• Scritto da ,
    La prima apparizione di Bethesda Softworks all'E3 avviene nella cornice del Dolby Theatre di Los Angeles, il teatro dove ogni anno vengono assegnati gli Oscar e celebrata l'industria cinematografica americana. Le attese per questo evento sono alte, con varie indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi che hanno solo contribuito ad alimentare la voglia di novità. Per nostra fortuna, per poter assistere allo spettacolo non è stato necessario andare fino ad Hollywood in California, abbiamo potuto tranquillamente goderci l'evento da casa, in diretta streaming questa mattina.

    Il protagonista assoluto della prima parte della conferenza è stato Doom. Un nome che da solo basta a riportare alla memoria molti ricordi ad un'intera generazione di videogiocatori. Era il lontano 1993 quando il primo Doom faceva la sua comparsa sugli schermi dei nostri PC ed oggi è arrivato il momento di riassaporare quelle emozioni. Dai vari filmati che sono stati mostrati è proprio questa la prima sensazione che ci è arrivata, un desiderio assoluto da parte degli sviluppatori di far passare chiaramente il messaggio "questo è il Doom che tutti voi volete."

    Il primo video mostrato, dedicato interamente alla modalità singleplayer, ci ha portato dentro una base infestata da orde di demoni. La formula alla base della serie è un combattimento potente, veloce, condito dalla presenza di demoni che noi dobbiamo eliminare senza pietà. In questo filmato il combattimento non è particolarmente frenetico, probabilmente per permettere allo spettatore di focalizzare maggiormente la sua attenzione su alcuni interessanti dettagli.

    Colpiscono subito le spettacolari animazioni che possiamo effettuare avvicinandoci ad un nemico agonizzante, per ucciderlo definitivamente. Abbastanza varie e con quel particolare gusto all'esagerazione che si inserisce perfettamente in questo tipo di ambientazione. Per il resto, l'unica altra menzione degna di nota è stata la comparsa della motosega tra le armi mostrate. Le animazioni collegate al suo utilizzo sono spettacolari, splatter all'ennesima potenza che ha meritato una giusta ovazione da parte del pubblico presente in sala.


    Il bello però è arrivato in seguito, questo primo filmato era troppo lento e probabilmente anche troppo lungo. La vera energia è arrivata con il secondo video singleplayer dove siamo stati catapultati all'inferno. Qui il ritmo dell'azione era decisamente più elevato, frenetico, con movimenti più rapidi da parte del nostro alter ego e dei suoi nemici.

    Per quanto riguarda il multiplayer non si è visto molto e questo sarà di sicuro uno degli elementi che determinerà il successo od il fallimento di questo titolo nel medio termine. Bethesda ha però aggiunto un ulteriore elemento al mix: la possibilità per tutti i giocatori di poter creare mod, mappe e nuove modalità di gioco che possono poi essere condivise liberamente con Doom Snapmap. Un aspetto da non sottovalutare che può dare estrema longevità ad un titolo dopo la sua pubblicazione.

    Quanto è stato mostrato ha senza dubbio lasciato una buona impressione complessiva, rimane da vedere in azione la modalità multiplayer e da valutare con mano la modalità singleplayer. Serve però qualche innovazione in più, per ora si è spinto molto sulla nostalgia e non è detto che questo elemento da solo possa bastare. Doom tornerà sui nostri schermi nella primavera del 2016 in edizione PC, PlayStation 4 ed Xbox One.
    Condividi articolo
    Tag:
6 commenti
  • Exhumed 15 giugno 2015, 15:59 Exhumed
    BattleTag: Punisher666#2193
    Messaggi: 2709

    Hell On Earth
    #1
    Applausi!!! Q________ 3
  • keybone 15 giugno 2015, 16:12 keybone
    Messaggi: 23

    Iscritto il: 24 agosto 2010, 13:01
    #2
    Il gioco è fatto sicuramente bene ma a me sinceramente nn ha dato nessuna sensazione di doom...i mostri sono completamenti diversi, gli ambienti pure...se doom faceva uso di camere anguste dove uscivano 100 mila nemici qua si usano ambienti grandi (cosa tipica di quake) anche la cosa che i mostri rilasciano roba a terra tipo monete nn mi pare per nulla nella direzione giusta.
    Carmarck o Romero decisero di stravolgere interamente la trama difatti eliminandola del tutto..tutto doveva essere incentrato solo nell'ammazzare i nemici senza nessun orpello inutile. Quindi via trama, statistiche, missioni ecc ecc...
    So che sono dettagli ma per chi ci ha giocato sono fondamentali...
    Riguardo le armi bho..la doppietta nn da soddisfazione a vederla..in doom ti sfondava i nemici fraccassandoli con 100 litri di sangue..qua bho...
    Ripeto mi pare più un seguito di quake come game design che di doom..poi storgo il naso non vedendo la id software come unico sviluppatore...
    0
  • Ligario 15 giugno 2015, 17:17 Ligario
    BattleTag: Ligario#2490
    Messaggi: 4499

    I care about me as much as I care about you!
    #3
    @keybone è il primo video sul gamplay che hanno mostrato ad essere un po' deludente, mi aspettavo un crescendo ma mano che procedeva, ma sto crescendo alla fine non c'è stato. Il secondo video era già molto meglio da questo punto di vista. Delle potenzialità ci sono, manca ancora molto prima dell'uscita, vediamo cosa mostreranno nei prossimi mesi. 0
  • Peppu 15 giugno 2015, 17:56 Peppu
    BattleTag: Peppu#2154
    Messaggi: 2698

    ''I usually WAT alone'' [cit.]
    #4
    Bethesda? Tsk, tenetevelo. 1
  • Rekse 17 giugno 2015, 10:09 Rekse
    Messaggi: 3446

    Se qualcuno vuole aggiungermi al battle.net me lo dica perché rifiuto chi non conosco.
    #5
    Doom per quanto molto "età della pietra" come grafica, gameplay, ecc ecc..riusciva però ad avere un'atmosfera piuttosto inquietante che, personalmente, mi coinvolgeva molto. 0
  • Yardeh 17 giugno 2015, 10:40 Yardeh
    Messaggi: 8128

    -cometaxxx-
    #6
    La grafica non conta niente.
    Basti vedere la maggior parte dei titoli d'oggi, tutto fumo niente arrosto.
    0
  • Commenta la notizia