• Siamo giunti alla fine del reportage dal DreamHack Stockholm 2014. Dopo le finali europee del World of Warcraft Arena Tournament e dell'Hearthstone World Championship, è giunto il momento di parlare di Starcraft II!

    Iniziamo parlando dell'organizzazione del 26 settembre. Ci troviamo di fronte ad un'unione dei pregi e difetti della disposizione di World of Warcraft e Hearthstone: i giocatori erano recintati nelle loro quattro postazioni sparpagliate per la fiera, sempre di spalle e quindi separati dal pubblico. Vi era tuttavia una zona con maxi-schermo, non visibile ed ingombrante come quella di Hearthstone, ma abbastanza spaziosa da permettere a chiunque fosse lì sul posto di godersi le partire con il commento. C'è da dire che l'unico maxi-schermo presente mostrava un solo match dei due che si disputavano in contemporanea, costringendo gli spettatori ad armarsi di tablet o smartphone qualora fossero interessati a vedere quello non selezionato.

    Immagine Immagine Immagine Immagine

    Riguardo al pubblico del primo giorno, non si può certo dire che ve ne sia stato poco. La quantità di gente che si è presentata il 27 settembre identifica Starcraft II come il re indiscusso della manifestazione. Le tre zone di tribune sopraelevate e i posti a sedere subito sotto al palco erano gremiti di tifosi urlanti. Il pubblico era decisamente dalla parte del coreano Solar, simpatico, alla mano e in grado di sostenere un'intervista in inglese. D'altro canto, soO è stato sommerso di fischi e non certo perché sa parlare solo coreano. Deteneva un record assoluto di imbattibilità (16-0), ma questo secondo il pubblico non lo autorizzava a dire frasi come: "Mi sono stupito che il mio avversario fosse così bravo."

    Per la gioia dei presenti, Solar ha trionfato con uno schiacciante 0-3 nel loro appassionante match ZvZ. La gioia di vedere il successo di Solar era tale da spingere le prime file di spettatori a lanciarsi in un ballo celebrativo. È così che si incorona un campione!

    Reynor: il piccolo campione italiano

    Kaor non era l'unico a portare il tricolore italiano nei saloni dell'Ericsson Globe. Anche Starcraft II aveva un nostro rappresentante, all'interno del team mYinsanity. Parliamo di Reynor, un ragazzo di 12 anni celebre anche per essere il più giovane giocatore ad aver conquistato l'ingresso nella Lega Grandmaster. Sebbene non sia stato possibile avvicinarlo per un colloquio personale, tra zone difficilmente accessibili e impegni di tutto il suo team, ho avuto modo di seguire personalmente le sue interviste al DreamHack.

    Che dire? Riccardo "Reynor" non è uno sprovveduto, conosce molto bene il gioco e i propri avversari. Ha riconosciuto che il proprio modo di giocare, troppo nervoso e distratto, sia stata la causa principale della sconfitta subita da MMA, in quale non ha dato grande prova di abilità in quell'occasione. In altre circostanze, avrebbe potuto trionfare.

    Il ragazzo ha espresso poi il desiderio di competere alle WCS ma, a causa del limite di età minimo di sedici anni, per lui non sarà possibile. Reynor ti ricorda con grande tenerezza e del tutto involontariamente di essere comunque un ragazzino quando ti confessa che il suo desiderio di vittoria va di pari passo con la voglia di potersi permettere un bel telefono o delle piacevoli vacanze. Questo DreamHack si è concluso per lui con un nulla di fatto, ma è d'obbligo augurare ad un così talentuoso ragazzo tutta la fortuna necessaria affinché realizzi i propri sogni!

    Segnaliamo infine un'intervista personale fatta a Reynor da Madals, uno YouTuber britannico specializzato in e-sport.
    Condividi articolo
2 commenti
  • Weltall 01 ottobre 2014, 10:32 Weltall
    BattleTag: Weltall#2361
    Messaggi: 615

    Bersaglio preferito degli Haters di SC2 dal 2014
    #1
    che cucciolo riccardo <3 0
  • BulletHead 02 ottobre 2014, 07:22 BulletHead
    Messaggi: 851

    BulletHead#2630
    #2
    se continua così fra qualche anno lo vedremo a livelli ancora più alti di adesso ^^ 0
  • Commenta la notizia