• L'ultima stagione competitiva di Heroes of the Storm non era iniziata bene, e a quanto pare i problemi non sono finiti. Dopo un pesante reset e diversi interventi mirati per correggere il matchmaking ieri è arrivata un'altra notizia in merito.

    L'iniziale situazione caotica aveva piazzato più giocatori del normale in Lega Bronzo e Master. Questi ultimi stavano ricevendo aggiustamenti personali negativi molto pesanti poiché il sistema li stava riposizionando nella divisione in cui pensava che appartenessero.

    Gli sviluppatori hanno però considerato che tali aggiustamenti non fossero appropriati e sono stati disabilitati fino all'inizio della prossima stagione.

    Nimthanion ha scritto

    Pubblicato a nome del Lead Game Designer Travis McGeathy.

    Abbiamo ricevuto una serie di segnalazioni riguardanti una regolazione verso il basso del punteggio dei giocatori più bravi al termine delle partite e volevamo spiegare perché ciò accade. Con le modifiche apportate al matchmaking in questa stagione, la curva che determina quanti giocatori possono essere a ciascun livello si è un po' appiattita. Questo ha spinto più giocatori verso gli estremi, il che vuol dire che più giocatori del solito erano Bronzo o Master.

    Il sistema si stava correggendo in autonomia per normalizzare la distribuzione, fornendo punti positivi ai giocatori Bronzo e punti negativi ai giocatori Master.Questo comportamento era mirato a ristabilire la normalità, ma concordiamo con la sensazione negativa data dalle continue regolazioni in negativo, per cui lo abbiamo disabilitato. Consentiremo al sistema di correggere la distribuzione all'inizio della prossima stagione, quando verrà effettuata la solita normalizzazione standard. A quel punto, i giocatori Bronzo in eccesso saranno piazzati in Argento, e i giocatori Master in eccesso saranno piazzati in Diamante. Vogliamo ringraziare i giocatori che ci hanno aiutato a identificare la causa di queste regolazioni e ci scusiamo per la confusione e la frustrazione che possono avere creato.

    Condividi articolo
Commenta la notizia