• Scritto da ,
    «Tu veneri false divinità, piccolo protoss, ma la verità è qui davanti a te. Non sei mai stato padrone del tuo destino... solo una pedina del gioco cosmico degli Xel'Naga». — La Voce nell'Oscurità

    Mentre la Voce nell'Oscurità tornava libera e cominciava a pianificare la sua vendetta, gli Xel’Naga portarono avanti le loro ricerche e si concentrarono in particolare sui due pianeti Aiur e Zerus.

    Su Aiur le cose andavano bene e le forme di vita indigene erano già molto avanzate. Gli Xel’Naga, compiaciuti, decisero di intervenire per spezzare gli ultimi vincoli selvaggi. La nuova razza che nacque in quel preciso istante fu chiamata Protoss o Primogeniti. Il loro progresso, però, non era soddisfacente e per questo gli Xel’Naga decisero di accelerare il processo evolutivo. Passarono oltre un millennio a guidare le loro creature di nascosto per indirizzarle sulla strada giusta. Usarono anche i cristalli di Kassia per incrementare il rateo di riproduzione e lentamente compresero che i protoss erano stati un successo. La razza aveva raggiunto elevatissimi livelli intellettuali e introspettivi. Gli Xel’Naga, nella loro euforia e contentezza, compresero che c’era soltanto un ultimo passo da fare per completare l’evoluzione, ovvero rivelarsi e integrarsi nella loro cultura.

    Immagine

    I protoss vissero in pace per un lungo lasso di tempo grazie a questi affascinanti dei che avevano fatto la loro comparsa. Questo periodo, però, si stava avviando alla sua conclusione. Mentre gli Xel’Naga si scervellavano su come spingere i protoss a sondare e scoprire i segreti dell’universo attorno a loro, le tribù dei loro figli andavano via via allontanandosi. Inizialmente i Creatori furono colpiti e incuriositi da questo comportamento. Per questo decisero di condurre un esperimento per vedere quale effetto avessero le tribù divergenti sui cristalli Khaydarin. Spezzarono un monolite Khaydarin in due frammenti perfettamente uguali, chiamandoli Khalis e Uraj, e li donarono rispettivamente alla tribù dei Sargas e a quella degli Akilae. La forma e i poteri dei cristalli cambiarono e divergerono con le tribù stesse.

    La situazione cominciò a sfuggire di mano e nelle menti dei Creatori si insinuò il dubbio di aver spinto l’evoluzione della razza protoss troppo avanti. L’ego dei singoli cominciò a erodere e spezzare i legami psionici con gli altri individui. Molti Xel’Naga credettero che questa specie avesse perso la sua principale forza. Con la perdita del collegamento psionico, i Creatori ritennero che la purezza nella forma, che andavano cercando e che credevano di aver trovato nei protoss, fosse stata contaminata. Per questo motivo etichettarono i primogeniti come un fallimento provocato dall’ormai eccessivo livello evolutivo a cui li avevano spinti. Decisero quindi di abbandonare questa razza e di concentrarsi su altre specie, ma quando cominciarono a lasciare Aiur, i Protoss si sentirono traditi e reagirono con un violento e feroce attacco contro i loro Padri. Migliaia di Xel’Naga persero la vita e solo alcune navi riuscirono a saltare nel Vuoto prima di venire distrutte. Nella fretta di fuggire, gli Xel’Naga lasciarono i cristalli Khaydarin e alcuni dei loro vascelli.

    Immagine

    Decisero allora di concentrarsi su Zerus, puntando alla purezza dell’essenza. Lavorarono molto sugli zerg, gli esseri più insignificanti di quel pianeta, finché non modificarono i loro tratti genetici per renderli resistenti alle tempeste di fuoco e permettergli in questo modo di prosperare. Nonostante fossero estramamente piccoli, simili a vermi e incapaci di manipolare l'ambiente circostante, gli zerg si adattarono per sopravvivere. La razza insettoide sviluppò presto la capacità di scavare nelle carni di altre specie viventi e di cibarsi del loro midollo spinale, assorbendone il materiale genetico. Ogni volta che questo processo si verificava, gli zerg sceglievano se scartare il materiale genetico assorbito perché scadente o se evolvere in relazione ad esso.

    Tutte le razze ritenute non degne di essere assimilate venivano annientate e in questo modo la purezza degli Zerg veniva mantenuta. I Creatori furono inizialmente compiaciuti nel vedere i passi avanti compiuti da questa specie, ma presto si allarmarono osservando come le razze assimilate diventassero irriconoscibili dopo poche generazioni. Mutavano così velocemente che era possibile veder crescere sui corpi degli aculei affilatissimi. Gli Xel'Naga compresero che anche in questo caso l’evoluzione stava diventando troppo veloce. Ricordando il loro errore con i protoss, cercarono di arginare il problema dell’ego individuale, amalgamando la sensibilità collettiva di ogni individuo in quella che sarebbe diventata l’Unica Mente. Avrebbero creato un collegamento psionico con essa rendendola il loro tramite per tenere sotto controllo gli Zerg.

    Immagine

    Qualcosa però andò storto. Uno degli Xel’Naga rimase affascinato dalla capacità degli zerg di rubare l’essenza altrui, tanto da venirne accecato. Sapeva che non poteva fare nulla finché ogni individuo appartenente alla specie fosse rimasto indipendente dagli altri. Per questo, li legò all’Unica Mente, facendo sparire completamente l’indipendenza dei singoli. Il piano di Amon, conosciuto poi come “il Caduto” e “La Voce Oscura” — da non confondere con “La Voce nell’Oscurità” —, passò inosservato agli altri Xel’Naga che continuarono ad aspettare il momento adatto per tornare su Zerus. Passarono i millenni e i Creatori capirono di aver avuto successo con gli zerg quando quest’ultimi raggiunsero lo spazio. Decisero di controllare tramite l’Unica Mente i loro secondogeniti, ma con orrore scoprirono che quella che doveva essere il loro tramite aveva spezzato il legame psionico, diventando invisibile ai loro occhi. Amon voleva sfruttare gli zerg e l'Unica Mente per i suoi piani: distruggere la sua stessa razza. Spezzare il legame tra Xel'Naga e Unica Mente era solo il primo passo.

    I Creatori, non sapendo nulla dei loro figli insettoidi, rimasero ignari della gigantesca marea di zerg inviata da Amon verso la loro flotta principale con l’intento di sterminarli. Nonostante la loro tecnologia immensamente superiore, gli Xel’Naga non furono in grado di resistere a quell’infinità di zerg. Ondata dopo ondata fecero breccia negli scafi delle navi dei Creatori, distruggendole. Con la perdita della loro flotta, gran parte della razza degli Xel’Naga fu consumata. L’Unica Mente non si fece sfuggire questa occasione ed assimilò la conoscenza degli Xel’Naga, assorbendone migliaia. Il piano di Amon di sfruttare gli zerg contro i suoi fratelli si rivelò un successo, ma mancava un solo ed ultimo ostacolo alla formazione dell’Universo che si immaginava… i protoss.

    «Aspiranti divinità che hanno sfidato l'ordine naturale ad ogni svolta. Anche se alla fine, l'arroganza degli Xel'naga non ha portato altro che rovina... su di loro e su tutto ciò che hanno toccato».
    — La Voce nell'Oscurità sulla caduta degli Xel'Naga
    Condividi articolo
7 commenti
  • CTiranno 21 ottobre 2014, 22:45 CTiranno
    BattleTag: CTiranno#2663
    Messaggi: 203

    Sette è la misura massima di qualsiasi cosa- Dott. Culocane
    #1
    Ma quindi Amon non è mai morto o è morto e poi è risorto? Ma soprattutto come mai non ha annientato subito i protoss se era quello il suo obiettivo sin dall'inizio? Ok che gli zerg non fossero a conoscenza delle coordinate di Aiur ma Amon le avrebbe dovute conoscere, giusto?
    Comunque bellissimo articolo!
    0
  • BulletHead 22 ottobre 2014, 08:21 BulletHead
    Messaggi: 851

    BulletHead#2630
    #2
    perché credo che per Amon, l'annientare i Protoss sia un obbiettivo secondario, il suo primo obbiettivo era annientare i suoi stessi fratelli per vendetta cosa che con gli Zerg ha completato nel migliore dei modi, quindi ora il passo successivo è sterminare coloro che hanno osato ribellarsi ai loro creatori (e a Lui) ovvero i Protoss 0
  • grallenMost Valuable Poster 22 ottobre 2014, 09:42 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5723

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #3
    Gran bell'articolo complimenti ma c'è una frase un po' ambigua secondo me.

    Mentre la Voce nell'Oscurità tornava libera e cominciava a pianificare la sua vendetta, gli Xel’Naga portarono avanti le loro ricerche e si concentrarono in particolare sui due pianeti Aiur e Zerus.


    La liberazione della Voce nell'Oscurità avviene millenni dopo i fatti accaduti su Aiur e Zerus grazie (come scritto nel primo articolo) alla squadra di ricerca degli umani.

    Difatti mentre la squadra dei Protoss tenta invano di evitarne la liberazione la Voce nell'Oscurità tenta di corromperli raccontando i fatti successi millenni prima e realmente accaduti della storia dei Protoss.

    Quindi fa presupporre che anche se imprigionata tale essere fosse cosciente di quello che succedeva nell'Universo e che adesso essendo libera possa fare chissà quali danni (solo a me ricorda un Dio Antico dell'universo di World of Warcraft? :P ).

    CTiranno ha scritto:Ma quindi Amon non è mai morto o è morto e poi è risorto? Ma soprattutto come mai non ha annientato subito i protoss se era quello il suo obiettivo sin dall'inizio? Ok che gli zerg non fossero a conoscenza delle coordinate di Aiur ma Amon le avrebbe dovute conoscere, giusto?
    Comunque bellissimo articolo!


    @CTiranno

    Come scritto nella prima parte dell'articolo i Xel'Naga non muoiono come lo pensiamo noi ma si ricongiungono al Vuoto.

    La mia teoria è che dopo che i Protoss si sono ribellati ai propri "padri" e Amon ha assistito allo sterminio di molti dei suoi fratelli, abbia cambiato il suo modo di pensare alla esistenza della vita nell'Universo e di vendicarsi sui Protoss ma dato che i fratelli rimanenti Xel'Naga lo avrebbero ostacolato ha pianificato quindi lo sterminio finale dei suoi fratelli utilizzando gli Zerg.

    Raggiunto la fine del suo "ciclo" Amon ha questo punto ha dato l'ordine all'Unica Mente di trovare ed assimilare i Protoss e abbia creato o anche plasmato il mutaforma Samir Duran (Narud in sc2) per farlo resuscitare lasciandogli il modo di farlo.

    Alla fine della battaglia contro Narud sappiamo che Amon è tornato ed è pronto ad annientare i Protoss ma anche altre forme di vita l'unico problema che la sua arma più forte (lo sciame degli Zerg) non è sotto il suo controllo ma sotto il controllo di Kerrigan.

    Possiamo sperare che nella prossima espansione di sc2 possano maggiormente spiegare i Xel'Naga ma anche Amon che rimane avvolto da un grosso velo di mistero.
    2
  • sciabalalla 22 ottobre 2014, 13:19 sciabalalla
    BattleTag: sciabalalla#2637
    Messaggi: 180

    Iscritto il: 18 luglio 2014, 18:55
    #4
    grallen ha scritto:solo a me ricorda un Dio Antico dell'universo di World of Warcraft?

    @grallen no non solo a te ; sembra il classico gioco degli old gods ^^
    una cosa non ho capito (conosco molto bene la lore di wow ma non abbastanza quella di starcraft)
    ma come mai Amon voleva tradire i sui stessi fratelli ?
    posso capir ei protoss ma non capisco perché la vendetta contro la sua stessa razza
    0
  • aerumna 22 ottobre 2014, 13:20 aerumna
    BattleTag: Aerumna#2349
    Messaggi: 361

    Iscritto il: 30 maggio 2011, 17:04
    #5
    Non vedo l'ora che esca Legacy of Void :D 0
  • grallenMost Valuable Poster 22 ottobre 2014, 15:04 grallen
    BattleTag: Grallen#2521
    Messaggi: 5723

    Dal caos si crea l'ordine e dell'ordine si genera il caos.
    #6
    ma come mai Amon voleva tradire i sui stessi fratelli ?
    posso capir ei protoss ma non capisco perché la vendetta contro la sua stessa razza


    @sciabalalla

    Non si sa di preciso ed infatti è anche per questo che sia aspetta l'espansione Legacy of Void sperando che spieghino tale motivazione. Io nella mia risposta di sopra ho fatto una ipotesi ma potrebbe essere benissimo non veritiera :)

    aerumna ha scritto:Non vedo l'ora che esca Legacy of Void :D


    @aerumna

    A chi lo dici e speriamo che rispondano a molte domande dietro a Duran e Amon.
    0
  • PigoWallace 22 ottobre 2014, 15:51 PigoWallace
    BattleTag: Pigowallace#2109
    Messaggi: 261

    Iscritto il: 14 agosto 2011, 13:56
    #7
    Ora che me l'hai fatta notare la frase sulla Voce dell'Oscurità è totalmente ambigua... chiedo venia!

    Riguardo Amon, quello che si pensa è che abbia voluto sterminare la propria razza proprio perché erano un ostacolo al suo piano. A lui non interessava trovare qualcuno per creare la nuova generazione di Xel'Naga, a lui interessava rimanere l'unico essere in grado di dominare l'universo.

    Amon, è anche il responsabile della creazione degli Ibridi e per quanto essi possano tecnicamente essere considerati Xel'Naga (dopotutto sono la fusione di protoss e zero, no?), in realtà non lo sono. I servitori di Amon "deformarono" il processo di nascita degli Xel'Naga, allo scopo di creare gli Ibridi fondendo protoss e zerg. Gli essere così generati, seppur fossero ben più potenti di protoss e zerg (sebbene non potenti come dei veri Xel'Naga), restavano comunque degli "schiavi" fedeli ad Amon incapaci di ribellarsi e di avere dei pensieri propri. Si crede infatti che essi abbiano dei collegamenti psionici estremamente potenti e solidi, allo scopo di migliorare al massimo il controllo su di essi.
    Una mia piccola speculazione... e se gli ibridi avessero una mente collettiva? Questo renderebbe molto più semplice il loro controllo da parte di Amon e anche più difficile che qualcuno possa fare di testa sua...

    Tornando a discorsi meno campati in aria, gli Ibridi non nacquero casualmente, ma furono pianificati! Ricordate la visione dell'Unica Mente di cui Zeratul viene a conoscenza tramite lo spirito di Tassadar? In essa gli zerg erano stati sottomessi da Amon e dagli Ibridi perché Kerrigan era stata uccisa. A quel punto Amon aveva dalla sua parte la vittoria perché con quella potenza distruttiva anche i protoss venivano annichiliti (per non parlare dei terran ovviamente)... c'è una missione di Wings of Liberty in cui, comandando gli utlimi protoss rimasti, devi sopravvivere ad ondare e ondate di zerg e ibridi finché gli archivi contenenti tutta la conoscenza dei protoss non vengono sigillati...

    Quella missione rappresenta la fine di tutto e di tutti se Kerrigan fosse stata uccisa e, soprattutto, lo scopo ultimo di Amon.

    Ovviamente dato che Kerrigan è ancora in vita, quella visione non ha più valore, ma lo scopo di Amon non è cambiato. Lui vuole dominare l'universo e nulla lo potrà fermare (almeno secondo i suoi piani) :)
    0
  • Commenta la notizia