• Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Moira O'Deorain è un'importante ricercatrice e si è dedicata per anni alla genetica umana, cercando di scoprirne i segreti e svelarne il potenziale. I metodi utilizzati probabilmente, nella maggior parte dei casi, erano al limite della moralità e legalità. Affiancandosi prima alla Blackwatch e successivamente all'organizzazione Talon, Moira persegue i suoi studi controversi.



    ABILITÀ


    • BIOMANIPOLAZIONE: Con la mano sinistra, Moira impiega l'energia biotica per curare gli alleati di fronte a lei. La mano destra spara un raggio a lunga gittata che intacca la salute dei nemici, curando Moira e rigenerando la sua energia biotica.

    • GLOBO BIOTICO: Moira scaglia una sfera biotica rimbalzante; può scegliere tra un effetto di rigenerazione che cura gli alleati che attraversa o un effetto nocivo che danneggia i nemici.

    • DISSOLVENZA: Moira si teletrasporta rapidamente a breve distanza..

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • COALESCENZA: Moira incanala un raggio a lunga gittata che cura gli alleati e oltrepassa le barriere, danneggiando i nemici.

    Moira è un eroe di supporto ed offensivo, con i suoi globi è in grado di curare alleati, ma è in grado anche di sottrarre vita. Il globo biotico è davvero ostico da usare, ma se fatto rimbalzare mentre i nemici o alleati sono intrappolati o in posti angusti della mappa può risultare davvero efficace.

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto

    LA SCIENZA CI SVELERÀ LA VERITÀ

    Brillante e controversa al tempo stesso, la scienziata Moira O'Deorain è all'avanguardia nell'ingegneria genetica, alla ricerca di un modo per riscrivere i principi fondamentali della vita.

    Più di 10 anni fa, O'Deorain fece scalpore pubblicando un controverso documento nel quale dettagliava la metodologia creativa di un programma genetico personalizzato in grado di modificare la struttura cellulare del DNA. Sembrava un promettente passo in avanti nella cura di sindromi e malattie e nell'ottimizzazione del potenziale umano.

    Seguì un dissenso diffuso tra i suoi colleghi. Molti consideravano il suo lavoro pericoloso per una totale mancanza di etica, e O'Deorain venne persino accusata di avere le stesse, spregiudicate aspirazioni scientifiche che alcuni ritenevano la causa della Crisi degli Omnic. Inoltre, altri genetisti non furono in grado di riprodurre i risultati delle ricerche di Moira, mettendo ulteriormente in discussione le sue scoperte. Invece di lanciare la sua carriera, quel documento danneggiò seriamente la sua reputazione.

    La sua ancora di salvezza fu un'offerta proveniente da una fonte improbabile: Blackwatch, la divisione di Overwatch dedicata alle operazioni clandestine. Continuò così il suo lavoro nell'ombra sviluppando al contempo nuove armi e tecnologie per questa organizzazione. Il suo impiego era un segreto ben custodito, finché non venne scoperto durante l'inchiesta in seguito all'incidente di Venezia. Le alte sfere di Overwatch negarono di essere a conoscenza di qualsivoglia affiliazione della scienziata con la loro organizzazione.

    Dopo lo scioglimento di Overwatch, O'Deorain fu costretta a cercare finanziamenti alternativi per le sue ricerche. Venne così invitata a entrare nel collettivo scientifico che aveva fondato la città di Oasi. C'era però chi sosteneva che la misteriosa organizzazione Talon la supportasse già da anni, aiutandola nei suoi esperimenti al fine di utilizzarne i risultati per i propri loschi scopi.

    Anche se O'Deorain non si fermerà davanti a niente per progredire nelle sue scoperte scientifiche, il suo lavoro è ancora sconosciuto alla maggior parte del mondo. Ma ora, libera da ogni restrizione, è solo questione di tempo prima che tutto cambi.

  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Akande Ogundimu è un ex combattente professionista, proveniente da una rispettabile famiglia nigeriana proprietaria di un'azienda leader nel campo della tecnologia. Akande, conosciuto come il terzo Doomfist, è finalmente tornato a piede libero! Dopo aver recuperato il guanto di Doomfist e aver decimato i robot OR15 a difesa di Numbani, ottiene nuovamente la sua posizione ai vertici di Talon.



    ABILITÀ


    • ARTIGLIERIA INTEGRATA: spara una fucilata a corta gittata dalle nocche del suo pugno. Le munizioni si rigenerano dopo qualche secondo.

    • SCHIANTO SISMICO: salta in avanti e colpisce il suolo attirando a sé i nemici vicini.

    • MONTANTE: Doomfist tira un montante ai nemici davanti a sé, scagliandoli in aria.

    • PUGNO A REAZIONE: dopo un breve tempo di carica, Doomfist scatta in avanti e respinge un nemico, infliggendo danni aggiuntivi se il bersaglio viene scagliato contro una parete.

    • LA MIGLIOR DIFESA...: genera una leggera barriera personale che lo protegge per breve tempo quando colpisce con le sue abilità.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • IMPATTO DEVASTANTE: Doomfist salta in alto e si scaglia a terra infliggendo danni ingenti ai nemici nell'area circostante.

    Doomfist è un eroe d'attacco con un'estrema mobilità, non c'è nessuno in grado di sfuggire ai suoi micidiali pugni!

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto

    "CI EVOLVIAMO SOLO ATTRAVERSO IL CONFLITTO."

    Recentemente liberato dalla prigionia, Doomfist è determinato a far sprofondare il mondo in un nuovo conflitto che, secondo lui, renderà più forte l'umanità.

    Akande Ogundimu nacque in una rispettabile famiglia nigeriana, proprietaria di un'azienda produttrice di tecnologica dedicata alle protesi. Figura estremamente intelligente e carismatica, Ogundimu contribuì all'espansione dell'attività di famiglia, proiettandola verso il futuro e dedicandosi al contempo alla sua grande passione: le arti marziali competitive. Si allenò negli stili di combattimento africani tradizionali, come il Dambe e il Gidigbo, oltre che in altre tecniche di lotta moderna, combinandole con le mosse più efficaci del suo repertorio. Ogundimu vinse tornei in tutto il continente, usando la sua intuizione e la capacità di prevedere l'avversario in sinergia con una velocità e una forza tremende.

    Ma quando perse il suo braccio destro, dopo la Crisi degli Omnic, la sua carriera nelle arti marziali sembrava finita sul nascere. Grazie alla sua società specializzata in protesi si riprese dalle ferite, diventando addirittura più forte, ma non idoneo alle competizioni. Cercò quindi di dedicarsi agli affari con lo stesso zelo con cui aveva affrontato i combattimenti, ma niente riusciva a colmare il suo vuoto... finché non gli venne offerta un'opportunità da Akinjide Adeyemi, meglio conosciuto come il secondo Doomfist, il Flagello di Numbani.

    Adeyemi offrì a Ogundimu la possibilità di combattere con lui come mercenario. Inizialmente scettico, Ogundimu accettò, scoprendo di avere finalmente a disposizione un'arena dove scatenare le sue abilità potenziate. Adeyemi lo presentò quindi a Talon, l'organizzazione che credeva che l'umanità sarebbe diventata più forte attraverso il conflitto, credenza che trovava campo fertile nelle esperienze personali di Ogundimu. Inoltre, le lotte di potere di Talon rappresentavano una nuova sfida che avrebbe permesso a Doomfist di usare i suoi talenti politici, oltre a quelli di combattente.

    Adeyemi era un elemento importante per Talon, ma l'organizzazione riscontrò un potenziale assai maggiore in Ogundimu che, grazie alla sua intelligenza e al suo carisma, era molto più adatto come comandante. Mentre Adeyemi si accontentava dei profitti ottenuti con le razzie a Numbani, Ogundimu aveva una visione d'insieme più grande. Questa differenza di ambizioni portò Ogundimu a uccidere il suo mentore e a vestire i panni di Doomfist, oltre all'omonimo guanto.

    In qualità di nuovo Doomfist, Ogundimu scalò i vertici di Talon e contribuì a orchestrare il conflitto che l'organizzazione sperava avrebbe un giorno coinvolto tutto il mondo. Ma prima che questo piano si realizzasse, Ogundimu venne sconfitto e catturato da una squadra d'assalto di Overwatch, composta tra gli altri da Tracer, Winston e Genji. Fu imprigionato in una struttura di massima sicurezza per anni, dove attese pazientemente che gli eventi da lui messi in moto si realizzassero.

    Infine, sentì che era giunto il momento di tornare. Evase dalla prigione e tornò in possesso del guanto di Doomfist dopo una battaglia senza storia contro i nuovi robot di difesa di Numbani, gli OR15. Ora ha ottenuto nuovamente il suo posto nei vertici decisionali di Talon, pronto a riaccendere la scintilla di una guerra che consumerà nuovamente il mondo.

  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Orisa è un'unità OR15 ricondizionata e potenziata da Efi Oladele. In precedenza faceva parte del gruppo di omnic a protezione di Numbani, ma dopo l'attacco di Doomfist all'aeroporto della città, le OR15 sono state vendute o distrutte. Efi ha recuperato e modificato una di queste unità, trasformandola in un omnic guardiano a difesa della città e rinominandola Orisa.



    ABILITÀ


    • MITRAGLIATRICE A FUSIONE: arma automatica a proiettili che rallenta Orisa durante il fuoco ma che infligge danni ingenti.

    • FORTIFICAZIONE: Orisa è più resistente e diventa immune per un breve periodo a stun e rallentamenti.

    • MINA TRAENTE: Orisa lancia una palla di energia che può far esplodere a comando. I nemici nelle vicinanze sono rallentati e attirati verso l'esplosione.

    • BARRIERA PROTETTIVA: una barriera posizionabile sul terreno.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • SOVRALIMENTATORE: posiziona un Sovralimentatore che aumenta temporaneamente i danni inflitti dai compagni di squadra. L'oggetto è distruttibile.

    Orisa ha un avanzamento lento ma costante e consente a tutto il suo team un riparo sicuro, grazie agli scudi e a un buon fuoco di soppressione. È sicuramente l'omnic preferito degli abitanti di Numbani!

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto

    "LA VOSTRA INCOLUMITÀ È LA MIA PRIMA PREOCCUPAZIONE."

    Assemblata con pezzi degli OR15, i poco longevi robot da difesa di Numbani, Orisa è il nuovo guardiano della città, anche se ha ancora molto da imparare.

    Originariamente in servizio prima della Crisi degli Omnic, l'OR14 "Idina", un modello robotico da difesa, venne costruito nell'Omnium nigeriano. Dopo la guerra questo modello uscì di produzione, insieme ad altri impiegati durante la crisi. Vent'anni dopo Numbani riprese il programma OR14 per proteggere la città dalle minacce esterne. I nuovi OR15 vennero impiegati per breve tempo prima di essere distrutti durante l'attacco di Doomfist.

    In seguito a tale attacco, il programma fu annullato e la giunta civica vendette i restanti OR15. Alcune parti vennero acquistate dall'undicenne Efi Oladele, una ragazzina brillante i cui risultati nel campo della robotica e dell'intelligenza artificiale le erano valsi la prestigiosa borsa di studio della Adawe Foundation.

    Con l'approvazione dei suoi genitori, comprensivi e di vedute aperte, Efi ha speso gran parte dei suoi risparmi per acquistare un OR15 smantellato. Riteneva che a Numbani servisse un protettore e che un OR15 potenziato potesse ricoprire questo ruolo. Efi ha riparato e riconfigurato il robot, installando al suo interno un nucleo di personalità progettato da lei stessa.

    Ha chiamato il nuovo eroe di Numbani Orisa.

    Orisa ha dimostrato di poter essere utile alla città, ma sta ancora cercando di ottimizzare i suoi protocolli. L'inesperienza degli Omnic può occasionalmente ostacolare i suoi sforzi, ma grazie alla sua intelligenza artificiale adattiva e alla volontà di Efi di apportare le necessarie modifiche, Orisa e la sua creatrice sono sempre riuscite a sistemare le cose.

    In qualità di guardiano della città, Orisa ha molto da imparare sul mondo e sulle sue funzionalità. Tuttavia, finché sarà guidata dall'incrollabile ottimismo di Efi e dal proprio senso dell'onore e del dovere, continuerà a proteggere Numbani e la propria creatrice a ogni costo.

  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Informazioni top secret, password e accessi limitati, diventano oro nelle sue mani, Sombra è hacker senza eguali, con la capacità di violare qualsiasi sistema informatico. Le informazioni che abbiamo su di lei sono carenti, le uniche certezze sono che ░░░░░░ è in costante lotta contro #####. Inoltre secondo le ultime informazioni Sombra si troverebbe ##### . . . .[0] - [0]




    ABILITÀ



    • PISTOLA MITRAGLIATRICE: La pistola mitragliatrice di Sombra è un'arma automatica a corta gittata.

    • HACKING: Sombra hackera i nemici, impedendo loro temporaneamente di usare le proprie abilità, oppure hackera i Medikit rendendoli inutilizzabili dagli avversari.

    • OCCULTAMENTO TERMO-OTTICO: Sombra diventa invisibile per un breve lasso di tempo, durante il quale la sua velocità di movimento aumenta notevolmente. Attaccare, usare abilità offensive o subire danni interrompe l'occultamento.

    • RILOCATORE: Sombra lancia un dispositivo di teletrasporto chiamato Rilocatore. Finché resta attivo, anche nel mezzo di un combattimento, Sombra può sempre ritornare sulla posizione del dispositivo.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • EMP: Sombra emette un'ampia scarica elettromagnetica, hackerando tutti i nemici travolti e distruggendo le loro barriere e i loro scudi.


    Scaltra e veloce può diventare una spina nel fianco per gli avversari, hackerando i loro sistemi per renderli più vulnerabili possibile.

    Immagine



    Blizzard Entertainment ha scritto

    "Posso hackerare tutto e tutti."

    Sombra, una degli hacker più famosi del mondo, usa le informazioni per manipolare chi ha il potere.

    Molto prima di scegliere "Sombra" come pseudonimo, ░░░░░░ fu una delle migliaia di bambini abbandonati all'orfanotrofio in seguito alla Crisi degli Omnic. Poiché gran parte delle infrastrutture del suo paese erano andate distrutte, sopravvisse utilizzando le proprie doti naturali di conoscenza dei computer e dell'hacking.

    Dopo essere stata accolta dalla gang messicana dei Los Muertos, collaborò alla loro sedicente rivoluzione contro il governo. I Los Muertos ritenevano che la ricostruzione del Messico avesse beneficiato soprattutto persone ricche e potenti, lasciando indietro i più bisognosi.

    Le sue numerose conquiste le conferirono una sicurezza ancora maggiore delle proprie abilità, ma si scoprì impreparata quando si imbatté in una cospirazione globale che l'aveva messa nel mirino. Vista compromessa la propria sicurezza, ░░░░░░ fu costretta a eliminare tutte le tracce della propria identità e scomparve.

    In seguito riemerse come Sombra, dotata di innesti potenziati e determinata a smascherare la verità dietro la cospirazione che aveva scoperto. Sombra eseguì una serie ancora più audace di violazioni informatiche, che le valsero non pochi ammiratori, tra cui Talon. Si unì all'organizzazione e si crede abbia contribuito ai massicci attacchi informatici contro delle società fortemente legate ai propri governi. Il risultato fu una rivoluzione popolare in Messico contro la LumériCo e una violazione della sicurezza delle Industrie Volskaya, il braccio produttivo della difesa russa anti-Omnic.

  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Ana Amari nasce in Egitto ed è il cecchino migliore di tutto il paese, anzi del mondo. Con questo requisito entra a far parte di Overwatch, di cui è anche la fondatrice. Rimane operativa per moltissimi anni fino a quando subisce una grave ferita in uno scontro a fuoco. Anche se guarita dalle ferite di guerra, Ana decide di sparire per molti anni facendo credere a tutti, anche a sua figlia, di essere morta. Tuttavia il suo paese è nuovamente sotto attacco e così imbraccia nuovamente il suo fucile per portare giustizia.





    ABILITÀ


    • FUCILE BIOTICO: il fucile spara dei dardi che hanno un effetto di cura sugli alleati, mentre infligge danni agli eroi nemici.
    • GRANATA BIOTICA: questa granata infligge danni ai nemici che non possono essere curati per un breve periodo, mentre cura gli alleati oltre a dare ad essi un aumento di cure da parte di tutte le fonti.
    • DARDO SOPORIFERO: Con una pistola secondaria viene sparato un colpo che addormenta i nemici per un breve tempo, se i nemici addormentati subiscono danni essi si risvegliano.

      ABILITÀ DEFINITIVA
    • BIOSTIMOLATORE: Questa abilità lanciata su di un alleato incrementa la velocità, infliggendo più danni e subendone meno.


    Il suo fucile è pronto a colpire con precisione, sia per supportare un alleato che per indebolire un nemico, Ana è uno strumento tattico indispensabile per la vittoria.

    Immagine



    BIOGRAFIA



    Blizzard ha scritto

    "Tutti abbiamo bisogno di credere in qualcosa."

    Ana, uno dei membri fondatori di Overwatch, usa le sue abilità e la sua competenza per proteggere la propria casa e le persone che ama.

    Mentre la Crisi degli Omnic mieteva vittime in Egitto, le forze di sicurezza del paese, a corto di personale, dovevano fare affidamento sul supporto dei propri cecchini, tra cui Ana Amari, ritenuta la migliore di tutto il mondo. Mira, capacità decisionale e istinto le garantirono un posto tra i ranghi della strike force di Overwatch che pose fine alla guerra.

    In seguito ai successi raggiunti nella loro missione originale, Ana venne promossa Capitano e diventò il braccio destro del Comandante Morrison. Nonostante le enormi responsabilità, Ana si rifiutò di abbandonare il combattimento attivo, continuando a operare sul campo ben oltre i cinquant'anni prima di essere ritenuta morta durante un'operazione di recupero ostaggi, in seguito allo scontro con l'agente operativo di Talon conosciuto come "Widowmaker".

    In realtà, Ana non perse la vita in quello scontro, nonostante le gravi ferite riportate e la perdita dell'occhio destro. Durante la guarigione, il peso di una vita passata combattendo si fece sentire, e Ana preferì lasciar credere al mondo che fosse veramente morta. Con il passare del tempo, però, vide la sua patria minacciata da pericolosi elementi, e in lei si risvegliò il desiderio di proteggere i propri cari.

    Con un armamento "requisito" dagli arsenali di Overwatch, Ana è tornata a combattere per mantenere la pace e fermare chi minaccia la sicurezza e la stabilità del mondo.

    .

  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Mei-Ling Zhou era stata assegnata all'eco-Osservatorio costruito da Overwatch in Antartide. Durante una bufera, l'osservatorio venne gravemente danneggiato e per sopravvivere nell'attesa dei soccorsi,Mei e i suoi colleghi entrarono in criostasi. Purtroppo non arrivò nessuno aiuto e le vasche criogeniche furono ritrovate per caso solo molti anni dopo, Mei era l'unica sopravvissuta. Si accorse ben presto che durante il sonno il mondo era cambiato, ma non rinunciò alla sua missione e decise di continuarla da sola. Ora viaggia in tutto il mondo, sperando di ripristinare l'eco-rete per scoprire cosa minaccia l'ecosistema del pianeta.



    ABILITÀ


    • PISTOLA ENDOTERMICA: La pistola di Mei spara un raggio di gelo concentrato a breve distanza che rallenta i nemici per poi congelarli sul posto. Può anche usare la sua pistola per sparare spuntoni di ghiaccio a media distanza.

    • IBERNAZIONE: Mei si circonda istantaneamente di uno spesso blocco di ghiaccio. Una volta ibernata, si cura e non subisce danni, ma non può muoversi né usare abilità.

    • MURO DI GHIACCIO: Mei genera un enorme muro di ghiaccio che ostruisce la linea di tiro, impedendo i movimenti e bloccando gli attacchi.


    ABILITÀ DEFINITIVA
    • TORMENTA: Mei piazza un drone in grado di modificare il clima ed emettere raffiche di vento e neve in un'ampia zona. I nemici colpiti dalla tormenta vengono rallentati subendo anche danni e chi si attarda troppo nella zona colpita viene congelato sul posto.

    Mei con la sua pistola endotermica e le sue abilità glaciali, è pronta a schierare una difesa efficace contro qualsiasi minaccia.

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto

    "VALE LA PENA COMBATTERE PER IL NOSTRO MONDO!"

    Mei è una scienziata che ha iniziato a combattere per preservare l'ambiente.

    Benché molti incolpassero l'avvento delle nuove tecnologie per gli inspiegabili cambiamenti climatici del pianeta, la rapida crescita della popolazione Omnic e il drastico aumento del consumo delle risorse, la vera causa restava sconosciuta. Per trovare una soluzione, Overwatch costruì una serie di eco-Osservatori nelle zone più remote e critiche del mondo.

    Mei-Ling Zhou faceva parte di una di queste iniziative pluriennali. Climatologa senza eguali, introdusse alcune innovazioni all'avanguardia nel campo della manipolazione climatica per proteggere le zone ad alto rischio in Asia e in tutto il resto del mondo. Era assegnata al programma di monitoraggio dell'Osservatorio: Antartide quando avvenne il disastro: un'improvvisa tormenta polare colpì l'installazione, tagliandola fuori dal mondo esterno, danneggiando la struttura e isolando gli scienziati. Con lo scarseggiare delle risorse, furono costretti a entrare in criostasi nell'ultimo, disperato tentativo di sopravvivere fino all'arrivo dei soccorsi.

    Ma i soccorsi non giunsero mai. Le vasche criogeniche della squadra vennero scoperte solo anni dopo: Mei, ancora in stato di ibernazione, era l'unica sopravvissuta. Il mondo in cui si risvegliò era considerevolmente cambiato: Overwatch non c'era più, i problemi climatici, già seri, erano peggiorati, e nessuno degli eco-Osservatori era operativo. Tutto ciò che lei e i suoi colleghi avevano scoperto era andato perduto.

    Mei decise di continuare il suo lavoro da sola. Equipaggiata con una versione portatile della sua tecnologia di manipolazione climatica, ora viaggia in tutto il mondo, sperando di ripristinare l'eco-rete per scoprire cosa minaccia l'ecosistema del pianeta.

  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    La vita lussuosa e spensierata di Genji era vista come un pericoloso ostacolo dal clan Shimada e da suo fratello Hanzo, tutti disapprovavano la continua protezione che riceveva da parte del padre. In seguito a un violento scontro avvenuto tra i due fratelli, Genji rimase in fin di vita e venne salvato da Overwatch che ricostruì il suo corpo menomato con parti cibernetiche. Omnic Zenyatta divenne il suo maestro e lo convinse ad accettare il suo corpo robotico che aveva inizialmente rifiutato.



    ABILITÀ


    • SHURIKEN: Genji scaglia tre letali shuriken in rapida successione. In alternativa, può lanciarli contemporaneamente in un ampio arco.

    • DEVIAZIONE: Con un rapido balenare della sua spada, Genji è in grado di respingere i proiettili in arrivo verso chi li ha sparati.

    • ASSALTO RAPIDO: Genji scatta in avanti, colpendo con la sua katana i nemici che incontra lungo il suo percorso. Dopo il colpo iniziale, il bersaglio inizia a sanguinare e a subire danni periodici aggiuntivi. Se Genji elimina un bersaglio con questa abilità, può usarla di nuovo istantaneamente.


    ABILITÀ DEFINITIVA
    • SPADA DEL DRAGO: Genji brandisce la sua katana per un breve periodo. Finché non la rinfodera, può infliggere colpi letali a tutti i bersagli alla sua portata.

    Genji è un eroe d'attacco. Assassino micidiale di origini orientali che brandisce una katana!

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto

    "ANCHE SE HO SACRIFICATO IL MIO CORPO, NON SACRIFICHERÒ MAI IL MIO ONORE."

    Il cyborg Genji Shimada ha accettato il corpo potenziato che un tempo aveva rifiutato. Così facendo, ha scoperto di possedere un grado di umanità più alto.

    Figlio più giovane del capo del clan ninja Shimada, Genji visse una vita di lussi e privilegi. Benché eccellesse nella disciplina dei ninja, si disinteressò degli affari illegali di famiglia, indugiando per la maggior parte del tempo nella sua vita da playboy. Molti, all'interno del clan, consideravano lo spensierato Genji un pericoloso ostacolo, disapprovando la continua protezione da parte del padre. Quando il capoclan morì, il fratello più anziano, Hanzo, pretese che Genji assumesse un ruolo più attivo nell'impero del padre. Genji rifiutò, facendo infuriare Hanzo e generando una tensione fra i due fratelli che portò a un violento scontro, che lasciò Genji in bilico tra la vita e la morte.

    Hanzo pensò di aver ucciso suo fratello, ma Genji venne salvato da Overwatch e dall'intervento della dottoressa Angela Ziegler. La forza di sicurezza globale vide in Genji un potenziale alleato nella propria lotta contro il clan Shimada. Overwatch gli offrì la salvezza e la ricostruzione del suo corpo in cambio del suo aiuto. Genji venne quindi sottoposto a un lungo processo di innesti cibernetici che amplificò la sua agilità e velocità naturali, potenziando le sue già superlative abilità ninja. Trasformato in un'arma vivente, Genji dedicò anima e corpo alla distruzione dell'impero criminale della sua famiglia.

    Ma con il passare del tempo, Genji sentiva crescere un conflitto dentro di sé. Disgustato dalle parti meccaniche del suo corpo, non poteva accettare ciò che era diventato. Dopo aver completato la sua missione, abbandonò Overwatch e iniziò a vagabondare in cerca di risposte. Vagò per molti anni prima di incontrare il monaco Omnic Zenyatta, di cui inizialmente rifiutò gli insegnamenti. Ma Zenyatta non desistette e con il tempo divenne il suo mentore. Sotto la guida di Zenyatta, Genji riuscì a riconciliare la sua duplice personalità di uomo e macchina. Imparò ad accettare che, nonostante il suo corpo fosse quello di un cyborg, la sua anima era umana e la sua nuova forma un dono unico da preservare.

    Oggi, per la prima volta nella sua vita, Genji è libero. Nemmeno lui è in grado di dire dove lo porterà il suo percorso.

  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Di fronte alla minaccia di uno degli Omnic più potenti mai visti prima, la Corea decise di creare una nuova branca di combattenti per resistere alla terribile minaccia. Nacquero così i MEKA, robot da combattimento comandati a distanza da piloti professionisti. Sfortunatamente l'Omnic riuscì a distruggere il sistema di controllo a distanza dei MEKA, costringendo così i piloti al controllo di persona.

    I giocatori professionisti coreani si rivelarono i migliori piloti possibili per queste nuove macchine da combattimento e D.VA, già campionessa mondiale in carica, divenne anche la protettrice più amata del suo paese.



    ABILITÀ MECH


    • CANNONI A FUSIONE: Il mech di D.VA è equipaggiato con una coppia di cannoni rotanti a corto raggio in grado di fare fuoco continuo, che infliggono ingenti danni ma rallentano i suoi movimenti.

    • RETRORAZZI: Il mech di D.VA attiva i suoi retro-razzi per volare per breve tempo, trasportandola con sé e consentendole di cambiare direzione o colpire i nemici, respingendoli.

    • MATRICE DIFENSIVA: Questa matrice frontale è in grado di abbattere i proiettili in arrivo.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • AUTODISTRUZIONE: D.VA si espelle dal mech e ne sovraccarica i reattori, facendolo esplodere e infliggendo danni ingenti a chiunque si trovi nelle vicinanze.


    ABILITÀ D.VA


    • PISTOLA LASER: Fuori dal suo mech, D.VA può continuare a combattere con una pistola laser a medio raggio.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • RICHIAMA MECH: Se la sua armatura da battaglia viene distrutta, D.VA può richiamare un altro mech e tornare a combattere.

    Dentro o fuori dal suo MEKA, D.VA è un avversario agile e pericoloso, che non mostra alcuna pietà per i suoi avversari e non ha paura di sacrificare tutto pur di ottenere la vittoria.

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto
    "IO GIOCO PER VINCERE."

    D.VA è un'ex giocatrice professionista che impiega le sue abilità per pilotare un potente mech con il quale difende la sua patria.

    Vent'anni fa la Corea del Sud venne attaccata da una colossale mostruosità Omnic che emerse dalle profondità del Mar della Cina orientale. L'enorme costrutto torreggiante causò danni enormi alle città costiere prima di venire respinto sotto la superficie del mare. Il governo della Corea del Sud sviluppò quindi unità meccaniche corazzate chiamate MEKA per proteggere gli agglomerati urbani dai futuri attacchi della minaccia Omnic.

    Le paure del governo si dimostrarono fondate con l'emergere di un preciso percorso negli attacchi. Periodicamente, la mostruosità emergeva dal mare per attaccare la Corea del Sud e i paesi vicini. L'Omnic imparò da questi combattimenti, riconfigurandosi in forme diverse e presentando ogni volta nuove armi e abilità. Ogni scontro finiva però a un punto morto, con la mostruosità sconfitta ma non distrutta.

    Il continuo adattarsi dell'Omnic distrusse infine i network di controllo dei MEKA, costringendo i piloti a guidare di persona i propri mech. In cerca di candidati adatti, il governo cominciò a cercare tra i giocatori professionisti del paese, che possedevano i riflessi e l'istinto necessari a guidare gli avanzati sistemi bellici dei mech. Vennero reclutate le stelle più brillanti del firmamento, inclusa la campionessa mondiale in carica Hana Song, conosciuta anche come "D.VA". Celebre per la sua abilità fuori dal comune, D.VA era un avversario ostico, determinata a vincere a tutti i costi, diventata famosa per non aver mai mostrato pietà nei confronti dei suoi avversari.

    Per D.VA, ogni nuova missione è un gioco. Con la sua unità MEKA, si lancia in battaglia pronta a difendere la sua nazione anche senza preavviso. Di recente, ha iniziato a trasmettere in streaming i combattimenti per suoi fan adoranti, il cui numero cresce di giorno in giorno, che l'hanno trasformata in un'icona globale.
  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Mako Rutledge era uno dei tanti abitanti dell'Outback australiano la cui terra fu sequestrata e usata per costruirvi un Omnium. Si unì al Fronte di Liberazione Australiano, la cui lotta con l'Omnium portò alla distruzione del nucleo della base e al cataclisma nucleare che distrusse la casa di Mako. Da quel giorno, la sua mente è crollata e ha perso ogni contatto con la sua umanità, diventando l'assassino Roadhog.



    ABILITÀ


    • ROTTAMATRICE: La Rottamatrice di Roadhog spara scariche di frammenti a breve distanza in un'ampia rosata. In alternativa, può sparare una sfera di frammenti che esplode più lontano, scagliando schegge intorno a sé.

    • BOCCATA D'ARIA: Roadhog rigenera una parte della sua salute in un breve periodo di tempo.

    • GANCIO: Roadhog lancia verso il bersaglio il suo gancio, con il quale lo attira a sé.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • PORCATA: Dopo aver applicato una specie di imbuto alla sua Rottamatrice, Roadhog la riempie di munizioni. Per un breve periodo di tempo, può sparare un flusso di frammenti che respinge i nemici.

    Roadhog è un tank che trascina in zone pericolose i nemici con il suo Gancio. Grazie all'auto cura e ai molti HP, può avanzare in mezzo ai nemici per isolarli e lasciarli alla mercé degli alleati.

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto
    SONO L'APOCALISSE IN CARNE E... CARNE.
    Roadhog è un killer spietato con la meritata reputazione di persona crudele incline alla distruzione.

    Mako Rutledge era uno dei tanti abitanti dell'Outback australiano la cui terra fu sequestrata e usata per costruirvi un Omnium. Tuttavia, in seguito alla Crisi degli Omnic, il governo fece la scelta impopolare di regalare la terra agli Omnic, che avevano quasi distrutto il loro paese, nella speranza di stringere un duraturo accordo di pace. Questo accordo spiazzò Mako e molti altri residenti della zona: una misera compagnia di sopravvissuti, contadini e gente che voleva solo essere lasciata in pace.

    Furiosi per la perdita della propria casa, Mako e gli altri abitanti della zona si ribellarono, formando il Fronte di Liberazione Australiano. Insieme, attaccarono l'Omnium e i suoi robot per riconquistare la terra che era stata loro rubata. L'escalation portò al sabotaggio del nucleo di fusione dell'Omnium, che esplose distruggendo la struttura, inondando la zona di radiazioni e scagliando in tutto l'Outback rottami di metallo contorto.

    Mako vide la sua terra natale diventare un'arida distesa post-apocalittica, e cambiò per sempre.

    Adattandosi a questo nuovo ambiente, indossò una maschera, percorrendo le autostrade dell'Outback con il suo traballante chopper. A poco a poco, dimenticò la sua umanità, perdendola del tutto per lasciare il posto al killer chiamato Roadhog.
  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Fuorilegge, taglia gole e contrabbandiere, molti lo conoscono con il nome di Junkrat. È uno dei pochi sopravvissuti nell'outback australiano devastato dalle radiazioni dopo l'esplosione del nucleo di fusione dell'Omnium. Questo terrorista ossessionato dagli esplosivi ora si aggira per il mondo con la sua guardia del corpo Roadhog, dispensando caos e distruzione.



    ABILITÀ


    • LANCIAGRANATE: Il Lanciagranate di Junkrat scaglia una granata a lunga distanza che rimbalza fino alla sua destinazione, esplodendo quando colpisce un nemico.

    • MINA DIROMPENTE: Dopo aver piazzato una delle sue Mine Dirompenti, Junkrat può attivarla per danneggiare i nemici e farli esplodere, o per raggiungere grandi altezze.

    • TAGLIOLA: Junkrat piazza un'enorme trappola con spuntoni d'acciaio. L'incauto che si avvicinerà troppo subirà danni e verrà immobilizzato.

    • BOTTO FINALE: Il perverso senso dell'umorismo di Junkrat persiste anche dopo la morte: se viene ucciso, rilascia diverse granate attive.


    ABILITÀ DEFINITIVA
    • ROTOBOMBA: Junkrat attiva una ruota armata e la fa rotolare sul campo di battaglia, superando muri e ostacoli. La Rotobomba può essere attivata a distanza per infliggere ingenti danni ai nemici nel suo raggio d'azione, oppure basta aspettare che esploda da sola.

    Junkrat è un eroe da difesa. La sua peculiarità è quella di utilizzare mine e trappole per poter difendere una zona fondamentale del campo di battaglia bloccando l'avanzata nemica.

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto
    È IL GIORNO IDEALE PER UN PO' DI CAOS!

    Junkrat è ossessionato dagli esplosivi, con cui causa caos e distruzione.

    L'attacco al nucleo di fusione dell'Omnium australiano cambiò per sempre il panorama dell'Outback. Dopo l'esplosione, la zona divenne una terra arida e radioattiva, cosparsa di detriti e rottami, in cui era impossibile vivere.

    Ma qualcuno ci riuscì. Facendosi chiamare Junker, alcuni fuorilegge depredarono le rovine dell'Omnium e formarono un gruppo di tagliagole. Junkrat era uno di loro, dedito al contrabbando dei componenti recuperati dalle rovine. Come molti altri, era stato colpito dalle radiazioni e questa sua pazzia neanche tanto latente lo aveva reso la persona ideale per maneggiare esplosivi, per cui prova ancora oggi un amore trasformatosi in ossessione.

    Raggiunse la notorietà dopo aver scoperto un prezioso segreto tra le rovine dell'Omnium. Benché fossero in pochi a conoscere la natura della sua scoperta, fu inseguito da cacciatori di taglie, gang e opportunisti, finché non strinse un patto con un altro Junker, Roadhog, che accettò di diventare la sua guardia del corpo in cambio di metà dei suoi guadagni.

    Ora, accompagnato da Roadhog, Junkrat ha lasciato l'Outback per imbarcarsi in un'esplosiva crociata criminale, lasciando solo morte e distruzione dietro di sé..
  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Jesse McCree è passato da trafficante di armi militari nel sud-ovest degli Stati Uniti a componente di Blackwatch, la divisione di Overwatch dedicata alle operazioni clandestine. Col tempo è cresciuta in lui la volontà di porre rimedio agli errori del suo passato, combattendo con tutte le sue forze le ingiustizie del mondo, con l'indipendenza e l'intraprendenza tipica che ci possiamo aspettare da un personaggio ispirato al mondo western.



    ABILITÀ


    • PACIFICATORE: McCree spara singoli colpi con la sua pistola oppure una scarica ravvicinata di 6 colpi in rapida successione.

    • CAPRIOLA TATTICA: Un rapido spostamento nella direzione verso la quale ci stiamo muovendo. McCree riesce anche a ricaricare l'arma durante l'acrobazia.

    • GRANATA STORDENTE: McCree stordisce per qualche secondo tutti i nemici presenti in un'area.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • SCARICA DI PIOMBO: La mossa tipica di ogni pistolero che si rispetti. McCree prende la mira per qualche secondo e poi attacca tutti i nemici presenti nel suo campo visivo.

    Classe, potenza e rapidità. Quando McCree decide di difendere una causa, è meglio schierarsi al suo fianco se si vuole sopravvivere.

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto
    LA GIUSTIZIA NON SI DISPENSA DA SOLA.

    Armato con il suo revolver, il Pacificatore, il fuorilegge Jesse McCree dispensa giustizia a modo suo.

    McCree si era già fatto un nome come membro dei Deadlock, una famigerata gang che trafficava in armamenti militari nel sud-ovest degli Stati Uniti, quando venne arrestato da Overwatch. La sua abilità di tiratore e il suo ingegno non passarono inosservati, e perciò gli fu offerta una scelta: marcire in un carcere di massima sicurezza o entrare a far parte di Blackwatch, la divisione di Overwatch dedicata alle operazioni clandestine. Scelse la seconda opzione.

    Benché inizialmente apparisse sprezzante, col tempo giunse a credere di poter rimediare alle colpe del suo passato mettendo fine alle ingiustizie del mondo. A McCree piaceva la libertà d'azione che gli concedeva Blackwatch, priva di noie burocratiche, ma quando l'influenza di Overwatch cominciò a declinare, alcuni elementi ribelli di Blackwatch cercarono di sovvertire l'organizzazione per piegarla ai propri fini. Non volendo prendere parte a questa lotta intestina, McCree si diede alla macchia.

    Riemerse diversi anni dopo come pistolero mercenario. Oggi sono in molti a contendersi il suo talento, ma McCree ha deciso di combattere solo per le cause che ritiene giuste.
  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Aleksandra visse la sua infanzia circondata dalla distruzione portata dalla guerra contro l'Omnium siberiano. Sin da piccola si impegnò a diventare sempre più forte con lo scopo di difendere le persone che amava ed il suo paese. Dopo aver abbandonato i campionati mondiali di body building per combattere nella nuova guerra contro gli Omnic, Aleksandra Zaryanova (detta Zarya) è ora diventata un simbolo per tutti i suoi compatrioti.



    ABILITÀ


    • CANNONE A PARTICELLE: Zarya spara con il suo cannone, pericolosissimo a corta distanza. Può anche utilizzare il fuoco secondario per lanciare una carica esplosiva che oltrepassa i nemici colpiti.

    • BARRIERA PARTICELLARE: Uno scudo protegge Zarya e allo stesso tempo trasforma i danni assorbiti in energia che potenzia il CANNONE A PARTICELLE.

    • PROIEZIONE DIFENSIVA: Una versione della BARRIERA PARTICELLARE utilizzabile sugli alleati.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • BOMBA GRAVITONICA: Una bomba che si attacca al luogo dove viene lanciata e attira verso il suo centro i nemici vicini, danneggiandoli e impedendo loro di scappare.

    Forza e tecnologia impegnate per la difesa del paese e delle persone amate; questa è Zarya e prima di attaccare la Russia sarà lei ad attaccare voi.

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto
    "INSIEME SIAMO PIÙ FORTI."

    Aleksandra Zaryanova è una delle donne più forti del mondo, un'atleta famosa che ha rinunciato alla gloria personale per proteggere la sua famiglia, i suoi amici e il suo paese in tempo di guerra.

    Aleksandra è nata in un remoto villaggio della Siberia che si trovava in prima linea sul fronte della Crisi degli Omnic, scoppiata circa trent'anni fa. Benché le forze russe fossero riuscite a sconfiggere i robot e a chiudere il loro Omnium, la regione venne devastata dal conflitto. Aleksandra, al tempo solo una bambina, crebbe circondata dalla distruzione post-bellica, giurando a se stessa che avrebbe ottenuto la forza necessaria per aiutare la propria gente a riprendersi.

    Impegnata nel sollevamento pesi e nel body building, Aleksandra fu selezionata dalla commissione atletica nazionale, che riconobbe in lei una potenziale campionessa. Si allenò intensamente, ottenendo continui successi per il proprio paese, ed era in procinto di frantumare tutti i record durante l'imminente campionato mondiale.

    Ma alla vigilia del torneo, l'Omnium siberiano, rimasto a lungo inattivo, lanciò un nuovo attacco, riportando la guerra nella regione. Aleksandra si ritirò immediatamente dalla competizione e tornò in tutta fretta al suo villaggio per arruolarsi nelle forze di difesa locali, sacrificando così la fama e la gloria che avrebbe potuto ottenere.

    Ora presta servizio nell'esercito. È diventata un simbolo per alcuni e una fedele compagna d'armi per altri, ma Aleksandra ha un solo scopo: usare la sua incredibile forza per proteggere coloro che ama.
  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Satsya Vaswani, di origine Indiana e proveniente dalla città di Utopaea, prese il nome di Symmetra su decisione della Vishkar Corporation per la quale lavorava come architetto. Le sue abilità nel plasmare la luce solida le conferiscono la sono senza eguali di modificare il mondo a proprio piacimento. Per questo la Vishkar decise di mandare la ragazza in tutto il mondo per espandere l'influenza della loro corporazione in altri mercati. Il sogno di una società umana perfetta ed ordinata è comunque sempre appartenuto a Satsya, che però a volte si chiede se sia davvero il bene del genere umano.



    ABILITÀ


    • PROIETTORE FOTONICO: a seconda dell'uso, quest'arma può infliggere danni prolungati che aumentano in base alla durata di utilizzo sul nemico, oppure può lanciare una sfera di energia che infligge una quantità notevole di danni.

    • DRONE SENTINELLA: Symmetra può posizionare un drone sul campo di battaglia che rallenta i nemici che gli passano vicini. Possono essere posizionati più droni.

    • SCUDO FOTONICO: uno scudo che può essere utilizzato su un alleato, proteggendolo da un certo quantitativo di danni subiti. Dura finché l'alleato non muore.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • TELEVARCO: Symmetra può creare un varco di uscita nella posizione in cui si trova, e uno di entrata nell'area di partenza della sua squadra. Gli alleati possono utilizzarlo liberamente per teletrasportarsi velocemente nel campo di battaglia.

    La chiave della vittoria è la strategia: Symmetra ha la capacità di manipolare il campo di battaglia per permettere ai suoi alleati di agire al meglio delle loro capacità.

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto
    "IL VERO NEMICO DELL'UMANITÀ È IL CAOS."

    Symmetra è letteralmente in grado di plasmare la realtà. Manipolando costrutti di luce solida, può modificare il mondo a suo piacimento, seguendo il proprio sogno di una società perfetta.

    In seguito alla Crisi degli Omnic, la Vishkar Corporation con sede nel sud dell'India iniziò il laborioso processo di fondare nuove città autosufficienti per la popolazione esule della nazione. Una di queste, Utopaea, fu creata usando l'innovativa tecnologia della luce solida, che permetteva ai suoi architech di dare forma a strade, edifici e spazi pubblici in un solo istante.

    Quando si scoprì che era una delle poche persone in possesso delle caratteristiche necessarie per plasmare la luce, la giovane Satya Vaswani passò dall'estrema povertà all'accademia della Vishkar, perdendo tutti i contatti col suo passato. Isolata e sola, Satya s'immerse negli studi e nell'addestramento, apprendendo rapidamente le applicazioni tecnologiche e diventando una delle più brillanti studentesse del suo corso. Satya si avvicinò alla manipolazione della luce solida in modo differente dai suoi compagni: invece di costruzioni fredde e standardizzate, produceva elementi che ricordavano le danze tradizionali della sua terra natia.

    Nonostante Satya fosse uno degli architech più importanti di Utopaea, la Vishkar Corporation vide potenzialità ben superiori nelle sue abilità e, con il nome in codice "Symmetra", la inviò in missioni clandestine in tutto il mondo per supportare gli interessi della corporazione ed espanderne l'influenza in altri paesi.

    Symmetra è convinta che il fine delle sue azioni sia il benessere di tutta la società, ma in certi momenti si chiede se il controllo e l'ordine a cui aspira siano davvero ciò di cui l'umanità ha bisogno.
  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Membro di un gruppo di omnic reietti, Zenyatta vaga per il mondo alla ricerca dell'illuminazione spirituale. La credenza principale che guida il gruppo di monaci robot da cui proviene è che ritengono di possedere, al pari degli umani, un'anima. Spinto anche lui da questa convinzione ma non condividendo i metodi di agire dei suoi compagni Zenyatta ha deciso di viaggiare da solo per il mondo, aiutando chiunque abbia bisogno di aiuto senza paura di combattere per proteggere gli innocenti.



    ABILITÀ


    • GLOBO DELLA ROVINA: Zenyatta può lanciare i suoi globi di energia contro il nemico uno alla volta o tutti assieme, a seconda di quanto tempo viene caricata l'abilità.

    • GLOBO DELL'ARMONIA: una delle sfere di energia si attacca ad un alleato, curandolo nel tempo finché Zenyatta rimane in vita. Può essere utilizzato su un solo alleato alla volta.

    • GLOBO DELLA DISCORDIA: un globo si attacca ad un nemico, aumentando i danni che subisce fino a quando Zenyatta rimane in vita. Può essere utilizzato su un solo nemico alla volta.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • TRASCENDENZA: A costo dell'impossibilità di usare abilità e armi per un breve periodo di tempo, Zenyatta diventa immune ai danni e cura automaticamente se stesso e gli alleati vicini.

    La meditazione e l'armonia sono le armi di Zenyatta e per quanto poco minacciose possano sembrare, il supporto che possono dare ai suoi alleati non va mai sottovalutato.

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto
    "IL VERO IO NON HA FORMA."

    Zenyatta è un monaco omnic che vaga per il mondo alla ricerca dell'illuminazione spirituale. Si dice che chiunque incroci la sua strada non sia più lo stesso.

    Anni fa, in seguito alla Crisi degli Omnic, un gruppo di robot omnic reietti sperimentò quello che essi stessi definirono un risveglio spirituale. Abbandonarono perciò le loro vite preprogrammate e fondarono un monastero comunitario sulle cime dell'Himalaya. Dopo molti anni di meditazione sulla natura dell'esistenza, giunsero alla conclusione di non essere semplici intelligenze artificiali ma di possedere anch'essi, al pari degli umani, l'essenza dell'anima.

    Riconoscendo l'eguaglianza spirituale che condividevano con gli umani, i monaci, guidati dall'enigmatico robot Tekhartha Mondatta, decisero di sanare le ferite causate alla generazione precedente dalla Crisi degli Omnic e riportare l'armonia tra robot e umani. Il loro messaggio venne accolto da milioni di persone in tutto il mondo, rendendoli delle celebrità globali.

    Il monaco Zenyatta, però, non condivideva questo orientamento. Sosteneva che il modo corretto per risolvere i problemi tra umani e omnic non derivasse dall'insegnamento dogmatico, ma dai rapporti interpersonali e dall'impegno.

    Alla fine, Zenyatta ha deciso di seguire la propria via. Ha lasciato il monastero e viaggiato per il mondo, aiutando coloro che incontrava a superare i propri problemi fino al raggiungimento della pace interiore. Tuttavia, in caso di necessità, è sempre pronto a combattere per proteggere gli innocenti, siano essi omnic o umani.
  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Tanto misterioso quanto mortale, Reaper è ritenuto responsabile di diversi attacchi terroristici ed è risaputa la sua partecipazione in diversi conflitti armati. Nonostante le sue apparizioni siano sempre state ritenute casuali ed imprevedibili, ultimamente si ritiene che il terrorista stia seguendo uno scopo ben preciso.. l'eliminazione sistematica di tutti gli ex-membri di Overwatch.



    ABILITÀ


    • BOCCHE INFERNALI: Reaper spara dalle sue pistole a canne mozze.

    • FORMA SPETTRALE: permette di trasformarsi in un'ombra per breve tempo rendendo Reaper immune ai danni e capace di passare attraverso i nemici. Non può però usare armi o abilità.

    • PASSO D'OMBRA: all'attivazione si viene trasportati istantaneamente nel luogo prescelto.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • SPIRALE DELLA MORTE: Ruotando su se stesso Reaper spara in tutte le direzioni ad alta velocità, infliggendo danni ai nemici circostanti.

    Mortale ed elusivo, Reaper incarna una delle paure più grosse dell'uomo.. la morte è sempre dietro l'angolo.

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto
    "LA MORTE CAMMINA TRA VOI."

    La reale identità e le motivazioni dell'inquietante terrorista noto come Reaper restano un mistero. Ciò che si sa per certo è che dovunque appaia, la morte non tarda ad arrivare.

    Reaper è un mercenario estremamente volubile, un assassino spietato e senza scrupoli responsabile di attacchi terroristici in tutto il mondo. Nell'ultimo decennio ha partecipato a numerosi conflitti armati, pur senza essere legato a una specifica causa od organizzazione.

    I pochi sopravvissuti lo descrivono come un'ombra spettrale che si aggira indisturbata per i più sanguinosi campi di battaglia. I corpi delle sue vittime mostrano evidenti segni di decadimento cellulare: pallidi involucri dai quali la vita sembra essere stata risucchiata. È possibile che egli sia il risultato di un'alterazione genetica fallita, e che le sue cellule siano in grado di decomporsi e rigenerarsi a una velocità abnorme.

    Coloro che cercano di seguire le sue tracce sostengono che ultimamente le sue apparizioni seguano uno schema preciso. Sono convinti che Reaper stia dando la caccia agli ex agenti di Overwatch per eliminarli sistematicamente.
  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Sin da piccola Fareeha Amari (Pharah) sognava di entrare nell'organizzazione Overwatch per seguire le orme di sua madre. Sfortunatamente l'organizzazione fu sciolta prima che Fareeha potesse farne parte, impedendole così di raggiungere il suo obiettivo. Nonostante questo, l'egiziana si fece un nome all'interno dell'esercito del suo paese, ed è ora parte di una squadra di protezione del centro di ricerca sull'intelligenza artificiale segreto vitale per la sicurezza mondiale, situato sotto la piana di Giza.



    ABILITÀ


    • LANCIARAZZI: l'arma lancia un razzo che infligge pesanti danni ad area all'impatto.

    • PROPULSORI: Pharah vola per un breve periodo di tempo.

    • SCARICA ESPLOSIVA: un piccolo razzo che respinge i nemici colpiti e infligge notevoli danni alle barriere.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • PIOGGIA DI FUOCO: Pharah lancia una grossa quantità di razzi sull'area bersaglio.

    Grazie alla sua tuta Raptora Mark VI, non c'è nemico che possa sfuggire all' incessante attacco di Phara, e persino gli scudi non possono proteggere dai razzi di questo soldato egiziano.

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto
    "PROTEGGERÒ GLI INNOCENTI."

    Fareeha Amari proviene da una famiglia con una lunga e prestigiosa tradizione militare. L'attaccamento al dovere fa parte del suo DNA e il suo desiderio più profondo è servire con onore.

    Da bambina Fareeha sognava di seguire le orme di sua madre e di unirsi alla forza di pace globale, Overwatch. Si arruolò nell'esercito egiziano e, grazie a tenacia e abilità tattiche, riuscì a farsi strada fra i ranghi diventando un ufficiale coraggioso e capace di ottenere la fiducia dei suoi sottoposti. Con il suo curriculum esemplare, Fareeha era un'ottima candidata per unirsi a Overwatch, ma prima di averne l'occasione, l'organizzazione venne sciolta.

    Dopo essersi congedata con un encomio per meriti di servizio, le fu offerto un impiego presso la Helix Security International, un'agenzia privata incaricata di difendere il centro di ricerca sull'intelligenza artificiale nascosto sotto la piana di Giza. L'installazione segreta era considerata vitale per la sicurezza non solo della regione, ma di diverse nazioni in tutto il globo. Fareeha accettò con piacere e iniziò a far pratica con la Raptora Mark VI, una tuta da combattimento sperimentale progettata per assicurare grande mobilità sul campo di battaglia e una devastante potenza di fuoco.

    Con il nome in codice "Pharah", ora lavora alla sicurezza dell'installazione. Pur consapevole che Overwatch non esiste più, sogna ancora di partecipare a grandi battaglie per il bene dell'umanità.
  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Reinhardt Wilhelm, un soldato tedesco di 61 anni, è parte di Overwatch sin dalla sua fondazione, un archetipo del vero eroe valoroso. Etica inflessibile, elevato senso della giustizia, schiettezza e sincerità assoluta sono le caratteristiche che lo contraddistinguono. Un futuro migliore ci attende e lui è qui per aiutarci ad ottenerlo.



    ABILITÀ


    • MARTELLO A REAZIONE: infligge un'elevata quantità di danni in un ampio arco frontale.

    • SCUDO: uno scudo frontale in grado di assorbire danni e proteggere chiunque sia dietro di esso. Reinhardt non può attaccare quando lo scudo è attivo.

    • CARICA: Reinhardt carica in avanti ed afferra i nemici che ha di fronte. Se alla fine sbatte contro un muro, tutti i nemici subiscono danni elevati.

    • DARDO DI FUOCO: un proiettile infuocato scagliato dal suo martello che trapassa e danneggia tutti i nemici toccati.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • SCHIANTO SISMICO: il suo Martello a Reazione destabilizza il terreno facendo cadere e danneggiando i nemici di fronte a lui.

    Reinhardt è il difensore per eccellenza che può proteggere i propri alleati e destabilizzare i nemici. La giustizia ha una sua degna incarnazione.

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto
    "SIA FATTA GIUSTIZIA."

    Reinhardt Wilhelm si considera un campione di un'era passata, deciso a vivere seguendo un codice cavalleresco di valore, giustizia e coraggio.

    Oltre trent'anni fa, Overwatch fu fondata per contrastare la rivolta dei robot in tutto il mondo. Reinhardt, un soldato tedesco pluridecorato, faceva parte della squadra d'assalto originale di Overwatch che pose fine alla Crisi degli Omnic. Dopo la risoluzione del conflitto, Overwatch crebbe fino a diventare un'istituzione globale, col compito di mantenere la pace in un mondo devastato dalla guerra. Reinhardt seppe dimostrarsi uno dei campioni più valorosi a disposizione dell'organizzazione.

    L'inflessibile etica di Reinhardt e la sua assoluta dedizione gli valsero l'ammirazione di colleghi e superiori. Mai timoroso di esprimere la propria opinione, fu uno dei più convinti sostenitori di Overwatch e, quando necessario, uno dei suoi critici più feroci, sempre pronto a ricordare che essa doveva rappresentare una forza votata al bene.

    Alla soglia dei sessant'anni, Reinhardt venne costretto a lasciare il servizio attivo. Il ritiro forzato dalle operazioni di combattimento lo amareggiò molto: temeva che i suoi giorni di gloria in seno all'organizzazione fossero ormai finiti. Quando Overwatch fu accusata di corruzione e sedizione, Reinhardt non poté che assistere impotente al crollo di tutto ciò a cui aveva dedicato la vita.

    Infine Overwatch venne sciolta, ma Reinhardt non intendeva starsene con le mani in mano mentre il mondo sprofondava nel caos. Indossando nuovamente la sua armatura Crusader, giurò di combattere per la giustizia in tutta Europa come i cavalieri di un tempo, difendendo gli innocenti e conquistando il cuore e la mente della gente con la promessa di un futuro migliore.
  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Amelié Lacroix, ora conosciuta come Widowmaker, fu un tempo moglie dell'agente di Overwatch Gérard Lacroix. L'organizzazione terroristica Talon la rapì allo scopo di utilizzarla per assassinare il suo stesso marito grazie a tecniche di ricondizionamento neurale. Compiuta la sua sanguinaria missione, Amelié tornò all'organizzazione criminale per completare il suo addestramento e diventare uno dei micidiali e pericolosi assassini presenti in circolazione.



    ABILITÀ


    • BACIO DELLA VEDOVA: a seconda di come viene utilizzato, può funzionare come un fucile da cecchino o un mitragliatore automatico.

    • RAMPINO: Widowmaker può usare questa abilità per agganciarsi alle sporgenze e raggiungere i punti più elevati della mappa.

    • MINA VENEFICA: quando un nemico si avvicina, la mina esplode, avvelenando i nemici presenti nella zona circostante.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • VISORE TERMICO: permette a Widowmaker e i suoi alleati di vedere i nemici attraverso pareti e altri oggetti solidi.

    Tanto mortale quanto bella, Widowmaker è un difensore difficile da neutralizzare sia per via delle sue elevate capacità di movimento, che delle sue mine.

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto
    "OGNI COLPO, UN MORTO."

    Widowmaker è l'assassina perfetta: una killer paziente, abile e spietata, senza emozioni o rimorsi.

    Si ritiene che in passato Widowmaker fosse sposata con Gérard Lacroix, un agente di Overwatch responsabile delle operazioni contro l'organizzazione terroristica Talon. Dopo il fallimento di numerosi tentativi di assassinio contro Gérard, Talon decise di cambiare approccio e colpire sua moglie, Amélie. I terroristi la rapirono e la sottoposero a un intenso programma di ricondizionamento neurale, alterandone la personalità e riprogrammandola come agente dormiente. Venne infine portata in salvo dagli agenti di Overwatch, apparentemente incolume, e tornò alla sua vita di tutti i giorni.

    Due settimane dopo, uccise Gérard nel sonno.

    Avendo compiuto la sua missione, Amélie tornò alla sede di Talon, dove terminò il processo per diventare una letale arma vivente. Ricevette un addestramento intensivo per le azioni furtive, inclusa l'alterazione della sua fisiologia: il suo cuore cominciò a battere più lentamente, rendendo la sua pelle fredda e bluastra e causando un totale distacco dalle emozioni umane. Amélie non esisteva più.

    Ora Widowmaker è l'assassina più letale a disposizione di Talon, e l'unica emozione che prova è la soddisfazione per un lavoro ben fatto.
  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Abbandonata per oltre un decennio in mezzo alla natura, questa unità Bastion si ritrovò riattivata con il modulo di combattimento disattivato in mezzo ad un mondo devastato dalla guerra. Decise così di vagare per il mondo alla ricerca di un nuovo scopo per la sua esistenza. Quando si rivela necessario, l'unità da combattimento si riavvia trasformando questo pacifico automa in una terrificante arma di morte e distruzione.



    ABILITÀ


    • ASSETTO DA BATTAGLIA: Bastion può muoversi liberamente e sparare utilizzando un'arma a medio raggio.

    • ASSETTO DA ASSEDIO: in questa modalità Bastion perde la capacità di muoversi ma guadagna una mitragliatrice a rapida cadenza di fuoco ed uno scudo frontale.

    • RICONFIGURAZIONE: modifica l'assetto liberamente.

    • AUTORIPARAZIONE: a scapito della capacità di muoversi e attaccare, Bastion può recuperare vita.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • ASSETTO CARRO ARMATO: Bastion diventa un carro armato per un periodo di tempo limitato, sparando pericolosi proiettili dal suo nuovo cannone.

    Come suggerisce il nome, l'unità Bastion è un difensore dall'elevata potenza, veramente difficile da neutralizzare se in ASSETTO DA ASSEDIO. Non stategli mai di fronte!

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto
    Questa particolare unità Bastion, impiegata in prima linea al tempo della devastante Crisi degli Omnic, ora è dedita all'esplorazione del mondo, affascinata dalla natura ma anche turbata dalla diffidenza degli umani.

    Create inizialmente per mantenere l'ordine pubblico, le unità robotiche Bastion potevano cambiare rapidamente assetto per adattarsi a differenti esigenze tattiche. Tuttavia, durante la Crisi degli Omnic vennero schierate contro i propri creatori umani, arrivando a formare il grosso dell'esercito ribelle. In seguito alla risoluzione della crisi, la quasi totalità delle unità fu distrutta o smantellata. Tutt'oggi, le unità Bastion continuano a essere il simbolo degli orrori del conflitto.

    Una particolare unità Bastion, gravemente danneggiata negli scontri finali della guerra, venne abbandonata per oltre un decennio. Rimase in stato dormiente, esposta agli elementi mentre la natura ne prendeva lentamente possesso. Il robot, ricoperto di radici e viticci e ridotto a tana per piccoli animali, rimase inerte, apparentemente ignaro del passare del tempo, finché all'improvviso un giorno si riattivò. Con il protocollo di combattimento disattivato, sviluppò uno spiccato interesse per la natura e le sue creature. L'unità Bastion, incuriosita, decise di esplorare il mondo alla ricerca di un nuovo scopo in un pianeta devastato dalla guerra.

    Benché "Bastion" sembri gentile, talvolta persino innocuo, quando percepisce un pericolo il suo protocollo di combattimento si riattiva, sfruttando appieno l'arsenale dell'unità per eliminare qualsiasi cosa consideri una minaccia. Ciò ha portato il robot a sporadici conflitti con i pochi umani che ha incontrato, spingendolo a evitare le zone abitate e a restare nelle regioni più selvagge della Terra.
  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Torbjörn Lindholm è stato un forte sostenitore della necessità di mantenere una supervisione umana e non computerizzata della tecnologia. Nonostante i suoi colleghi lo ritenessero paranoico, la Crisi Omnic dimostrò che le preoccupazioni del progettista d'armamenti erano più che fondate. Overwatch decise di reclutare Torbjörn nella speranza che il suo genio potesse aiutare a fermare i robot senzienti prima che fosse troppo tardi. Dopo lo scioglimento dell'organizzazione, molte della armi create da Torbjörn vennero nascoste per impedire che finissero nella mani sbagliate e ora lui vuole assicurarsi che la situazione non cambi.



    ABILITÀ


    • SPARACHIODI: l'arma di Torbjörn può sparare una salva di chiodi a lungo raggio oppure del metallo fuso a breve distanza.

    • MARTELLO DA FORGIA: il martello multiuso permette di costruire, riparare o potenziare la TORRETTA. In alternativa può anche essere usato come arma da mischia.

    • TORRETTA: questo cannone può attaccare automaticamente i nemici. Viene costruito utilizzando i rottami raccolti dai corpi di nemici e alleati. Può essere riparato o potenziato.

    • MODULO D'ARMATURA: dopo che viene posizionato a terra, gli alleati possono raccoglierlo per guadagnare uno scudo.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • NUCLEO ARDENTE: TORRETTA ottiene una grossa quantità di armatura e rottami. Può anche attaccare, costruire e riparare torrette più velocemente del normale.

    Grazie alle sue invenzioni, Torbjörn può prendere controllo di una zona importante della mappa. Deve però anche spostarsi per il campo di battaglia con metodo, per poter raccogliere gli indispensabili rottami.

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto
    "MONTARE E SMONTARE: DUE FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA."

    Nel momento di massimo splendore, Overwatch possedeva gli armamenti più avanzati del pianeta, tutti prodotti nell'officina diretta dal brillante ingegnere Torbjörn Lindholm.

    Prima della Crisi degli Omnic, Torbjörn era diventato famoso per aver progettato numerosi sistemi d'armamento utilizzati da diverse nazioni su tutta la Terra. La sua convinzione che la tecnologia dovesse rimanere sotto la stretta supervisione dell'umanità lo mise però in contrasto con i suoi datori di lavoro, orientati ad affidare il controllo degli armamenti a un'intelligenza artificiale gestita da una rete di computer.

    Torbjörn aveva sempre provato una forte diffidenza nei confronti dei robot senzienti: benché molti suoi colleghi lo considerassero semplicemente paranoico, le sue peggiori paure si concretizzarono quando i robot di tutto il mondo si rivoltarono contro i loro creatori umani durante la Crisi degli Omnic. Grazie alle sue geniali capacità ingegneristiche, venne reclutato nella squadra d'assalto originale di Overwatch, e molte delle sue invenzioni si rivelarono fondamentali per porre fine alla crisi. Negli anni successivi, Overwatch divenne una forza di pace internazionale e Torbjörn continuò a essere una preziosa risorsa per l'organizzazione, fornendole costantemente nuove tecnologie e sistemi d'armamento.

    In seguito alla caduta di Overwatch, molti degli armamenti di Torbjörn sono stati trafugati o nascosti in giro per il mondo. Sentendosi responsabile per le sue creazioni, Torbjörn è deciso a impedire che cadano nelle mani sbagliate e possano essere usate contro degli innocenti.
  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    In seguito alla morte del padre, gli anziani del clan assegnarono ad Hanzo una difficile missione, completata la quale egli sarebbe potuto diventare il nuovo capo della famiglia Shimada. Avrebbe dovuto riportare suo fratello all'interno dell'impero criminale del clan. Quando quest'ultimo si rifiutò, Hanzo fu costretto ad ucciderlo, ma il pentimento ed il rimorso per la terribile decisione che dovette prendere convinsero il giovane guerriero ad esiliarsi per espiare i suoi peccati, rinunciando così all'eredità del padre.



    ABILITÀ


    • ARCO DELLA TEMPESTA: Hanzo lancia una freccia verso il bersaglio.

    • FRECCIA SONICA: questa freccia è dotata di un rilevatore sonar, che rivela a tutti i membri della squadra qualsiasi nemico entri nel suo raggio.

    • FRECCIA INFIDA: dopo aver colpito il bersaglio la freccia si divide, lanciando frammenti che rimbalzano su pareti e oggetti.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • ASSALTO DEL DRAGO: Hanzo evoca lo spirito di un drago che avanza in linea retta attraversando i muri e colpendo tutti i nemici sul suo percorso, infliggendo pesanti danni.

    Assassino e arciere senza eguali, Hanzo ha deciso di percorrere un difficile sentiero verso la redenzione; nulla che lo spirito di un drago non possa risolvere!

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto
    "OGNI MORTE PORTA ONORE. E CON L'ONORE, LA REDENZIONE."

    Deciso a perfezionare le sue abilità di arciere e assassino, Hanzo Shimada aspira a diventare un guerriero senza pari.

    Gli Shimada sono una famiglia di antica origine, un clan di assassini il cui potere crebbe negli anni fino alla creazione di un vasto impero criminale basato sul traffico d'armi e di stupefacenti. Come primogenito del capofamiglia, Hanzo doveva succedere a suo padre alla guida dell'impero Shimada. Sin dalla giovane età venne addestrato per questo compito, mostrando una naturale attitudine al comando e un'innata predisposizione per strategie e tattiche. Eccelleva anche in ambiti più pratici, rivelandosi un prodigio nelle arti marziali, nell'uso della spada e dell'arco.

    Alla morte del padre, gli anziani del clan ordinarono ad Hanzo di rimettere in riga suo fratello minore, affinché anch'egli desse un contributo alla causa dell'impero Shimada. Quando il fratello si rifiutò, Hanzo fu costretto a ucciderlo. Questa tragedia gli spezzò il cuore, spingendolo a rinunciare all'eredità di suo padre e infine ad abbandonare il clan e tutto ciò per cui si era preparato duramente per anni.

    Ora Hanzo viaggia per il mondo perfezionando le sue abilità di guerriero, nel tentativo di riscattare il suo onore e seppellire i fantasmi del passato.
  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Chirurga in un importante ospedale svizzero, Angela Ziegler (chiamata anche Mercy) fu la prima persona a realizzare delle tecniche di nano-biologia all'avanguardia in grado di migliorare radicalmente il trattamento di svariate malattie e ferite gravi. Quando si unì a Overwatch, i primi tempi ebbe difficoltà ad accettare l'approccio militaristico dell'organizzazione. Con il tempo comprese che le vite che potevano essere salvate con questo metodo valevano il prezzo da pagare, per quanto amaro. Anche dopo lo scioglimento dell'organizzazione, Mercy continuò il suo lavoro di medico da battaglia tramite l'ausilio della sua potente tuta Valkyrie.



    ABILITÀ


    • CADUCEO BENEFICO: Disponibile quando si utilizza la propria arma su un alleato, Mercy può decidere di curarlo o potenziarlo fino a quando il collegamento con il bersaglio non viene interrotto.

    • CADUCEO PUNITIVO: Arma a ripetizione a corto raggio.

    • ANGELO CUSTODE: Permette di volare rapidamente verso un alleato.

    • DISCESA ANGELICA: Grazie alla sua tuta Mercy può rallentare la velocità di caduta, permettendole di scendere in sicurezza da grandi altezze.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • RESURREZIONE: Riporta in vita a piena salute tutti gli alleati morti nelle vicinanze.

    Un angelo custode in tutto e per tutto, avere Mercy al proprio fianco significa non temere la morte. Ma bisogna porre molta attenzione, perché purtroppo la chirurga svizzera ha ben pochi mezzi a sua disposizione per proteggere se stessa.

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto
    "GLI EROI NON MUOIONO MAI"

    Considerata un angelo custode da chi si trova sotto le sue cure, la dottoressa Angela Ziegler è un impareggiabile medico, una brillante scienziata e un'irremovibile sostenitrice della pace.

    Ziegler, primario di chirurgia in un importante ospedale svizzero, fu la prima a sviluppare innovative tecniche di nanobiologia capaci di migliorare radicalmente il trattamento di malattie e lesioni gravi. Fu proprio grazie alle sue competenze che attirò l'interesse di Overwatch.

    Avendo perduto entrambi i genitori a causa della guerra, Ziegler era contraria all'approccio militaristico dell'organizzazione per mantenere la pace nel mondo, ma alla fine comprese che Overwatch le offriva l'opportunità di salvare vite su una scala nettamente superiore. Come responsabile delle ricerche mediche di Overwatch, Angela cercò di applicare i suoi studi a sistemi di pronto intervento per risolvere situazioni critiche in prima linea. Il risultato fu la tuta di risposta rapida Valkyrie, che lei stessa impiegò in numerose missioni.

    Nonostante i suoi contributi a Overwatch, si trovò spesso in contrasto con i suoi superiori e le crescenti mire dell'organizzazione. Quando quest'ultima venne sciolta, Ziegler si dedicò ad assistere le vittime della guerra.

    Benché passi molto del suo tempo a soccorrere i deboli e i diseredati nelle aree più devastate del mondo, la dottoressa Ziegler è sempre pronta a indossare la sua tuta Valkyrie per aiutare gli innocenti in pericolo.
  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Harold Winston è uno dei dottori che partecipò ad una serie di esperimenti tesi a rilanciare l'esplorazione spaziale da parte del genere umano. A questo scopo alcuni gorilla furono geneticamente modificati e portati come cavie sulla Colonia Lunare Horizon per studiare al meglio gli effetti della permanenza prolungata nello spazio di un organismo vivente. Quando i gorilla si ribellarono agli scienziati, tutti gli umani presenti sulla Colonia vennero uccisi. Solo uno di questi gorilla non si unì ai suoi fratelli nel massacro e scappo dalla base lunare con un razzo di fortuna, riuscendo ad arrivare sulla terra. In onore del suo mentore, questo gorilla decise che, da quel momento in poi, il suo nome sarebbe stato Winston.



    ABILITÀ


    • CANNONE TESLA: attacco a corto raggio che continua fino a quando viene tenuto premuto il pulsante corrispondente.

    • IPERSALTO: Winston si lancia in aria. All'atterraggio i nemici vicini vengono storditi e danneggiati.

    • PROIETTORE DIFENSIVO: crea un campo di forza sferico che assorbe i danni. Gli alleati di Winston al suo interno possono comunque sparare al di fuori del campo di forza.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • RABBIA PRIMORDIALE: Winston aumenta drasticamente la sua vita e potenzia i suoi attacchi da mischia, oltre a permettergli di utilizzare più spesso IPERSALTO. Mentre questa abilità è attiva, Winston può utilizzare solamente attacchi da mischia e IPERSALTO.

    Forte e molto intelligente, Winston è un instancabile difensore dei suoi compagni. Nel momento del bisogno, la sua anima di bestia si mostra in una potenza irrefrenabile anche in attacco.

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto
    "L'IMMAGINAZIONE È L'ESSENZA DELLA SCOPERTA."

    Winston, un gorilla super-intelligente geneticamente modificato, è un brillante scienziato e un fiero sostenitore del potenziale dell'umanità.

    La Colonia Lunare Horizon venne fondata allo scopo di rilanciare l'esplorazione spaziale da parte degli uomini. Nella base era presente anche un gruppo di gorilla geneticamente modificati, sui quali venivano studiati gli effetti di una permanenza prolungata nello spazio.

    Un gorilla in particolare dimostrò un rapidissimo sviluppo cerebrale in seguito alla terapia genetica, tanto che il dottor Harold Winston decise di occuparsi di lui in modo particolare, introducendolo ai misteri della scienza e ispirandolo con racconti sull'ingegnosità dell'uomo. Il giovane gorilla passava intere giornate ad assistere gli scienziati negli esperimenti e a osservare dalle finestre della colonia quel lontano mondo blu, che pareva promettergli infinite possibilità.

    La sua vita venne sconvolta quando gli altri gorilla scatenarono una ribellione, uccidendo gli scienziati della missione e impossessandosi della colonia. Prendendo il nome del suo amato mentore, Winston costruì un razzo di fortuna e fuggì sulla Terra; qui trovò una nuova casa in Overwatch, un'organizzazione che rappresentava tutto ciò che egli ammirava negli umani. Winston poteva finalmente vivere secondo gli eroici ideali che aveva appreso in gioventù.

    In seguito alla caduta di Overwatch, Winston si è ritirato in solitudine ed è nuovamente separato dal mondo in cui ha sempre creduto, in attesa del giorno in cui il suo eroismo sarà richiesto ancora una volta.
  • Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Ex agente di Overwatch, Lena Oxton (nome in codice Tracer) rimase coinvolta in un incidente durante la sperimentazione del prototipo di un aereo, a seguito del quale sparì. Dopo diversi mesi Tracer riapparve, ma l'incidente l'aveva resta distaccata dal normale scorrere del tempo. Tutto sembrava perduto ma grazie all'intervento di Winston, venne sviluppato un nuovo congegno che permise a Tracer di controllare la sua presenza all'interno di una linea temporale, e portandola così a diventare uno degli agenti più efficaci di Overwatch.



    ABILITÀ


    • PISTOLE A IMPULSI: abilità di base di Tracer, permette di infliggere una grossa quantità di danno in breve tempo ai nemici che si trovano a corto-medio raggio.

    • TRASLAZIONE: Tracer si sposta rapidamente nella direzione in cui sta guardando. È possibile accumulare fino a tre cariche dell'abilità, permettendo in questo modo di utilizzarla in rapida successione.

    • FLASHBACK: grazie al suo distacco dalla linea temporale, Tracer può tornare indietro nel tempo di qualche secondo, tornando così alla posizione in cui si trovava qualche istante prima, unita alla salute e alle munizioni.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • BOMBA A IMPULSI: è una granata che si attacca al punto dove viene lanciata. Dopo pochi secondi la bomba esplode infliggendo grossi danni a tutti i nemici nel raggio d'azione.

    Mobilità è la parola chiave del gamplay di Tracer: nessun'altro può muoversi per il campo di battaglia seminando così tanto scompiglio all'interno della squadra nemica.

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto
    "NIENTE PAURA, ARRIVANO I NOSTRI!"

    L'ex agente di Overwatch nota come Tracer è un'avventuriera in grado di spostarsi nel tempo, nonché un'irrefrenabile forza al servizio del bene.

    Lena Oxton, nome in codice "Tracer", è stata la persona più giovane ammessa al programma di volo sperimentale di Overwatch. Nota per le sue impavide gesta come pilota, venne scelta per guidare un prototipo di caccia a teletrasporto integrato, lo Slipstream. Durante il primo volo di prova, però, la matrice di teletrasporto dell'aereo non funzionò correttamente, facendo scomparire il velivolo nel nulla. Lena venne data per morta.

    Riapparve alcuni mesi più tardi, ma l'esperienza l'aveva cambiata radicalmente: le sue molecole non erano più in sincronia con il flusso del tempo. Affetta da "dissociazione temporale", era a tutti gli effetti un fantasma vivente che poteva scomparire per ore o per giorni interi. Anche nei rari momenti in cui era presente, era incapace di mantenere una forma fisica stabile.

    I dottori e gli scienziati di Overwatch erano perplessi: il caso di Tracer sembrava senza speranze, fin quando un ricercatore di nome Winston non progettò un acceleratore temporale capace di mantenere Tracer ancorata al presente. Il dispositivo le permetteva inoltre di controllare il proprio tempo, accelerandolo o rallentandolo a suo piacimento. Queste nuove abilità fecero di lei uno degli agenti più efficaci di Overwatch.

    Anche dopo la dissoluzione dell'organizzazione, Tracer continua a contrastare le ingiustizie e a lottare per il bene ogni volta che se ne presenta l'occasione.
LIVE STREAMING
WOWPROGRESS.IT
# Gilda Tier 21
1 Below Average
11/11 (M)
Antorus, the Burning Throne
M: Devastamondi Garothi
M: Vilsegugi di Sargeras
M: Alto Comando degli Antoran
M: Guardiana dei Portali Hasabel
M: Eonar, la Protettrice della Vita
M: Imonar, il Cacciatore di Anime
M: Kin'garoth
M: Varimathras
M: Congrega delle Shivarra
M: Aggramar
M: Argus il Distruttore
2 PIO PIO SQUAD
10/11 (M)
Antorus, the Burning Throne
M: Devastamondi Garothi
M: Vilsegugi di Sargeras
M: Alto Comando degli Antoran
M: Guardiana dei Portali Hasabel
M: Eonar, la Protettrice della Vita
M: Imonar, il Cacciatore di Anime
M: Kin'garoth
M: Varimathras
M: Congrega delle Shivarra
M: Aggramar
H: Argus il Distruttore
3 Hated
10/11 (M)
Antorus, the Burning Throne
M: Devastamondi Garothi
M: Vilsegugi di Sargeras
M: Alto Comando degli Antoran
M: Guardiana dei Portali Hasabel
M: Eonar, la Protettrice della Vita
M: Imonar, il Cacciatore di Anime
M: Kin'garoth
M: Varimathras
M: Congrega delle Shivarra
M: Aggramar
H: Argus il Distruttore
4 Last Try
9/11 (M)
Antorus, the Burning Throne
M: Devastamondi Garothi
M: Vilsegugi di Sargeras
M: Alto Comando degli Antoran
M: Guardiana dei Portali Hasabel
M: Eonar, la Protettrice della Vita
M: Imonar, il Cacciatore di Anime
M: Kin'garoth
M: Varimathras
M: Congrega delle Shivarra
H: Aggramar
H: Argus il Distruttore
5 IgnorHunters
9/11 (M)
Antorus, the Burning Throne
M: Devastamondi Garothi
M: Vilsegugi di Sargeras
M: Alto Comando degli Antoran
M: Guardiana dei Portali Hasabel
M: Eonar, la Protettrice della Vita
M: Imonar, il Cacciatore di Anime
M: Kin'garoth
M: Varimathras
M: Congrega delle Shivarra
H: Aggramar
H: Argus il Distruttore
Visualizza tutto il progress