La ricerca scientifica su WoW
  • Prometeo0904 27 ottobre 2017, 11:38 Prometeo0904
    Messaggi: 9

    Iscritto il: 27 ottobre 2017, 10:37
    #1
    Salve ragazzi, sono un WoWers e anche uno psicologo/ricercatore.
    Negli ultimi anni ho concentrato le mie energie sul fare ricerca all'interno del mondo di WoW, trovando studi e informazioni interessanti.
    Al momento sto conducendo una ricerca, a cui stanno già partecipando circa 300 giocatori, che riguarda il modo in cui giochiamo WoW e le emozioni che proviamo. Il reclutamento è aperto, basta compilare il questionario https://cati.iffweb.com/nv_rev2/token.p ... ofwarcraft :) Spargete la voce in gilda, e passatelo ad altri amici giocatori.

    Se voi doveste fare una ricerca su WoW, su cosa la fareste? Quali sarebbero gli argomenti più interessanti?

    Intanto, se volete approfondire le mie investigazioni, date un'occhiata alla pagina "the Way you Game" su Facebook.
    Grazie a tutti e buon game.
    0
  • RT13 27 ottobre 2017, 16:46 RT13
    Messaggi: 83

    Iscritto il: 07 aprile 2010, 09:34
    #2
    Una ricerca che secondo me potrebbe funzionare bene usando la playerbase di WOW è qualcosa legato ai movimenti populisti/nazionalisti che in questi ultimi 2 lustri stanno tornando di moda.

    La popolazione di WOW varia molto: dal giocatore che è avulso dalla politica ma è attratto nel fare gruppo con persone che hanno un forte carisma e che trova il razzismo (di qualsiasi genere) non la causa, ma la conseguenza dei fatti che stanno accadendo, al giocatore magari maturo (come età) che è più aperto e tollerante, e che rivede in questa epoca, dei rigurgiti di quanto successo negli anni trenta del secolo scorso.

    Sarebbe bello capire come il personaggio, la propria storia su WOW e le amicizie (gilda ed extra) possono influenzare o ancora meglio essere influenzate dal pensiero che si ha nella vita fuori dal mondo di gioco.

    Dico questo perchè ho notato che in WOW ritrovavo modi di fare di alcuni player, che usavano una determinata razza e/o classe, simili al loro modo di pensare o essere anche nella vita reale. Ma la cosa che mi lasciava basito è che non era una regola, anzi, poi trovavo l'eccezione, dove il personaggio era diametralmente opposto al pensiero che poteva avere nella vita di tutti i giorni: "Guerrieri Xenofobi" stile BE, che al di fuori di Warcraft erano volontari quotidiani presso centri di assistenza.
    2
  • Prometeo0904 30 ottobre 2017, 12:14 Prometeo0904
    Messaggi: 9

    Iscritto il: 27 ottobre 2017, 10:37
    #3
    Si concordo, sarebbe una ricerca molto interessante!
    Di fatto WoW è un universo complesso, popolato da individui molto diversi fra loro in quanto a personalità, idee politiche e scelte di vita.

    E' certo che tutto questo abbia una influenza sulle scelte di gioco e sul modo in cui scegliamo di stare nei gruppi, con i loro diversi climi e leadership. Per fare un esempio, sembra che i giocatori più estroversi tendano a cambiare gilde più spesso.

    Per quanto riguarda il contrario, l'influenza del personaggio sul nostro modo di vedere il mondo esterno, vi sono delle ricerche molto interessanti svolte da Nick Yee su quello che lui chiama "Effetto Proteus" (http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1 ... 299.x/full - https://en.wikipedia.org/wiki/Proteus_effect), con riferimento soprattutto alle caratteristiche visibili dell'avatar :)

    Per il resto, alcuni studi hanno trovato buoni elementi per pensare che in generale il nostro modo di fare nel mondo "corporeo" si esprime in modo coerente nel mondo virtuale... insomma in-game saremmo simili a come siamo fuori.
    Tuttavia sembra che questo sia vero tanto più il giocatore stia bene emotivamente.

    Infatti nel caso ci sia una sofferenza di fondo, è possibile che nelle scelte di gioco si esprimano aspetti dell'individuo che normalmente il giocatore non riesce ad esprimere nel mondo esterno.

    Quando dico "corporeo", non è a caso. Il mondo virtuale è un po' il mondo dell'immaginazione senza corpo, in cui apparentemente ci sono regole diverse che nel mondo in cui invece il corpo c'è. Ciò vale anche per situazioni come FB, in cui vengono fuori pregiudizi, discriminazioni e quant'altro, perché pur essendo in un dominio pubblico, abbiamo la dis-percezione di essere da soli nella nostra intimità, proprio perché è fisicamente lontani.
    0
  • Rekse 30 ottobre 2017, 14:33 Rekse
    Messaggi: 3817

    Cyberbullo mostroita
    #4
    Tbh, non mi ci vedo molto come elfa O_o 0
  • Prometeo0904 30 ottobre 2017, 15:41 Prometeo0904
    Messaggi: 9

    Iscritto il: 27 ottobre 2017, 10:37
    #5
    Ahah beh se hai scelto un elfa, un motivo ci sarà! Cosa ti piace degli elfi?

    Comunque, quando parlo di similarità tra aspetti in-game/out-game, mi riferisco più che altro a comportamenti di gioco. Ad esempio, per dirtene alcuni, i giocatori più amichevoli si coinvolgono maggiormente in occupazioni legate alla cura, mentre i più coscienziosi e precisi in attività legate al lavoro e al collezionismo (come nel mondo reale). Mentre chi è meno coscienzioso e attento, tende a cadere più spesso da posti alti rofl

    Dedurre qualcosa da razze e classi, è un po' più complicato perché contengono molti aspetti simbolici legati al mito. Questo rende un po' complicato fare ricerca... ma è comunque possibile riflettere su qualcosa.

    Per esempio, mi viene in mente che gli elfi sono una razza magica, intrinsecamente legata alle forze naturali che ci sono attorno a loro. Insomma, rappresentano un po' aspetti più immaginativi ed emotivi, meno razionali. Sono anche riservati, acuti, un po' introversi ed eclettici. Li immagino come esseri delicati ed aggraziati, con un corpo sinuoso e flessibile, ma rigorosi se serve. Anche un po' permalosi! rofl
    Ho buttato lì qualche idea, ma magari tra queste caratteristiche ce n'è qualcuna da cui ti senti rappresentata :)
    0
  • Medivh 01 novembre 2017, 10:25 Medivh
    BattleTag: Medivh#2166
    Messaggi: 2081

    Iscritto il: 14 agosto 2010, 17:54
    #6
    I BE sono gay 0
  • Kònàn 02 novembre 2017, 19:04 Kònàn
    BattleTag: Konan#2249
    Messaggi: 494

    Nitimur in vetitum semper, cupimusque negata.
    #7
    Medivh ha scritto:I BE sono gay


    Non so, io gioco un'elfa del sangue perché se devo guardare un culo tutta la mia sessione di gioco, tanto vale che sia del tipo che garba a me.
    2
  • Prometeo0904 05 novembre 2017, 16:42 Prometeo0904
    Messaggi: 9

    Iscritto il: 27 ottobre 2017, 10:37
    #8
    se devo guardare un culo tutta la mia sessione di gioco, tanto vale che sia del tipo che garba a me.


    Come darti torto rofl
    Tra l'altro saresti accompagnato da una bella fetta di maschietti. Praticamente se 1 avatar femminile su 2 è giocato da un uomo, solo un avatar maschile su 100 è giocato da una donna (http://www.nickyee.com/daedalus/archives/001369.php). E' una sproporzione notevole ;)
    0
  • Elmarco 05 novembre 2017, 17:56 Elmarco
    BattleTag: Elmarco#2695
    Messaggi: 2030

    Iscritto il: 04 maggio 2011, 12:07
    #9
    Credo d'averlo fatto. Nonostante non stia più giocando da più di un anno non è stato difficile ricordarmi su per giù il rapporto che avevo col gioco.

    Bell'analisi nei commenti, mi hanno sempre incuriosito ste cose! Io notavo che,quando giocavo lo gnomo warr,mi usciva il lato bimbesco del mio carattere,mentre con gli altri tendevo ad esser più normale rofl
    0
  • Prometeo0904 08 novembre 2017, 12:36 Prometeo0904
    Messaggi: 9

    Iscritto il: 27 ottobre 2017, 10:37
    #10
    Se sei arrivato alla schermata in cui ti ringraziamo, allora lo hai finito! :D Comunque in un anno sei sempre più o meno dentro Legion, quindi non dovrebbero esserci problemi. Grande, per la collaborazione ;)

    Comunque, grazie. Anche a me è sempre piaciuto, per questo ogni tanto mi metto a rifletterci essendo anche del mestiere. Ovviamente sono personalissime opinioni!
    Effettivamente, uno gnomo con un paio d'asce in mano ricorda un po' un bambino dispettoso/incazzato rofl rofl

    Confermi anche l' "l'effetto proteus", ovvero l'influenza che l'avatar ha sul nostro modo di comportarci. Di fatto in base all'avatar che giocavi, ti comportavi in modo diverso :)
    1
  • IntoJH 08 novembre 2017, 20:08 IntoJH
    Messaggi: 148

    Chi gioca Ally puzza. :v
    #11
    Praticamente se 1 avatar femminile su 2 è giocato da un uomo, solo un avatar maschile su 100 è giocato da una donna (http://www.nickyee.com/daedalus/archives/001369.php). E' una sproporzione notevole ;)

    Io sono una ragazza e i miei 11 personaggi sono tutti maschi (troll, orchi e tauren per essere precisi), quindi se vuoi psicoanalizzarmi per capire che razza di problemi ho sei il benvenuto! rofl
    3
  • Prometeo0904 09 novembre 2017, 20:30 Prometeo0904
    Messaggi: 9

    Iscritto il: 27 ottobre 2017, 10:37
    #12
    Ahah ma allora sei un'anticonformista seriale! rofl

    Beh direi che è una buon esempio di come i dati non siano fatti.

    Comunque, Kònàn ha dato una spiegazione convincente del perché gioca un personaggio dell'altro sesso. Anche tu sei dello stesso partito?? rofl
    0
  • Eutidemus 10 novembre 2017, 09:06 Eutidemus
    BattleTag: Handìnael#2561
    Messaggi: 27

    Pala Holy - Pirates Of Scarlet Moon
    #13
    Prometeo0904 ha scritto:Salve ragazzi, sono un WoWers e anche uno psicologo/ricercatore.
    Negli ultimi anni ho concentrato le mie energie sul fare ricerca all'interno del mondo di WoW, trovando studi e informazioni interessanti.
    Al momento sto conducendo una ricerca, a cui stanno già partecipando circa 300 giocatori, che riguarda il modo in cui giochiamo WoW e le emozioni che proviamo. Il reclutamento è aperto, basta compilare il questionario https://cati.iffweb.com/nv_rev2/token.p ... ofwarcraft :) Spargete la voce in gilda, e passatelo ad altri amici giocatori.

    Se voi doveste fare una ricerca su WoW, su cosa la fareste? Quali sarebbero gli argomenti più interessanti?

    Intanto, se volete approfondire le mie investigazioni, date un'occhiata alla pagina "the Way you Game" su Facebook.
    Grazie a tutti e buon game.

    @Prometeo0904 Interessante iniziativa, complimenti! Ho sempre pensato e continuo a farlo anche grazie alle tante cose che leggo in questo Forum che Wow sia un territorio di lavoro interessante per psicologi e forse anche psicanalisti, per via soprattutto dell'immenso 'materiale umano' con cui si ha a che fare ogni giorno in-game e nella Community. L'espressione che ho usato (materiale umano) è molto brutta lo so e me ne scuso con tutti ma in questo momento non mi veniva di meglio in mente. Se posso permettermi un suggerimento, a meno che tu non ci abbia già pensato, io chiederei alle persone due cose: 1) Come hanno iniziato a giocare a Wow? Intendo il percorso emotivo/personale che li ha portati a 'rifugiarsi' in una zona di comfort come un MMORPG può diventare nel tempo. 2) In che modo Wow ha o ha avuto un impatto sul loro stile di vita? Io personalmente non ho mai permesso al gioco di intaccare neanche di una virgola i miei orari e le mie priorità, ma forse devo anche ringraziare il fatto di aver cominciato a giocare in età adulta (over 30) e questo mi ha sicuramente facilitato le cose. O almeno mi illudo che sia così.
    Ho sempre pensato e continuo a farlo che al di là della passione per il Fantasy ci sia molto di più, tante persone in cui mi sono imbattuto nel tempo grazie a Wow avevano trovato uno scopo nella loro vita che gli permetteva tra le altre cose di coltivare un'autostima a certi livelli, cosa che nella RL evidentemente non riuscivano più a intravedere. È come se avessero smesso di cercare quello di cui hanno bisogno nel loro ambiente quotidiano e avessero volto lo sguardo altrove, tipo appunto un luogo virtuale come Wow. Mi fermo qui anche perché non voglio fare il maestro di vita per nessuno.
    Ma forse la domanda più importante di tutti, che per quanto mi riguarda non ha ancora trovato risposta e forse non la troverà mai è: perché Wow è pieno di veneti? Lo dico con affetto eh, sono persone simpatiche e alcolizzate al punto di giusto da risultare quasi sempre gradevoli.
    Fammi sapere che ne pensi, ciao.
    0
  • Prometeo0904 11 novembre 2017, 13:35 Prometeo0904
    Messaggi: 9

    Iscritto il: 27 ottobre 2017, 10:37
    #14
    @Eutidemus, ti ringrazio, mi fa piacere che ci sia chi la pensa così :) Inutile dire che sono d'accordo con te. Al resto, rispondo con ordine:

    1) Le tue stesse parole indicano che c'è tanto "materiale umano" su WoW. E no, a me non fa pensare alle persone come "cose" o oggetti, ma come risorse per gli altri. Che è un buon modo di pensarla.

    2) Il primo studio a cui lavoreremo tramite i dati ricavati da questo questionario, riguarda proprio un aspetto specifico del tuo punto n.1.

    3) Fare in modo che siamo noi a giocare il gioco, e non il gioco a giocare noi, è fondamentale.
    lo stesso vale per il tempo: Non il tempo a gestire noi, ma noi a gestire il tempo.

    Attenzione: Parlare di "il gioco a gestire noi" è un modo figurato per dire che siamo noi a dare il potere al gioco di gestirci, sulla base di nostri bisogni profondi.
    E' importante chiarire questo, per non cadere nel tranello di pensare che alcuni videogiochi, per il modo in cui sono fatti, tendono ad avere chissà quale potere inglobante sull'individuo. Questo è un pensiero che nasce dal paradigma delle dipendenze da sostanze o del gioco d'azzardo patologico, che ben poco si addice all'utilizzo di un videogame. E rischia di patologizzare comportamenti di uso comune, oltre che dare un ruolo passivo all'individuo. L'affermazione generica "i videogiochi sono un problema" non può essere vera a nessun livello.

    E' la persona ad avere il potere, ed eventualmente a concludere, inconsapevolmente, che un determinato strumento gli è indispensabile. Prima c'è il bisogno, e poi arriva lo strumento per soddisfarlo. In alcuni casi, la soluzione videogioco, può diventare un problema. Ma non ci si deve dimenticare (e mi pare di concordare con le tue parole) che non solo è stata soluzione, ma perlopiù una buona soluzione.

    Ribadisco, in alcuni casi. E lo faccio perché lo stigma che da molto tempo aleggia sul gaming, porta spesso a trasformare questi "alcuni casi" in "tutti i videogiochi e i videogiocatori appassionati". C'è una differenza molto chiara fra un alto coinvolgimento o passione, e un coinvolgimento problematico. Questo non significa che le problematiche legate all'utilizzo dei videogame non esistano.

    4) Io sono siciliano, ma ho alcuni amici veneti. Secondo me il problema, è la nebbia rofl comunque appena posso ti dico quanta gente della zona veneta c'è nel campione che ho sotto mano, così vediamo se hai ragione :D

    5) Permettiti dare tutti i suggerimenti che vuoi, siamo qua anche per questo!

    Comunque, secondo me può interessarti leggere "La realtà in gioco" di Jane McGonigal. E' una programmatrice, molto brava :)
    0
  • IntoJH 11 novembre 2017, 15:09 IntoJH
    Messaggi: 148

    Chi gioca Ally puzza. :v
    #15
    Prometeo0904 ha scritto:Ahah ma allora sei un'anticonformista seriale! rofl

    Beh direi che è una buon esempio di come i dati non siano fatti.

    Comunque, Kònàn ha dato una spiegazione convincente del perché gioca un personaggio dell'altro sesso. Anche tu sei dello stesso partito?? rofl

    @Prometeo0904 Beh, in effetti la codina scodinzolante del mio tauren è davvero un bel vedere! Ahaha

    Comunque, questa exp ho rerollato tauren shaman, ma prima di allora sono sempre stata troll, druido prete e rogue. Il tauren maschio sembra più comprensibile come opzione e diciamo che non ha mai creato particolare stupore, ma quando mainavo troll la gente sembrava sempre shockata da questa cosa! Ogni volta che entravo in Ts e gli altri capivano che ero a tutti gli effetti una ragazza, era sempre un piovere di domande del tipo "Ma i troll sono orrendi! Perché l'hai scelto?!" o "Ma sei pazza?"

    Quindi chissà, magari si potrebbero capire cose interessanti da tutte queste vicende che mi sono capitate!
    0
  • Kònàn 11 novembre 2017, 19:39 Kònàn
    BattleTag: Konan#2249
    Messaggi: 494

    Nitimur in vetitum semper, cupimusque negata.
    #16
    IntoJH ha scritto:"Ma i troll sono orrendi! Perché l'hai scelto?!"


    "Pecchè song'e Napule!!!"
    0
  • Prometeo0904 13 novembre 2017, 17:22 Prometeo0904
    Messaggi: 9

    Iscritto il: 27 ottobre 2017, 10:37
    #17
    @IntoJH Suvvia, peggio dei troll sono i goblin rofl tra l'altro li scelgono pochissime persone.

    Comunque, perché il tauren sarebbe una scelta più comprensibile?
    0
  • IntoJH 14 novembre 2017, 16:22 IntoJH
    Messaggi: 148

    Chi gioca Ally puzza. :v
    #18
    Prometeo0904 ha scritto:IntoJH Suvvia, peggio dei troll sono i goblin rofl tra l'altro li scelgono pochissime persone.

    Comunque, perché il tauren sarebbe una scelta più comprensibile?

    @Prometeo0904 Non saprei spiegartelo, ma il tauren maschio ha sempre generato molto meno stupore. Ogni tanto c'era qualcuno che mi faceva notare la sopresa, ma niente di eclatante! Mentre invece col troll maschio la reazione di stupore era SEMPRE assicurata, non mi è capitata una volta in cui non mi sia stato fatto notare da qualcuno quanto fosse ''inusuale'' la cosa!
    0
  • Prometeo0904 15 novembre 2017, 10:10 Prometeo0904
    Messaggi: 9

    Iscritto il: 27 ottobre 2017, 10:37
    #19
    @IntoJH Buongiorno, riflettevo su questo tauren maschio, che mi incuriosisce. Secondo me la relazione fra Tauren e minore stupore, potrebbe essere spiegata attraverso l'ideale di "bellezza". Vediamo se mi riesco a spiegare:

    I Tauren sono sostanzialmente tori su due zampe. Sia avatar maschili che femminili, sono abbastanza "virili" (grossi, spalle larghe, corna etc.). La virilità è associata alla bellezza. Maschile, ma pur sempre bellezza. In genere, sulla base degli "stereotipi" culturali, tendiamo ad associare la donna alla bellezza, a prescindere dal sesso.
    Quindi se una donna sceglie un Tauren maschio, non ci si sorprende perché è comunque "bello".

    Una seconda spiegazione, nella stessa direzione ma in modo più lineare, è che si pensa che una donna possa essere più attratta da un Tauren maschio, proprio perché è più virile.

    I Troll invece, sempre a livello stereotipico e non soggettivo, non incarnano particolari modelli di bellezza o attrazione xD ed essendo gli uomini meno associati stereotipicamente alla bellezza (quanto piuttosto alla forza, alla rudezza etc), ci si sorprende meno se un troll è giocato da un uomo.

    O sulla stessa linea della seconda spiegazione, essendo i troll meno "belli" in base alla nostra cultura, ci si sorprende che una donna possa esserne attratta.
    Molto dipende se uno sceglie l'avatar in modo simile a come è lui/lei, oppure tende a giocarlo come un "completamento" di sé.

    Non mi convincono troppo queste spiegazioni, comunque. Gli altri che ne pensano? :D
    0
  • IntoJH 16 novembre 2017, 17:53 IntoJH
    Messaggi: 148

    Chi gioca Ally puzza. :v
    #20
    @Prometeo0904 In realtà io mi trovo perfettamente d'accordo col tuo ragionamento! Il tauren viene percepito, nella stragrande maggioranza dei casi, come personaggio ''cazzuto'', e anche chi non ama la razza nella maggior parte dei casi ne riconoscerà la fierezza e una serie di qualità positive, assimilabili alla bellezza (in senso lato, in questo caso, stiamo comunque parlando di mucconi nerboruti xD). Il troll invece è universalmente riconosciuto come brutto, eccezion fatta magari per quei quattro gatti (compresa la sottoscritta) che li apprezzano, tante volte anche per motivi non direttamente legati alla loro estetica. A me personalmente piace moltissimo la loro lore e il loro retaggio oscuro e misterioso, amo questo forte senso di nostalgia della razza per i giorni in cui dominava il mondo, li trovo molto peculiari! E per quanto io stessa ammetta che a livello di aspetto lascino molto a desiderare, li trovo minacciosi e tribali, qualità che per mio gusto personale trovo molto apprezzabili!
    Molto dipende se uno sceglie l'avatar in modo simile a come è lui/lei, oppure tende a giocarlo come un "completamento" di sé.

    E magari è pur vero che io appartengo alla seconda categoria :P Piuttosto magari che creare una ''trasposizione di me'' in game, preferisco qualcosa che richiami la mia attenzione per altri motivi!
    0