• Scritto da ,
    Nella sezione Overwatch Eroi trovate le descrizioni complete di tutti gli altri eroi presenti nel gioco.

    Aleksandra visse la sua infanzia circondata dalla distruzione portata dalla guerra contro l'Omnium siberiano. Sin da piccola si impegnò a diventare sempre più forte con lo scopo di difendere le persone che amava ed il suo paese. Dopo aver abbandonato i campionati mondiali di body building per combattere nella nuova guerra contro gli Omnic, Aleksandra Zaryanova (detta Zarya) è ora diventata un simbolo per tutti i suoi compatrioti.



    ABILITÀ


    • CANNONE A PARTICELLE: Zarya spara con il suo cannone, pericolosissimo a corta distanza. Può anche utilizzare il fuoco secondario per lanciare una carica esplosiva che oltrepassa i nemici colpiti.

    • BARRIERA PARTICELLARE: Uno scudo protegge Zarya e allo stesso tempo trasforma i danni assorbiti in energia che potenzia il CANNONE A PARTICELLE.

    • PROIEZIONE DIFENSIVA: Una versione della BARRIERA PARTICELLARE utilizzabile sugli alleati.

    ABILITÀ DEFINITIVA
    • BOMBA GRAVITONICA: Una bomba che si attacca al luogo dove viene lanciata e attira verso il suo centro i nemici vicini, danneggiandoli e impedendo loro di scappare.

    Forza e tecnologia impegnate per la difesa del paese e delle persone amate; questa è Zarya e prima di attaccare la Russia sarà lei ad attaccare voi.

    Immagine


    BIOGRAFIA


    Blizzard ha scritto
    "INSIEME SIAMO PIÙ FORTI."

    Aleksandra Zaryanova è una delle donne più forti del mondo, un'atleta famosa che ha rinunciato alla gloria personale per proteggere la sua famiglia, i suoi amici e il suo paese in tempo di guerra.

    Aleksandra è nata in un remoto villaggio della Siberia che si trovava in prima linea sul fronte della Crisi degli Omnic, scoppiata circa trent'anni fa. Benché le forze russe fossero riuscite a sconfiggere i robot e a chiudere il loro Omnium, la regione venne devastata dal conflitto. Aleksandra, al tempo solo una bambina, crebbe circondata dalla distruzione post-bellica, giurando a se stessa che avrebbe ottenuto la forza necessaria per aiutare la propria gente a riprendersi.

    Impegnata nel sollevamento pesi e nel body building, Aleksandra fu selezionata dalla commissione atletica nazionale, che riconobbe in lei una potenziale campionessa. Si allenò intensamente, ottenendo continui successi per il proprio paese, ed era in procinto di frantumare tutti i record durante l'imminente campionato mondiale.

    Ma alla vigilia del torneo, l'Omnium siberiano, rimasto a lungo inattivo, lanciò un nuovo attacco, riportando la guerra nella regione. Aleksandra si ritirò immediatamente dalla competizione e tornò in tutta fretta al suo villaggio per arruolarsi nelle forze di difesa locali, sacrificando così la fama e la gloria che avrebbe potuto ottenere.

    Ora presta servizio nell'esercito. È diventata un simbolo per alcuni e una fedele compagna d'armi per altri, ma Aleksandra ha un solo scopo: usare la sua incredibile forza per proteggere coloro che ama.
    Condividi articolo
Commenta la notizia