• Scritto da ,
    Negli ultimi anni numerosi giochi hanno inserito i famosi loot box, casse, depositi o forzieri, come dir si voglia, in cui l'utente può trovare qualsiasi oggetto estetico e non, tramite l'acquisto con valuta reale. In moltissimi giochi Free to Play l'acquisto del loot box rientra in almeno 80%- 90% del fatturato di un gioco, diventando un punto solido di guadagno per moltissime aziende di videogiochi. L'acquisto di questi forzieri non è obbligatoria, ma in molti casi spinge l'utente all'acquisto se si vuole continuare a giocare o avere certi tipi di potenziamenti, oppure ottenere oggetti esclusivi.

    Ci sono tuttavia anche giochi, Overwatch è l'esempio principe, in cui all'interno di questi forzieri a pagamento non ci sono potenziamenti o armi che possano influenzare il gameplay, ma solo oggetti cosmetici per il proprio personaggio preferito. L'Olanda, come moltissimi paesi, sta monitorano questo giro d'affari, e la Dutch Gaming Authority ha studiato ben 10 giochi, tra i più popolari, che contengono l'acquisto dei forzieri. Da questa indagine è emerso che ben 4 giochi rimandano l'utente su siti di terze parti per acquistare i forzieri.
    Nei restanti 6 giochi, gli oggetti ottenuti dai forzieri, non possono essere scambiati, di conseguenza sono sotto accusa anch'essi. Aprire questi bottini è come giocare ad una slot machine o roulette.

    "Sono progettati come un vero e proprio gioco d'azzardo, dando la sensazione di aver vinto", spiega Marja Appelman direttrice della Gaming Authority, "Ci sono tutti i tipi di effetti sonori e visivi quando si apre un determinato contenitore dando una sensazione di appagamento al giocatore, spingendolo ad acquistare sempre di più".
    L'autorità per il controllo del gioco d'azzardo offre otto settimane alle aziende proprietarie per regolare i loro giochi, se ciò non avviene possono essere imposte delle multe o proibirne anche la vendita.

    Nello studio fatto non vengono menzionati i giochi posti sotto esame, tuttavia se non dovessero esserci le modifiche sperate verranno divulgati i nomi dei giochi posti sotto controllo. Tuttavia guardando le statistiche e vedendo quali sono i titoli più popolari al momento, si può dare una piccola previsione su quali siano questi giochi: i più papabili sembrerebbero PUGB, FIFA18, DOTA2, Rocket League, non è da escludere nemmeno Hearthstone ed in seconda battuta anche Overwatch, e perché no nel ciclone potrebbe essere risucchiato anche StarCraft II ed Heroes of the Storm.


    Che fine farà il Duca con i suoi spacchettamenti con annesse sfide?


    I giovani sono i primi fruitori di questi titoli, di conseguenza sono particolarmente vulnerabili nella loro giovinezza. Potrebbero essere influenzati in qualche modo al gioco virtuale d'azzardo e delle scommesse, sviluppando una vera e propria ludopatia.
    Secondo La Gaming Authority gli sviluppatori di videogiochi non pensano ai tantissimi ragazzi e ai bambini appassionati di questi passatempo. "Chiedo a tutte le società di giochi di bandire i vari forzieri e di non renderli accessibili ai bambini e di rimuovere questi elementi di dipendenza."
    Le autorità olandesi sono sul piede di guerra.

    Secondo l'agenzia Juniper Research le grandi aziende hanno guadagnato, solo quest'anno, circa 24 miliardi di euro l'anno da queste transazioni. In assenza di una regolamentazione, il mercato potrebbe crescere nel 2022 con un fatturato di ben 40 miliardi di euro l'anno. Sempre secondo Marja Appelman queste discussioni sul gioco d'azzardo sono al centro di dibattiti all'interno di paesi come Gran Bretagna, Germania e paesi Scandinavi e sottoposti agli occhi vigili delle autorità di vigilanza dell'Europa.

    Fonte: Nos.nl
    Condividi articolo
12 commenti
  • Rulez 20 aprile 2018, 09:42 Rulez
    BattleTag: Migraine#21867
    Messaggi: 869

    Iscritto il: 18 dicembre duemilaefattigliaffarituoi, all'ora che ne avevo voglia.
    www.twitch.tv/Credici che streammo, ho TeleTu
    #1
    Cough cough Clash cough Royal cough 1
  • Vancold 20 aprile 2018, 09:48 Vancold
    Messaggi: 892

    Iscritto il: 13 ottobre 2011, 17:41
    #2
    Considerando che le lootbox sono un po' un cancro, non penso che qualcuno sano di mente possa opporsi alla loro dipartita.

    Esempio: La maggioranza delle skin di Fortnite, per quanto penso abbiano un prezzo troppo alto, sono vendute singolarmente al dettaglio. Tu vuoi una skin nello shop in-game; tu compri quella skin. Punto.

    Così dev'essere e fanculo ai sistemi di chests in cui tu compri una SPERANZA di ottenere ciò che ti interessa, per poi essere praticamente in balia di un sistema di crediti da denuncia, senza possibilità di scambi.
    2
  • Vethus 20 aprile 2018, 10:08 Vethus
    BattleTag: VBK5#2459
    Messaggi: 313

    Bau!
    #3
    Vancold ha scritto:Considerando che le lootbox sono un po' un cancro, non penso che qualcuno sano di mente possa opporsi alla loro dipartita.

    Esempio: La maggioranza delle skin di Fortnite, per quanto penso abbiano un prezzo troppo alto, sono vendute singolarmente al dettaglio. Tu vuoi una skin nello shop in-game; tu compri quella skin. Punto.

    Così dev'essere e fanculo ai sistemi di chests in cui tu compri una SPERANZA di ottenere ciò che ti interessa, per poi essere praticamente in balia di un sistema di crediti da denuncia, senza possibilità di scambi.

    @Vancold Be però su HS e Heroes è così. Tu puoi comprare la valuta o la dust con la quale compro o crafti determinati oggetti che ti interessano. Su OW forse è un po' più casuale perché non puoi comprare valuta, né è garantito trovarne nei forzieri..
    0
  • Grevier 20 aprile 2018, 10:10 Grevier
    Messaggi: 6781

    https://www.twitch.tv/grevier_
    #4
    Non ci ha mai giocato nessuno a quanto ne so ma era più o meno lo stesso su Heroes of Newerth fatte alcune eccezzioni.
    C'erano le monete d'oro e le monete d'argento.
    Le monete d'oro erano ottenute tramite eventi o valuta reale convertita, le monete d'argento con ogni partita giocata ed eventi.
    Una Skin normalmente costava 500 ori o 3.000 argenti.
    Uno poteva più o meno gestirsi il gioco come preferiva, a parte alcuni contenuti oro only era un buon compromesso.
    Successivamente poi alcune superspecial venivano tipo 3.000 ori o 12.000 argenti (anche vero che non conoscete il rapporto di guadagno, ma comunque sia, lo dico per informazione), però comunque rimane il fatto che tutto era ottenibile senza RNG a propria scelta.

    ...Successivamente però poi inserirono un pachinko...

    Vethus ha scritto:Vancold Be però su HS e Heroes è così. Tu puoi comprare la valuta o la dust con la quale compro o crafti determinati oggetti che ti interessano. Su OW forse è un po' più casuale perché non puoi comprare valuta, né è garantito trovarne nei forzieri..

    @Vethus Su OW i doppioni sono convertiti in oro con i quali poi fai gli acquisti e puoi comprare forzieri.
    E' identico ad HS, compri contenuto casuale con il quale ricicli il doppio, l'unica minore differenza è che su HS puoi direttamente anche riciclare quello che hai senza attendere doppioni.
    Un mondo più corretto sarebbe vincere oro e decidere come spenderlo.
    0
  • Vancold 20 aprile 2018, 10:16 Vancold
    Messaggi: 892

    Iscritto il: 13 ottobre 2011, 17:41
    #5
    @Vethus
    Su Hearthstone non puoi comprare la dust. Viene ottenuta solamente con il sistema di conversione rabbinico. Un'epica ogni millemila carte: 100 dust. Izi clap.

    Su HotS non ricordo come funzia la sua "dust", ma direi che lootboxes a parte, ha anche il sistema intelligente di comprare direttamente l'oggetto del desiderio con la valuta reale.
    1
  • LeoKlies 20 aprile 2018, 10:37 LeoKlies
    BattleTag: LeoKlies#2300
    Messaggi: 271

    Iscritto il: 10 settembre 2015, 17:42
    #6
    Ad oggi la meccanica delle loot box non è assimilabile all'interno della definizione "gioco d'azzardo" poiché dal punto di vista giuridico condivide l'aspetto dall'aleatorietà, in riferimento alle ricompense ottenute dalle loot box. Dall'altro appunto lo scopo che persegue il giocatore non è lucrativo in quanto le ricompense mirano ad ottenere vantaggi estetici o sostanziali del gioco.

    Sono d'accordo che la questione delle loot box va assolutamente regolamentata con il solo fine di tutelare i minori, senza estenderla fino al divieto poiché ciascuno di noi resta libero, consapevoli di fare una libera scelta. Un pò come dire vietiamo gli alcolici indipendentemente poiché esistono casi di dipendenza dall'alcol.
    4
  • PigoWallace 20 aprile 2018, 13:23 PigoWallace
    BattleTag: Pigowallace#2109
    Messaggi: 328

    Iscritto il: 14 agosto 2011, 13:56
    #7
    Dubito fortemente che ci possa essere Dota 2 dentro gli accusati. Valve è una delle poche SH che, nonostante un po' di limitazioni, ha lasciato che il commercio tra giocatori fosse quasi sempre possibile.
    Più che accusarlo, bisognerebbe prendere quel modello come riferimento xD

    Di fatto comunque la dipartita delle Lootbox sarebbe solo un bene al sanità del mercato videoludico dato che nascondendosi dietro la scusa "ma tanto è solo roba estetica che non influisce" si sono raggiunti livelli veramente atroci.
    2
  • FuryDragon90 21 aprile 2018, 00:21 FuryDragon90
    Messaggi: 1413

    Siamo chi scegliamo di essere cit.Jim Raynor
    #8
    Vancold ha scritto:
    Su HotS non ricordo come funzia la sua "dust", ma direi che lootboxes a parte, ha anche il sistema intelligente di comprare direttamente l'oggetto del desiderio con la valuta reale.

    @Vancold le varie cose doppie trovate nelle lootbox diventavano "dust"
    0
  • BulletHead 21 aprile 2018, 11:15 BulletHead
    Messaggi: 931

    BulletHead#2630
    #9
    Personalmente condivido a metà un eventuale bando di giochi, perché alla fine finche si tratta di soli oggetti estetici che non influenzano il gameplay e se comunque i doppioni delle loot vengono convertite in valuta ingame utile per poter acquistare comunque tali oggetti non ci trovo nulla di male.

    Alla fine chi è maggiorenne credo abbia la lucidità di capire che non deve buttarci un capitale mentre per i minorenni vale sempre la legge che un genitore dovrebbe sempre monitorizzare quello che fà un minorenne e bloccargli eventuali accessi a portafogli virtuali per acquisti online se non è lui a decretarne l'ok.

    Insomma trovo più preoccupante il mercato dei PaytoWin dove chi paga fà la differenza piuttosto che le lootbox per soli oggetti estetici
    2
  • Vethus 23 aprile 2018, 09:24 Vethus
    BattleTag: VBK5#2459
    Messaggi: 313

    Bau!
    #10
    Vancold ha scritto:Vethus
    Su Hearthstone non puoi comprare la dust. Viene ottenuta solamente con il sistema di conversione rabbinico. Un'epica ogni millemila carte: 100 dust. Izi clap.

    Su HotS non ricordo come funzia la sua "dust", ma direi che lootboxes a parte, ha anche il sistema intelligente di comprare direttamente l'oggetto del desiderio con la valuta reale.

    @Vancold Si che puoi su HS, comprando un pacchetto tu stai acquistando 40 dust. Poi se sei fortunato ti esce anche più dust o direttamente la carta che ti serviva.

    Su hots invece ci sono 3 valute, una viene comprata con i soldi reali (in questo modo puoi comprare direttamente quello che ti serve con i soldi veri) l'altra è una valuta ottenuta giocando. Poi va be ci sono i frammenti usati per le cose estetiche.

    In sostanza in entrambi i giochi puoi comprare direttamente quello che vuoi e il random ti fornisce solamente delle agevolazioni extra sui tuoi acquisti.
    0
  • Vancold 23 aprile 2018, 09:58 Vancold
    Messaggi: 892

    Iscritto il: 13 ottobre 2011, 17:41
    #11
    @Vethus

    Viene ottenuta solamente con il sistema di conversione rabbinico.


    Hm.
    0
  • Vethus 23 aprile 2018, 10:06 Vethus
    BattleTag: VBK5#2459
    Messaggi: 313

    Bau!
    #12
    @Vancold aaa ma intendevi che costa un capitale comprare le carte? rofl rofl sisi è vero, HS è carissimo :D Si è visto che per poter giocare competitivi devi spendere 12 euro al mese, come su wow 0
  • Commenta la notizia