• Scritto da ,
    Attenzione: Se effettui il login puoi cambiare la lingua con cui visualizzare le carte di Hearthstone!
    L'articolo contiene riflessioni personali e segue la politica sugli articoli d'opinione di BattleCraft.

    Viaggio a Un'Goro è stata per molti l'espansione con il miglior meta di sempre, con l'unico neo (recentemente corretto) del Quest Rogue. Adesso ci troviamo di fronte a Cavalieri del Trono di Ghiaccio carichi di aspettative.

    Questa volta non c'è nessuna rotazione a livellare il power level dei mazzi, che potrà solo aumentare, e sicuramente le vere sorprese saranno di meno rispetto ad aprile scorso.

    Nella mia consueta analisi rivedo il set in maniera generale per cercare di capirne le tematiche portanti e da esse la direzione che il gioco sta prendendo. Non ci saranno valutazioni sulla validità competitiva delle nuove carte, secondo me inutili prima della prova sul campo.

    Link utili


    Un aumento della complessità

    Immagine

    Sorprendentemente semplice. Incredibilmente divertente. Questo slogan racchiude in sé il segreto del successo di Hearthstone, e da anni gli sviluppatori ripetevano che preferiscono non "riempire di testo" le carte per mantenere tutto più semplice e immediato.

    Con Arthas però le cose sembrano aver preso una piega diversa e nel nuovo set la complessità delle meccaniche è decisamente sopra la media. Una novità che i giocatori più navigati chiedevano da tempo e che sarà sicuramente gradita.

    Questi nuovi esperimenti sono sintomo della volontà del team 5 di percorrere tutte le strade possibili e anche una prova per noi giocatori: se saremo capaci di accogliere queste novità allora gli sviluppatori continueranno a supportarle.



    Carte Eroe = Missioni 2.0?

    Immagine

    È opinione diffusa che le Missioni di Un'Goro abbiano il grave difetto di appiattire il gioco: il giocatore le riceve sempre nella mano iniziale e ti portano a giocare sempre nello stesso modo per ricevere la solita ricompensa. Un gameplay potenzialmente noioso.

    Le Carte Eroe, non essendo impostate come le Missioni, hanno un potenziale molto più vario: non tutte richiedono di essere inserite in uno specifico tipo di mazzo e addirittura quella del Druido è così versatile che potrebbe essere aggiunta quasi ovunque come opzione per il controllo del tavolo.

    Le Carte Eroe sono un altro sintomo che gli sviluppatori tengono veramente all'unicità delle classi e alla varietà del gameplay.



    Fabbriche di Valore

    Immagine

    Idolo di Giada è tutt'ora una delle carte più temute dai giocatori che vogliono giocare mazzi control per via della possibilità di produrre un esercito infinito, senza pericolo di finire in fatica. Con questa espansione vediamo gli sviluppatori introdurre anche in altre classi modi per generare value nel lungo periodo e questo è sintomo di un'altra tendenza che va avanti da tempo: i mazzi control stanno cambiando faccia.

    All'inizio di Hearthstone l'identità del control era quella del mazzo che ti "prosciugava" delle tue risorse e che vinceva "non perdendo". L'abilità del giocatore stava nello sfruttare efficientemente le sue rimozioni per non sprecarle e giocare le bombe al momento giusto. Oggi invece grazie a carte come Idolo di Giada ma anche N'zothN'Zoth, the Corruptor e Lyra Scheggiasolare questa strategia è diventata molto più difficile, e lo stile control si è spostato da "vinco sfinendoti" a "vinco generando più risorse di te".

    Questa trasformazione è ancora in atto, ma anche grazie alle nuove carte del Trono di Ghiaccio possiamo vedere più chiaramente la direzione intrapresa dagli sviluppatori.



    Dare il tempo di giocare

    Immagine

    La minaccia di un meta aggro è un incubo ricorrente per i giocatori che si chiedono "perché dovrei giocare un mazzo lento se tanto perdo prima?" e questa domanda è legittima e sacrosanta.

    Come in ogni espansione vengono rilasciate carte che ci difendano dalle aggressioni, ma questa volta c'è una novità. La meccanica di Sottrazione Vitale (chiamata ora Furto Vitale) ha abbattuto quel tabù che durava dall'inizio degli Dei Antichi, cioè non stampare cure per chi non fosse Sacerdote, Paladino, Druido e Sciamano. Adesso tutti hanno una qualche possibilità di "stallare" la partita.

    Inoltre, come è successo per Un'Goro, i nuovi servitori da 1/2 Mana non sono più capaci di gonfiarsi oltre ogni misura e farti vincere quasi da soli. I tempi di Trogg delle GallerieTunnel Trogg sono finalmente passati.



    Temi vecchi e nuovi

    Immagine

    L'espansione porta la consueta carica di spunti per nuovi archetipi, e uno di quelli più evidenti è il Freeze Shaman. Però è necessario chiarire una cosa: un nuovo archetipo fiorisce con una sola espansione solo con carte sbroccate, e io non voglio un altro Secret Paladin. Se i nuovi archetipi non saranno Tier 1 non dovremmo esserne delusi, per potenziarli ci sarà sempre una prossima espansione.

    Oltre a questo vediamo anche che c'è nuovo supporto per vecchi archetipi, iniziati in passate espansioni ma che non hanno visto molto gioco: ResurrezioneResurrect torna in forma migliorata per il Sacerdote mentre il Cacciatore riceve l'ennesima variante di Morte ApparenteFeign Death (una carta del 2014!).

    Ci sono anche diversi servitori che incoraggiano il loro uso in mazzi con EvoluzioneEvolve o con i potenziamenti alle carte della mano, l'unica meccanica Triclasse di Meccania che non ha avuto il successo sperato.



    Meccanismi pericolosi

    Immagine

    Un'altra rottura dello status quo. Ignorando Talpa di Fogna era dai tempi di LoathebLoatheb che i giocatori non ricevevano strumenti per interferire con le giocate avversarie e ciò era, in mia opinione, una grande mancanza. Grazie al Re dei Lich adesso abbiamo buone possibilità di rovinare il gioco altrui.

    Queste nuove carte però pongono una nuova problematica. Se in altri giochi di carte come Magic The Gathering esistono da anni meccaniche di disturbo molto più brutali di "rimuovi una carta casuale all'avversario" e i giocatori ci sono abituati, in Hearthstone la risposta emotiva potrebbe più essere difficile da gestire.

    Dalla vicenda del Quest Rogue abbiamo imparato che un mazzo non deve essere sbilanciato per rovinare il gioco, basta che sia frustrante giocarci contro. Come per l'aumento della complessità anche questa è una prova per noi giocatori, saremo pronti a superarla?



    CONCLUSIONE

    Anche se in questa espansione sono stati ripresi personaggi di Warcraft molto famosi, un mossa che sicuramente aiuterà le vendite, Cavalieri del Trono di Ghiaccio rappresenta una grossa scommessa per gli sviluppatori.
    Le Avventure, nonostante fossero un contenuto prediletto dai giocatori, non erano più in grado di scuotere il meta in modo significativo e andava fatto qualcosa.

    Quel qualcosa al momento sono le tre espansioni all'anno. Una manovra che rischia di alienare una fetta consistente di utenti, e per cui erano necessarie manovre di compensazione che sono arrivate: i Festival dei Fuochi e del Gelo, più le Missioni in solitaria che regaleranno 3 pacchetti, un Ritratto e una Carta Eroe casuale. Un bel miglioramento rispetto alle ricompense di Un'Goro!

    L'atteggiamento degli sviluppatori è sempre più proattivo e sono disposti a intervenire più rapidamente, gli manca soltanto la tecnologia che speriamo arrivi presto. Sono convinto che il dominio del Re dei Lich non sarà così terrificante come lui vorrebbe farci credere.

    Potrebbero interessarti anche:
    Condividi articolo
12 commenti
  • NunDio 08 agosto 2017, 13:46 NunDio
    BattleTag: NunDio#2349
    Messaggi: 302

    So che dice iscritto da marzo 2016 ma in realtà sono attivo dalla fine di aprile 2017 :)
    #1
    Grandiosa analisi :good:
    Il mio pensiero è che in questa espansione gli aggro non scompariranno, ma nemmeno avranno vita facile ;)
    E ci sono moltissime carte che danno spunti nuovi e interessanti, magari non tutti competitivi, ma che allargheranno la varietà del gioco
    Dell'aggiunta di meccaniche che interferiscono con il gioco avversario, sono favorevole, bloccare il gioco del nemico o rallentarlo è una strategia che ritengo sacrosanta, ma che potrebbe anche determinare una notevole riduzione dei mazzi combo, tanto cari al formato selvaggio.
    Sono anni che danno al cacciatore questi attivatori, speriamo che questa è la volta buona xD
    Infine non vedo l'ora di provare le nuove carte eroe, davvero notevoli e che cambiano di molto il gameplay, e quindi non vedo l'ora di lanciarmi su questa espansione :D
    1
  • Kurjak 08 agosto 2017, 14:41 Kurjak
    BattleTag: Kurjak#2769
    Messaggi: 1307

    Iscritto il: 11 marzo 2015, 16:11
    #2
    Ottimo articolo. E' troppo presto per sbilanciarsi effettivamente su cosa succederà nell'HS competitivo, ma è innegabile che siano state rilasciate carte innovative e, fino a pochi giorni fa, addrittura impensabili. Sinceramente non vedo l'ora di provare le nuove carte! 1
  • Metalline 09 agosto 2017, 17:09 Metalline
    BattleTag: metalline#2691
    Messaggi: 3026

    Top40ita inside
    #3
    Finchè esisteranno tanti @Rosen gli aggro non moriranno mai...

    #teamrosen
    2
  • NZOTH 09 agosto 2017, 19:01 NZOTH
    BattleTag: Crocodile431 #2660
    Messaggi: 711

    Comuni mortali è arrivato lo stregone durotains il flagello di ferro lo sterminatore di re.
    #4
    Metalline ha scritto:Finchè esisteranno tanti Rosen gli aggro non moriranno mai...

    #teamrosen

    @Metalline tutta la vita Rosen for life Rosen for win
    0
  • Drake 09 agosto 2017, 20:49 Drake
    BattleTag: Drake#2881
    Messaggi: 230

    Iscritto il: 06 giugno 2011, 13:46
    #5
    Già mi piaciono tanto i tuoi articoli, ma se mi scrivi: "La minaccia di un meta aggro è un incubo ricorrente per i giocatori che si chiedono "perché dovrei giocare un mazzo lento se tanto perdo prima?" e questa domanda è legittima e sacrosanta." mi fai venir voglia di abbracciarti!

    Tante idee interessanti e tante meccaniche da provare, qui l'unico fattore che mi può rovinare la festa è ancora una volta la presenza dei maledetti mazzi aggro/face!

    spero in un meta più orientato al control (come per ogni espansione/avventura da ormai 3 anni)
    1
  • TheDarkLord 09 agosto 2017, 21:50 TheDarkLord
    BattleTag: DarkSouls94#2763
    Messaggi: 880

    "There's always a little light...into the darkness".
    #6
    @Drake Finchè la ladder sarà così com'è ora, il mazzo più forte non sarà quello con più carte grosse e fortissime, ma quello che macina più vittorie del minor tempo possibile.
    Cioè tra un control con un 60% di winrate con game da 20 minuti l'una e un face col 51% di winrate ma che ci fai game da 2 minuti, tu vorrai sempre avere quest'ultimo perchè ci fai prima legend.
    Ed è per questo motivo che il meta in ladder sarà sempre almeno 50% aggro/face (per i tornei c'è un discorso a parte), non importa quali carte usciranno :D
    0
  • FeriandRedazione 09 agosto 2017, 21:53 Feriand
    Messaggi: 7776

    Per il mio battletag mandami un mp :)
    #7
    @Drake è come dice @TheDarkLord avrei dovuto scriverlo nell'articolo ma il motivo della proliferazione degli aggro in Hearthstone è strutturale.

    Gli sviluppatori ripetono da mesi che stanno ripensando la classificata ma per ora non sappiamo niente più di questo, chissà se riusciranno veramente a creare una modalità dove ognuno può giocare il mazzo che preferisce senza preoccuparsi dell'efficienza della scalata. Sarebbe bello :D
    0
  • ZionTheParrot 09 agosto 2017, 22:44 ZionTheParrot
    BattleTag: ZionTheBird#2760
    Messaggi: 394

    Iscritto il: 27 agosto 2015, 18:54
    #8
    scusate una domanda, ma se il meta si sposta sempre più verso control ed essendo l'aggro il perfetto counter del control non dovrebbero proliferare mazzi sempre più aggro? 0
  • Alex117 09 agosto 2017, 23:06 Alex117
    BattleTag: Alex#220931
    Messaggi: 948

    Science isn't about WHY.
    It's about WHY NOT.
    #9
    @ZionTheParrot In realtà è il contrario, control batte aggro. Se il meta diventa più control i counter sono i combo (exodia mage in primis), che a loro volta però soffrono gli aggro. 0
  • Kurjak 10 agosto 2017, 09:10 Kurjak
    BattleTag: Kurjak#2769
    Messaggi: 1307

    Iscritto il: 11 marzo 2015, 16:11
    #10
    ZionTheParrot ha scritto:scusate una domanda, ma se il meta si sposta sempre più verso control ed essendo l'aggro il perfetto counter del control non dovrebbero proliferare mazzi sempre più aggro?

    @ZionTheParrot

    In realtà HS è sembre stato:

    Aggro batte Midrange/Combo
    Midrange/Combo batte Control
    Control batte Aggro
    0
  • ZionTheParrot 10 agosto 2017, 22:30 ZionTheParrot
    BattleTag: ZionTheBird#2760
    Messaggi: 394

    Iscritto il: 27 agosto 2015, 18:54
    #11
    forse mi sono perso qualcosa ma non è sempre stato control > midrange > agro > control?
    se così non fosse, meglio.
    0
  • Greymane 11 agosto 2017, 00:30 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 6705

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #12
    ZionTheParrot ha scritto:forse mi sono perso qualcosa ma non è sempre stato control > midrange > agro > control?
    se così non fosse, meglio.

    @ZionTheParrot

    Dipende dai giochi di carte in genere, ed anche dal pool di carte che ti mettono a disposizione, inizialmente era più o meno così come hai detto (escludendo alcuni periodi) ma da quando le Blizzard ha deciso di aggiungere meccaniche nuove e più o meno uniche la cosa si è un po differenziata.
    0
  • Commenta la notizia
,