• Scritto da ,
    Attenzione: Se effettui il login puoi cambiare la lingua con cui visualizzare le carte di Hearthstone!
    Blizzard ha pubblicato una breve intervista fatta a Che Chou, il responsabile dell'esport di Hearthstone.

    Il 2017 è stato un anno di rivoluzioni per i tornei di Hearthstone, ad esempio la decisione di non far più coincidere la finale mondiale con la BlizzCon, e l'organizzazione dei Championship Tour che ha portato i giocatori a fare il giro del mondo.

    Chou ci racconta come lui e il suo team hanno vissuto queste esperienze e di come intendono proseguire in futuro, stanno anche assumendo.

    Blizzard Entertainment ha scritto

    8 domande a Che Chou, responsabile eSport di Hearthstone

    10/10/2017

    Per sua stessa ammissione, Che Chou ha "un lavoro da sogno": gestire l'eSport di Hearthstone. Chou si è fatto prendere dalla mania di Hearthstone mentre ricopriva il ruolo di direttore community ed eSport per Xbox, e ha deciso di combinare le sue passioni lavorando per Blizzard. Con l'aiuto della sua squadra, si occupa di organizzare alcuni dei più grandi palchi dedicati al gioco, dall'Hearthstone Championship Tour (HCT) all'Hearthstone Global Games (HGG). Abbiamo trovato un momento per passare alcuni minuti vicino al focolare e discutere con lui di tutto quello che riguarda gli eSport di Hearthstone.

     

    Allora, di cosa ti occupi?

    "La mia principale responsabilità è assicurarmi che il mio team (che si occupa del duro lavoro gestionale dell'HCT, dell'HGG, dei programmi collegiali, ecc.) abbia tutto ciò che gli serve per portare a termine il proprio lavoro. Dedico anche molto tempo a discutere con il team di Hearthstone e con i responsabili di Blizzard sulla direzione che gli eSport di Hearthstone dovrebbero seguire. Pensare in quale direzione convogliare gli eSport di Hearthstone è in poche parole il mio lavoro quotidiano."

    20170323_Carlton-Beener_HCTWinter_Bahamas_0656.jpg

    Quanta gente è coinvolta nella realizzazione degli eSport di Hearthstone?

    "Gli eSport stanno ricevendo tantissima attenzione, di conseguenza molte persone nella società hanno a che fare con gli eventi di Hearthstone per renderli ciò che sono. Riguardo al mio team, che è sotto la sezione eSport di Blizzard, stiamo ancora assumendo [ride], e vi consiglio di consultare questo link se foste interessati. Attualmente il nostro team conta 10 membri, ma per il 2018 avremo bisogno di più aiuto."

    Gli sviluppatori sono simpatici?

    "Siamo davvero fortunati ad avere un team di sviluppo così partecipe agli innumerevoli aspetti degli eSport. Condividiamo con loro la maggior parte dei feedback che riceviamo dai giocatori insieme ai dati in nostro possesso, e loro apprezzano davvero questo genere di informazioni. Mi piace molto lavorare con il team di sviluppo: non solo crede negli eSport, ma reputa che si tratti di un elemento integrale dell'esperienza di gioco."

    Le esclusioni hanno migliorato le cose?

    "Considerando la nostra esperienza, crediamo che le sfide siano diventate più bilanciate e competitive con le esclusioni. Stiamo anche cercando di bilanciare il tutto dal punto di vista degli spettatori: una rappresentazione più ampia delle classi rende l'esperienza indubbiamente più interessante."

    HCTShanghai-Day03-046.JPG

    Come mai i mazzi vengono resi pubblici?

    "Riteniamo che sapere quali carte un avversario porta sul campo di battaglia permetta di eseguire delle strategie più solide: aumenta la possibilità di calcolare le percentuali di ogni giocata. Vogliamo dare più risalto all'abilità rispetto al puro spettacolo."

    Qual è stato l'aspetto che ti è piaciuto di più dell'HCT 2017?

    "Prima di quest'anno, Hearthstone era fondamentalmente prodotto in uno studio a Hollywood. Una delle nostre ambizioni per quest'anno era organizzare un tour. Cosa sarebbe successo se ci fossimo spostati in varie città per permettere agli appassionati della regione di fare una scampagnata e assistere di persona all'evento nel fine settimana?"

    Tutto ciò è stato particolarmente soddisfacente, nonché stimolante. Gli ambienti di produzione sono diversi a ogni evento, e non sempre sono ottimizzati per la trasmissione online. Abbiamo anche dovuto gestire centinaia, se non migliaia, di persone dal vivo. È stato meraviglioso vedere così tanta gente partecipare anche per giornate intere a ogni evento. E quando si tratta di Hearthstone, non ci si limita a guardare: si socializza molto. I Fireside Gathering avvengono in modo quasi naturale quando ci si ritrova assieme."

    OK, i momenti migliori nel panorama professionale di Hearthstone di quest'anno: vai!

    "Mi vengono in mente alcuni momenti particolari. È stato molto bello vedere giocatori come DrJikininki o DocPwn ottenere risultati importanti: tutto ciò ha cambiato le loro vite. Analogamente, penso ad Ant, che gioca a livello competitivo da un bel po': vederlo finalmente essere tra i migliori quattro a Shanghai e notare come tutto ciò ha cambiato la sua vita è stato fantastico. Un'altra storia interessante riguarda un partecipante di lunga data, Hoej, "il bravo ragazzo", un elemento estremamente positivo e attivo nella community, che finalmente ha ottenuto una vittoria importante a Shanghai battendo nientemeno che Kolento. Più recentemente, è stato un piacere seguire l'ascesa del Giappone: vedere nel panorama asiatico un'altra nazione pronta a contrastare la Corea del Sud è stato una vera sorpresa.

    Un altro momento molto importante per me sono state le finali dell'HGG alla gamescom, dove ho visto di persona il fervore della competizione tra nazioni. Scoprire che appassionati sudcoreani si erano presentati in Germania per fare il tifo per la propria squadra mi ha dato una sensazione simile a quella che si prova alle Olimpiadi. Sono davvero soddisfatto di come sono andate le cose quest'anno."

    Adesso cosa ci attende?

    "Siamo molto felici che Blizzard abbia creato una sede ufficiale per gli eSport con la Blizzard Arena Los Angeles. Ciò ci permetterà di produrre molti nuovi contenuti per Hearthstone. Siamo estremamente soddisfatti dello spazio a nostra disposizione: tutto ciò è molto importante per gli eSport di Blizzard. Un altro elemento che mi è piaciuto molto dell'HCT di quest'anno, e che crediamo di poter migliorare l'anno prossimo, è il numero di persone che ha partecipato ai Major in tutto il mondo. Apprezziamo davvero che Hearthstone sia un fenomeno globale. Credo che le partite organizzate offline, faccia a faccia, siano la strada giusta per gli eSport, e il prossimo anno vogliamo investire molto di più nel circuito Major dell'HCT."

     

    Grazie mille, Che!


    Unitevi a noi il mese prossimo presso la Blizzard Arena Los Angeles per l'HCT Summer Championship, e fateci sapere ciò che vi è piaciuto di più degli eSport di Hearthstone nel 2017 nei commenti qui sotto.

    Condividi articolo
Commenta la notizia
,