• SPOILER ALERT: Se non avete giocato a Diablo III: Reaper of Souls, questa storia, così come il contenuto della recensione, potrebbe essere fonte di spoiler. Siete stati avvertiti!

    Un nuovo racconto di Diablo III è stato pubblicato su Battle.net e questa volta riguarda Shen l'Avaro. Il racconto, intitolato L'orfana e il gioielliere e scritto da Gavin Jurgens-Fyhrie, è ambientato a Xiansai, la misteriosa isola del nord che sembra essere la casa di una cultura umana simile a quella asiatica.

    Il racconto è scorrevole e di facile lettura e la storia è ambientata a Xiansai, uno dei molti posti di Sanctuarium che non abbiamo ancora visitato nel gioco ma che abbiamo spesso ritrovato come citazioni dai libri di Abd al-Hazir o in oggetti esotici dal potere misterioso. L'isola è talmente isolata che non è stata praticamente toccata da nessuno dei cataclismi e dalle guerre che hanno infuriato per decenni. Ciò non vuol dire che il posto sia pacifico. La regione è in mano alle Dieci Famiglie, un insieme di gilde che hanno il controllo quasi esclusivo su ogni aspetto della vita civile. I Costruttori, ad esempio, vivono e lucrano su case e su appalti di edilizia pubblica. La Decima Famiglia è invece una gilda di ladri, sicari e assassini che prospera grazie alla guerra perenne fra le altre famiglie e una loro novizia, Jia, è la protagonista del racconto.

    Zhuo, la città principale dell'isola, è sempre stata il bastione di queste gilde, ma negli ultimi anni Liang la Spietata, grazie alla sua posizione di Consigliere, è diventata l'effettiva padrona della regione. Jia deve assassinare come prova della sua iniziazione un membro dei Latifondisti. Qualcosa va storto, ed è costretta a ripulire la zona dai testimoni. Qui Shen l'Avaro fa la sua apparizione, ovviamente in modo strambo e inopportuno. In questo capitolo ci mostra alcuni dei suoi poteri che in Diablo III sono solo accennati e intuiti, il tutto condito con una bizzarria e apparente follia che lo contraddistinguono. Shen ha bisogno di un assassino per una sua personale missione e richiede espressamente di Jia. Il risultato di questa missione non sarà affatto scontato, nulla è come sembra.

    Immagine

    Il racconto è ben scritto e si destreggia molto bene fra parti comiche e drammatiche, in certi punti davvero cariche di emotività. Ritroviamo il solito Shen, con altri indizi sulla sua vera identità. Jia è un personaggio ben sviluppato nonostante la brevità della storia e non è affatto esclusa una sua futura apparizione in gioco grazie alla conclusione aperta. Inoltre, la vicenda è ambientata poco prima di Diablo III, durante il passaggio della stella cadente nei cieli di Sanctuarium e ci viene rivelato che anche Shen ne ha seguito la scia.

    Personalmente credo possa nascondere indizi sul futuro della saga di Diablo. Xiansai non è mai stata descritta fino ad oggi e questo fa sperare per una sua possibile esplorazione futura. Anche il ritorno della figura degli assassini potrebbe essere un assaggio per una reintroduzione della classe, in maniera simile a quanto fatto con il Crociato con Reaper of Souls. Sognare non fa mai male no?

    Vi è piaciuto il racconto? È un presagio del futuro, o solo uno sguardo al passato di Sanctuarium?
    Condividi articolo
1 commento
  • Grevier 28 aprile 2014, 09:41 Grevier
    Messaggi: 5245

    Bloodborne Platinum
    #1
    Ho fatto di sfuggita la storia laterale di Shen.

    Non essendomi interessato parecchio non ho mai capito se
    fosse veramente il Dio che protagonista gli chiedeva di essere e se quella che ho salvato fosse l'anima della sua "tipo" amante...
    0
  • Commenta la notizia