17 commenti
  • TartyMost Valuable Poster 03 novembre 2017, 11:12 Tarty
    BattleTag: Tatyanna#2538
    Messaggi: 4599

    Shaman Draenei - Runetotem
    Troll dell'Alleanza nonchè regina di cazzate
    #1
    A parte che se la possono pure pigliare perché come città fa pure abbastanza cacare... ma detto ciò... se la prossima espansione è sulla guerra di fazione... han scelto proprio un bel plot di merda per proseguire Legion. 3
  • Ljnx 03 novembre 2017, 11:25 Ljnx
    BattleTag: Ljnx#2455
    Messaggi: 250

    Il nostro vincolo è indissolubile
    la nostra volontà incrollabile,
    chi oserà opporsi a noi?!

    -Grom Malogrido
    #2
    Tarty ha scritto:A parte che se la possono pure pigliare perché come città fa pure abbastanza cacare... ma detto ciò... se la prossima espansione è sulla guerra di fazione... han scelto proprio un bel plot di merda per proseguire Legion.

    @Tarty In effetti non hai tutti i torti :D
    0
  • seraknis 03 novembre 2017, 11:32 seraknis
    BattleTag: Serak#21960
    Messaggi: 1640

    Iscritto il: 12 ottobre 2011, 12:45
    #3
    C'è gente che whina ogni exp che non c'è abbastanza war in Warcraft (boh)

    Vedremo, tanto Azshara e N'Zoth cicciano comunque fuori al 99%
    2
  • Dhaella 03 novembre 2017, 12:04 Dhaella
    BattleTag: Dhae#2367
    Messaggi: 153

    Iscritto il: 22 settembre 2010, 19:20
    #4
    Ora, forse mi sono perso o non ricordo qualcosa del lore, ma a Sylvanas cosa può fregare di Stormwind?
    Lordaeron è già sua, Silvermoon pure, ci potrebbe stare Gilneas per vendetta su Genn (la città è stata abbandonata anche nel lore o solo nel gameplay? rofl )

    Sylvanas non ha mai avuto a cuore l'orda, ne tanto meno il conflitto con l'alleanza.
    Fino ad oggi le era solo interessata la sopravvivenza dei Forsaken, e quindi li porta nuovamente in guerra con la consapevolezza di non avere dalla sua le Val'kyr?
    0
  • Satyrlock 03 novembre 2017, 13:03 Satyrlock
    Messaggi: 19

    Iscritto il: 14 aprile 2017, 09:58
    #5
    Tarty ha scritto:A parte che se la possono pure pigliare perché come città fa pure abbastanza cacare... ma detto ciò... se la prossima espansione è sulla guerra di fazione... han scelto proprio un bel plot di merda per proseguire Legion.

    @Tarty
    Plot di merda non credo proprio... anzi definirei plot di merda quella di legion. Sta burning legion sta sempre li, il classico nemico comune che vuole distruggere il mondo... La plot di pandaria era sicuramente più interessante ed è assolutamente un bisogno affrontare i problemi tra fazioni e tra parti della propria fazione.
    L'alleanza si è ritorvata molto più unita e solid con Varian, ora che è morto? Quanti appoggiano il tentato genocidio di Genn? Quanti accettano Anduin come re? Stessa cosa per l'orda... Finalmente si va un po' più in profondità nelle questioni importani: noi. Non sempre il classico ammazza big boss che ci vuole distruggere.
    Fare un po' di spazio a tutta la lore di wow è estremamente importante, se noti negli anni c'è sempre un periodo di esplorazione un periodo contro old gods e un periodo contro la legione... se facessero un altra espansione su magari Twisting Nether sconfiggeremo già sargeras altri titani corrotti a caso e tutti i demoni... andiamo... non sono nemmeno i nemici principali e la storia principale.

    Tuttavia, spero che lascino UN WARCHIEF per più di UNA espansione. Basta rimpiazzare i leader dell'orda come fossero mutande! E dov'è finito Green Jesus?
    2
  • TartyMost Valuable Poster 03 novembre 2017, 13:56 Tarty
    BattleTag: Tatyanna#2538
    Messaggi: 4599

    Shaman Draenei - Runetotem
    Troll dell'Alleanza nonchè regina di cazzate
    #6
    @Satyrlock Son di fretta perché sono a lavoro, è di merda nel senso che rispetto a tutte le possibili trame che sono state imbastite in Legion, questa ha un risvolto poco comprensibile... logico.

    Cioè hai sta enorme spadata dentro azeroth da cui zampilla sangue di titana e che fai? Vai a fare una guerra per stormwind quando i tuoi problemi sono altri...

    basta poi che il trick finale non si riveli che in realtà tutta sta follia guerrafondaia è causata da un old gods per uno scopo preciso... perché sarebbe un escamotage narrativo veramente triste, tipo quei film in cui nel finale si scopre che è stato tutto un sogno.

    Poi vabbè nel romanzo precedente Illidan doveva diventare un angelo della luce e invece ha ammazzato Xera... quindi da sto spreambolo non è detto che la storia poi si sviluppi in modo diverso...
    0
  • Greymane 03 novembre 2017, 14:28 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 6990

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #7
    @Tarty

    Sni, concordo che le prioritá sono altre ma non sappiamo se i preparativi alla guerra a Stormwind (o se la guerra stessa) avverranno nel romanzo o dopo. Diciamo che comunque il risultato di ciò potrebbe portare a spunti interessanti, immaginate se Sylvanas riesca effettivamente a prendere Stormwind e l'alleanza per ripicca si ripiglia Gilneas o la stessa Lordaeron (ho i miei dubbi, btw), questo, in un'espansione focalizzata sulla guerra tra fazioni porterebbe ad un qualcosa di interessante perchè con la conquista di Stormwind, l'Orda si porterebbe mooooolto vicina ad Ironforge, ed i Worgen hanno sempre sognato una riconquista di Gilneas, e nel caso di Lordaeron, sappiamo che Calia è viva e vegeta (anche se ora ha più una tendenza neutrale che altro).

    Comunque quello di Sylvanas potrebbe essere semplicemente un piano a lungo termine, che non sa nemmeno lei il momento migliore per attuarlo; inoltre da quando è stato aperto il Dark Portal? Ormai direi da una 40ina di anni Azerothiani, le cose su WoW succedono talmente tanto velocemente che la Wound potremmo benissimo sanarla in un mese, sebbene nel gioco sembra quasi che siano passati tipo 60 anni solo dalla morte di Arthas ed ere geologiche dall'apertura del portale rofl
    0
  • TartyMost Valuable Poster 03 novembre 2017, 16:08 Tarty
    BattleTag: Tatyanna#2538
    Messaggi: 4599

    Shaman Draenei - Runetotem
    Troll dell'Alleanza nonchè regina di cazzate
    #8
    Pare ci sia già il titolo:
    Battle for azeroth
    . Titolo registrato...
    0
  • TartyMost Valuable Poster 03 novembre 2017, 16:39 Tarty
    BattleTag: Tatyanna#2538
    Messaggi: 4599

    Shaman Draenei - Runetotem
    Troll dell'Alleanza nonchè regina di cazzate
    #9
    @Greymane il suo piano a lungo termine è: ci servono soldi per le casse dell'orda, ci servono fondi... è una premessa un po' misera laddove i soldi sono sempre stati un concetto un po' al di fuori di qualsiasi motivazione in questo universo.

    È vero che può avere innumerevoli risvolti e ora il logo visto di lordaeron può implicare anche che si riconquista l'una ma si perde l'altra. Anche se poi non credo in modo permanente. È altresì vero che a parte il cataclisma, azeroth è rimasta invariata per troppi secoli. La premessa però di partenza ribadusco, mi pare un po' misera.
    0
  • SERAPHIMON 03 novembre 2017, 17:14 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1817

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #10
    c'è un modo per ottenere quel capitolo segreto? 0
  • Greymane 03 novembre 2017, 17:27 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 6990

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #11
    Tarty ha scritto:
    È vero che può avere innumerevoli risvolti e ora il logo visto di lordaeron può implicare anche che si riconquista l'una ma si perde l'altra. Anche se poi non credo in modo permanente.

    @Tarty

    Più che altro io mi chiedo come potrebbero prenderla i giocatori questa cosa, perchè per quanto Undercity non sia mai stata la capitale più gettonata per i giocatori Orda, non è la stessa cosa per Stormwind che è sempre stata utilizzata come hub principale in espansioni senza la presenza di santuari come Dalaran o Shattrat, anche io dubito sarà in maniera permanente (anche perchè, che fai iniziare gli Undead di fianco ad una Lordaeron riconquistata? Questa cosa richiederebbe dei grossissimi cambiamenti alle starting zones)

    Come premessa non mi piace così tanto neanche a me, detta come va detta, avrei preferito un qualcosa di più importante perchè come al solito, da l'idea di un'Orda cattiva cattiva che non riesce a capire cosa va fatto e cosa non / non riesce a dare priorità sensate, però boh, come detto non sappiamo quando questa cosa avverrà visto che il tempo su Azeroth passa così velocemente che quelli che ci sembrano eoni per sconfiggere un nemico in realtà sono pochi anni (escludendo la Burning Legion e Argus, dove il tempo è ancora più veloce).

    Vedremo stasera, però boh, ammetto che non mi da così ispirazione.

    @SERAPHIMON

    Il capitolo l'hanno ottenuto quelli che hanno preso la Goody-bag fisicamente al Blizzcon se non erro
    0
  • Nefarian11 04 novembre 2017, 01:59 Nefarian11
    Messaggi: 2

    Iscritto il: 04 novembre 2017, 01:01
    #12
    Tarty ha scritto:A parte che se la possono pure pigliare perché come città fa pure abbastanza cacare... ma detto ciò... se la prossima espansione è sulla guerra di fazione... han scelto proprio un bel plot di merda per proseguire Legion.


    Per niente vero. La Burning Legion è uno di quei villains senza alcun carattere, con ragioni banali e generalmente senza fantasia. "Salvare" l'universo dal Void distruggendolo. Esiste qualcosa di piu banale e noioso? Ogni singolo demone che abbiamo incontrato, da Felguard#23974 a Kil'Jaeden non ha mai mostrato nessuna emozione, nessuna individualità e nessuno scopo personale. Possibile che nessuno la dentro è interessato a qualcos'altro oltre a distruggere ogni cosa?

    In una guerra fra Ally e Orda i motivi sono molto piu facili da capire e con piu carattere. Risorse, terre, gloria o semplicemente odio per la fazione opposta. Ricordiamoci che Ally e Orda sono in guerra da ormai 35+ anni con qualche tregua qua e la e con gli eventi di legion l'odio fra fazioni è ormai a livelli critici.

    Le Class Hall esistono appunto perchè le fazioni non riescono a cooperare fra loro (ne hanno i soldati) nel bel mezzo della piu grande invasione che Azeroth abbia mai visto. Una volta risolta la minaccia comune è logico che le fazioni torneranno alla guerra.

    Inb4 "non è logico andare in guerra dopo Legion". A James il contadino che ha perso il figlio
    e il proprio re quando Sylvanas ha "tradito" l'Alleanza alla Broken Shore, non vuole pace. Vuole sangue. è facile per noi dire che non è logico visto che ovviamente non lo stiamo vivendo, ma se vi mettete nei panni di qualsiasi persona in una situazione del genere. ci sono tutte le spiegazioni logiche per riaccendere la guerra.
    1
  • Greymane 04 novembre 2017, 21:44 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 6990

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #13
    Nefarian11 ha scritto:
    Per niente vero. La Burning Legion è uno di quei villains senza alcun carattere, con ragioni banali e generalmente senza fantasia. "Salvare" l'universo dal Void distruggendolo. Esiste qualcosa di piu banale e noioso? Ogni singolo demone che abbiamo incontrato, da Felguard#23974 a Kil'Jaeden non ha mai mostrato nessuna emozione, nessuna individualità e nessuno scopo personale. Possibile che nessuno la dentro è interessato a qualcos'altro oltre a distruggere ogni cosa?


    @Nefarian11

    Beh, non è che solo perchè Kil'jeaden e Archimonde erano il braccio destro e sinistro di Sargeras, tutti gli Eredar debbano per forza rispecchiare le loro volontà. I due sopracitati vogliono il potere sopra a tutto, ma come possiamo notare durante il discorso di Kil'jeaden e la relativa World Quest, parlando con i vari Echi possiamo notare quanto in realtà le opinioni siano distinte.

    I Demoni le emozioni e gli scopi personali li hanno, e sono il portare distruzione in ogni luogo (è pure sempre uno scopo, e la rabbia anch'essa è un'emozione), sono cose banali? Si, le abbiamo viste e riviste in qualsiasi gioco e qualsiasi film, però la Legione Infuocata non è composta solo da Demoni nati come tali. Gli Eredar (dovrei dire Man'ari, visto che parlo di Eredar della Legione nello specifico) non sono nati come tali, quindi hanno una loro mentalità molto più complessa di quelle di una Felguard, di conseguenza sono sicuro che ne rivedremo nel futuro, anche perchè ho i miei dubbi che li stermineremo tutti su Antorus, c'è benissimo la possibilità che dopo la caduta di Sargeras alcuni di loro potrebbero anche arrendersi e joinare altre fazioni seguendo qualche altro scopo (magari pure come sub-races, visto che altre sono in programma).

    Inb4 "non è logico andare in guerra dopo Legion". A James il contadino che ha perso il figlio
    e il proprio re quando Sylvanas ha "tradito" l'Alleanza alla Broken Shore, non vuole pace. Vuole sangue. è facile per noi dire che non è logico visto che ovviamente non lo stiamo vivendo, ma se vi mettete nei panni di qualsiasi persona in una situazione del genere. ci sono tutte le spiegazioni logiche per riaccendere la guerra.


    Si ma @Tarty non sta dicendo che non sono logici i sentimenti delle varie fazioni, ma che non lo è dare la precedenza ad una personale guerra di onore e gloria quando la fuori c'è ancora qualcuno (Azshara, N'zoth, ed altri personaggi che tutti i leader sanno dell'esistenza e del loro potere) che se lasciati fare le loro cose porterebbero ad un problema ancora più grande che molto probabilmente non ti darà neanche la possibilità di sistemare le sopracitate vicissitudini tra le fazioni perchè semplicemente, questi personaggi non sono stati intralciati quando era una cosa che andava fatta e niente, troppo tardi, loro sono troppo forti, tu fai kaput.
    0
  • Nefarian11 05 novembre 2017, 00:24 Nefarian11
    Messaggi: 2

    Iscritto il: 04 novembre 2017, 01:01
    #14
    @Greymane

    Concordo con te, il problema è che la Legione non ha una "cultura" propria. Tutto gira attorno a Sargeras, e per quanto possa piacere come villain, ha causato l'omogenizzazione di ogni razza che fa parte della Legione fino a farli diventare praticamente la stessa cosa, eccetto l'aspetto e qualche concetto base della loro razza. I Forsaken soffrono dello stesso problema. 0 identità al di fuori di Sylvanas. Oltre ad essere noioso (secondo me) non si addice ad una compagnia come la Blizzard e i suoi standard.

    Fortunatamente la Novel sembra portare un'identità dei Forsaken tutta loro con il Desolate Council, e come dici te, è ovviamente impossibile che abbiamo sterminato ogni demone su Argus. spero che con la caduta di Sargeras le razze della legione ritrovino una loro identità e che andremo ad esplorare cosa comporta il vuoto di potere lasciato da Sargeras nella Legione. Spero anche di vedere la nascità di varie fazioni di demoni andare per i fatti loro, anche perchè dubito fortemente che metteranno mai dei demoni come razze giocabili.

    Riguardo alle minaccie comuni. Per quanto forte sia Azshara non la vedo come una minaccia che richiede la cooperazione di entrambe le fazioni. Abbiamo sconfitto villains molto piu forti che lei semplicemente ignorandoci a vicenda (C'thun, Yogg'Saron) o con una fazione neutrale che ci tiene buoni (Argent Crusade vs Lich King) con praticamente 0 o comunque poca cooperazione. N'zoth è descritto come il piu scarso degli Old Gods e la sua prima "invasione" con Deathwing (che era supportato da tutti gli altri old gods) ha fallito. Non so quanto sia forte da solo, al massimo puo corrompere qualche leader, ma anche li quello che puo fare è abbastanza limitato. Poi ovviamente la Blizzard puo far diventare anche Hogger il personaggio piu forte di WoW, quindi anche Azshara e N'zoth potrebbero ricevere un bel power-up :P
    1
  • Greymane 05 novembre 2017, 01:48 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 6990

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #15
    Spero anche di vedere la nascità di varie fazioni di demoni andare per i fatti loro, anche perchè dubito fortemente che metteranno mai dei demoni come razze giocabili.


    @Nefarian11

    Dipende dai demoni imho, demoni nati come tali non penso neanche io li metteranno mai, Felguard, Shivarra e via dicendo la vedo dura. Ma i Man'ari (ovvero una razza corrotta) non li vedrei male, onestamente.
    Comunque quelle che vediamo non sono tutte le originali forme dei Demoni, alcuni demoni hanno semplicemente una forma "contorta" di quella che era inizialmente (come i Man'ari, per l'appunto), solo che in realtà non sappiamo effettivamente quali siano.
    E se con la sconfitta di Sargeras i demoni tornino al loro stato iniziale? Del resto è lui che li ha infusi col Fel...anche se ammetto che forse è un po un'esagerazione, visto che Sargeras comunque non muore, non penso la sua prigionia possa "neutralizzare" il potenziamento dato dal Fel (anzi, onestamente non so neanche se sia una cosa possibile da fare senza l'aiuto di un Naaru).

    Nefarian11 ha scritto:Per quanto forte sia Azshara non la vedo come una minaccia che richiede la cooperazione di entrambe le fazioni. Abbiamo sconfitto villains molto piu forti che lei semplicemente ignorandoci a vicenda (C'thun, Yogg'Saron) o con una fazione neutrale che ci tiene buoni (Argent Crusade vs Lich King) con praticamente 0 o comunque poca cooperazione. N'zoth è descritto come il piu scarso degli Old Gods e la sua prima "invasione" con Deathwing (che era supportato da tutti gli altri old gods) ha fallito. Non so quanto sia forte da solo, al massimo puo corrompere qualche leader, ma anche li quello che puo fare è abbastanza limitato. Poi ovviamente la Blizzard puo far diventare anche Hogger il personaggio piu forte di WoW, quindi anche Azshara e N'zoth potrebbero ricevere un bel power-up :P


    Il punto è proprio questo, la Blizzard potrebbe benissimo decidere che in tutto questo tempo si sono potenziati talmente tanto che ora (o nel futuro) necessitano di cooperazione per essere sconfitti.
    Il fatto è che non possiamo neanche dire "no, non è possibile perchè lore di qua e lore di la", dal momento che nessuno sa cosa effettivamente abbiano fatto per tutto questo tempo oltre alle cose per cui sono conosciuti (N'zoth per corruzioni varie e Azshara per le solite invasioni Naga ecc ecc), oltre a questo potrebbero perfino aver fatto qualsiasi altra cosa per divenire più potenti, cose che nessuno sa. Alla fine il futuro è tutto da scrivere e possiamo solo speculare.
    0
  • TartyMost Valuable Poster 05 novembre 2017, 02:47 Tarty
    BattleTag: Tatyanna#2538
    Messaggi: 4599

    Shaman Draenei - Runetotem
    Troll dell'Alleanza nonchè regina di cazzate
    #16
    Nefarian11 ha scritto:A James il contadino che ha perso il figlio
    e il proprio re quando Sylvanas ha "tradito" l'Alleanza alla Broken Shore, non vuole pace. Vuole sangue. è facile per noi dire che non è logico visto che ovviamente non lo stiamo vivendo, ma se vi mettete nei panni di qualsiasi persona in una situazione del genere. ci sono tutte le spiegazioni logiche per riaccendere la guerra.


    @Nefarian11 James il contadino un giorno ha alzato gli occhi al cielo e ha visto una spada gigantesca arrivare da un altro pianeta e colpire la sua terra...

    Credo che di fronte alla tua terra danneggiata in modo così apocalittico e potenzialmente morente, vendicarsi sia l'ultimo dei suoi problemi...

    In pratica la tua idea di una vendetta covata nel tempo, in realtà dalle premesse non sembra poi tale... nella migliore delle ipotesi è istigata dalla follia degli old gods, nella peggiore è solo una questione di rintuzzare le casse vuote..

    Ad esempio tutta sta cosa dello scaling del mondo sarebbe stata interessante se fosse stata applicata in ottica di un black empire risorto... dove noi giocatori tocca liberare azeroth zona per zona... un po' più interessante rispetto allo sfruttare ora solo per livellare l'ennesimo alt da livello 20. Mi sembra un grande lavoro fatto per il motivo sbagliato..
    0
  • SERAPHIMON 05 novembre 2017, 16:48 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 1817

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #17
    Greymane ha scritto:Il capitolo l'hanno ottenuto quelli che hanno preso la Goody-bag fisicamente al Blizzcon se non erro

    @Greymane

    questo lo avevo capito, speravo che ci fosse anche un'altro modo per coloro che non possono o vogliono comprare quei gadget
    0
  • Commenta la notizia