[VGA 2012] TWD the Game, piccole riflessioni a riguardo
  • Greymane 13 febbraio 2014, 01:55 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 5931

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #1
    Si, so bene che i VGA 2012 sono passati ormai da tempo , ma oggi guardando sulle varie rubriche di Parliamodivideogiochi.it mi è venuto un piccolo dubbio, The Walking Dead si è merotato veramente il titolo di Game of the Year? Certo ormai il passato è passato, ma ero curioso di sapere cosa ne pensavate a riguardo visto che questa saga ha fatto così tanto scalpore quando approdata sulla TV, e non di meno quando uscì sul PC e sulle console, ma io mi chiedo: è veramente un gioco così innovativo? Veramente tutte quelle scelte morali hanno creato un nuovo genere di RPG? Oppure è stata solo lo scalpore della serie tv e di conseguenza tutti i suoi fan considerano il gioco migliore degli altri suoi candidati.
    ora vorrei ricordare gli altri candidati:

    Winner Game of the Year: The Walking Dead

    Candidati Game of the Year: Assassin's Creed 3, Dishonored, Mass Effect 3, Journey

    ora passerei alle mie riflessioni:

    Innovazioni:
    Oltre al fatto di farlo uscire a episodi, che potrebbe anvhe essere stata una idea carina, non trovo niente di così innovativo da creare un altro genere di RPG o comunque di gioco, certo, il fatto che si distingue da direi tutti gli altri giochi di apocalisse Zombie è senza dubbio una scelta non trascurabile, indubbiamente il punto forte del gioco, oltre alle scelte emotive che ci vengono ripetutamente chieste, da un gran punteggio a questo gioco, che si basa sulla sopravvivenza e non sullo "stermina tutti glie zombue che trovi", come spesso succede. Le armi scarseggiano, i proiettili pure e tutto quanto infondono effettivamente quel realismo in più in questo gioco
    Detto questo, no, non trovo niente di innovativo in questo gioco, oltre al porre al primo posto la sopravvivenza che non mi semvra di aver mai visto in altri giochi zombie.

    RPG e Scelte Emotive:

    Eccoci a questo punto, le scelte emotive, é questo che ha fatto vincere il titolo di GotY a The Walking Dead? Non penso, sebbene queste scelte siano state più o meno migliorate nel rapporto Scelta / Conseguenza, eh si perchè in molti vecchi RPG le scelte non davano conseguenze, al massimo ci trovavamo a pensare:"entro prima nel dungeon oppure vado a fare quella quest contro quei cazzutissimi mostri? Preferisco sprecare più tempo affrontando il dungeon e avere più chance con quella difficilissima quest, oppure testo la mia skill affrontando quel npc, magari creperò spesso, ma quando lo farò sarò felice perchè ucciso con un equipaggiamento più basso di quello consigliato?".
    Ecco la vera differenza che trovo in TWD dagli altri rpg, e questo è un grandissimo punto a favore che non nego assolutamente. Ma anche alcuni altri candidati usano lo stesso sistema delle scelte, come Mass Effect e Dishonored.
    Altra cosa che ho notato in questa saga, che da punti in più al realismo del gioco, ma ne toglie all'RPG Gameplay è il fatto che un giocatore che si approccia per la prima volta ad un Survivor RPG, se fatte certe scelte, lo porteranno ad un'invlevitabile morte ad al riavvio del salvataggio prima, non riuscendo magari, essemdo il primo approccio ad un gioco come TWD, a capire effettivamente gli svantaggi ed i vantaggi della scelta di un'arma, per esempio...punteruolo, falcetto o martello?; e spesso questo fa innervosire il giocatore che si ritroverá costretto a caricare il salvataggio prima della scelta, per evitare la situazione. Le scelte fatte devono ovviamente essere importanti ed avere altrettanto importanti conseguenze, ma non devono togliere al giocatore la possibilitá di riuscire ad andare avanti con le sole proprie forze. Purtroppo quì devo storcere il naso riguardo Mass Effect 3, se effettivamente (mi riferisco a chi ci ha giocato) ci pensiamo, le scelte veramente importanti sono solo 3, piccola delusione riguardo qil questo episodio del colosso Bioware, solo 3 le scelte che fanno la vera differenza, ma le scelte in generale sono tante, ma almeno con le proprie forze andavi avanti, non vome in TWD che un giocatore che si approccia da poco al gioco, necessita di riavvii o walkthrough.

    Stile grafico

    Ormai mi conoscete, sapete che della grafica a me importa ben poco, ma non si può dire altrettanto dello Stile Grafico che IMHO, è uno dei punti che fa si che il giocatore continui a giocare ad un titolo oltre un certo lasso di tempo.
    Quì non posso discutere a riguardo, i gusti sono gusti, tra tutti i candidati presenti al GotY, partiamo dalla grafica semi foto-realistica di Mass Effect 3 e Assassin's Creed, passiamo a quella cupa e "creepy" di Dishonored, a quella fumettosa di TWD...come detto sopra, non mi sbilancio su un tema che varia da persona a persona.

    Gameplay:

    Ed è quì che passiamo ad uno dei punti forti della discussione: il Gameplay...che si può dire di TWD? Beh, tralasciando che è molto simile di per se a The Last of Us riguardo la sopravvivenza e alla frequenza in cui trovi delle armi...non lo considero un gioco...perchè? Beh, tra i giochi che preferisco in primis, ci sono gli RPG, o comunque in generale giochi che in base a come giochi, cambia l'ambiente ed il finale (come per esempio Dishonored, che non lo considero un vero e proprio RPG, ma il tuo gameplay influisce comunque in un modo inferiore agli rpg, su ciò chd ti circonda ed ovviamente sul finale, o The Last of Us, che sebbene le mappe siano grandi, sebbene si abbia la scelta su come approcciare gli Infetti ed in alcuni casi si ha la possibilitá di skippare qualche pack di essi, la strada è sempre una. Ma entrambi li reputo titoli di grandissimi ed entrambi mi stanno facendo passare dei bellissimi momenti di gaming).
    Tornando alla domanda principale, cioè "perchè TWD non lo reputo un gioco", beh...è un film!!! (Anzi potrei dire che è la serie televisiva visto che anche il gioco si suddivide in episodi -ma di quello parleremo poco dopo-), ne gioco tanti di VG che hanno delle Cinematic Interphase piuttosto lunghe per essere un gioco del 2012 in su, vedi Mass Effect, con delle interfasi che in alcuni casi vanno oltre i 5 minuti, vedi The Last of Us, vedi Dishonored, ma il punto cruciale è che quei minuti persi te li riprendi appena finita l'Interphase...The Walking Dead ti fai quella parte della stanzetta, ed il resto è puro ascolto e video, con delle scelte da fare nell'intermezzo, quindi tocca pure rimanere stra concentrati perchè i sottotitoli volano come un fulmine (ma di ciò parlerò dopo). Tra l'altro non puoi neanche andarti a suicidare, perchè sr non hai un certo oggetto non puoi passare, che so, dalle feritoie, realistico si, ma riguardo la progressione del gioco, è praticamente un punta e clicca.

    Localizzazione e Sottotitoli

    Ora, io non l'ho giocato in tutte le lingue, ma solo in inglese, e la volta dopo in italiano (solo sottotitolato, perchè l'unica localizzazione che siamo riusciti ad avere sono i sottotitoli, fatta da dei fan -è di per se una mod del gioco-), però posso dire che i sottotitoli viaggiano come un fulmine e il parlato non è di certo basilare, non ad un alto livello, ma ad un livello medio ci arriviamo senza problemi, ma colleghiamo tre cose:

    1) Parlata ad una velocitá media, ciò vuol dire che l'italiano con una base scolaresca a livello di superiori capisce 6 parole su 10, sebbene magari prese in singolo capisca il significato, problema dato appunto dalla velocitá in cui vengono dette le frasi.

    2) La velocitá di cambio dei sottotitoli, sono piuttosto veloci e spesso non si fa in tempo a leggere 3/4 della frase.

    3) La "Localizzazione", inesistente, ci si può appoggiare solo ad una mod Fanmade che sono riusciti a limitarsi (giustamente, non hanno colpe, anzi li ringrazio per il loro gran lavoro) a solo dei sottotitoli che, haimeh, sono veloci come gli stessi in inglese.

    E ovviamente tutto ciò influisce sulle scelte del giocatore, che spesso e volentiere non riesce magari a seguire l'intero filo del discorso e finisce a prendere la scelta che non vorrebbe.

    I Capitoli

    E siamo quindi arrivati alla fine delle mie riflessioni, che dire su ciò: interessante idea quella di fare un gioco a capitoli, ancora più interessante se è nato da una serie televisiva che, appunto, si svolge a capitoli; ma perchè diavolo io devo pagare ogni singolo capitolo dal terzo in poi per arrivare alla fine del mio gameplay? Perchè? E attenzione, quì non si parla di espansioni, almeno in quelle io mi trovo il pribcipale Villain di essa, pago quella e (in caso di wow anche l'abbonamento) e la gioco, alla fine ci arrivo, no, in questo caso è diverso: identico alla campagna di Call of Duty Modern Warfare che, non sia mai eh, tutti bei capitolo tranne il terzo, ma io, giocatore, mi faccio la campagna per sconfiggere un nemico, e poi mi trovo a dover comprare il capitolo dopo (altro 50-60 € in caso di cod) per riuscire ad ammazzarlo, e preso anche quel capitolo scopro che scappa una seconda volta quindi altri euro per riuscire, finalmente, ad ucciderlo, non ne ho proprio voglia.
    Alcuni potrebbero dire: "è come WoW", ma in realtá è diverso, più o meno, perchè noi paghiamo l'espansione più un canone mensile, ma arriviamo comunque al Main Villain di essa, poi la stpria di wow si sa, si "espande" ad ogni espansione, all'espansione dopo ci posso essere dei collegamenti a quella subito antecedente, ma non devi giocarla per capire cosa è successo / succede, invece in TWD e cod si...certo...TWD ha il fatto che non devi per forza giocare il capitolo X dopo il capitolo Y, ma alla fine per arrivare allo scopo ti tocca comprarti tutti i capitoli.

    ok io ho finito...perchè ho aperto il thread? Beh, TWD, dalla sua uscita, è sempre stato in cima alle classifiche (ora ad occhio direi un po meno), volevo solo sapere se come la pensate voi riguardo una serie, sia di TV, che di Game, che indubbiamente molti se non tutti voi, conoscono...detto questo, cosa ne pensate? Se l'è merotato il titolo di Game of the Year?

    P.S. scusate gli Orrori grammaticali, ma sono dal telefono e modificare risulta un'impresa
    0
  • MasterRedzCommunity Manager 13 febbraio 2014, 10:02 MasterRedz
    BattleTag: MasterRedz#2155
    Messaggi: 4986

    "La tua anima sarà mia!"
    #2
    Secondo me se lo è meritato molto, e a mio parere ha raccolto più l'atmosfera del fumetto il gioco che le ultime stagioni del telefilm. Non ha innovato moltissimo, quello è vero.
    Comunque nelle tue riflessioni c'è un errore di fondo: TWD non è un RPG, bensì un avventura grafica interattiva e con una grafica notevole per il genere. Non capisco la critica al gameplay (il 95% delle avventure grafiche è di questo tono), che per certi versi è molto più interattivo della concorrenza (basta vedere il recente Raven o la serie Dark Eye, molto più statici, mentre Secret Files è un attimo più dinamico) e con la sensazione di vivere la storia, con un ottima atmosfera e uso dei colori.
    Perdonami, ma non capisco la critica alla localizzazione, semplicemente non sussiste per valutare la qualità di un gioco, e i sottotitoli mi sono sembrati alla giusta velocità.
    Ora, perchè ha vinto i VGA 2012, per me per 3 ragioni:
    1) Assassin's Creed e Mass Effect si sono mangiati da soli (per Mass Effect posso parlare personalmente, mentre AC basta dire che è l'unico che mio fratello, gran appassionato della saga non ha finito e lasciato lì), con ognuno il capitolo più deludente della saga, con pochissime innovazioni e molti errori e storture di naso.
    2) Dishonored è stato sì un ottimo gioco, ma relativamente al suo ecosistema, e pochissimo in quel verso è stato fatto per distinguersi, almeno a livello di gameplay (dopotutto i poteri più o meno li abbiamo visti in qualsiasi stealth o demi-stealth) mentre SUBLIME per la storia e ambientazione, con un lore talmente ricco e coerente che mi ha fatto letteralmente mangiare ogni libro trovato in gioco e salvato su file a parte.The Walking Dead invece è stato un simbolo: si è potuto dimostrare come qualità, gameplay e storia possano ancora esistere in un avventura grafica, in un mercato saturato da FPS, Action RPG e MMORPG free-to-play, ed ha saputo risaltare in questo miasma.
    3) In quanto al modello economico, Mass Effect e AC sono stati oberati di DLC particolarmente inutili e a volte fatti malino, a caro prezzo, con un gioco già ad alto prezzo all'uscita. Dishonored si è limitato in questo senso, con pochi DLC, alcuni completamente inutili, mentre quelli Daud, seppur corti, sono ottimi per trama e gameplay e addirittura quasi necessari per capire a fondo la storia, tanto che penso in origine abbiano pensato di inserire queste sequenze come flashback, ma poi per mancanza di tempo abbiano rinunciato. TWD è stato un ottimo qualità/prezzo, il modello a capitoli non ha tolto nulla al gioco, se non dare un senso di aspettativa e deisdderio di come va a finire che si adatta ottimamente alle avventure raffiche, che si ripropongono di realizare in chiave virtuale una storia, come un libro a puntate, senza contare che il costo è molto più contenuto rispetto ai concorrenti.

    Una mia piccola riflessione sui VideoGamesAward in generale: li ODIO. Non si può decretare un gioco migliore di un altro in assoluto, bisogna fare delle distinzioni fra genere e genere, e a volte fra console e console. Cosa che personalmente ho sempre odiato e disprezzato. Senza contare che sono una commercialata pura nell'impostazione.
    0
  • Weltall 13 febbraio 2014, 11:14 Weltall
    BattleTag: Weltall#2361
    Messaggi: 615

    Bersaglio preferito degli Haters di SC2 dal 2014
    #3
    Quello che sto notando da qualche tempo a questa parte, è che il mondo dei videogames sta lentamente tornando alle origini, quando all'utenti dovevi offrire qualcosa di originale e coinvolgente per aver successo, non grafica esagerata o sonoro da dio. The Walking Dead è un esempio, dopo mia mamma io sono innamorato di Clem :D

    E' incredibile quanto ci si metta così poco ad affezionarsi alla bambina, tanto che mentre all'inizio le decisioni vengono prese per la sopravvivenza del gruppo, diventano poi solo per la sua salvezza. Il gioco merita sia per questo genere di approccio (ma non ha nulla di RPG, è un avventura grafica), sia per il "contenuto emotivo", che nei giochi moderni per lo più manca. Ci stiamo avvicinando al paragone arte-videogioco, perché se TWD ti ha fatto commuovere o ti ha smosso la coscienza, non può essere considerato poi tanto differente da un film o un libro con lo stesso effetto.

    Questo sarebbe da inserire in un discorso più grande, da un lato ci sono le multinazionali che mettono a dura prova i nostri portafogli con i loro titoli che richiedono hardware sempre aggiornata, dall'altro ci sono 3 ragazzi che con pochi dollari ti tirano su capolavori mai pensati che puoi prendere a 1 euro (mi sto riferendo agli indie). Sono in commercio tantissimi titoli indie con un contenuto emotivo da far impallidire Di Caprio sul Titanic (poco ci vuole ma vabbeh!), sviluppato da ragazzi con idee brillanti e pochi mezzi. L'ultimo che ho giocato è To The Moon, una piccola avventura grafica di 4 ore con una storia eccezionale, che oserei definire un vero e proprio capolavoro in termini di trama. Tempo al tempo e vedremo molti più titoli simili a TWD, emotivamente "sinceri" e coinvolgenti.
    1
  • Aralcarim 13 febbraio 2014, 11:24 Aralcarim
    Messaggi: 4078

    Nihil credendum nisi prius intellectum.
    #4
    Ce l'ho nella libreria di steam e, mea culpa, non ancora trovo la voglia di giocarlo (da ormai quasi un anno sta lì ad aspettare). Mi ci ficco solo per sottolineare che i vga non sono mai stati un qualcosa di importante o particolarmente significativo. Sono venduti e tremendamente di parte :D 1
  • MasterRedzCommunity Manager 13 febbraio 2014, 11:47 MasterRedz
    BattleTag: MasterRedz#2155
    Messaggi: 4986

    "La tua anima sarà mia!"
    #5
    Aralcarim ha scritto:Ce l'ho nella libreria di steam e, mea culpa, non ancora trovo la voglia di giocarlo (da ormai quasi un anno sta lì ad aspettare). Mi ci ficco solo per sottolineare che i vga non sono mai stati un qualcosa di importante o particolarmente significativo. Sono venduti e tremendamente di parte :D

    This. Americanata tipica.
    0
  • MasterRedzCommunity Manager 13 febbraio 2014, 11:50 MasterRedz
    BattleTag: MasterRedz#2155
    Messaggi: 4986

    "La tua anima sarà mia!"
    #6
    Weltall ha scritto:Quello che sto notando da qualche tempo a questa parte, è che il mondo dei videogames sta lentamente tornando alle origini, quando all'utenti dovevi offrire qualcosa di originale e coinvolgente per aver successo, non grafica esagerata o sonoro da dio.
    Questo sarebbe da inserire in un discorso più grande, da un lato ci sono le multinazionali che mettono a dura prova i nostri portafogli con i loro titoli che richiedono hardware sempre aggiornata, dall'altro ci sono 3 ragazzi che con pochi dollari ti tirano su capolavori mai pensati che puoi prendere a 1 euro (mi sto riferendo agli indie). Sono in commercio tantissimi titoli indie con un contenuto emotivo da far impallidire Di Caprio sul Titanic (poco ci vuole ma vabbeh!), sviluppato da ragazzi con idee brillanti e pochi mezzi. L'ultimo che ho giocato è To The Moon, una piccola avventura grafica di 4 ore con una storia eccezionale, che oserei definire un vero e proprio capolavoro in termini di trama. Tempo al tempo e vedremo molti più titoli simili a TWD, emotivamente "sinceri" e coinvolgenti.

    Esattamente, e guarda caso questa rivoluzione è partita dal PC, e ora ci marceranno sopra anche Sony e (forse) Microsoft con i loro progetti indie, il che è un bene per diffondere alle masse, sperando che non diventi però di "massa", non so se ho reso l'idea. Come al solito, penso che la grafica non sia strettamente necessaria per un videogame, ma se c'è e non è fine a sè stessa ben venga.
    0
  • Greymane 13 febbraio 2014, 13:30 Greymane
    BattleTag: Urabrask#2263
    Messaggi: 5931

    “War is our sculptor. And we are prisoners to its design.”
    - Javik [Mass Effect 3]
    #7
    Vero, TWD non è un RPG, mi sa che sono nato un po avanti nel tempo per considerarlo tale hahaha. Non ricordo di aver mai giocato a delle avventure grafiche, sono cresciuto tra i Pokèmon e Dragon Ball :)
    Beh riguardo il fatto ad episodi, certo il rapporto qualità / prezzo è indubbiamente buono, quello che intendo dire è che per finirlo si è costretti ad andare a comprare tutti gli episodi, non proprio un DLC quindi, che non sei costretto a comprare per finire un gioco, ma che magari aggiunge solo qualcosa al Lore e così via :good:
    Poi ora non dico che ME3 doveva vincere, anche perchè questo terzo capitolo mi ha fatto storcere non poco il naso, le aspettative erano molto più alte di ciò che il gioco si è rivelato, ma vabbe, rimane comunque un bel gioco, ed una belle trilogia di giochi.
    0