Broken Islands, il nuovo continente. Che roba è?
12  
  • Reyfalkenayn 09 agosto 2015, 00:03 Reyfalkenayn
    BattleTag: QueHegan#2642
    Messaggi: 32

    Iscritto il: 17 giugno 2014, 03:09
    #1
    Salve a tutti!

    So che non sono un membro della sezione Storia e Lore (anche se mi piacerebbe molto ogni tanto dare il mio contributo), né un membro molto noto del forum, se non per i miei sporadici ma lunghi post. Mi sento di scrivere questo post le cui informazioni potranno essere usate tranquillamente dalla redazione qualora volessero farne una sintesi da mettere al posto giusto, non me ne offenderei, anzi. Oppure questo post andrà cancellato per l'infrazione di qualche regola che non conosco. Nel caso: pazienza.

    Il nuovo continente, Le Broken Islands, meglio note come "Isole Disperse", Wow, da dove escono? Sono sempre esistite? O sono un effetto allucinogeno dato da troppa emanazione di Sogno di Smeraldo? Nella Discussione "Warcraft Legion", molti hanno manifestato il proprio risentimento verso coloro che si sono già detti pessimisti riguardo alla nuova exp (per contenuti lore, ovviamente, non questione tecniche), adducendo la ragionevole argomentazione del: alla fine non sappiamo ancora molto di questa espansione per giudicarla, aspettiamo e vediamo.

    Mi piacerebbe condividere il vostro ottimismo. Ma esso non è insostenibile solo per motivi di carattere irrazionale. La verità è che già in quel poco di annunciato dalla Blizzard c'è già un gigantesco, enorme, errore (scusatemi il parolone) epistemico, e questo perché la stessa base materiale dove questa exp dovrà svolgersi (le Broken Islands per l'appunto) è stata già trasformata, adulterata e completamente ri-concettualizzata (abitudine che la Blizzard non riesce a togliersi).

    Partiamo da ciò che sappiamo e poi inoltriamoci nel magico mondo del...retcon, universo parallelo che la Blizzard non incontrerà mai, dato che i retcon e la Blizzard sono due rette parallele, e a meno che non si voglia creare una nuova exp in cui si modificheranno anche le leggi della geometria euclidea (visto che finora si sono ampiamente rimodellate quelle della "logica del probabile"), sono destinate a non incontrarsi mai.


    Secondo il Signor Hazzikostas Le Broken Islands:

    A) Sono Isole.

    B) Sono isole dimenticate in mezzo al mare non lontano dal Maelstrom.

    C) Sono abitate da una miriade di esseri viventi, guardiani terrigeni, vrykul, creature dei boschi, fra cui anche degli elfi sopravvissuti al Grande Inabissamento e alla Guerra degli Antichi che chiaramente ora sono fedeli alla Legione.

    D) Sono piene dei resti della civiltà elfica delle origini, in ottimo stato di conservazione (Suramar, Azsuna ecc.).

    E) Sono il luogo dove si staglia la Tomba di Sargeras, che si è trasformato in un gigantesco portale demoniaco.

    F) Sono Isole la cui ubicazione, (cito dai punti sintetici dell'intervista riportata qui su Battlecraft), "sarà svelata in futuro".

    E da questi principali punti io inizierei a contattare aziende edili per concedere l'appalto di demolizione di ogni singola parola.

    a) Le Broken Islands, per quanto mi renda conto che il nome possa essere inevitabilmente ingannevole, non sono delle isole. O meglio, fino a Warcraft II e III lo erano, ma portare sotto la denominazione di "Isole" un gigantesco continente compatto con giusto qualche altra grande isola nei dintorni (Per il momento ammontati a una), sarebbe come chiamare arcipelago la somma di Australia e Nuova Zelanda. Quindi sì: le Broken Islands sono delle Isole, storicamente è vero, ma quello che la Blizzard ha realizzato è un continente insulare, non un arcipelago di piccole isole (come storicamente erano).

    b) Sono isole dimenticate? Non lontano dal Maelstrom? Direi che questo forse è l'unica affermazione con la quale si possa concordare.

    c e d) Le Broken Islands non sono affatto delle isole abitate da miriade di esseri viventi, né sono dei luoghi esotici piene di palazzi lussureggianti abbandonate alle intemperie della natura. Le Broken Islands non sono altro che il frutto di un incantesimo estremamente potente performato da Gul'Dan nella Seconda Guerra quando riesce e far riemergere alcune parti delle rovine della città elfica inabissata di Suramar per avere accesso alla Tomba di Sargeras. Quello che si staglia davanti agli orchi del Clan della Tempesta e del Martello del Crepuscolo, dopo che Gul'Dan termina l'incantesimo, è una distesa di palazzi distrussi, pieni di muschi marini, stinti, che sanno di pesce e interamente ricoperte di alghe e vegetazione che incontrollatamente ha ingoiato qualsiasi cosa. I palazzi sono tutti distrutti, la biblioteca di Izal-Shurah completamente irrecuperabile, nessun elfo per miglia e miglia. Si dà il caso che tutti gli elfi, al termine della Guerra degli Antichi, facciano tre fini distinte e inequivocabili: diventano elfi della notte; vanno in esilio con Dath'Remar a fondare Quel'Thalas, vengono esiliati dagli abissi e con ogni probabilità trasformati dall'antico dio N'Zoth in creature serpentiformi e anfibie meglio note al pubblico come "Naga". Dal momento che Gul'Dan riportà in superficie isole sommerse, la possibilità di trovarci esseri che respirino con i polmoni è assai improbabile.

    Come facciamo a sapere queste belle cosine? Perché, oltre alle svariate testimonianze degli orchi: Gul'Dan, Cho'Gall, il Cavaliere della Morte Ragnok, Il Capo del Clan Signori del Tuono Fenris, Il Capo del Clan Masticatori d'Ossa (Bonechewer) Tagar Spezzaossa, abbiamo anche due supertestimoni al banco di questa inchiesta: Maiev la Guardiana e la sua luogotenente, Naisha.

    Le due intrepide, inseguirono Illidan fino alla Isole Disperse in Warcraft III Frozen Throne, per rimetterlo in gabbia e impedire le sue macchinazioni. Nell'inseguirlo via mare, scortato dai suoi infidi serpenti, le elfe della notte si sorprendono di trovare delle isole in mezzo all'oceano, infatti Naisha, appena pochi istanti dopo lo sbarco dirà a Maiev che le isole non compaiono sulle sue carte geografiche (il che è comprensibile visto che dall'inabissamento gli elfi della notte non avevano avuto alcun motivo per veleggiare verso oriente). Maiev, poco dopo, inizia ad accarezzare l'idea che le isole siano state fatte riemergere dal mare, poiché lei, anziana di 10.000 mila anni fa una scoperta sensazionale: riconosce l'arcata di entrata alla Città di Suramar, le cui rovine stanno calpestando in quel preciso momento. Maiev e Naisha rimangono attonite. Addentrandosi, troveranno anche i resti della biblioteca dei Quel'Dorei di Izal-Shurah, i cui tomi sono sparpagliati ovunque, illeggibili, bagnati fradici. Non solo.
    Maiev riconoscerà anche i tronchi marci e spezzati di due meraviglie: i Pioppi Gemelli di Azshara.
    Cito: "Qui una volta sorgevano i pioppi di Azshara, la loro vista infondeva pace e tranquillità...ora sono spariti" - Maiev Shadowsong.

    Maiev e Naisha incontrano un altro supertestimone: l'orco Dark'Thul, un improbabile sopravvissuto alla spedizione di Gul'Dan che vive da eremita tormentato dalle gesta del suo clan, i cui spiriti lo tormentano ogni giorno. Egli racconterà alla Guardiana della spedizione di Gul'Dan per aprire la Tomba di Sargeras. L'unica altra "fauna locale" che gli elfi della notte incontrano sono i Naga, i Murloc e i Makkrura.

    e) La Tomba di Sargeras, molto semplicemente, era un luogo sigillato da Aegwynne la Guardiana dove ella rinchiuse i resti dell'Avatar di Sargeras che lei sconfisse nelle piane gelate di Northrend, illudendosi di aver distrutto il Titano Oscuro una volta per tutte. Degno di nota che nella tomba finirono due oggetti di notevole importanza: lo Scettro Ingioiellato di Sargeras, che verrà poi preso da Ner'Zul in Warcraft II Beyond the Dark Portal per aprire altri portali oscuri che causeranno il collasso di Draenor, e l'Occhio di Sargeras, manufatto il cui potere Illidan cerca strenuamente per i suoi scopi e quelli del suo padrone Kil'Jaeden: distruggere il Re dei Lich provocando la rottura delle calotte polari di Northrend polverizzando il Trono Ghiacciato. La Tomba di Sargeras, prima di essere adibita allo scopo, era in realtà il Grande Tempio della Luna in rovina. Suramar era la capitale religiosa della civiltà elfica, mentre quella politica era Zin-Azshari. 'Sta storia del portale demoniaco è una gran buffonata. Se ci fosse stato, la Legione avrebbe da sempre usato quello, non si sarebbe smazzata per tutto Warcraft II e III a cercare modi alternativi di entrare in Azeroth.

    f) Questa è la cosa che fa più ridere. Le Broken Islands non sono né un mondo parallelo, né una distorsione spazio-temporale. Fanno parte della Lore canonica, con Wod non c'entrano niente. Ma dove diavolo dovrebbero trovarsi se non dove le abbiamo lasciate? Sono sempre lì, in zona Maelstrom, dove altro dovrebbero essere? O forse, più semplicemente, la Blizzard si è consapevolizzata che del Lore oramai non sanno un cavolo né loro né la maggior parte degli altri e quindi, giustamente, devono ricordare dove si trovino queste povere isole (magari anche a se stessi già che ci sono) visto che sono rimaste sempre sulla mappa offerta col manuale di Warcraft III.

    Ma naturalmente tutto quanto ho narrato non è vero. Perché le Broken Islands non si sono mai inabissate, sono sempre state così grandi, popolatissime, piene di posti esotici, Gul'Dan non le ha mai fatte riemergere perché non si sono mai inabissate, quindi anche la Guerra degli Antichi è una sporca menzogna, non crediamoci!

    Ai posteri l'ardua sentenza.
    5
  • Aralcarim 09 agosto 2015, 06:02 Aralcarim
    Messaggi: 4078

    Nihil credendum nisi prius intellectum.
    #2
    Reyfalkenayn ha scritto:Ai posteri l'ardua sentenza.

    @Reyfalkenayn
    I posteri che leggeranno questo thread han scoperto la storia delle broken isle attraverso questo testo. Gli altri accetteranno quel che gli viene dato. Due ottimi thread in una giornata (credo una sola. Ho i fusi rovinati per motivi) e non sono assolutamente contro le regole... Ci mancherebbe

    Pur accettando quel che passa il convento (i vichinghi che colonizzano le broken isle) vedo una certa incongruenza tra quel che era il lore stabilito con i giochi passati e quel che vogliono introdurre su wow. Purtroppo (?) un mmo ha esigenze diverse e fare un'isola piena di alghe con sopra giusto 4 anfibi che han fatto famiglia negli ultimi 30 anni non sarebbe stato un granché
    1
  • Greymane 09 agosto 2015, 07:58 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 5936

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #3
    Concordo con tutto però c'è una cosa da dire (che va in contrasto comunque con quello che viene detto): è vero che non è possibile trovare forme di vita con dei polmoni abbastanza sviluppati per riuscire a vivere sia sott'acqua che sulla terraferma (oltre ai naga ed i murlock), specie dopo così tanti anni, però dobbiamo dire che (per fare un esempio citato) gli elfi che troviamo sulle Broken Island sono convertiti alla Legione, questo non esclude il fatto che siano arrivati dopo il "de-abissamento" delle Broken Island, del resto, Gul'Dan è stato scaraventato su Azeroth, dallo stesso Archimonde, prima che noi stessi riuscissimo a trovare un modo per tornare a casetta, ciò significa che Gul'Dan ha avuto almeno un po di tempo per fare ciò che la Legione gli comandava 1
  • TartyMost Valuable Poster 09 agosto 2015, 17:11 Tarty
    BattleTag: Tatyanna#2538
    Messaggi: 4055

    Shaman Draenei - Runetotem
    Troll dell'Alleanza nonchè regina di cazzate
    #4
    Le isole sotto Northrend che abbiano sulla mappa del mondo nel gioco non sono le Broken Island?
    Immagine

    Poi, capisco il tuo punto di vista, ma è un po' come la questione di Lucas con Star wars, l'ha scritta lui e lui ha tutto il diritto di manipolarla/cambiarla farci quel che gli pare... e come è già stato detto, devi adattare la storia al media, cos' come per il Film hanno modificato delle cose, altrettanto è accaduto per il loro MMO.

    Cmq, oggi hanno spiegato che il portale demoniaco, che stava lì 12.000 anni fa, era stato sigillato dai Titani con i Pillars of Creation e il Tempio di Elune fu costruito sopra... lo hanno stappato per l'occasione, un po' come una buona bottiglia di champagne!

    Per altro quanti anni sono passati dal momento in cui gul'dan fece riemergere le isole e gli avvenimenti attuali?
    E' passato abbastanza tempo per immaginare che le isole si siano popolate?
    5
  • Wulgrim 09 agosto 2015, 17:16 Wulgrim
    Messaggi: 8324

    They were all dead. The final gunshot was an exclamation mark of everything that had led to this point. [Cit]
    #5
    Tarty ha scritto:Per altro quanti anni sono passati dal momento in cui gul'dan fece riemergere le isole e gli avvenimenti attuali?
    E' passato abbastanza tempo per immaginare che le isole si siano popolate?

    @Tarty Dovrebbero essere sui 30 anni, che si tolgano alghe e tutto è normale. Una ripopolazione così veloce non saprei dire, non giudico e "lascio che sia"
    0
  • ciccio44 09 agosto 2015, 18:10 ciccio44
    BattleTag: Attil#2201
    Messaggi: 2339

    “Che può esserci al di sopra di uno che è al di sopra della fortuna?”
    #6
    @Tarty Hm quelle isolette dovrebbero esser le tante che la Blizzard non ha ancora capito come utilizzare e sono nelle mappe da tempi remoti.

    Le Broken Isles a livello di lore dovrebbero trovarsi nei mari del sud (sotto il Maelstrom).

    Senza tralasciare il fatto che c'è molto "lore" proveniente dai libri RPG e quindi da prendere con le pinze, in teoria poi questa volta han la possibilità di usar le quest per spiegare tantissime cose, sperando non le mettano tutte in un romanzo a caso.
    1
  • Reyfalkenayn 09 agosto 2015, 18:37 Reyfalkenayn
    BattleTag: QueHegan#2642
    Messaggi: 32

    Iscritto il: 17 giugno 2014, 03:09
    #7
    Scusate ma no: 30 anni non sono sufficienti a nessun ripopolamento anche perché la Blizzard non ha parlato di ripopolamento, ma espressamente parlato in termini di dimenticanza: qui c'era questa roba, qui c'è sempre rimasta, ora la rivediamo. Ma non è così. Semplicemente non è così, perché ho già ampiamente spiegato che tutta quella roba che ci hanno messo non ci può a logica stare.

    A me quanto dite può anche andare bene, ma allora bisogna decidersi UNA VOLTA PER TUTTE: smettiamo di lamentarci definitivamente senza appello a nessuna cappellata che la Blizzard farà perché hanno il diritto di manipolare ciò che è stato creato da loro, o ci muoviamo in quello che può essere chiamato un fansite di "leale resistenza" a novità che non ci piacciono.

    Troppo facile dire "figo" quando la Blizzard fa qualcosa che ci va bene, e "minestra riscaldata" quando fanno qualcosa che non ci piace. Quindi a tutti coloro che riconosco alla Blizzard il diritto di fare ciò che vuole senza rispettare alcuna tradizione narrativa, scrivano il proprio nome qua sotto perché andrò a stanarli personalmente quando si lamenteranno. Oppure semplicemente fate i fan "leali" a ciò che vi piace, e "resistenti" a ciò che non vi piace, come è sacrosanto che sia: non c'è nulla di male nel denunciare qualcosa che non ti piace, visto che tutto sommato paghiamo per godere delle loro "brillanti idee".

    Naturalmente esiste la terza possibilità che consiste in: "io gioco e mi diverto, chissene frega di tutte queste seghe mentali", a coloro che la pensano così dico semplicemente che è la scelta migliore, ma si augurino che la loro filosofia di vita non si diffonda troppo, perché in tal caso dubito avranno qualcosa su cui continuare a divertirsi fregandosene altamente. Dalla segha mentale, così come la si chiama in un linguaggio vernacolare, così come da quella fatta con la vostra manina destra (o sinistra) esce il seme dell'ingegno, da non disprezzare mai.
    0
  • TartyMost Valuable Poster 09 agosto 2015, 18:43 Tarty
    BattleTag: Tatyanna#2538
    Messaggi: 4055

    Shaman Draenei - Runetotem
    Troll dell'Alleanza nonchè regina di cazzate
    #8
    @ciccio44 Ma se si sa dove dovrebbero essere perché dicono: The location of the Broken Isles will be revealed in the future. ? 1
  • Reyfalkenayn 09 agosto 2015, 18:48 Reyfalkenayn
    BattleTag: QueHegan#2642
    Messaggi: 32

    Iscritto il: 17 giugno 2014, 03:09
    #9
    Tarty ha scritto:ciccio44 Ma se si sa dove dovrebbero essere perché dicono: The location of the Broken Isles will be revealed in the future. ?

    @Tarty E' proprio quello che mi sono chiesto anch'io! Che senso ha? Io credo che lo dicano perché non hanno l'idea che i fan lo sappiano. Sono evidentemente convinti che i fan non hanno idea dell'esistenza delle Broken Islands...il che è un po' umiliante per la community.

    A meno che non ci vogliano raccontare che durante il Cataclysm le isole...be'..galleggiando si sono spostate sull'oceano!

    Perché si sa: "a loro piace cambiare!"
    0
  • MasterRedzCommunity Manager 09 agosto 2015, 19:10 MasterRedz
    BattleTag: MasterRedz#2155
    Messaggi: 4993

    "La tua anima sarà mia!"
    #10
    Lo streaming di oggi della Gamescom non è stato molto interessante, se non per una dichiarazione:

    "Circa 12.000 anni fa si aprì una ferita, uno squarcio dimensionale che venne richiuso grazie ai Pilastri della Creazione. Più tardi in quella zona sarebbe sorto il Tempio della Luna. Oggi quello squarcio è stato riaperto."
    Non hanno spiegato il motivo per cui si sarebbe riaperto, ma ho il sospetto che centri con Gul'dan e il fatto che i Pilastri sono stati spostati nei millenni. Oppure si è semplicemente riaperta dopo la data di scadenza prevista.

    Una mia piccola nota personale:
    Probabilmente le Broken Isles riemerse grazie a Gul'dan sono solo una parte della mappa che hanno presentato, più precisamente le Rive Infrante, poichè adiacenti a Suramar, e se la mappa non è sbagliata, addirittura collegate da un ponte in rovina. Essendo solo una parte di Suramar, questo sarebbe coerente. Sembra comunque che Maiev le abbia esplorate, almeno in parte, nel corso degli anni, tanto da creare una prigione di massima sicurezza per gli Illidari. E poi vabbeh, ci sarebbe il Cataclisma, ma sarebbe il solito deus ex machina.

    Che tutto sia un retcon? Possibile e anzi probabile, non sarebbe il primo nè l'ultimo.
    Personalmente ho sempre considerato il lore di Warcraft molto simile a quello dei fumetti, con continue riscritture e contraddizioni che si accumulano negli anni. Alcune ce le portiamo dietro fin dai giochi classici, partendo dalla ormai confusionaria diatriba su che cosa intendano per Inferno gli abitanti di Azeroth, che sia solo una figura oppure si rifferisca al Dark Below oppure al Twisting Nether, e di conseguenza da dove arrivino i demoni, dato che in tre giochi diversi (I, II, e III) lo usano in modi diversi. E ce ne sono diversi altri.

    Non stupisce quindi che nel corso degli anni molto cambi o venga aggiunto, specie se esistono numerosi periodi vuoti o poco esplorati. Quindi il lore di Warcraft I e II era elegante (e molto coerente)? Sì, ma anche molto limitato temporalmente e spazialmente. Metto le mani avanti, non dico che questo sia il modo di trattare il lore o che mi piaccia, è un dato di fatto.

    Io aspetto con un misto di timore e speranza, Warcraft Chronicle, che sarà il primo vero tentativo di Blizzard da anni a questa parte di riorganizzare il lore in una forma canonica.
    5
  • MasterRedzCommunity Manager 09 agosto 2015, 19:16 MasterRedz
    BattleTag: MasterRedz#2155
    Messaggi: 4993

    "La tua anima sarà mia!"
    #11
    Ultima cosa: aggiungerei che probabilmente Gul'dan è entrato in possesso delle informazioni sulle Custodi a causa della corruzione di Cordana Felsong. La Legione ha evidentemente colto l'occasione al balzo per cercare di realizzare un piano fino ad allora irrealizzabile. Cordana era completamente fuori posto quando siamo entrati su Draenor, adesso la sua presenza è completamente giustificata. 1
  • Wulgrim 09 agosto 2015, 19:21 Wulgrim
    Messaggi: 8324

    They were all dead. The final gunshot was an exclamation mark of everything that had led to this point. [Cit]
    #12
    Personalmente, e anche con un pizzico di logica, le broken island dovrebbero essere nei pressi del maelstorm

    Tarty guardare le mappe in warcraft è come leggere i fondi di caffè, basta vedere come in mop son spuntate varie isole come se nulla fosse (nonostante il ramingo cho sapesse di tutte quelle isole thunder / gigant / timeless)

    È probabile che dopo l'esplosione del pozzo dell'eternità parte delle suddette isole si siano inabissate (poi ritirate su da gul'dan quando ha fatto riemergere la tomba di sergeras) altre invece fossero rimaste fuori dall'acqua così da garantire allo stregone la posizione (dovrei andar a controllare il libro)

    Probabilmente come ha detto Master con Chronicle ci verrà detto qualcosa di più, così come temo stiano facendo dei gran pastrocchi col lore (basta vedere con le uscite di wod sul fatto che i demoni son immortali salvo morire nel nether)
    1
  • ciccio44 09 agosto 2015, 20:03 ciccio44
    BattleTag: Attil#2201
    Messaggi: 2339

    “Che può esserci al di sopra di uno che è al di sopra della fortuna?”
    #13
    Anche io ripongo grandi speranza in Chronicle (più che altro per il fatto che i libri su WC non mi sono mai piaciuti).

    @Tarty Quello è un bel mistero, ma in teoria noi grazie a Gul'dan conosciamo la zona delle isole (sud del Maelstrom), ma non mi sembra di aver mai visto una mappa con queste isole, ora che ci penso potrebbero risultare vicine alla costa degli Eastern Kingdoms, parallele all'importante Karazhan? Visto che Khadgar si lancia in mare da casa sua e raggiunge "subito" quella zona.

    Non sarebbe male avere una zona così rischiosa per il mondo non troppo lontana dalla terra ferma, adesso non ricordo il viaggio di Gul'dan e Illidan nei vecchi giochi.. oltre al fatto che un'invasione della legione così la vedo strana.. e poi cosa fanno? Si costruiscono delle navi per i Fel Reaver ecc? xD
    0
  • Greymane 09 agosto 2015, 20:31 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 5936

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #14
    Tecnicamente, le Broken Isle dovrebbero essere l'arcipelago più a nord di tutte le altre isole dei South Seas, ma sempre leggermente sotto il Maelstrom.

    @ciccio44 apprezzo l'ironia sulle porta-reaver rofl però tecnicamente SE i Mo'Arg non ci saranno (razza facente parte della Legione particolarmente abile nell'ambito dell'Ingegneria), non dovremmo vedere Fel Reaver, l'unico motivo per cui ce n'è uno dentro Hellfire Citadel è perchè durante la distruzione di Orgrimmar hanno trovato dei progetti a riguardo nel laboratorio di Blackfuse, ed i progetti hanno "viaggiato" con l'Orchetto che poi evidentemente li ha passati (volontariamente o no) agli ingegneri schieratisi con Gul'Dan e la Legione.
    0
  • Wulgrim 09 agosto 2015, 20:46 Wulgrim
    Messaggi: 8324

    They were all dead. The final gunshot was an exclamation mark of everything that had led to this point. [Cit]
    #15
    @Greymane ricorda pure che lo stesso blackfuse è stato catturato e vien malmenato ad ashran (nella parte orda) vicino i quartieri goblin 0
  • Stige 09 agosto 2015, 21:41 Stige
    Messaggi: 325

    Iscritto il: 10 novembre 2013, 14:59
    #16
    @Wulgrim io credo che quello sia un ingegnere di miccianera e non miccianera stesso, ricordo che a soo esalò il suo ultimo respiro, era proprio morto va. 0
  • Wulgrim 09 agosto 2015, 21:43 Wulgrim
    Messaggi: 8324

    They were all dead. The final gunshot was an exclamation mark of everything that had led to this point. [Cit]
    #17
    Stige ha scritto:Wulgrim io credo che quello sia un ingegnere di miccianera e non miccianera stesso, ricordo che a soo esalò il suo ultimo respiro, era proprio morto va.

    @Stige Fidati è blackfuse, mettiti vicino ai goblin e sentiti tutto il discorsetto
    0
  • Stige 09 agosto 2015, 22:49 Stige
    Messaggi: 325

    Iscritto il: 10 novembre 2013, 14:59
    #18
    Controllato, come ricordavo il modello non era quello, sono stato ad aspettare il dialogo ma zero, non è uscito nulla, o meglio lui non ha detto nulla, è come se la goblin che lo picchiava parlasse da sola, in sintesi ora ho il dubbio @Wulgrim 0
  • Wulgrim 09 agosto 2015, 22:52 Wulgrim
    Messaggi: 8324

    They were all dead. The final gunshot was an exclamation mark of everything that had led to this point. [Cit]
    #19
    Mi pare dicesse ai due tipi di estorcere i vari progetti da lui fatti, non era targhettabile? Però come detto mi pare fosse proprio lui 0
  • TartyMost Valuable Poster 09 agosto 2015, 23:09 Tarty
    BattleTag: Tatyanna#2538
    Messaggi: 4055

    Shaman Draenei - Runetotem
    Troll dell'Alleanza nonchè regina di cazzate
    #20
    @Reyfalkenayn Puoi fare resistenza ma poi ti rispondono come per Star wars, che quello dei romanzi, anche se approvati da Lucas, non è più "canon" e ci sono dei nuovi canoni.

    Non dico che tu abbia torto a lamentarti della mancanza di coerenza (del resto a me fumano ancora le balle per "Han non ha sparato per primo"), ma per molti quello che è accaduto al di fuori del gioco non esiste.

    A me ad esempio interessa di più quello che mi raccontano nel gioco e come lo fanno, tant'è che me ne ero lamentata anche durante ad un'intervista con Chilton in riferimento alla morte di Ronin che praticamente nel gioco non veniva neppure menzionata...

    Però questa storia ce la devono ancora raccontare... forse in qualche modo assumerà un senso.

    Alla Gamescom han detto:
    We are going to track down the source of this invasion at the Broken Shore and take the fight directly to Gul'dan and his demonic armies. After a glorious battle at the Tomb of Sargeras our story will begin. This will all take place before the expansion officially launches. After the Broken Shore, we wake up to a world on fire and need to save the world.

    Every single person that has played WoW is going to be surprised and shocked.

    Una teoria è che noi quella battaglia la perderemo e costerà il sacrificio di varian e trall...

    Sul fatto che non abbiano ancora deciso dove collocarla, potrebbe solo essere una questione molto meno complessa...
    ho cercato un po' di mappe e le vedo collocate in zone leggermente diverse:
    http://vignette2.wikia.nocookie.net/wow ... 0515211419
    http://i.imgur.com/naMXxlu.jpg
    http://goldenyak.com/images/fanart/roa_worldmap.png

    Un paio sono fan art, ma di base mi pare che non vi sia una posizione precisa, sono attorno al Maelstorm, ma non si sa di preciso dove... magari la loro "indecisione" è solo se posizionarle in alto a destra o sinistra.
    0
  • BulletHead 09 agosto 2015, 23:52 BulletHead
    Messaggi: 855

    BulletHead#2630
    #21
    infatti quando dicono che sveleranno la posizione in futuro credo sia riferito solamente al fatto che stanno decidendo dove posizionarle nella mappa non che appariranno più avanti nell'exp.

    P.S.
    una mia considerazione: è vero che 30 anni sono pochi per creare e proliferare delle civiltà ma essendo che in quella zona c'è chi dispone dei pillars dei titani non è probabile che tramite essi abbiano accelerato la cosa ?
    0
  • Greymane 10 agosto 2015, 03:01 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 5936

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #22
    @BulletHead possibile...considerando anche che le creature create direttamente dai titano non sono afflitte dalla Curse of Flesh (Maledizione della Carne), è anche possibile che questi Pillars (se sono infusi della magia dei Titani) abbiano garantito alle creature delle Broken Isles di sopravvivere sia fuori che sotto l'acqua (esclusi, come dicevo Naga e Murloc), mi sa che a sto giro si aggrapperanno a ciò per dare un senso al tutto. 0
  • seraknis 10 agosto 2015, 08:36 seraknis
    BattleTag: Serak#21960
    Messaggi: 1423

    Iscritto il: 12 ottobre 2011, 12:45
    #23
    Greymane ha scritto:BulletHead possibile...considerando anche che le creature create direttamente dai titano non sono afflitte dalla Curse of Flesh (Maledizione della Carne), è anche possibile che questi Pillars (se sono infusi della magia dei Titani) abbiano garantito alle creature delle Broken Isles di sopravvivere sia fuori che sotto l'acqua (esclusi, come dicevo Naga e Murloc), mi sa che a sto giro si aggrapperanno a ciò per dare un senso al tutto.

    @Greymane in realtà la spiegazione più semplice è che non stessero tutte sott'acqua ma solo le isole intorno alla Tomba di Sargeras.

    Anche se in TFT Maiev appena arriva riconosce le rovine sommerse uscite dall'acqua come Suramar.
    0
  • BulletHead 10 agosto 2015, 08:59 BulletHead
    Messaggi: 855

    BulletHead#2630
    #24
    @Greymane
    non è detto che le creature crete adesso siano esenti dalla maledizione della carne, perché il mondo di adesso è completamente infettato quindi è probabile che usare i pillar dopo l'espansione della maledizione fa in modo che la materia creata ne sia già affetta, questo dando per base che i pillar usino materie dello stesso pianeta per creare flora e fauna
    0
  • Zener 10 agosto 2015, 09:33 Zener
    Messaggi: 72

    un nano è per sempre
    #25
    un altro paio di espansioni e non ci sarà più mare su Azeroth
    ci sarà un pulman da Stormwind a Gadgetzan rofl
    5
12