• Scritto da ,
    Attenzione: Se effettui il login puoi cambiare la lingua con cui visualizzare le carte di Hearthstone!
    L'articolo contiene riflessioni personali e segue la politica sugli articoli d'opinione di BattleCraft.

    Oggi inizia una nuova rubrica su Battlecraft che riprende lo spirito delle analisi non competitive dei set di Hearthstone, ma che accantona la pura speculazione e mira a valutare il ciclo dell'espansione che sta per concludersi, in una sorta di analisi "post mortem".

    Il primo set di un nuovo anno è sempre carico di aspettative. Non solo deve permettere al gioco di avanzare utilizzando strategie mai viste prima ma anche colmare il vuoto dei set che vengono ritirati. La fine dell'evento della Locanda del Tempo è il momento migliore per fermarsi un momento e valutare come il Team 5 ha gestito Hearthstone durante Boscotetro.




    La prestazione del set
    Immagine

    Baku la Mangialune e Genn Mantogrigio sono state un grande motore di innovazione: per quasi tutte le Classi i creatori di mazzi hanno rispolverato vecchie carte, inventando strategie e contromosse; mazzi sia Pari che Dispari sono stati usati in tornei importanti.
    Con Eco è stata introdotta una meccanica che permette di modulare la forza di una carta così da farci riflettere se giocarla subito per l’effetto minimo o aspettare; Assalto invece è forse la soluzione giusta per risolvere i problemi di bilanciamento che Carica ha sempre avuto.

    Tante Classi hanno anche ricevuto strumenti che potremmo definire "basici", ma che costituiscono delle importanti fondamenta per diversi archetipi, come ad esempio Sentiero di Guerra per il Guerriero o Inno Divino per il Sacerdote. Non sono mancate carte per archetipi nuovi come Hand Druid e Minion Mage, ma anche per quelli non troppo esplorati come Elemental Shaman e Spell Hunter.

    L'opera di rinnovamento di Boscotetro però è stata decisamente ostacolata dal suo basso power level, che secondo la stragrande maggioranza dei giocatori si attesta ai minimi storici. Questo ha causato una permanenza indesiderata nel meta delle carte del precedente set Coboldi & Catacombe, che Blizzard ha dovuto poi prontamente nerfare.

    Come è stato possibile? Ricordando che il ciclo di produzione di un’espansione dura otto mesi e guardando il calendario forse abbiamo la risposta. Ad agosto 2017 le nuove combinazioni permesse da Cavalieri del Trono di Ghiaccio permisero al Jade Druid di tenere la Classificata in pugno, e portarono all'attuazione di nerf molto pesanti. Team 5 deve aver concluso che la partenza scattante di Un’Goro aveva fornito una base troppo potente, e questa volta hanno scelto una via più conservativa per evitare picchi di potenza incontrollati.

    Hanno fatto bene? Non rilasciare subito tante carte "rotte" certamente rallenta il power creep e allontana nerf riparatori, a costo però di una minor eccitazione da parte dei giocatori. In mia opinione la scelta è stata giusta, ma il verdetto definitivo si avrà solo alla fine dell'Anno del Corvo.


    I passi avanti
    Dopo aver analizzato le carte e il loro contributo diretto al gioco passiamo a valutare tutto il contorno, e cominciamo dagli aspetti che hanno lasciato un'impressione positiva.

    • Il gioco è sempre più animato
      Blizzard ha continuato a lavorare per rendere Hearthstone sempre più vivo e i risultati si vedono: Boscotetro ha una sua lore definita sia fuori dal game, con le Lettere Misteriose, che in gioco, con la Caccia ai Mostri. I nuovi personaggi non sono più mere figurine sulle carte ma personalità riconoscibili che possono avere un rapporto diretto con il giocatore. Ne è un perfetto esempio Toki e il suo ruolo di guida nell'evento della Locanda del Tempo.


    • Nerf efficaci
      Dopo un mese di rodaggio pare davvero che i nerf del 22 maggio abbiano avuto un impatto significativo sul meta. Secondo Vicious Syndicate non ci sono mazzi veramente oppressivi che porterebbero alla stagnazione del gioco e ogni Classe può fare affidamento almeno su un archetipo competitivo. Neanche nel meta di Un'Goro si era arrivati ad una situazione così buona!

    • Arena più considerata
      Ne avevamo parlato anche nell'Analisi dell'Anno del Mammut, l'Arena di Hearthstone è sempre stata poco considerata rispetto alle altre modalità di gioco, ma nel corso del tempo l'impegno degli sviluppatori è aumentato e l'evento della Locanda del Tempo è il culmine di questo processo: non solo è stato creato un autentico mini-set solo per l'Arena, ma Team 5 ha anche rotto il suo -a volte inspiegabile- riserbo sul Draft dell'Arena pubblicando la spiegazione del bucket system.

    Immagine
    Per noi italiani la qualificazione di Turna agli HCT sarà un altro bel ricordo di Boscotetro.


    Gli errori evitabili
    Dopo le lodi a Boscotetro passiamo alle sue ombre, che non sono tante ma piuttosto profonde e da sole capaci di far perdere fiducia ai giocatori sul prodotto.

    • Arena snaturata
      Esiste un numero considerevole di persone che non sono contente della nuova direzione dell'Arena, a cominciare dai cambiamenti della patch 10.4. Dopo la sua introduzione si è assistito ad un aumento della qualità media dei mazzi, lasciando l'impressione che l'Arena si stesse trasformando in una Constructed 2.0 e scontentando chi si era affezionato allo stile di gioco "fare tanto con poco" che ha sempre contraddistinto questa modalità
      Inoltre i nuovi eventi e carte dedicati non hanno fatto altro che aumentare il power level e la casualità delle partite, fattori che possono aumentare il divertimento ma che rendono l'Arena più simile ad una Rissa, dove però bisogna pagare per accedere e che non cambia dopo una settimana.

    • Ben Brode e Ciciazampa
      All'inizio di Boscotetro fece scalpore l'intervista che l'allora Game Director Ben Brode rilasciò a kotaku, dove dichiarò di aver chiesto di eliminare la combo Tremox-Ciciazampa pochi giorni prima del rilascio dell'espansione. Non conoscendo il contesto dell'intervista non sappiamo se Brode avesse l'intenzione di raccontare un aneddoto "pazzesco" a favore della stampa o volesse davvero togliersi un sassolino dalla scarpa mentre abbandonava Blizzard. Probabilmente non lo sapremo mai, ma nella mente dei giocatori la seconda possibilità è la più plausibile e questo potrebbe consolidare la sfiducia verso il team di sviluppo.

    • Gli strani nerf di Tess e Quest Druid
      Il 5 giugno scorso viene pubblicata la patch 11.2 che oltre a contenere l'apprezzatissima Locanda del Tempo introduceva modifiche e "bugfix" ormai diventati odiosi. Tess Mantogrigio riceve lo stesso nerf di Yogg-Saron ma senza il risarcimento di Polvere Arcana, e il mazzo Quest Druid viene effettivamente azzoppato a pochi giorni da un HCT Tour Stop.
      Ci sono volute le proteste di tutta la platea dei giocatori per costringere Blizzard a metterci una pezza, ripristinando Tess e permettendo il cambio del mazzo ai partecipanti al torneo che subivano gli effetti delle modifiche al Druido.

    • Chi è il nuovo Game Director?
      Era il 20 marzo quando Ben Brode annunciava il suo ritiro da Blizzard e mentre scrivo l'offerta di lavoro per la posizione di Game Director è ancora aperta. Per i giocatori non cambia molto sapere chi ricopre certi ruoli in Blizzard, ma questo caso è particolare perché per molto tempo Brode è stato l'anima di Hearthstone e il vuoto che ha lasciato non è ancora stato colmato. Presentare il nuovo Game Director sarebbe un evento che non solo risolverebbe le gerarchie del Team 5 ma darebbe anche un segno sulla direzione che il gioco prenderà in futuro, sulla quale c'è sempre stato un certo grado di incertezza che inquieta i giocatori.


    Boscotetro: promosso o bocciato?


    Boscotetro è stato un buon set di inizio Anno, purtroppo penalizzato dalla presenza in Standard del set dall'alto power level Coboldi&Catacombe, e solo dopo l'intervento di bilanciamento sta finalmente esprimendo il suo potenziale. La Caccia ai Mostri è stata un'esperienza splendida che ha espanso quella delle Spedizioni non solo dal punto di vista del gameplay ma anche dei personaggi.
    Gli eventi e regali hanno fatto prendere fiato ai giocatori f2p e le nuove offerte speciali stanno dando la giusta soddisfazione a chi decide di spendere i propri soldi nel gioco.

    Purtroppo però, come avevo concluso anche alla fine dell'Analisi dell'Anno del Mammut, la debolezza di Hearthstone non è il gioco in sé ma il contorno: il disagio causato da Ciciazampa all'inizio di Boscotetro e la questione di Tess Mantogrigio e Quest Druid hanno portato tanti giocatori, competitivi e non, a chiedersi se valga la pena spendere il proprio tempo e i propri soldi in un gioco che può rendere vano il proprio investimento in un attimo.

    Hearthstone è un videogioco leader del settore ma non è privo di concorrenza; certi passi falsi possono spingere facilmente i giocatori più coinvolti ad abbandonare il prodotto in cerca di lidi migliori.
    Condividi articolo
5 commenti
  • McSoul 03 luglio 2018, 17:30 McSoul
    BattleTag: McSoul#21362
    Messaggi: 322

    Iscritto il: 26 agosto 2015, 01:05
    #1
    Complimenti per l'analisi come sempre condivisibile sotto tutti i punti di vista ^^. 1
  • NZOTH 03 luglio 2018, 22:02 NZOTH
    BattleTag: Crocodile431 #2660
    Messaggi: 807

    Comuni mortali è arrivato lo stregone durotains il flagello di ferro lo sterminatore di re.
    #2
    Io sinceramente spero che la blizzard faccia marcia indietro con il quest druid perché il mazzo dopo il presunto bug fixies e morto, a mio parere almeno dare la possibilità di riavere le dust 0
  • SERAPHIMON 11 luglio 2018, 13:22 SERAPHIMON
    BattleTag: SERAPHIMON#2969
    Messaggi: 2032

    Iscritto il: 25 ottobre 2013, 21:43
    #3
    Ottima analisi e concordo su tutto

    Personalmente devo ribadire l'eccessiva difficoltà della spedizione: coboldi & catacombe, porta via molto tempo, risulta ripetitiva e snervante e questo ovviamente ha influenzato negativamente l'espansione successiva, in quanto non si è potuto concentrarsi e sviluppare le nuove carte per la trascurata classifica

    So che è impossibile, ma spero sempre che la Blizzard inventi un modo per dare un qualche aiuto per completarla
    0
  • Greymane 12 luglio 2018, 16:41 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 7702

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #4
    NZOTH ha scritto:Io sinceramente spero che la blizzard faccia marcia indietro con il quest druid perché il mazzo dopo il presunto bug fixies e morto, a mio parere almeno dare la possibilità di riavere le dust

    @NZOTH

    Quì imho entra in gioco più che altro la comunicazione tra il Team 5 ed i giocatori, una cosa che di recente ho notato, in generale, essere carente da parte della Blizzard (più per WoW che per HS), sebbene sia migliorata comunque negli anni.

    Non capisco il motivo dei cambiamenti al quest Druid esattamente dopo l'aver ricevuto le liste dei giocatori, se hai un certo mazzo sotto osservazione non cambi / limiti / banni le carte nel bel mezzo di un torneo, è completamente no-sense, e da un certo punto di vista, forse un po esagerato (in realtá neanche tanto, se ci pensiamo bene), è una mossa auto-lesionista.

    Io non sono più un giocatore competitivo, su HS in realtá non lo sono mai stato, ma tra Magic (specialmente Magic) e Yu-gi-oh di tornei ne ho fatti e vi assicuro che l'idea di vedersi un mazzo nerfato a torneo giá iniziato è una gran rottura, non tanto per le winrate, ma per l'investimento dedicato ad esso. In Magic fortunatamente non m'è mai capitato, anche perchè queste cose non le fanno, ma in Yu-gi-oh per lo meno ai tempi limitazioni del genere erano giá più frequenti e vi assicuro che la rottura allo scroto si sente parecchio
    0
  • NZOTH 13 luglio 2018, 19:48 NZOTH
    BattleTag: Crocodile431 #2660
    Messaggi: 807

    Comuni mortali è arrivato lo stregone durotains il flagello di ferro lo sterminatore di re.
    #5
    Capisco capisco ma noto che il team 5 se ne frega un po della fanbase su HS o in generale basta vedere ben brode che aveva avvertito a riguardo di ciciazampa e del suo power level, sinceramente credo che brode sia andato via dal team 5 per problemi con il team, poi giustamente la community se incazzata riguardo a tess e del suo nerf ingiusto, perché non necessitiva di un nerf stile yogg perché poi quello era un nerf vero per loro invece no. Sinceramente io gioco competitivo a tratti su HS ma negli ultimi tempi vedo che il team 5 sta iniziando a fare più cavolate del normale quindi questi eventi mi fanno perdere la voglia di investire in un gioco dove il team fa quello che gli pare senza dovute spiegazioni. 0
  • Commenta la notizia
,